Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Il gioco di Dio

Svuota
Quantità

I destini di sei personaggi si intrecciano, a volte incastrandosi e altre più semplicemente sfiorandosi, come piccoli pezzi di un enorme cubo di Rubik manipolato da un ironico e irriverente Dio, che prova a riprendere in mano le redini del mondo.

Associazioni bramose di potere e smaniose di massificare le persone stanno mandando all’aria tutti i suoi piani. Così a Dio non rimane altro che richiamare a sé alcuni partecipanti al suo gioco, indicandogli l’unica strada da seguire per essere felici e riuscire a godere del meraviglioso flusso della vita, affinché l’amore vero, quello puro, possa tornare a regnare sulla Terra.

Ciò che importava di più al signor Breton, prima di chiudere la cassaforte della banca in cui lavorava, era assicurarsi che tutti i lingotti del caveau fossero esattamente al loro posto.

Continua a leggere

Non c’era nessun motivo in particolare, voglio dire, nessuna regola interna o tacito accordo con i legittimi proprietari; era più che altro un semplice gesto scaramantico che compiva ogni giorno, e il cui unico significato era che la giornata lavorativa stava per giungere al termine. Anche se, in fondo, fare il contabile nella banca di Buron, un piccolo paese alle porte di Parigi, a lui piaceva molto.
Adorava soprattutto quella sensazione che, durante le ore di ufficio, gli faceva credere di essere l’unico proprietario di tutto il tesoro che la banca ospitava.
Vent’anni di ligio attaccamento al lavoro gli erano valsi tre promozioni e un cospicuo aumento di stipendio che gli avrebbe permesso di vivere agiatamente la pensione ormai prossima.
Migliaia di mazzette di ogni valore, da dieci a cinquecento euro, tutte perfettamente accatastate e divise per taglio: non appena entrava nel caveau, era come se gli sbattessero davanti il più fantastico e prezioso degli arcobaleni, con il luccichio dell’oro proveniente dal basso che nulla aveva da invidiare a quello del sole.
Quando ormai tutto il resto del personale era già andato via, il signor Breton si fermò a contemplare quell’affresco stupendo che neanche il più bravo dei pittori sarebbe mai riuscito a rappresentare su nessuna tela, come soleva sempre pensare.
Era così che passava gli ultimi dieci minuti della sua giornata lavorativa. Ogni tanto prendeva una di quelle mazzette ancora vergini e se le strofinava sul viso. Si lasciava accarezzare il naso da ogni singola banconota che formava il mazzo, muovendolo più volte, a destra e a sinistra, come se fosse un ventaglio. Avrebbe continuato all’infinito a inebriarsi di quell’odore e di quel contatto; era un’emozione inappagabile. In quei momenti si impadroniva di lui un desiderio che scatenava istinti sessuali ma, preso dai sensi di colpa e dalla vergogna di scoprirsi a pensare certe cose con dei soldi in mano, lo reprimeva immediatamente.Ritornò in sé. Ripose il mazzo da cento euro al suo posto, controllò che tutto fosse in ordine e, infine, richiuse la pesante porta della cassaforte, bloccandola con il sistema di sicurezza: una combinazione alfanumerica che cominciava e terminava con le cifre “1-2-4”.
Verificò che tutte le telecamere del sistema di sorveglianza interno fossero azionate e si diresse una rampa di scale più sopra per accertarsi che ogni cosa fosse a posto. Fece un giro di 360 gradi su se stesso e notò che era tutto in ordine, a parte le piante e i fiori che adornavano i locali della banca. Le rose, infatti, erano quasi appassite. Pensò che avrebbero avuto bisogno di un po’ d’acqua e, giurandosi che se ne sarebbe occupato il giorno dopo, guadagnò l’uscita.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il gioco di Dio”

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Silvano Apicella
conseguito il diploma di perito fotografico, inizia subito a lavorare come fotografo, prediligendo i reportage di viaggio e la fotografia sportiva. Ha collaborato con alcune agenzie come freelance fotografando le principali competizioni sportive professionistiche, in particolare il campionato di calcio di serie A. Spinto dalla passione per il cinema frequenta il D.A.M.S., dove si approccia per la prima volta alla scrittura creativa, lavorando alla stesura di alcune sceneggiature. Da una decina d’anni si dedica anche alla pittura. Il gioco di Dio è il suo primo romanzo.
Silvano Apicella on FacebookSilvano Apicella on Youtube
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie