Accedi Registrati

Cherchez la beauté!

sfondo_740-420
Overgoal! Un ufficio stampa curerà la visibilità sulla stampa tradizionale e su quella online. Un promotore professionale proporrà il libro ai librai, una strategia dedicata di marketing online consiglierà il libro a nuovi potenziali lettori.
Goal! Il manoscritto passerà alla fase di editing, revisione, progetto grafico e stampa. Una volta pronto, il libro verrà pubblicato in formato cartaceo e ebook, e reso disponibile all'interno del circuito di Messaggerie Libri e nei più importanti store online.
103% Completato
154 Copie vendute
Svuota
Quantità
Bozze disponibilii
Se pre-ordini il libro, potrai cominciare a leggere subito le bozze del manoscritto

Può una donna-rebus venir compresa e risolta attraverso il racconto e il punto di vista di persone diverse, lontane fra loro nel tempo e nello spazio? E quale può essere la lingua comune fra tanti universi separati? Simona è una donna piena di vita e d’amore, ma anche del suo opposto: l’anoressia. Madre di due figli autistici, che, come lei, sembrano condannati a non decifrare il mondo attorno a loro e votati all’incomunicabilità, si regala totalmente al prossimo, cercando una via per donarsi anche a se stessa.
“Cherchez la beauté!” è come un puzzle, un romanzo, una raccolta di racconti, un canto corale; che solo alla fine ci regala un’immagine piena, resa possibile attraverso la verità, l’amore e la bellezza.
Per allenare gli occhi a questo esercizio necessario, la ricerca del momento prezioso anche nei contesti più impensabili e disperati, l’autrice ha nascosto in alcuni capitoli dei famosi dipinti, riprodotti nel racconto come scene narrative.
Ogni essere umano è un mondo a sé. Eppure, tutti noi possiamo conoscere la magia di un contatto autentico. Con l’altro e con noi stessi.

Perché ho scritto questo libro?

Negli ultimi tempi mi sono resa conto di essere diventata una scrittrice. Nella mia testa. Passavo sempre più tempo a raccontar storie, fra le pareti del mio cranio, mentre andavo in metropolitana, durante le passeggiate, sotto la doccia, ai fornelli. Mi sono fermata e ho capito una cosa, che mi si è rivelata con cristallina chiarezza: o mi trovavo uno psicoterapeuta veramente in gamba, oppure dovevo iniziare a mettere per iscritto tutte queste parole che rischiavano di annegare in me. Ho deciso di iniziare con un libro che mettesse a nudo la mia vita. Un nuovo inizio può iniziare solo da una sincera catarsi.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

  1. Laura Manfredi

    Carissima Francesca, grazie. Sono seduta sul divano con Niccolò, cui ho subito letto le tue parole. Lui ha sorriso, facendo girare la ruota di una macchinina ed ha detto “mi piace”. E piace anche a me. Dopo la sensazione di buttarsi in un dirupo con questi miei racconti, o di fronte ad un raggio accecante, mi assaporo la gentilezza di questa sensazione. Di essere abbracciata.

  2. (proprietario verificato)

    un libro con un cuore pulsante, vivo, dolce, alle volte devastante per la purezza con cui ci mette di fronte alle meraviglie e alle debolezze dell’essere umano, esplorato attraverso la sua sfera emotiva. Ogni ritratto è ricco di vitalità, ogni uomo o donna presenti nel libro ci donano una parte del loro essere, ci fanno partecipi della loro verità e della loro debolezza facendoci diventare parte delle loro storie. Niccolò per me il ritratto più entusiasmante, il suo modo di vedere e vivere il mondo è complesso e intrigante, nel suo raccontarsi ci regala dei trucchi magici per sopravvivere alle nostre paure e alle nostre imperfezioni senza annegare nell’ansia.Penso alla sensazione che si ha scappando a rifugiarsi per qualche attimo sotto il manto marino, la descrizione che Niccolò da di quell’attimo mi ha travolta, l’ho trovato meraviglioso. Anche Carlo, Paola, Alexandros, Filippo e la meravigliosa Simona hanno qualcosa di importante da insegnarci, nessuno è perfetto e tutti abbiamo qualche “demone” da combattere ma attraverso il confronto aperto con altre persone possiamo trovare una strada per la felicità, alcuni saranno compagni di strada altri saranno lo specchio che ci mostrerà chi o come non vorremmo mai essere. Grazie Laura per averci regalato questi personaggi e per averci aperto in modo così naturale parte del tuo cuore. Mi auguro che arriverai a stampare il libro perché già mi mancano gli incontri con i tuoi personaggi e perché Simona, ora, la sento come un’amica e riaverla con me per qualche altro capitolo mi farebbe felice😀.

  3. Laura Manfredi

    Grazie Orietta, grazie Susanna. Le vostre parole mi fanno pensare che, comunque andrà il crowfunding, io ho già ottenuto quel che desideravo: uscire dal mio bozzolo e toccare altri cuori.

  4. (proprietario verificato)

    Cara Laura, grazie. Leggendo la tua storia ho ripercorso alcuni tratti della mia. Mi sono sentita meno sola ed ho trovato un po’ di coraggio per andare avanti. Ma soprattutto ti ringrazio per il bellissimo racconto di Piero. Mentre leggevo ho sostitutio il suo nome con Luigi, il mio cuore si è aperto ai ricordi e all’amore e mi è sembrato di avere, per qualche minuto, il mio nonno di quando ero bambina ancora con me.
    Mi augro che continuerai a scrivere perchè sarà un arricchimento per tutti i tuoi lettori.
    Susanna

  5. (proprietario verificato)

    Grazie Laura per la gioia che mi ha dato condividendo con tutti noi la sua vita , ricca di amore, di intelligenza, di leggerezza. Grazie per averci aiutati ad entrare nel mondo dei suoi bimbi. Aspetto …il prossimo romanzo.

  6. Laura Manfredi

    Cara Orietta…è un gioco, questo titolo. Un richiamo al famigerato cherchez la femme…

  7. (proprietario verificato)

    Antonia non c’entra ….

  8. (proprietario verificato)

    Perché il titolo in francese? Certamente però la bellezza appassiona alla vita.Antonia

  9. (proprietario verificato)

    Che poi non so perché il commento sia uscito con il nome di Loredana. Sono, e resto, Laura. Checché ne dica il web.

  10. (proprietario verificato)

    Grazie a Paolo e a Diego per le vostre parole. Mi han resa felice! Il secondo libro è già in cantiere. E prenderà un nuovo slancio, dopo queste recensioni così emozionanti.

  11. (proprietario verificato)

    Simona ti apre gli occhi. La sua vita, le sue esperienze, i suoi affetti, i suoi legami… il turbinio delle sue emozioni è una finestra su ciò che di veramente importante la via ci può regalare… e a quella finestra ci siamo anche noi, anche i nostri occhi.
    Grazie all’autrice per questo esordio pieno di passione che ha saputo tessere un filo tra questi racconti così intensi, emozionanti, diversi.
    In attesa del prossimo

  12. (proprietario verificato)

    Davvero difficile trovare tratti di vita così vari e così variegatamente raccontati, uniti tra loro in modo tanto armonioso. Anzi no… Effettivamente la vita di tutti noi è un po’ così e la storia di Simona, anche se completamente diversa, è in qualche misura anche la nostra. Grazie al grande talento narrativo dell’autrice, mentre leggiamo ci sentiamo a fianco della protagonista e viviamo insieme a lei la grande avventra della Vita.
    E se questo è il lavoro d’esordio non vedo l’ora di avere in mano il prossimo…

  13. Laura Manfredi

    Grazie Diana: nulla potrebbe darmi gioia maggiore del sapere di avere trasmesso la bellezza del nostro vivere, sempre e comunque!

  14. (proprietario verificato)

    Simona, donna inconsapevole del suo grande fascino, vive la sua esistenza, affollata di vicissitudini, con la profondità di chi sa sempre cogliere l’attimo fuggente. L’autrice si racconta e ci racconta la sua vita senza veli o restrizioni , con singolare coraggio e mai lamentandosi delle difficoltà che le ha riservato, ma esaltandone gli aspetti più piacevoli. Simona si è sempre messa in gioco e lo stesso i suoi meravigliosi figli, ciò può far riflettere ma sicuramente trasmette l’immensa gioia di esistere. L’ho letto tutto d’un fiato e lo consiglio a qualsiasi genere di lettore, in attesa di nuove produzioni.

Lascia un commento

Laura Manfredi
Laura Manfredi nasce a Milano nel 1975. Dopo gli studi classici e giuridici, lavora in un ufficio legale, fino a quando non diventa madre di due bambini autistici, cui decide di dedicarsi completamente. Lettrice compulsiva, sente premere dentro di sé l'urgenza della scrittura e decide di aprire un blog per trovare sollievo. Fino a quando lo spazio di un post non diventa troppo stretto per contenere le storie che oramai traboccano da lei: allora prende in mano un pc, e inizia a raccontare.
Laura Manfredi on sabtwitterLaura Manfredi on sabfacebook