Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Il Regno Sperduto

Il Regno Sperduto
30%
140 copie
all´obiettivo
83
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Settembre 2021
Bozze disponibili

Arinda, una ragazza abituata alla vita di campagna, si ritrova in un mondo a lei sconosciuto, con esseri di cui ignorava l’esistenza.
Cosa succederebbe poi, se si prendesse una sbandata proprio per il principe Andres? Insomma, si sa come vanno queste cose: i principi stanno con le principesse.
E poi, lui come potrebbe mai desiderare un’umana?
Eppure, Arinda non si ferma a ciò che vede, a ciò che la gente le dice.
Lei e la sua curiosità andranno oltre ogni confine, lotteranno e si sacrificheranno fino all’ultimo per scoprire la verità e scovare ogni inganno.

Tratto dal libro:

“Hai sentito Shulby? Un’umana… E sappiamo entrambi come darle il benvenuto no?”

Afferrò la mia mano e se la portò al petto, sopra il cuore che batteva ad un ritmo irregolare, poi lentamente mi disse: “Questo effetto me lo fai solo tu”.

Perché ho scritto questo libro?

Il Regno Sperduto è nato dal mio profondo desiderio di immergermi in un mondo nuovo e in una storia avvincente e mozzafiato.
Il giorno in cui tutto è cominciato mi trovavo nella casa dei miei nonni, in campagna, davanti al caminetto a sfogliare le pagine di un fantasy romance.
Ero arrivata ad un punto che però non mi piaceva e delusa, decisi di scrivere una storia che avrebbe trasmesso al lettore e a me in primis ciò che c’era bisogno di dire, che fosse piaciuto o no.

ANTEPRIMA NON EDITATA

Prologo:

Osservai il mio riflesso pulito allo specchio.

“Mi mancherai, Arinda cara” mi disse con voce flebile mia madre.

“Anche tu, mamma”.

“Non starò via per più di una settimana, tornerò per i tuoi diciotto anni. Promesso”. Finì di legarmi i capelli mossi in una coda alta, per poi andare a prendere la sua valigia.

“Mi raccomando, non aprire a nessuno e non avvicinarti al…”

“Al labirinto segreto, lo so”.

Lei mi sorrise.

“Sai che lo dico solo per il tuo bene”.

Sospirai in risposta.

“A presto, tesoro”.

La abbracciai.

Rimanemmo così per diversi minuti, ma a me sembrò un attimo.

Non volevo che se ne andasse.

“Ti voglio bene, mamma”.

Mi lasciò un delicato bacio sulla fronte, poi afferrò la maniglia della porta di casa e la aprì, uscendo senza più voltarsi indietro.

Continua a leggere

Continua a leggere

Non sapendo cosa fare, scelsi di disegnare qualche figurino.

Amavo la moda e, anche se non ero ricca, mi sarebbe piaciuto avere i più pregiati tessuti con cui creare abiti d’alta nobiltà.

Afferrai il mio quaderno e l’astuccio con apposite matite, gomme e colori vari.

Poi presi le cuffiette e feci partire la playlist su YouTube.

La musica stimolava la mia vena creativa.

Così partii da uno schizzo, e mano mano lo feci assomigliare sempre più a una donna alta e magra.

A una modella.

Avevo sentito dire che nei figurini si tende a riportare le proprie caratteristiche fisiche, alterando quelle ideali.

Eppure io non mi vedevo né alta, né slanciata.

Una volta soddisfatta dalla modella, decisi di disegnare una collezione invernale.

Amavo l’inverno, i suoi colori freddi e distaccati, ma anche l’armonia dei contrasti.

Quelli li amavo ancora di più.

I poli opposti che si attraggono.

Che si completano.

La vivacità del fuoco in contrapposizione alla tranquillità dell’acqua.

Li amavo perché in parte mi descrivevano.

Finii col disegnare un vestito lungo, che cadeva morbido.

La seta sarebbe stata perfetta per rappresentarlo.

Ero indecisa sui colori esatti, sulle sfumature, quando qualcosa catturò la mia attenzione.

Alzai lo sguardo al suono dei cinguettii degli uccelli, alla vista di una luce sfolgorante.

Strano, da me non era primavera, bensì autunno.

Incuriosita poggiai il quaderno su una sedia e mi diressi alla finestra.

La luce proveniva dalla mia destra e andava a finire dritta a sinistra.

Dalla mia posizione non riuscivo a capire bene dove, perciò uscii di casa e seguii quella luce, come ammaliata.

Dentro di me riecheggiava la voce di mia madre, che mi ricordava di stare attenta.

Di solito la ascoltavo sempre.

Ma tanto ero sicura di saper badare a me stessa, inoltre non mi sarei allontanata troppo e avevo le chiavi di casa con me.

Gli uccellini sembravano venirmi dietro, mi sentivo come la principessa di una fiaba.

Mi guardai intorno: non c’era nessuno a osservarmi, a giudicarmi.

Iniziai a cantare, ormai seguendo la canzone delle mie cuffie ancora attive.

Era tutto perfetto, almeno finché non vidi che la luce proseguiva all’interno di un giardino.

All’interno di quel giardino.

Di colpo indietreggiai.

Non potevo andare lì.

Mi era sempre stato proibito.

Fin da bambina.

Non avrei mai dimenticato il momento in cui avevo visto per la prima volta quel giardino.

Volevo entrarci, giocare.

Ma mia madre non me l’aveva lasciato fare.

Con questo pensiero in mente mi voltai e feci retromarcia verso casa.

Rientrai dentro e ripresi il mio quaderno.

Tentai di continuare il figurino.

Eppure nessun colore si addiceva al mio stato d’animo attuale.

Mi sentivo privata di un qualcosa.

Mi ero sempre sentita così.

Sapevo che era da immatura pensarlo, ma sembrava che mia madre volesse privarmi di un qualcosa di bello.

Ovviamente non era così, me lo aveva spiegato.

Mi aveva spiegato più volte che qualsiasi persona, adulta o bambina, in quel labirinto non poteva entrarci.

Perché una volta dentro, non si trovava più una via di uscita per quante strade c’erano.

Decisi di calmare, perciò, il nervosismo e di prepararmi qualcosa per cena.

Ma nonostante facessi di tutto per distrarmi, il ricordo di quella luce così luminosa, così… Poco naturale, mi tornava alla mente in continuazione.

Avrei dovuto dimenticarmela però, e al più presto pure.

Perché da quel labirinto, nessuno che fosse entrato, ne era mai uscito.

2020-04-12

Aggiornamento

Che ne pensate dei nuovi volantini in stile Holiday Night?❤️✨🌃

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    Ciao a tutti ho acquistato di recente questo libro,acquistandolo ho letto la bozza e reputo questo un grande libro,originale e adatto ad un pubblico a mio parere molto ampio.
    Io non sono un lettore,ne ho letti davvero pochi,quesť ultimo mi ha colpito particolarmente,è appassionante,dentro c e il genere fantasy,un pizzico di romanticismo e tanta avventura.Il mio personaggio preferito è shulby,un esserino blue molto dolce che è stato molto di aiuto alla protagonista nelle sue avventure
    Lo consiglio vivamente e come ho già detto in precedenza a parere mio è adatto a qualsiasi persona di qualsiasi età.
    P.s. lo sto facendo leggere anche alla mia sorellina

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Patrizia Di Cerbo
Sono sempre stata una ragazza curiosa e determinata.
La scrittura è la mia più grande passione e pubblicare un mio romanzo il miglior sogno.
Le persone che mi sono state più accanto sono la mia famiglia, il mio ragazzo Riccardo e la mia migliore amica Antonella e non smetterò mai di essergli grata.
Metto nel mio lavoro interesse, entusiasmo e determinazione e spero di raggiungere al meglio il mio obiettivo.
Patrizia Di Cerbo on Wordpress
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie