Accedi Registrati
danka-peter-469
Overgoal! Un ufficio stampa curerà la visibilità sulla stampa tradizionale e su quella online. Un promotore professionale proporrà il libro ai librai, una strategia dedicata di marketing online consiglierà il libro a nuovi potenziali lettori.
Goal! Il manoscritto passerà alla fase di editing, revisione, progetto grafico e stampa. Una volta pronto, il libro verrà pubblicato in formato cartaceo e ebook, e reso disponibile all'interno del circuito di Messaggerie Libri e nei più importanti store online.
88% Completato
18 Copie all´obiettivoi
Al raggiungimento dell’obiettivo il libro verrà pubblicato
38 Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Bozze disponibilii
Se pre-ordini il libro, potrai cominciare a leggere subito le bozze del manoscritto

I tre uomini decisero che no, non gliene volevano.

Solo Cuorbarbaro avanzò una debole obiezione che s’annacquò nella bellezza di un vivere storto e pieno. Nessuno di quelli là si era sentito così leggero da un mucchio di tempo. Non sapevano dire perché, nessuno l’avrebbe saputo, intuirono però all’unisono – e fu una specie di stregoneria – che i giorni rubati erano i migliori. Rubati alla malinconia, alla tristezza, alla controvoglia di vivere. Erano giorni d’allegria inspiegabile, di gioia innaturale, erano sacche di folle felicità che dovevano collezionare, almeno nella memoria. Capitano all’improvviso, basta un rischiaro d’orizzonte, si dissero l’un l’altro senza fiatare, e loro, tutti assieme, dovevano perpetrare quel furto a mani basse. Dovevano correre da Laila e Laurì, poi, e convincere i dottori a dimetterle, e tutti riuniti bere alla fonte di quella sconveniente sensazione, che li rendeva indecenti, amorali e per sempre intoccabili.

Perché ho scritto questo libro?

Il romanzo nasce per raccontare le ore e i giorni di improvvisa euforia, di allegria insensata, che arrivano a stanarci dalla tristezza. Io li ho provati: arrivano a tradimento, e sei loro grato. Come sei grato alle persone che li vivono con te. La storia – un’indagine surreale intorno a un delitto – è la veste scelta per esaltarne il sapore, come fossero piatti prelibati. Il contenitore. Alfred Hitchcock il pretesto lo chiamava “MacGuffin”. Una roba così anche per quanto mi riguarda, con tutta l’umiltà del caso.
Ogni storia, io credo, non può del resto prescindere dall’uomo. Gli scrittori o sono umanisti o non sono. Così come non devono prendersi troppo sul serio: ironia e autoironia sono altri ingredienti indispensabili. Nel libro ce ne sono – e l’una e l’altra – in dosi non trascurabili.
Il culto dei ricordi lievi, infine, è materiale di prima scelta, per un narratore. Ogni scrittore scrive quello che ha in memoria, come un computer di carne e ossa, e che lo ha costruito.
Ho scritto perciò l’unica storia che in questi ultimi mesi potevo scrivere, l’unica di urgenza estrema. E di questo – a prescindere dalla sua qualità letteraria – sono soddisfatto.

06/06/2017
Ecco qualche foto di Francesco Franceschini alle presentazioni de I giorni Rubati!
10/07/2017
La campagna de "I giorni rubati" prosegue a gonfie vele! Nel frattempo, siete curiosi di leggere qualcos'altro di Francesco? Non perdetevi il suo blog:http://sdraiatosuibinari.blogspot.it/
17/07/2017
Fra mare e montagna, Francesco Franceschini parla de I giorni rubati!
02/08/2017
La campagna de I giorni rubati ha ampiamente superato il 50% del suo obiettivo! Potete leggerne un estratto in anteprima oppure... ascoltarlo!A questo link trovate il book trailer: http://bit.ly/2w5bG9Y

Commenti

  1. Francesco Franceschini

    Grazie Vale, sono umilmente convinto che ti piacerà anche questo. Viva il lupo!

  2. valentina.leonardi

    (proprietario verificato)

    Dopo “Apocalisse in pantofole” e “La quarta persona più importante” sono davvero curiosa di leggere questa nuova opera di Francesco.
    I suoi libri sono sempre affascinanti da leggere tutti d’un fiato, dove i suoi personaggi diventano compagni di viaggio.
    Ho letto già le prime pagine..attendo con fervore di ricevere il libro. In bocca al lupo Francesco!

Lascia un commento

Francesco Franceschini
Francesco Franceschini è nato a Narni nel 1967.
Dopo la laurea in Lettere ha insegnato per alcuni anni Italiano, Storia e Filosofia alle scuole medie superiori. Dal 1999 è speaker di Radio TNA Terni, emittente del circuito In Blu, e dal 2001 responsabile della programmazione.
Nel 2008 ha frequentato un corso di doppiaggio cinematografico curato da Gastone Moschin. Nel 2015 ha aperto una scuola itinerante di scrittura creativa.
Ha scritto e messo in scena alcuni spettacoli teatrali: “Viaggio in Italia” (2012); “Cinque storie americane” (2016); “Samarcanda Vecchioni – Storie di uomini e destini” (2017).
Ha pubblicato due romanzi con VerbaVolant Edizioni di Siracusa: "Apocalisse in pantofole"(2011) e "La quarta persona più importante" (2013).
Francesco Franceschini on sabwordpressFrancesco Franceschini on sabtwitterFrancesco Franceschini on sabfacebook