Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Anime sottili

Anime sottili
16%
168 copie
all´obiettivo
60
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Luglio 2022
Bozze disponibili

“Francesco è un uomo fortunato: ha tutto ciò che occorre per essere felice”. Eppure Francesco, che aspetta insieme alla moglie il suo primo figlio, è colto all’improvviso da un male oscuro che non è depressione , ma lo chiude dentro casa e lo costringe a uno stato di continua sofferenza. Una notte, però, dall’angolo della sua stanza spunta una lettera: un misterioso scrivente gli offre la possibilità di ricominciare tutto: “La tua coscienza, totalmente purificata dalle angosce che ti affiggono, verrà proiettata nel 1977 e da quel momento ti ritroverai bambino, e potrai rivivere la tua vita fino al 2010, beneficiando della tua intelligenza e della consapevolezza attuale”.
In un gioco di rimando tra i ricordi di una vita passata già vissuta e un presente che offre una seconda possibilità, Francesco sarà chiamato a non sbagliare, ma soprattutto a riconoscere sé stesso e la propria personalità al di fuori degli eventi casuali della vita.

Perché ho scritto questo libro?

Otto anni fa, scrissi un romanzo che interrogava i desideri più profondi nascosti negli eventi della mia vita, e nel finale lasciava spazio a una nuova storia. Questo libro completa quello spazio e lo rinnova, perché contiene un nuovo racconto che comincia dove finisce il primo e nello stesso tempo, finisce dove comincia l’altro. Anime Sottili non è solo una storia scritta da me, ma è la storia che ha scritto parole indelebili nella vita del suo autore.

ANTEPRIMA NON EDITATA

Un tempo per ricominciare

Dormo bene, anche quella notte, finché un bagliore luminoso, quasi accecante, entra improvvisamente da un angolo della porta finestra, materializzando sopra di me una busta chiusa. Mi sveglio di soprassalto. Non è necessario accendere la luce. La busta porta una semplice intestazione in caratteri dorati e fosforescenti: “Per Francesco”.

Che caspita succede, penso, queste cose accadono solo nei libri e nei film, oppure nei sogni e io… non sto sognando. Provo a svegliarmi come faccio solitamente per liberarmi da un

incubo angosciante o ricorrente. Nulla accade. Intorno a me, ancora il buio. Sento l’ansia montare dentro il mio petto. Decido di aprirla prima che sopraggiunga uno dei miei attacchi di panico. Contiene una lettera, anch’essa in caratteri fosforescenti.

Questo è il suo contenuto:

Continua a leggere

Continua a leggere

“Ciao Francesco

Anzitutto tranquillizzati: non devi temere nulla da questa lettera. Se non vorrai accettare la proposta che contiene, ti basterà cestinarla e non pensare più a questa strana notte. La tua vita riprenderà da dove l’hai lasciata. Però ti consiglio di pensarci molto bene, perché è la prima volta che a un essere umano è concessa una simile opportunità. Si tratta di rivivere la tua vita a partire dall’inizio dei tuoi ricordi. Nel tuo caso, da quando avevi tre anni.

Se vorrai, ti basterà svuotare la mente e pensare intensamente queste parole: “voglio ricominciare”. La tua coscienza, totalmente purificata dalle angosce che ti affliggono, verrà proiettata nel 1977 e da quel momento ti ritroverai bambino, e potrai rivivere la tua vita fino al 2010, beneficiando della tua intelligenza attuale. Il corpo tuo crescerà con il passare del tempo ma la tua mente avrà sempre trentacinque anni. Ti è imposta un’unica condizione; non potrai fare il bambino prodigio. Nessuno dovrà mai stupirsi della tua intelligenza. Agli occhi degli altri, la tua mente dovrà essere coerente con la tua età. Se qualcuno dovesse giudi- care il tuo modo di parlare o di ragionare inusuale o precoce, il tuo viaggio finirà immediatamente e ti risveglierai nella notte di oggi, 11 febbraio 2010, senza ricordare nulla della tua esperienza. Se invece arriverai fino a questo stesso giorno, avrai la possibilità di scegliere se continuare la vita che ti sarai costruito sulla nuova linea temporale oppure ritornare alla tua esistenza originale come se nulla fosse successo.

Tutto il tuo percorso avverrà in modo istantaneo, rispetto al mondo che conosci tu. Qui nessuno invecchierà di un secondo, né subirà alcuna conseguenza delle tue azioni nella tua nuova vita. Hai tempo fino alla mezzanotte di domani per decidere: prendere o lasciare.

Buona riflessione, e… buona scelta.”

 Anime Sottili

“Siamo anime sottili, Elena.”

“Come?”

“Siamo anime sottili. Tutti. Nessuno escluso. Abbiamo in noi un’anima che ci dice quello di cui abbiamo bisogno per essere felici, per non sprecare il tempo prezioso che ci è dato vivere. Ma non la vediamo, non la ascoltiamo. È troppo sottile, e la sua voce è forse troppo fioca per arrivare alle nostre orecchie, sorde di paure, pregiudizi, ambizioni, senso del dovere e pensieri indotti. Così, noi pensiamo di sapere quello che desideriamo, perché quelle bugie urlano come pazze dentro la nostra mente, e presto arriviamo a pensare che la loro voce sia la nostra. Così, iniziamo a seguire le sue indicazioni come automi. Ai più fortunati però accade qualcosa che ha il potere di  spazzar via tutto quel rumore di fondo, in modo che riusciamo a sentire il suono della nostra verità, e su quella musica riusciamo a danzare, finalmente liberi.”

Elena rimase di sasso nel sentirlo declamare quelle parole così sagge e profonde. Disse con un filo di voce:

“Francesco ha studiato per diventare un filosofo, ma adesso capisco dove ha preso il suo talento. Vieni qui… “ Dicendo quelle parole Alessio si era allontanato fingendo di sistemare i cuscini del divano. Elena lo abbracciò stretto stretto e sentì la sua anima diventare meno sottile. Accanto al marito, sentiva nascere dentro di lei il coraggio per affrontare una vita che si presentava totalmente diversa da quella che aveva sempre vissuto.  

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Anime sottili”

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Lorenzo Marchesi
Sono nato a Milano 47 anni fa, mentre il boom economico terminava e la mia famiglia investiva tutti i suoi risparmi nell'attività imprenditoriale iniziata da mio nonno. Sono cresciuto in un clima educativo amorevole e protettivo, che però fin da bambino mi ha assegnato la responsabilità delle mie scelte, dei miei successi e dei miei fallimenti. Ho sempre trovato conforto e soddisfazione nella scrittura, e il periodo più difficile, intenso e nello stesso tempo meraviglioso della mia vita è stato l’occasione per dare libero sfogo a questa passione.
Lorenzo Marchesi on Facebook
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie