Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Choiceless

Svuota
Quantità

In un futuro post apocalittico, Kyle e Derek vivono a Diverem, l’ultimo avamposto di un’umanità ridotta al collasso. La città è nelle mani dello spietato presidente Thorne, che governa grazie all’oppressione e all’imposizione della pratica dell’iniezione. Un siero è infatti in grado di sviluppare una tra cinque abilità: telecinesi, super forza, super velocità, vista amplificata e udito amplificato. Ma l’iniezione, che garantisce la sopravvivenza di Diverem in un mondo selvaggio, ha un prezzo: quello di causare la morte di una piccola percentuale di giovani che ricevono il siero.

Kyle, timido e pieno di insicurezze, e Derek, spavaldo e sicuro di sé, devono affrontare la prova più crudele di una società, apparentemente egualitaria, che in realtà controlla l’esistenza di ognuno. Ma quando scopre di aver sviluppato ben tre abilità, Kyle dovrà fare i conti con un’amara verità, che trasformerà il suo dolore in odio, e l’odio in una promessa: quella di uccidere Thorne.

CAPITOLO UNO

La luce filtrava debolmente dalla finestra socchiusa. Kyle stava dormendo nel suo letto quando il padre lo svegliò, entrando nella stanza. I suoi passi pesanti fecero scricchiolare le assi del pavimento, e Kyle, con la mente ancora annebbiata dal sonno, dischiuse leggermente le palpebre che si erano incollate tra di loro durante la notte.

Continua a leggere

«Ma che ore sono?» si lamentò.
David Underwood andò in fondo alla stanza e spalancò la finestra.
«È ora che ti alzi, o ti chiuderanno fuori dall’Osservatorio.»
Per tutta risposta, Kyle emise un mugolio e fece sprofondare la testa sotto il cuscino per ripararsi dalla luce che lo stava accecando. Non voleva andare in quello stupido Osservatorio per essere testato da quelle stupide persone. Sapeva che non esisteva niente di più inutile in tutta Diverem. Tutti credevano che l’Osservatorio fosse di estrema importanza per potersi preparare al giorno della Raccolta, ma non sarebbe cambiato nulla.
D’un tratto, Kyle si sentì strappare le coperte nelle quali era raggomitolato. Non poteva averlo fatto. Quella era una dichiarazione di guerra bella e buona ma, nuovamente, tutto quello che fece fu un semplice mugolio. Il calore che lo aveva accompagnato per tutta la notte stava velocemente svanendo, rimosso dalla fresca aria mattutina. Ormai, non aveva altra scelta che alzarsi.La sua camera non era niente di eccezionale. Accanto alla porta, che si trovava proprio davanti al letto, c’era una scrivania, le cui sfumature marroni erano accentuate dal bagliore che entrava dalla finestra. Un armadio di legno, al cui interno si trovavano vestiti solo grigi o neri, era situato sul lato sinistro della stanza. Accanto, una libreria era stracolma di volumi sulla storia della comunità. Kyle li aveva già dovuti leggere migliaia di volte per l’Osservatorio. Praticamente, nella loro città, i libri non parlavano d’altro. Alcuni descrivevano l’età prima della Rottura, altri riguardavano il periodo di ripresa della città dopo la Guerra Spezzata. Erano sempre le solite storie che tutti avevano imparato a memoria; un po’ come le filastrocche per i bambini. Ma nessun libro parlava mai di quello che c’era stato prima della guerra. Si diceva che tutte le testimonianze fossero state distrutte durante i conflitti e che le rimanenti conoscenze si fossero perse tra le generazioni che si erano susseguite. L’unica certezza data ai cittadini di Diverem era che il mondo era stato colpito da immani catastrofi e che loro erano quello che rimaneva della razza umana; l’ultima speranza di sopravvivenza.
Dopo essersi lavato e vestito, Kyle si precipitò in cucina, scendendo a due a due le scale che lo portarono al piano terra. Elisabeth, sua madre, stava lavando e asciugando i piatti nel lavello. I suoi capelli ramati risplendevano alla luce del sole che entrava dalla finestra. Oltre a saturare il colore delle ciocche ricce che le ricadevano sulle spalle, il chiarore metteva in risalto anche il suo fisico snello, pieno di curve, circondato da particelle di polvere che sembravano quasi brillare.
Kyle inspirò e si accorse che la colazione era già in tavola, pronta per essere divorata. Anche se quel sapore inebriante gli faceva venire l’acquolina in bocca, non si lasciò sfuggire il nuovo dipinto appeso alla parete.

2020-09-24

Aggiornamento

L'obbiettivo è stato finalmente raggiunto e Choiceless sarà pubblicato. Un altro grazie è doveroso, ma spero che, dall'inizio della campagna fino ad adesso, abbiate percepito la mia costante gratitudine che va ben oltre questo singolo giorno. Di nuovo, Choiceless sarà pubblicato per merito vostro. Vi invio la mia più profonda riconoscenza per avermi accompagnato in questo viaggio, e spero che vorrete rimanere al mio fianco ancora per un po'.
2020-09-16

Aggiornamento

Manca poco, pochissimo. Il raggiungimento dell'obbiettivo è proprio lì e sono sicuro che ce la faremo entro il tempo rimasto alla campagna. Grazie infinite a tutti, davvero. Essere arrivati a questo punto, a 34 copie rimanenti, è quasi surreale, ma è vero. E, come sempre, è tutto merito vostro. Choiceless è davvero a un passo dal farcela. Tutto quello che serve è solo un'ultima spinta.
30 agosto 2020

Aggiornamento

Passo dopo passo, stiamo procedendo. Mancano solo 73 copie da preordinare per arrivare alla pubblicazione di Choiceless. Un grazie infinito a tutti quelli che hanno deciso di affrontare questo viaggio assieme a me. Siete incredibili!
19 agosto 2020

Aggiornamento

Abbiamo ufficialmente superato la metà di questo viaggio! I pre-ordini hanno raggiunto quota 104 e mancano sempre 58 giorni alla fine della campagna. Grazie a tutti per il supporto e l'aiuto riversato in questa campagna. Senza di voi, Choiceless non potrebbe mai essere pubblicato.
08 agosto 2020

Aggiornamento

Abbiamo raggiunto 69 pre-ordini e la campagna è arrivata al 35%. Stiamo andando molto bene! Grazie di nuovo a tutti per il supporto.
03 agosto 2020

Aggiornamento

I pre-ordini sono a quota 52 e la campagna ha raggiunto il 26% del suo obbiettivo. Grazie di nuovo a tutti quelli che hanno già effettuato un ordine per aver dato a me e al romanzo una possibilità. L'apprezzo molto più di quanto una parola possa esprimere.

Commenti

  1. Libro molto interessante, consigliata la lettura !

  2. Il romanzo d’esordio di Dario Fedeli, Choiceless, è un distopico/fantascientifico che ci catapulta nella città di Diverem dove l’uguaglianza sembra regnare sovrana. Esattamente, “sembra”, perché nonostante tutti siano vestiti allo stesso modo e abitino in case tutte uguali, nessuno è padrone del proprio destino che viene deciso da chi si pone al di sopra di tutto ciò, il presidente Thorne e i suoi seguaci, persone considerate “perfette” e quanto tali infallibili.

    Perciò già da questa premessa capiamo che tale concetto di uguaglianza che viene ribattuto più volte, è molto molto astratto e poco veritiero soprattutto per chi si trova in fondo alla piramide. Diverem è in realtà una città brutale dove chi comanda detta legge ed è padrone della vita e della morte oltre che di mostruosi segreti. Ma questa è la normalità per Kyle come per tutti gli altri suoi coetanei che insieme a lui dovranno affrontare la Raccolta, una prova che donerà loro una super abilità e quindi un ruolo all’interno della società di Diverem, oppure la morte.

    E qui inizia il percorso di crescita del nostro protagonista, che personalmente ho ADORATO, da ragazzino spaventato e impaurito di poter ferire coloro che gli vogliono bene, a uomo pronto a sfidare tutto e tutti per proteggere chi ama dal mondo deviato creato da chi lo comanda. Ma in tutto ciò non si troverà da solo, ma anzi ci saranno Dylan, Emma, Eric e Lexa che lo sosterranno nei momenti più bui.

    Devo dire che sia la caratterizzazione del protagonista col suo carattere focoso, sia quella dei suoi amici è stata fatta veramente veramente bene, tanto da affezionarcisi senza neanche accorgersene! Infatti, io già non vedo l’ora che esca il secondo volume, perché devo necessariamente sapere come continua!!!!

    Per quanto riguarda la trama devo dire che non ci si annoia mai nella lettura di questo libro, colpi di scena che non mi sarei mai aspettata dall’inizio alla fine, intrighi, complotti, insomma anche qui non sembra proprio che sia il romanzo d’esordio di un autore.

    L’ho trovato un romanzo molto curato in tutti i dettagli, degno compagno di altri must del genere, e per questo consiglio la lettura veramente a tutti perché sono sicura che non vi deluderà!

    Voto finale: 5+🌟

  3. Autore: Dario Fedeli
    Pagine: 454
    5/5⭐

    TRAMA:
    A Diverem, una città circondata da una Barriera impenetrabile, i cittadini sono posti sullo stesso piano; ogni differenza soppressa. Kyle Underwood conduce una vita all’apparenza sicura e tranquilla, ma interamente programmata dal governo della città.
    Tra poche settimane, a lui e agli altri suoi coetanei verrà iniettato un siero che permette di far sviluppare una tra cinque abilità: la telecinesi, la super forza, la super velocità, la vista o l’udito amplificato.
    Kyle dovrebbe essere felice di acquisire un potere. Dopotutto, chi non lo sarebbe? Tuttavia, è terrorizzato. Il siero, infatti, può concederti un’abilità oppure ucciderti durante il processo. Ma sopravvivere sarà abbastanza per porre fine a tutte le angosce? Oppure, sarà solo l’inizio? Kyle dovrà destreggiarsi in una società che ostenta il progresso sul concetto di uguaglianza, arrivando a fare delle scelte che non gli sono concesse e che definiranno chi è e chi diventerà.

    Oggi approfondiamo un pochino la recensione di Choiceless che mi ha appassionatatantissimo con la sua meravigliosa storia, passando per alcuni punti fondamentali, iniziamo!

    SCRITTURA:
    Sono molto soddisfatta di questo libro, vi dirò la verità.
    Lo stile di scrittura è molto coinvolgente ed attento ai dettagli, nonostante sia veramente scorrevole.
    L’unica cosa che riesci a fare leggendo il libro è immergerti totalmente all’interno della storia.
    Grammaticalmente non gli si può dire nulla, è perfetto! Si vede il lavoro che è stato fatto dall’autore in termini di ricerca e si vede il bel lavoro dell’editor che, come sempre, è impeccabile (la BookaBook non delude mai).

    STRUTTURA TESTO:
    Qualcuno definirebbe l’inizio della storia abbastanza lento, essendo più descrittivo e consentendo una preparazione adeguata per poi iniziare definitivamente, ma vi assicuro che nonostante tutto quei primi capitoli volano via con una facilità quasi insensata.
    Ho iniziato a leggere e da un momento all’altro ero già a pagina 200, senza neanche rendermene conto.
    All’interno della storia si possono trovare delle scene, diciamo così, “cruente” ma l’autore è riuscito a renderle al tempo stesso adatte a chiunque, senza renderle difficili da leggere a chi è facilmente impressionabile.
    La fine, LA FINE RAGAZZI, ho pianto.
    Non posso spoilerarvi nulla, ma vi consiglio di tenervi pronti perché questo libro vi lascerà con il fiato sospeso.
    Ma tranquilli, il secondo volume è già in lavorazione! (Per la mia infinita gioia)

    PERSONAGGI:
    Parto con il presupposto che li amo e che sono geniali.
    Di fantasia ma, al tempo stesso, estremamente reali.
    Parliamo di Kyle (il mio amore), il protagonista.
    La crescita del suo personaggio è molto evidente, come anche quella degli altri personaggi che incontrerete all’interno del libro (NON POSSO SPOILERARE TROPPO MA SONO STUPENDI, CREDETEMI), si vede perfettamente il cambiamento umano che fa all’interno della storia.
    Inizia come un ragazzo un po’ timido, quasi spaventato e finisce con un uomo coraggioso e consapevole.
    Nonostante la sua crescita sia evidente, l’autore è stato molto bravo nel fare in modo che il suo carattere cambi pian piano e in maniera quasi impercettibile e alla fine ti fermi e pensi: “Wow, che cambiamento ha fatto, che personaggio.”
    E le shop ragazzi e ragazze, le ship.
    Bisogna fare una recensione a parte solo con le ship.
    MA HO PROMESSO DI NONFARE SPOILER!
    Quindi per conoscerle e conoscere il resto dei personaggi, dovrete leggere questo piccolo capolavoro!

    Piccola aggiunta si apprezzamento:
    Diverem.
    DIVEREM.
    Io non so come abbia trovato l’idea è l’ispirazione per creare questa città in cui ogni elemento, compresa la descrizione della vita e della struttura gerarchica all’interno, è perfettamente in linea.
    Quando inizi a leggere e, pian piano, cominci ad immaginare Diverem ed arrivi alla fine dicevo: “Cavolo, se avessi dovuto immaginare una città per una storia del genere, non avrei potuto immaginare nient’altro se non Diverem”.

    Che altro si può aggiungere?
    Dario Fedeli, scrivi davvero bene e non vedo l’ora che esca il secondo volume, QUINDI LAVORACI👀

  4. Ci troviamo a Diverem, circondati da una Barriera impenetrabile e da una società distopica. Il nostro protagonista si chiama Kyle e la sua vita è completamente programmata dal governo della città in cui vive. La società prevede che, raggiunta una certa età, a Kyle e ai suoi coetanei, verrà iniettato un siero che permetterà di sviluppare una tra queste cinque abilità: la TELECINESI, la SUPER FORZA, la SUPER VELOCITÀ, la VISTA o L’UDITO AMPLIFICATO.

    Ma, se il tuo corpo non è pronto alla potenza di questo siero, ti porterà alla morte.

    Choiceless è un romanzo distopico fatto di scelte, di paure, di angosce, di ansia, ricco di descrizioni accurate che ti faranno credere di essere al fianco dei personaggi in tutte le loro emozioni e azioni. Tutto per sfidare questa società che costringe all’uguaglianza, e non alla libertà.

    Sebbene sia un libro da 400 e più pagine, mi ha tenuta incollata alla lettura fin dall’inizio. Non riuscivo a metterlo giù!
    Super consigliato!!

  5. (proprietario verificato)

    Libro straconsigliato!!!
    Una storia che ti tiene incollato alle pagine per scoprire come prosegue (finendo il libro alle 3.30 del mattino), una storia di amicizia, avventura e molto altro! È molto interessante, e soprattutto coinvolgente, seguire i 5 personaggi durante il loro percorso di crescita all’interno dell’accademia, andando avanti nello sviluppo della storia il lettore cresce con loro, sentendosi vera e propria parte integrante del gruppo….correte a leggere anche voi Choiceless, non ve ne pentirete!

  6. Piera De Luca

    (proprietario verificato)

    “𝕂𝕪𝕝𝕖, 𝕚𝕠 𝕟𝕠𝕟 𝕤𝕠 𝕢𝕦𝕖𝕝𝕝𝕠 𝕔𝕙𝕖 𝕤𝕦𝕔𝕔𝕖𝕕𝕖𝕣à 𝕕𝕠𝕞𝕒𝕟𝕚 𝕠 𝕚𝕝 𝕘𝕚𝕠𝕣𝕟𝕠 𝕕𝕖𝕝𝕝𝕒 ℝ𝕒𝕔𝕔𝕠𝕝𝕥𝕒, 𝕞𝕒 𝕤𝕠 𝕔𝕙𝕖 𝕕𝕖𝕧𝕚 𝕖𝕤𝕤𝕖𝕣𝕖 𝕔𝕠𝕣𝕒𝕘𝕘𝕚𝕠𝕤𝕠 𝕡𝕖𝕣𝕔𝕙é è 𝕟𝕖𝕝 𝕞𝕠𝕞𝕖𝕟𝕥𝕠 𝕚𝕟 𝕔𝕦𝕚 𝕟𝕠𝕟 𝕙𝕒𝕚 𝕡𝕚ù 𝕤𝕡𝕖𝕣𝕒𝕟𝕫𝕖, è 𝕚𝕟 𝕢𝕦𝕖𝕝 𝕡𝕣𝕖𝕔𝕚𝕤𝕠 𝕚𝕤𝕥𝕒𝕟𝕥𝕖, 𝕔𝕙𝕖 𝕞𝕦𝕠𝕣𝕚 𝕧𝕖𝕣𝕒𝕞𝕖𝕟𝕥𝕖.”

    Ci troviamo a Diverem, una città chiusa in se stessa, con una Barriera che la circonda e dove apparentemente non esiste diversità.
    Lì tutti sono uguali, tutti vivono in case, le ‘unità’, caratterizzate tutte allo stesso modo sia all’interno che all’esterno, tutti devono vestire con gli stessi colori e la vita di tutti è scelta e programmata dall’alto.
    Qui tutto è uguaglianza, la diversità non è ben vista e ognuno deve adeguarsi a questo stile di vita.
    Raggiunta una certa età tutti i ragazzi devono affrontare la grande prova della loro vita: il giorno della Raccolta. A ogni ragazzo verrà iniettato un siero che può far sviluppare una delle cinque abilità (telecinesi, super velocità, super vista, udito amplificato, super forza) oppure può portare alla morte.
    Coloro che riusciranno a sopravvivere al siero, sviluppando un’abilità, entreranno all’Accademia, dove ogni ragazzo imparerà a controllare la propria abilità e dove al suo termine verrà scelto il loro futuro mestiere.
    Kyle Underwood è uno di quei ragazzi che dovrà affrontare questa grande prova. È terrorizzato, ha paura che la sua possibile morte possa sconvolgere e far soffrire quelle poche persone che gli stanno attorno.
    Qualcosa lo sconvolgerà a tal punto che in lui nascerà e si svilupperà nel corso del libro un forte senso di vendetta che lo costringerà a fare i conti con le mille emozioni che lo travolgeranno.

    Choiceless è il romanzo d’esordio di Dario Fedeli, che ha saputo creare qualcosa di speciale, forte, con scene anche brutali a volte, ma soprattutto emozionante.
    Sono riuscita a immergermi completamente nella storia, mi sembrava proprio di essere lì all’accademia a studiare, ridere, allenarmi, a mangiare seduti allo stesso tavolo in mensa e a salire sul tetto per passare le sere sotto le stelle con Kyle e i suoi amici.
    Ho apprezzato, chi di più chi un poco di meno, tutti i personaggi, ognuno con il proprio carattere e sopratutto ho amato i colpi di scena. Ragazz* questo libro è ricco di colpi di scena, avvenimenti che non mi sarai proprio aspettata e che mi hanno più di una volta sconvolta. È pieno di sorprese che ti fanno rimanere a bocca aperta, sorprese che, secondo me, non cadono mai nel banale o nel cliché.
    Gli ultimi capitoli li ho completamente divorati perché dovevo sapere cosa sarebbe successo e sinceramente non vedo l’ora di leggere il seguito 😍.

    Leggetelo, leggetelo perché merita tanto.
    A mio avviso è un esordio davvero grande e per essere il primo libro, trovo che Dario abbia fatto davvero un lavoro eccezionale!

  7. Immaginate una città nella quale tutti devono vestirsi allo stesso modo, in cui le abitazioni, chiamate “unità”, sono tutte uguali.
    Immaginate una città in cui non siete voi a scegliere del vostro futuro, ma vi viene impartito dall’esterno.
    Immaginate una città in cui a 16 anni ogni cittadino viene sottoposto a una dura prova: l’iniezione di un siero che può permettere di sviluppare una particolare abilità, oppure uccidere il soggetto.
    Ora, ponete una barriera impenetrabile sopra questa città, immaginate che la circondi in ogni direzione, impedendo a chiunque di entrare o uscire.
    Questa città è Diverem.
    Benvenuti a Diverem.

    Come avrete immaginato, la vita lì non è sempre rose e fiori, e da quando scoprono del siero, i ragazzi crescono con la paura di ciò che potrà accadere loro.

    Kyle è uno di questi ragazzi, ha 16 anni e teme di morire non tanto per sé stesso, quanto più per la paura di far soffrire i suoi genitori e il suo migliore amico, l’unica persona a cui si sia concesso di legarsi.
    Il giorno dell’iniezione accadrà qualcosa che lo cambierà per sempre, e dentro di lui nascerà il germe di una sete di vendetta che crescerà durante tutto il romanzo.

    La crescita del suo personaggio è evidente sotto questo punto di vista, perché se durante le prime pagine incontriamo un sedicenne impaurito, alla fine della storia ci si ritrova di fronte un ragazzo agguerrito e profondamente arrabbiato con il sistema.

    La prima parte del romanzo è molto introduttiva, pertanto il ritmo è più lento rispetto alla seconda metà, ricca di avvenimenti e colpi di scena, che ho apprezzato molto in quanto per nulla prevedibili (o almeno secondo me).

    Mi è piaciuto molto il modo in cui l’autore ha costruito Diverem, e il fatto che sia brutale si riflette benissimo nella crudeltà intrinseca alla scuola stessa, l’Accademia, nella quale gli adolescenti vengono formati e indirizzati a un mestiere.
    Ci sono state scene che mi hanno fatto lo stesso effetto di un pugno nello stomaco, e credo che sia assolutamente positivo.

    Tutti i personaggi hanno un’identità ed un ruolo ben preciso, alcuni li ho apprezzati più di altri, ma comunque non li ho trovati piatti.

    Sicuramente c’è un margine di miglioramento, ma per essere il primo romanzo è stato costruito e scritto bene. Alcuni dialoghi potevano essere resi meglio e a volte li ho trovati un po’ infantili.
    Una scena in particolare mi è sembrata poco sviluppata e meno d’impatto di ciò che sarebbe potuta essere, ma ci tengo a precisare che la versione che ho letto io è la bozza non ancora editata, perciò sicuramente questi accorgimenti verranno migliorati.
    È stata una lettura molto piacevole, che le ultime pagine mi hanno tenuta incollata e che credo che Dario Fedeli, con il suo romanzo, abbia aggiunto qualcosa che mancava al panorama distopico Italiano.

  8. Ho conosciuto 5 amici fantastici. Kyle, Dylan, Eric, Lexa e Emma hanno conquistato piano piano un pezzettino del mio cuore e arrivata alla fine, proprio all’ultima pagina, non volevo lasciarli andare. Ormai mi sentivo parte del gruppo, delle loro risate, dei loro successi ed anche della loro rabbia e del loro dolore. Mi mancherà davvero molto allenarmi con loro, mangiare alla mensa quei cibi improponibili, distendermi sul tetto dell’Accademia a guardare le stelle, rivolgere lo sguardo verso l’orizzonte, laggiù, oltre la barriera e sperare con un sospiro in un futuro migliore. ⁣

    Ci troviamo a Diverem, dove l’uguaglianza regna sovrana ed ogni tipo di diversità è soppressa e subito eliminata. Kyle, il giorno della Raccolta, si troverà costretto insieme ad altri ragazzi ad affrontare l’iniezione del siero che determinerà il suo destino: la morte o lo sviluppo di una delle cinque abilità (super forza, udito amplificato, super vista, telecinesi, super velocità). Riuscirà Kyle a sopravvivere? E soprattutto, quali segreti nasconde Diverem? ⁣

    Choiceless è un libro distopico/fantascientifico che porta a riflettere sulla società, sull’accettazione del “diverso”, sul controllo delle masse fondato sulla paura e sull’ignoranza. Choiceless è un libro che ti lascia con il fiato sospeso fino alla fine, che non riesci a chiudere perché sei curioso di sapere, anzi, DEVI sapere come andrà a finire. E alla fine ti resta dentro, come un dolce ricordo che custodisci con affetto e gelosia. ⁣
    Assolutamente consigliato!!!

  9. (proprietario verificato)

    Ho da poco terminato la lettura di Choiceless e sono ancora senza parole. Dario ha creato Diverem, una città circondata da una barriera invisibile dove apparentemente non esiste nessuna scala sociale,nessun tipo di diversità. Kyle e Derek devono affrontare la prova del siero, dove o muori o sviluppi delle capacità particolari che condizioneranno la loro vita per sempre. (Super forza,super velocità,super vista,telecinesi e super udito).Ma Kyle si troverà travolto da mille emozioni diverse e dovrà capire quale sia la direzione giusta da prendere. Insieme a Dylan,Emma,Eric e Lexa troverà il modo di andare avanti anche quando tutto sembra essere perduto.
    Dario ha creato una storia fantastica, è stato in grado di mantenere i protagonisti umani, senza renderli troppo distanti da noi; questo fa sì che chi legge la storia possa immedesimarsi nei personaggi provando le loro stesse emozioni. È facile ritrovare un po’ di se stessi in ogni protagonista, sono ragazzi di 17 anni che si trovano ad affrontare delle situazioni a metà tra il normale e l’assurdo.
    Ho trovato questa lettura leggera,piena di sorprese e mai banale; ho letto il libro con il fiato sospeso senza mai pensare che gli avvenimenti fossero scontati e noiosi.
    Una delle letture migliori di questo anno.
    Dopo aver finito Choiceless ho fatto veramente fatica a leggere un nuovo libro, perché con la mente ero sempre a Diverem.

  10. Daria Schiavolin

    (proprietario verificato)

    𝑆𝑒𝑖 𝑞𝑢𝑖 𝑒 𝑛𝑜𝑛 𝑓𝑎 𝑚𝑎𝑙𝑒

    Eppure, per quanto ti guarisca, questa storia di male te ne fa un bel po’.

    A Diverem ogni decisione è a pannaggio dei Fenomeni, individui molto dotati, incaricati di gestire la società e di far rispettare la legge. Sono dei veri e propri livellatori sociali, chiamati ad annientare anche la più piccola briciola di diversità.
    Kyle e Derek si devono sottoporre, con i loro coetanei, alla somministrazione di un siero in grado di conferire ai soggetti un’abilitá particolare (telecinesi, super forza, vista migliorata, udito amplificato, super velocità). Sempre che il siero stesso non diventi letale. Kayle dovrà fare i conti con le proprie emozioni: rabbia, frustrazione, amore, vendetta. Definire se stessi a 17 anni è una sfida debilitante, e provare a farlo in una società che annulla le individualità è ancora più difficile.

    Dario ci regala un romanzo avvincente, adrenalico, spiazzante. “Choiceless” è il suo esordio. I punti di forza della narrazione sono i dialoghi, dai quali emergono prepotenti le personalità degli interlocutori. Tutto ruota intorno all’amicizia e alla forza delle relazioni. È facile riconoscersi in Kyle, Derek, Dylan, Eric, Emma e Lexa; è impossibile non ridere alle loro battute o non sentirsi parte del loro gruppo. Ognuno di loro ha un ruolo ben preciso non solo ai fini della trama, ma soprattutto nell’economia delle loro relazioni.

    La sua penna è ironica ed emozionale: ci fa vedere, ci fa sentire, ci fa provare. Questa storia non è perfetta, poche le sono, però è vera e genuina, ed è molto ben scritta: Dario secondo me è nato per essere uno scrittore: è la sua essenza. Pochi libri mi hanno lasciato un senso di vuoto e nostalgia, di mancanza. E Choiceless è uno di questi!

  11. (proprietario verificato)

    Libro consigliatissimo, l’ho acquistato da poco e sto divorando l’eBook. La trama è molto avvincente ma la cosa che preferisco in assoluto è la caratterizzazione dei personaggi.
    È a tutti gli effetti un romanzo di formazione, i personaggi crescono e si delineano con il procedere della storia trovandosi, a dispetto del titolo, a dover prendere delle scelte. Ho apprezzato molto come sono state affrontate certe tematiche ma adesso concludo per non spoilerare! Posso consigliarvi solamente di non lasciarvelo sfuggire!!!

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Dario Fedeli
classe 1996, ha avuto un forte attaccamento alle storie fin da giovanissimo. Durante l’ultimo anno di ragioneria prende a formarsi nella sua mente l’idea di scrivere un’opera, che, piano piano, si sarebbe trasformata nel suo romanzo d’esordio: Choiceless. Adesso lavora come impiegato amministrativo, e, in ogni attimo di tempo libero, si dedica alla scrittura e alla lettura.
Dario Fedeli on FacebookDario Fedeli on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie