Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

I calcettari di strada - La partita perfetta

Svuota
Quantità

Era la stagione calcistica o, se preferite, l’anno scolastico ’90-91 e il campionato italiano vantava una collezione di grandi campioni. Le vittorie valevano ancora due punti e i “Gemelli del gol”, tra rovesciate e colpi di tacco, stavano portando la Sampdoria ai vertici del calcio.

Marlo Tardelli ha nove anni, un cognome ingombrante – calcisticamente parlando – e una sola passione: il calcio di strada, considerato come l’unico vero modo per socializzare.
Dopo il trasferimento nel nuovo quartiere, non desidera altro che trovare un gruppo di calcettari come lui. E sarà proprio con Tito, Mauro, Fabione, Daniel, Mattia, Peppo, Fabiolino e le gemelle, Samanta e Carlotta, che proverà a sfidare i veri campioni della strada, i Quattro Palazzi.

1. IL CALCIO SECONDO MARCO TARDELLI #1

L’allenatore di calcio è il più bel mestiere del mondo, peccato che ci siano le partite.

Nils Liedolm

 

Ciao, io sono Marlon, ma quasi tutti mi chiamano Marlo, compresi i miei genitori. Da bambino giocavo a calcio in mezzo alla strada con i miei amici, ed è grazie a loro che ho imparato tutto quello che so su questo meraviglioso gioco. Voglio raccontarvi della stagione sportiva o, se preferite, dell’anno scolastico ’90-91.

Continua a leggere

Continua a leggere

Il campionato italiano di calcio era una collezione di grandi campioni e squadre eccezionali, le vittorie valevano due punti e il portiere ancora poteva ricevere con le mani un retropassaggio da parte di un proprio compagno. In quegli anni nel Milan giocavano van Basten e Gullit, una coppia di attaccanti formidabili come i moderni Cristiano Ronaldo e Gareth Bale; nel Napoli Maradona, Zola e Careca erano come Messi, Neymar e Suarez; nell’Inter c’erano Matthäus, Klinsmann e Berti, letali come Ribery, Lewandoski e Müller; la Sampdoria schierava Vialli e Mancini, affiatati come Higuaín e Dybala; e nella Juventus spiccava il genio di Roberto Baggio, avvicinato nelle successive generazioni solamente da Francesco Totti. Alla fine di quella stagione la Stella Rossa di Belgrado fu l’ultima squadra dell’Europa dell’Est ad aggiudicarsi la Coppa dei Campioni a spese dell’Olympique Marsiglia; mentre Inter e Roma si contesero, in una doppia sfida di andata e ritorno, la Coppa Uefa, con la vittoria dei Nerazzurri. Dopo la squalifica inflitta dall’UEFA per la strage dell’Heysel del 29 Maggio 1985, ci fu, inoltre, il ritorno delle formazioni inglesi alle competizioni internazionali, con la vittoria del Manchester United dell’emergente allenatore scozzese Alex Ferguson, nella finale di Coppa delle Coppe contro il Barcellona.
Quell’anno frequentavo la quarta elementare a Grandonia, una città non lontana da Roma, l’ingresso a scuola era alle 8:30 e l’uscita alle 12:30… anche il sabato. La mia storia parla di vita quotidiana, di amicizia e di sogni; però, racconta anche il gioco e il mio preferito è il calcio di strada. Il calcio di strada è quell’esperienza collettiva nella quale l’equilibrio dura fino all’ultima azione quando uno dei bambini grida “Chi segna per primo vince!” e solo a quel punto la partita può terminare. Nel calcio di strada, se la situazione è troppo squilibrata, nel senso che una squadra è troppo più forte dell’altra, c’è uno che urla “Mischiamo le squadre?” e le squadre vengono rimaneggiate, senza che nessuno si offenda perché, per strada, il talento è oggettivamente riconosciuto, in quanto regna una diffusa onestà intellettuale. In mezzo alla strada non si compete per un “posto fisso”, perché il calcio non è un lavoro, ma resta un gioco e sarà così, almeno finché ci sarà in giro qualcuno pronto a inseguire un pallone solo per il gusto di farlo. Giovani lettrici e lettori, il mio augurio è quello di riuscire, con questo racconto, a strapparvi qualche sorriso.

2021-10-01

Aggiornamento

https://www.facebook.com/LettoriVirali/photos/4281885391879911 Presentazione de I CALCETTARI DI STRADA al Festival letterario diffuso GUIDONIA AMA LEGGERE, ospite di LETTORI VIRALI presso il TEATRO IMPERIALE di Guidonia Montecelio.
2021-07-30

Aggiornamento

La fase di editing è conclusa. Adesso tocca alla redazione che provvederà all'ultima revisione per poi andare in stampa.
2021-06-18

Aggiornamento

Il libro è entrato in fase di editing.
2021-04-29

Aggiornamento

Ci siamo, ho appena inviato le bozze definitive. Grazie a tutti voi che avete creduto in questo progetto!
2021-03-22

Evento

www.ilradionauta.it Ciao amici lunedì 22 sarò ospite di Cillo e Ninni a bordo della Radionave Towanda. Alle 21 c'è il Radionauta su www.ilradionauta.it 📻stay tuned🎙️
2021-02-23

Aggiornamento

Abbiamo superato i 150 preordini. Siamo nell'ultimo quarto di questa maratona. E' il momento di non mollare! Avanti tutta, grazie mille di cuore! Paolo.
2021-01-16

Evento

ESSERE WEB RADIO Ciao a tutti, di seguito trovate il link per riascoltare la puntata di AMICI A BRACCETTO su ESSERE WEB RADIO, durante la quale sono stato ospite degli amici Marco, Nicola e Giuseppe. https://esserewebradio.it/lo-sai-che/repliche-programmi/repliche-amici-a-braccetto/
2021-01-19

LETTORI VIRALI

Un sentito ringraziamento agli amici di lettorivirali.org per l'articolo sulla campagna di crowdfunding per I CALCETTARI DI STRADA. Di seguito il link dell'articolo: http://www.lettorivirali.org/i-calcettari-di-strada-la-partita-perfetta-di-paolo-tirabassi/
2020-12-19

Aggiornamento

Dopo dieci giorni siamo a 72 pre-ordini. GRAZIE GRAZIE GRAZIE! e... PASSAPAROLA!
2020-12-10

Aggiornamento

Sono trascorse 24 ore dall'inizio della campagna di crowdfunding per la promozione del libro ed un piccolo traguardo è stato già raggiunto, per questo vi voglio ringraziare per aver sostenuto me ed il mio libro. A presto con nuovi aggiornamenti. Grazie, Paolo.

Commenti

  1. Alessia Pasquarelli

    (proprietario verificato)

    Ho appena finito la Partita Perfetta, che dire? L ho divorato!
    Veramente complimenti, una scrittura leggera e accattivante che ti porta in un crescendo di emozioni dentro la storia, è stato un viaggio nella Grandonia della nostra infanzia bellissimo. Ottima la scelta di una citazione per ogni capitolo. Girà c’hai stoffa, eri già un sognatore con un energia straordinaria!

  2. (proprietario verificato)

    Ho letto parte il libro, è scorrevole, veloce. Ti fa tornare bambino e rivivi quando da pischello si giocava in cortile, nel mio caso, e cercavo, senza riuscirci 🤣, di emulare i bambini più grandi e forti…bravo Paolo….❤️🖤❤️🖤

  3. (proprietario verificato)

    Buongiorno Paolo sono Daniel ti volevo dire che il tuo libro mi è piaciuto tantissimo 👍

  4. (proprietario verificato)

    Un libro di straordinaria sensibilità e leggerezza…tra le pagine di questo libro non si legge solo di calcio, ma soprattutto di amore, amicizia, passione, libertà e grandi sogni.
    Tutto quello che un padre spera di insegnare ai propri figli e ciò che ogni adulto dovrebbe augurarsi di intravedere nello sguardo di qualunque bambino…felicità, entusiasmo e speranza.

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Paolo Tirabassi
è nato a Tivoli nel 1981. Controllore del traffico aereo di professione, coltiva anche altri interessi; è attivista politico e sindacalista, istruttore di scuola calcio e cantante per diletto. Poeta di strada, scrive libri per ragazzi per raccontarsi ed esplorare la realtà attraverso i suoi personaggi. I calcettari di strada - La partita perfetta rappresenta il suo esordio letterario.
Paolo Tirabassi on FacebookPaolo Tirabassi on InstagramPaolo Tirabassi on Wordpress
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie