Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Svuota
Quantità

Storie di magie ed esorcismi, insegnamenti di asceti nudi e solitari, riti antichi e inquietanti in luoghi trascurati dalle mappe, le vite incredibili di uomini incontrati per via, il racconto di come si possa rischiare la vita per far visita agli dei in templi fantastici.
Un viaggio con il corpo e con l’anima nell’India più vera e profonda, madre accogliente di ogni contrario: luce e tenebra, meraviglia e orrore, vita e morte sempre vicine, indissolubilmente legate, che continuamente scivolano l’una nell’altra. Dietro, immobile, lo sfondo che regge gli opposti, la tela invisibile che sostiene il disegno, così che l’occhio, posandosi lieve, possa ammirarne la Bellezza.

 

HO VISTO…
Corre lungo il fiume una fotografia
e chi la prende la corrente se lo porta via.
Gianna Nannini
Fotografie. Immagini che scorrono nella mia testa
mentre sono steso sul tavolaccio duro di questo treno.
Scene che spariranno dalla mia memoria domani,
o tra qualche giorno. Spariranno. Porteranno con sé
tutta la vita che avevano dentro, fatta di colori,
di suoni, di odori. Di emozioni.Continua a leggere
Continua a leggere

Momenti insignificanti, di vita quotidiana, eppure
così pregni e così vivi da fissarsi da qualche parte dentro di me.
Attimi non degni di un racconto, così completi nella
loro immediatezza visiva da non lasciare
spazi alla vacuità di una prolissa riflessione. Li voglio
lasciare alla carta perché non tornino più ad affacciarsi
la notte, quando sono disteso, o di giorno, all’improvviso,
interrompendo l’abituale fluire del pensiero. Li voglio
lasciare liberi di andarsene, continuando nel loro
cammino a trasmettere mai esausti strati di significati,
o fiammanti flash d’immediata intuizione.
Non si tratta di mirabilia, né di fatti importanti.
Sono solo cose che ho visto.
Ho visto un padre che baciava la sua piccola figlia,
con gli occhi luminosi d’amore. Ho visto un bimbo di
tre anni scambiarsi cenni con un altro, per denaro,
come ne avesse cinquanta, e un uomo di cinquanta
che giocava con una palla ridendo, come se avesse tre
anni. Bambini sorridenti che mi toccavano le mani,
scherzando divertiti, e bambini tristi e sporchi che mi
toccavano le gambe, chiedendo soldi. Ho visto persone come
scheletri, che morivano di fame, e altre che
fingevano di aver fame, senza sembrare scheletri;
capannelli di persone sedere sulla strada, come ipnotizzate,
davanti a una piccola televisione in bianco
e nero, e un vecchio seduto a gambe incrociate nella
polvere, che si insaponava petto e schiena davanti a
un minuscolo rubinetto.
Ho visto l’inferno lungo la strada: una enorme
piazza in cui la polvere di sassi e marmo si alzava fitta
e densa. Una nube bianca che si vedeva per chilometri,
una spessa nebbia che ammorbava l’aria. Ho visto
uomini lavorare seminudi, piegati dalla fatica, in
quella foschia malsana, e le loro donne, interamente
ricoperte di polvere grigia e bianca, star sedute lungo
un muro a guardarli, mentre i bambini giocavano,
o dormivano, con i capelli grigi come vecchi. Ho visto
le loro bianche polverose case, in quell’abisso inumano:
un metro di legni intrecciati coperti da sacchi di
nylon. Li ho visti cucinare e mangiare in quel girone
dantesco, muovendosi lenti con mani e occhi bian-
chi. Li ho visti sedere sfiniti, appoggiati a una lastra
di sasso, le magre gambe distese e bianche. E ho visto la
gente che passava stipata a bordo degli autobus,
anche i più poveri e miseri, coprirsi la bocca e il naso
con fazzoletti per non respirare la polvere immonda.
Qualcuno si copriva anche gli occhi, forse solo per
non vedere.
Ma io ho visto.
Così come ho visto sari tanto colorate da farti
credere che Dio esista e donne bellissime indossarle con
portamento eretto e regale, mentre un uomo seduto
all’ombra di un grande albero, intento a intrecciare
dei cesti, le guardava passare. E ho visto un elefante
pitturato d’arancio in onore di Śiva camminare potente,
mentre un sādhu mi malediva per non avergli dato
l’elemosina. Ho visto un cammello orinare per strada,
mentre un sādhu mi benediva, augurandomi ogni felicità.
Ho visto neri cobra, docili nella mano dei loro incantatori,
muoversi flessuosi mentre li toccavo, e cani
lottare per una carcassa e azzuffarsi per il territorio,
sempre magrissimi e col muso affilato. Ho visto uomini
deformi camminare come cani a quattro zampe,
le gambe corte e dritte come le braccia. Un altro con
una piaga sulla testa, rossa e aperta fino all’osso. E
ancora uno che portava in giro i suoi enormi testicoli
con una carriola. Ma ho visto anche bimbi scintillanti
nel loro grembiule di scuola sorridere felici e orgogliosi,
il bianco dei denti abbagliante sotto i capelli
talmente neri da sembrare blu, pettinati con la riga,
e una bimba che sapeva appena camminare portare
una capra all’ovile tirandola per un orecchio. Ho visto
un vecchio col turbante arancio comprare un biglietto
della lotteria con sguardo speranzoso e le sponde di
un fiume far impallidire l’arcobaleno mentre le donne
scendevano vestite nell’acqua.
Ho visto due vitellini, uno marrone e l’altro grigio,
seduti nel mezzo di una stretta strada trafficata, che
non volevano saperne di alzarsi, incuranti del traffico
impazzito e delle spinte e promesse di uomini e carri.
E ho visto piramidi di colori in polvere, disposte su
piatti, coprire ogni frequenza percepibile all’occhio.
Ho visto gente dormire distesa al centro della
strada tra autobus e camion che passavano strombazzando
e una misera via di paese dove tutti, proprio
tutti, camminavano sorridendo.
Ho visto un uomo pregare volgendo gli occhi al
cielo, un altro inchinarsi con lo sguardo verso terra,
un terzo meditare tenendo gli occhi chiusi. Ho visto
gli occhi di un neonato truccati di nero, e tatuaggi
fioriti coprire le mani di sua madre. Piedi dipinti di
rosso, capelli dipinti di rosso, unghie dipinte di rosso,
fronti segnate con un punto rosso. E da linee bianche,
da strisce gialle, da segni d’oro. Turbanti azzurri
e viola e di nuovo rossi. Ho visto polvere di cemento
esposta come fosse cibo e cibo cotto con la merda di
vacca, tra la spazzatura.
Ho visto il proprietario di un negozio spazzare
con foga l’immondizia, spostandola davanti al negozio
vicino. Ho visto il proprietario del negozio accanto
fare la stessa cosa, ammassandola davanti al negozio
più avanti. E così via, lungo la strada, finché alla
fine qualcuno l’ha spostata di fronte e il giro è ripreso
all’inverso, dall’altra parte. La stessa immondizia che
girava sempre in cerchio, senza trovare una via di
fuga, perfetta immagine del saṃsāra.
E infine ho visto una vecchia, china, con una scopetta di
saggina in mano. La passava sulla strada sterrata,
alzando una nuvola di polvere che lenta tornava a
posarsi per terra. Non c’era nulla da spazzare, solo la polvere
che continuava a ricadere al suo posto.
Un compito immane, un compito inutile.
Come la vita di ognuno.
Eppure a vederla era meravigliosa.

16 maggio 2018

Evento conclusivo

Ultimo giorno, ultimo appuntamento
Un ultimo appuntamento la sera prima della fine della campagna.
Si torna a Mestre, ospiti del Gruppo Culturale Carpenedo LA ROTONDA presso il Centro Multifunzionale Lux, in piazza Carpenedo, alle 20.45 Ancora con racconti, filmati e letture di Donatella Cipolato.
Un'occasione per salutare e ringraziare tutti i sostenitori di questa campagna. Davvero grazie a tutti!
15 maggio 2018

Evento

Rush Finale 3!
Ultimo appuntamento del trittico.
Martedì 15 maggio ore 20.30, presso l'Erboristeria "Ape Regina, via Bellini e Risato, 87 Oriago (VE)
La campagna sta terminando e mancano poche copie all'overgoal. Vi aspetto!
12 maggio 2018

Evento

Rush Finale 2!
Secondo appuntamento a Spinea-Crea (VE), sabato 12 maggio ore 17 presso il Centro Studi Arti Orientali "CREARTI" Nel volantino la bella immagine disegnata per il libro da Simone Frosini.
11 maggio 2018

Evento

Rush finale!
Inizia un'ulteriore ciclo di tre presentazioni di Darśan, che porteranno dritte dritte alla chiusura della campagna, il 17 maggio. Un ultimo sforzo per raggiungere l'overgoal! Partecipate tutti! La prima presentazione si terrà a Jesolo, venerdì 11 maggio alle ore 20.30 presso ASD "Occhi dell'Anima", in via Lamborghini 40. Ancora racconti, filmati e letture dei Donatella Cipolato. Vi aspetto!
14 aprile 2018

Evento

Mestre (VE) Terzo e ultimo appuntamento della settimana, sabato 14 aprile alle 16.30. La presentazione si terrà - finalmente, dopo due imprevisti rinvii - presso Yoga Grahm, Casa dello Yoga, a Mestre, in viale S. Marco 82. Vi aspetto in tanti.
13 aprile 2018

Evento

Mirano (VE). Secondo appuntamento a Mirano (VE), in via Miranese 42, venerdì 13 aprile alle ore 18. La presentazione si terrà ad Arte Pardes, nell'ambito della mostra 'Matematiche Zoomorfe'.
12 aprile 2018

Evento

Mestre. La prima delle tre presentazioni che si terranno questa settimana si svolgerà a Mestre, in via Cappuccina 17, presso l'Associazione S&B, giovedì 12 aprile alle 20.30. Come sempre, oltre che dai miei racconti, la presentazione sarà accompagnata da foto, filmati e dalle letture di Donatella Cipolato. In allegato il volantino con l'immagine di Simone Frosini, realizzata appositamente per il libro.
07 aprile 2018

Evento

Studyo Yoga, via Rudena 46, Padova Care amiche e cari amici, sabato 7 aprile, alle ore 15.30, presso Studyo Yoga a Padova ci sarà una nuova presentazione del mio libro sull'India, Darśan. Come sempre l'incontro, oltre che dai miei racconti, sarà accompagnato da foto, filmati e letture. Un'oretta e mezza di viaggio nell'India più nascosta, che negli incontri svolti finora è stata molto apprezzata. Spero perciò vorrete estenderete l'invito ad amici, parenti e anche a semplici curiosi. In allegato troverete il volantino con l'immagine di Simone Frosini, realizzata appositamente per il libro. Studyo Yoga si trova in via Rudena 46, poco distante dalla Basilica del Santo e da Pra' della Valle. Informazioni maggiori nel sito Un grazie per il sostegno a coloro che hanno già ordinato il libro! Vi aspetto numerosi
29 marzo 2018

Evento

Padova Care amiche e cari amici, giovedì 29 marzo, alle ore 20.00, presso il centro Manipura a Padova ci sarà la presentazione del mio libro sull'India, Darśan. La presentazione oltre che dai miei racconti, sarà accompagnata da foto, filmati e dalle letture di Donatella Cipolato. Un' oretta e mezza che credo sarà piacevole per tutti, per cui spero estenderete l'invito ad amici, parenti e anche a semplici curiosi. In allegato troverete il volantino con l'immagine di Simone Frosini, realizzata appositamente per il libro. Il centro Manipura si trova in via Citolo da Perugia, 26. Se intendete partecipare è gradita la prenotazione presso il sito del centro (non è vincolante, potete venire anche senza prenotare!!): la titolare intende preparare un tè di benvenuto e vuole orientarsi sul numero di partecipanti. Informazioni maggiori a https://www.centromanipura.it/ Un grazie per il sostegno a coloro che hanno già ordinato il libro Vi aspetto numerosi A presto m Volantino-manipura.jpg
27 Febbraio 2018
Cari lettori! Marco Perini presenterà il suo libro "Darśan" il 3 marzo e il 10 marzo, a Mestre (VE). Non prendete impegni! Qui, due bellissime locandine dell'evento: Volantino Yoga Graham marzo blu Volantino Casa di Anna col 2

Commenti

  1. lacova77

    (proprietario verificato)

    ho visto la copertina del libro di marco, con il signore stile “compagnia delle indie” che tiene in mano lo specchio. anche se non mi dispiace, nonostante l’anacronismo dell’immagine – l’india non è immobile e atemporale come molti continuano a sostenere – il fatto di aver tolto l’elefante toglie attualità. non si potrebbe cercare di far coesistere le tre immagini? inoltre perchè lo sfondo ricorda solo l’india mughal? l’india è sfacettata; o si cerca di mostrarne i molteplici volti o è meglio non sottolinearne nessuno. oltrettutto il libro di marco, se ben ricordo, non fa risaltare alcun particolare passato.

  2. Anna Rivolta

    (proprietario verificato)

    India magica, mistica, misteriosa, dove ho trascorso 40 giorni, rivissuta nelle immagini realistiche, filtrate dagli occhi di Marco con il linguaggio del cuore…

Aggiungere un Commento

Share on facebook
Condividi
Share on twitter
Tweet
Share on whatsapp
WhatsApp
Marco Perini
MARCO PERINI è nato a Venezia. Dopo la laurea in Filosofia con una tesi
sull’Advaita Vedanta, prosegue i suoi studi sulla filosofia indiana arricchendoli
con numerosi viaggi che lo portano a esplorare gli sconfinati aspetti
della religione e della spiritualità del subcontinente. Nel 2014 ha pubblicato
Maschio Alfa, il suo primo romanzo.
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie