Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Blu, come il cielo e il mare

Blu, come il cielo e il mare
40%
121 copie
all´obiettivo
69
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Agosto 2022
Bozze disponibili

Blu come il cielo e il mare, è un libro composto da storie brevi, apparentemente slegate fra loro e su temi disparati, il filo conduttore tra le storie sono i narratori.
La voce narrante, aspirante scrittore, si ritrova a confronto con il proprio io, bloccato in una sorta di baratro profondo e oscuro, composto da tutto ciò che aveva racchiuso nei suoi scritti e nei suoi più profondi pensieri. Insieme si racconteranno storie, cercando di ritrovare la luce sul fondo più nero e di ricostruire l’animo del protagonista.
I racconti sono contraddistinti da una narrazione introspettiva, come un flusso di coscienza coordinato ad uno scopo: la riflessione.
“Scendendo dalla collina lei mi seguì, fino a che poco distante non si intravide un sentiero, dopodiché ci salutammo ed ella svanì in una coltre di fumo, finché il vento non la dissolse. Camminavo sulla strada per la città mentre sorridevo, ero sereno, in pace. La felicità non è altro che una chimera.”

Perché ho scritto questo libro?

Ho sempre sentito il bisogno di aprire la cerniera del mio io e sbirciarci dentro, così una volta slacciata la giacca con la quale mi coprivo ho scoperto un mondo nuovo, in cui l’inchiostro ha trovato la sua strada, in cui ogni foglio e ogni parola ha trovato il suo posto. Lì, in quel non luogo, ho conosciuto me stesso, le mie paure e le insicurezze. Tutto lì si è riunito, sotto forma di un libro.

ANTEPRIMA NON EDITATA

Volevo scrivere un libro.

Correvo come un treno,

e mi sono addormentato.

Scrivere è una cura per l’anima e il corpo, almeno finché la mente si mantiene su un percorso preciso.

Seguendo quel flusso le parole ti cercheranno; vive, scorreranno nell’inchiostro di una penna, tra quegli zeri e uno di un qualche sistema operativo o fra le corde vocali di un antico o moderno cantastorie.

L’importante è seguire la corrente della propria vita, essere coerente con sé stessi ed imparare a nuotare nell’universo dell’animo.

Perlomeno è quello che ho sempre pensato e parlandone, ne ho trovato diverse conferme. Forse è stato proprio il convincermi di tutto questo che un libro, alla fine, non l’ho mai scritto.

Continua a leggere

Continua a leggere

Ne ho iniziati molti, per un motivo o per un altro, ci mettevo me stesso, tutto me stesso. Costringendomi a rivivere la mia vita, i miei pensieri.

A fatica li scrivevo e con più fatica mi rileggevo.

Capii che ciò di cui ero certo, in realtà, mi stava ammalando. Le parole sono vive, e lo posso dimostrare; ovvio, prese singolarmente sono solo suoni a cui abbiamo attribuito un significato. Eppure, pensiamo a parole, forse per abitudine o imposizione culturale. Questo è per via dei ricordi, sono loro a tenere insieme il cervello e a farci sentire vivi, come vive fanno sentire le parole.

Rinunciai all’idea di diventare scrittore, divenni altro. Un lavoratore come tanti altri e con alcuni di loro, condividevo la sensazione d’inadeguatezza.

Chissà cosa penserebbe il me bambino della mia professione attuale o della mia vita. Di tutte le cose che sognavo e idealizzavo. L’unica concretizzata è una scala a chioccia dentro casa.

Provai a mandare qualcosa.

Mi feci scoraggiare da tutta una serie di dinamiche contorte, palesi, ma fugaci alla vista. Basta pensare ad opinione e a pubblico come una gigantesca ampolla in mano ad un bimbo, tu sei il liquido all’interno, e nelle mani del bambino non conta nulla chi sei, ma cosa sei.

Provai a mandare altro.

Alla gente piacciono i sentimenti e i poeti, ma non la poesia.

Provai ancora ma non volevo cambiare.

Alla gente piacciono l’amore e l’odio, così lontani e irraggiungibili nel pratico quanto concreti nella teoria. Come se si potesse dire di aver amato allo stesso modo di qualcun altro. Ridicolo.

Provai a sperimentare, senza cambiare.

Alla gente piace sognare in grande, vogliono ideali fermi, gli stessi che non sarebbero in grado di impugnare per sé stessi.

Provai e provai di nuovo.

Alla casa editrice piace ciò che piace alla gente, storie trite e ritrite con qualcosa di nuovo. Geniale.

Ci sarebbero altre, tante giustificazioni, ma non interessano a nessuno e a me non interessava cambiare.

Personalmente il mio mondo crollò quando mi dissero: “hai talento, sei un poeta, ma le poesie non vendono.” Quello non fu il primo rifiuto, nonostante tutto ero felice. Qualcuno del mestiere mi aveva definito poeta! Quel poeta morì nell’istante successivo. Realizzai di essere sbagliato per questo mondo, per questo tempo e per questa vita. Tutto ciò che era cura divenne veleno. Il caso volle che nello stesso periodo la mia vita privata andò in pezzi e un’influencer improbabile, pubblicò un libro altrettanto improbabile. Divenne best-seller.

Morì anche la mia persona, più di quanto non lo fossi dentro. Mi ponevo domande stupide, ovvie per qualcuno sul ciglio di un precipizio chiamato depressione. Non so se ci scivolai dentro o se il continuare a scrivere veleno equivalesse a buttarcisi dentro. Ed è lunga la caduta, l’abbandono di ogni certezza, di tutto ciò che sia positivo. Lentamente ti chiudi in un bozzolo, muti in una crisalide, e l’unica via di fuga alla mente era schiudersi e precipitare sul fondo. Lì sei al punto zero e si sprecano le metafore sulle farfalle. Però, la verità, al culmine della depressione, è che non vedi molte alternative, anzi, non vedendo nulla da perdere, sono solo due: l’autodistruzione o la rivalsa. La fine e l’inizio. In entrambi i casi, la fine è l’inizio.

No, non mi ammazzai e no, non ebbi una rivalsa con le case editrici, né con la vita. Nel mio caso la sola reazione fu verso me stesso, verso quell’io profondo, addormentato e assopito nelle viscere.

Non sapevo più se fosse giorno, notte, lunedì, autunno o chi fosse il presidente americano.

Ero solo io, lui e con tutti intorno, sbiaditi come lo sfondo. Col tempo ci trovammo a confronto, iniziammo a bere intrugli d’alcool, inchiostro e parole. Un bicchiere tira l’altro e sbronzi, sul fondale più buio, iniziammo ad arredarlo a parole con storie di mondi lontani, o vicini, o sovrapposti. Racconti di persone e dei loro baratri, dei loro segreti e delle loro storie. Sul fondale trovai un amico, un compagno, un simbionte. In ogni momento della giornata noi eravamo lì. In quella stanzina buia del cervello a scrivere insieme storie, per dimenticare la vita e ricrearla nell’immaginazione. Nelle parole da cui rubare un po’ di vitalità.

In quella stanza fatta del nulla e di buio, come lo spazio, senza né stelle e pianeti.

Così, a tu per tu con quell’io nefasto, gli raccontai una storia.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

  1. Massimo Speranza

    Sono curiosissimo di leggerlo, già solo da alcuni spezzoni
    questo libro è riuscito a catturare la mia attenzione!

  2. Monica Giuffrida

    Ho comprato il libro per me e per un’amica appena è stato lanciato, non vedo l’ora di averlo tra le mani e poterlo sfogliare!

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Alessandro Catino
Mi chiamo Alessandro Catino, sono un ragazzo nato e cresciuto a Rozzano, in periferia di Milano. Dalla seconda elementare mi sono appassionato alla scrittura, tenendo un piccolo diario delle mie giornate. Col passare degli anni, il diario è mutato in una raccolta di flussi di coscienza. Da lì ho scoperto attraverso la scrittura, una terapia di autoanalisi perfetta per me.
Finiti gli studi ho iniziato a lavorare come fabbro serraturiere a tempo pieno, mantenendo comunque viva la mia passione in ogni momento possibile.
Flusso dopo flusso, ho sentito l’esigenza di scrivere qualcosa di più grande, affrontando le mie paure più profonde, sviscerandole in ogni aspetto.
Ho sempre tenuto per me stesso questa passione, finché mi sono reso conto che anche i problemi, le ansie e le paure, per superarle, vanno portate alla luce. Così è nato il mio primo libro: Blu, come il cielo e il mare.
Alessandro Catino on FacebookAlessandro Catino on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie