Accedi

Il risveglio di Giuda

Overgoal! Un ufficio stampa curerà la visibilità sulla stampa tradizionale e su quella online. Una strategia dedicata di marketing online consiglierà il libro a nuovi potenziali lettori.
Goal! Il manoscritto passerà alla fase di editing, revisione, progetto grafico e stampa. Una volta pronto, il libro verrà pubblicato in formato cartaceo e ebook, e reso disponibile all'interno del circuito di Messaggerie Libri e nei più importanti store online.
40% Completato
120 Copie all´obiettivoi
Al raggiungimento dell’obiettivo il libro verrà pubblicato
35 Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Febbraio 2020
Bozze disponibilii
Se pre-ordini il libro, potrai cominciare a leggere subito le bozze del manoscritto

In una calda notte romana la Sacra Sindone viene rubata dai Musei vaticani. La reliquia viene affidata a un uomo dotato di una vista fuori dal comune il cui compito sarà quello di studiare il sudario e svelare il segreto che ha tenuto nascosto per 2000 anni.
Il risveglio di Giuda non è un thriller a sfondo religioso come potrebbe sembrare. L’argomento religione è marginale nella storia. Il perno del libro sono i protagonisti, le loro vicende, la loro personalità, le capacità soprannaturali di alcuni di loro, capacità che li metteranno in pericolo, in fuga dai nemici, e che faranno ritrovare vecchi amici, stringere nuove amicizie e sbocciare l’amore tra le pagine di questa storia di vita.

Perché ho scritto questo libro?

Per leggerlo! Le storie che scrivo le vivo in prima persona nella mia mente, non conosco lo svolgimento dei fatti se non li scrivo e spesso arrivarci è un viaggio che compio per prima cosa come lettore e poi come narratore. Se sapessi in anticipo ogni cosa del libro che sto scrivendo credo che mi annoierei e lo pianterei lì. Invece il non conoscere i fatti mi riempie la mente di curiosità e mi sprona a dar vita al libro per “vedere” cosa accadrà, come andrà a finire.

ANTEPRIMA NON EDITATA

Quella mattina d’inizio settembre, Isabella Giudice prese posto nella fila al centro dell’aula di teologia all’università Cristiana. Aveva deciso bene di non pettinarsi e i corti capelli rossi erano un confuso groviglio di ciuffi. Sopra la gonna blu indossava una ca­micia bianca. Gli altri studenti stavano rapidamente occupando i posti e non vedendo arrivare Jordi, Isi posò la sacca sul sedile ac­canto, occupandolo per l’amico. Poi si acquattò quanto più le riu­sciva, nel tentativo di nascondersi alla vista del docente che aveva appena fatto il suo ingresso.

Il diverbio avuto da Isabella qualche giorno prima con Romon­celli, sulla parabola dell’albero di fichi, era passato di bocca in bocca, diventando quasi una leggenda.

Isabella Giudice aveva ventidue anni e il cognome che portava era quasi un’istituzione all’università Cristiana. Il compianto Pao­lo Giudice, padre di Isabella, era stato studente modello, inse­gnante di letteratura e poi rettore dell’università.

Isi adorava studiare e frequentava l’università per coronare il sogno del padre che la voleva laureata. Ma la scomparsa del fra­tello maggiore prima e dei suoi genitori poi aveva reso quel frutto acerbo un bocciolo mai schiuso.

Aveva sedici anni quando il fratello, Davide Giudice, era scomparso durante la traversata in solitaria dell’oceano atlantico e da allora lei aveva smesso di sorridere. Due anni dopo Paolo Giu­dice e la moglie Anna erano morti in un incidente d’auto.

Si era ritrovata a fine liceo improvvisamente sola al mondo ed erede di una fortuna. Suo padre aveva dato disposizione che ad amministrare l’intero patrimonio fosse Adrian Bergh, amico di fa­miglia e proprietario di uno studio legale in Svizzera. E le disposi­zioni erano chiare: Isabella avrebbe ereditato il patrimonio di fa­miglia dopo essersi laureata all’università Cristiana di Milano. O, al compimento del trentesimo compleanno.

Il corso che preferiva era quello di lingue antiche, e trovava che tenere la mente occupata con gli studi la distraeva da pensieri e ricordi che le provocavano ancora fitte di dolore allo stomaco.

Continua a leggere

Immersa nel verde della periferia sud di Milano, l’università Cristiana è un imponente edificio di mattoni grigi, costruito sul fi­nire del diciassettesimo secolo.

È tra le più antiche e rinomate facoltà. Da qui sono uscite men­ti brillanti. Presidenti del Consiglio e della Repubblica. Tre papi vi avevano studiato nel corso della sua rispettosa storia. Diversi avvocati ne erano usciti, e molti dottori. Ogni anno, i primi di set­tembre, il Papa teneva un discorso nell’antica aula porpora.

C’erano alloggi per gli studenti e il grande parco che circonda­va la facoltà era il luogo ideale per studiare nei mesi belli, all’om­bra di una quercia.

Quella mattina gli studenti affollavano i viali d’accesso alla fa­coltà chiacchierando e passeggiando sotto il tepore del sole. C’era chi preferiva una salutare corsa mattutina nel parco, o chi studiava appollaiato su qualche panchina. L’intera comunità di studenti su­perava di poco i tremila iscritti. Tra i corsi della facoltà, il più am­bito era quello di teologia. Frequentare il corso significava avere quaranta crediti in più ed era risaputo che le menti più illustri era­no tutte passate da quel corso.

Jordi arrivò poco dopo di corsa, doveva essersi svegliato tardi. Quando s’infilò goffamente nella fila dov’era seduta Isabella, dei libri gli caddero dalle mani e finirono a terra.

Vedendo la scena Isabella scattò in piedi e andò ad aiutarlo.

Si chinò e raccolse qualche libro.

«Grazie Isi» disse Jordi a bassa voce e rosso in viso.

«Ciao. Svegliato tardi?»

«Non ho sentito la sveglia».

Isi annuì rialzandosi e tornò a sedersi accompagnata dall’ami­co. Tolse la sacca per liberare il posto a Jordi dopodiché volse lo sguardo verso la cattedra.

«Quando impererò a tenere la bocca chiusa sarà troppo tardi» gli confidò.

Jordi sorrise compiaciuto. «Io ti avevo avvertita di startene buona».

«Sì, lo so» rispose rammaricata per non avergli dato ascolto.

Il docente sistemò dei fogli in una cartelletta e si sedette osser­vando in silenzio gli studenti. Aveva cinquant’anni. Era un uomo basso e stempiato, con una pancia prominente e il doppio mento.

Isabella si acquattò quanto più le riusciva, cercando di nascon­dersi alla vista da falco di Romoncelli. L’ultima cosa che voleva era un nuovo scontro verbale e la conseguente attenzione di tutti. Per quanto le teste delle persone riuscissero a celarla alla vista di Romoncelli, il rosso dei suoi capelli doveva essere individuabile come un faro in cima alla scogliera.

In quel momento due uomini fecero il loro ingresso nell’aula. Uno rimase in piedi vicino all’entrata: indossava un elegante abito grigio chiaro. Poteva avere una quarantina d’anni. Isabella lo guardò per un istante, ma non lo conosceva; quindi spostò l’atten­zione sull’altro uomo appena entrato. Questi vestiva di nero, o al­meno così le sembrava perché la sua attenzione era tutta concen­trata sul viso. L’uomo si era spostato verso la finestra che dava sul parco. Isabella riusciva a vederlo solo di profilo, ma c’era qualcosa di malinconico nello sguardo di quell’uomo che la rapi­va.

Romoncelli guardò verso l’uomo in grigio, annuì e si alzò. Girò attorno alla cattedra e si mise davanti ai ragazzi, osservando­li.

Istintivamente Isabella presagì qualcosa; d’altronde non c’era­no state ancora ripercussioni riguardo la discussione avuta solo qualche giorno prima. Era quindi logico presumere che fosse giunta l’ora della resa dei conti, anche se non riusciva a capire la presenza dei due uomini. Quello vestito di nero osservava il pano­rama a braccia conserte senza preoccuparsi dei presenti.

«Signorina Giudice…» attaccò Romoncelli.

Ecco ci siamo, pensò Isabella sistemandosi meglio sulla sedia. Il cuore accelerò i battiti. Ma quand’è che avrebbe imparato a starsene un po’ zitta? Si rimproverò nuovamente schiarendosi la voce. «Sì?»

Jordi la toccò con un ginocchio, in un chiaro segno di ammoni­mento ad andarci piano. Lei gli restituì il tocco con maggior for­za, come a dire: “Sì, lo so”.

L’uomo in grigio la stava osservando serio, mentre quello ve­stito di nero preferiva il panorama oltre il vetro.

Romoncelli guardò verso l’uomo in grigio e questi annuì, quin­di il professore tornò a rivolgersi verso Isabella. «Signorina Giu­dice, come da me richiesto qualche giorno fa, ha riletto la parabo­la dell’albero di fichi?»

«Non mi piace» sussurrò Jordi.

«Neanche a me» convenne lei, poi rispose. «Sì, professore, l’ho fatto». Con tono pacato provò a chiarire che secondo lei sul­l’albero non c’erano frutti e di conseguenza non poteva offrirli come doni, cercando di evitare l’ipotesi che la maledizione di Gesù fosse dovuta al fatto che non lo aveva sfamato.

«Non mi sembra che la rilettura della parabola sia servita mol­to. Vede, signorina Giudice, Gesù ha usato l’albero come un sim­bolo; lei non deve vedere l’albero di fichi in quanto tale, ma ciò che Gesù vuole indicare».

Tutto si stava ripetendo, esattamente come la settimana prece­dente, solo che questa volta c’erano i due misteriosi uomini come pubblico aggiunto e a Isabella la cosa proprio non piaceva. In quel momento avrebbe desiderato nascondere le proprie idee.

Non permettere mai a nessuno di zittire il tuo pensiero. Soleva ripeterle suo padre come mantra d’incoraggiamento.

Anche quando le mie idee mettono a rischio la laurea, pa­dre? Pensò torturando un angolo della gonna.

«Forse non riesco a intravvedere la simbologia che lei mi fa notare. Però la mia considerazione potrebbe essere il frutto della visione parziale e sommaria della parabola» rispose sperando che questo mettesse fine a tutto.

Gli studenti ascoltavano in silenzio il dibattito.

Romoncelli annuì soddisfatto dalla risposta ma precisò comun­que. «Gesù risponde a Pietro: “abbiate fede in Dio… qualsiasi cosa chiedete nella preghiera abbiate fede di ottenerlo”. Gesù vo­leva vedere la reazione dei discepoli per poi spiegar loro di non scoraggiarsi. Lui aveva fame e vedendo che l’albero non aveva fi­chi lo ha maledetto; tutto questo simboleggia il credente che fa una richiesta a Dio e non avendo immediata risposta lo maledice».

Isabella si morse il labbro per non ribadire che lei continuava a vederci un albero morto per mano di Gesù. Annuì. «Cercherò di leggere con più attenzione, professore».

«Diplomatica» si complimentò a bassa voce Jordi.

«Almeno ci provo».

Isabella notò che l’uomo in grigio seguitava a guardarla serio mentre quello vestito di nero continuava a guardare fuori dalla fi­nestra.

Romoncelli annuì. «Le raccomando di essere di larghe vedute. Ora, se volete prestarmi la vostra attenzione, sono lieto di presen­tarvi il nuovo rettore, il signor Ignazio Deviti».

Ignazio Deviti, l’uomo in grigio, si avvicinò alla cattedra e strinse la mano al professor Romoncelli, poi si rivolse ai ragazzi. «Salve a tutti. Come saprete il precedente rettore è andato in pen­sione e ho avuto il privilegio di sostituirlo; lo so cosa state pen­sando, che sono troppo giovane… difatti ho solo trentasei anni, e sembro più un insegnante che un rettore, ma se i membri del con­siglio hanno scelto me è perché confidano che possa svolgere al meglio questo mestiere».

Tutti ascoltavano in silenzio.

«Ci saranno diverse novità a partire da quest’anno: a breve sarà distribuita una circolare in ogni aula e affisso un messaggio in bacheca nella sala centrale. Posso anticiparvi che da quest’anno la mensa è cambiata, il menù avrà un’ampia scelta e a mio parere sarà più buono».

Vi furono cenni d’assenso a questa notizia e Deviti sorrise compiaciuto. «È mia intenzione favorire l’attività sportiva perché credo nell’efficacia dell’esercizio fisico. Proporrò al consiglio di attribuire dei crediti a chi lo pratica».

Applausi sinceri seguirono questa novità.

«Però devo anche avvisarvi che non sarà più tollerato alcun ri­tardo ingiustificato: vi ricordo che questa è un’università con re­gole proprie e vi richiamo quindi al rispetto delle stesse, come un abbigliamento più conforme agli standard dell’università».

Il rettore Deviti pescò un foglietto dal taschino e lo aprì. «E ora, se permettete, ho qui i nomi dei cinque studenti che quest’an­no avranno l’onore di scambiare qualche parola con il Papa, du­rante la sua visita. Sono: Patrizia Giordano». Una vocina acuta manifestò la sua felicità da una delle prime file: apparteneva a una ragazza dai voluminosi capelli biondi. Il rettore proseguì la lettu­ra. «Federico Mastronna». Lui sedeva nella parte destra dell’aula; molti suoi amici gli strinsero la mano felici per lui e, molto proba­bilmente, anche un po’ invidiosi.

«Enzo Bubini». Il designato si alzò e ringraziò il rettore con un leggero inchino.

«Sonia Belvedere». Nessuna voce espresse il ringraziamento, perché non era presente.

«E Isabella Giudice».

L’aula si ammutolì. Tutti rimasero sorpresi nel sentire il nome di Isabella; lei stessa inarcò le sopracciglia stupita e subito preci­so: «Mi scusi, rettore, credo ci sia uno sbaglio».

Deviti piegò con cura il foglietto e se lo infilò nella tasca inter­na della giacca. «Nessun errore, signorina Giudice, lei è stata scelta per parlare col Pontefice».

Isabella si rabbuiò. «Perché proprio io?»

«Perché così è stato deciso».

«Con tutto il rispetto, rettore, vorrei rifiutare».

«Lei non può rifiutare, perché il consiglio ha approvato il suo nome. Dunque sosterrà nell’aula porpora la discussione col Papa, sperando che non vada oltre le righe. In questo caso sarò costretto a prendere provvedimenti.».

«Lo sapevo che c’era qualcosa che non andava» asserì preoc­cupato Jordi.

Isabella non sapeva cosa dire, e qualcosa, forse un movimento dell’uomo vestito di nero, attirò la sua attenzione. Il rettore seguì la direzione del suo sguardo verso la finestra, poi tornò a guardar­la confuso. «C’è forse qualche problema, signorina Giudice?»

«Non rispondere!» l’avvertì sottovoce Jordi.

Ma Isabella invece rispose. «Nessuno, rettore, solo mi chiede­vo chi fosse l’uomo entrato insieme a lei».

Tra gli studenti si diffuse immediatamente un vociare concita­to. Il rettore corrugò la fronte e tornò a guardare verso la finestra, dove l’uomo vestito di nero continuava imperterrito a fissare il panorama. Ma era vestito di nero? Isabella non riusciva più a ca­pirlo, non era in grado di mettere a fuoco i suoi vestiti: ogni volta che guardava in quella direzione, il suo sguardo era catturato dal volto dello sconosciuto.

«Ma che cosa diavolo stai dicendo?» le domandò di fretta e con evidente preoccupazione Jordi. Isabella non capì le parole dell’amico, o meglio le comprese, ma le parvero strane. Il vociare tra gli alunni si propagò rapidamente.

«Può ripetere?» le domandò il rettore, anch’egli confuso.

Isabella si sentì a disagio; guardò l’uomo vestito di nero e vide che continuava imperterrito a scrutare fuori dalla finestra. Però aveva qualcosa di strano: ora che ci faceva caso, anche se non ca­piva cosa ci fosse che non andava in lui.

Isabella si voltò verso Jordi. «Dimmi che lo vedi anche tu!»

L’amico la guardò sempre più confuso. «Ma chi?»

Il cuore di Isabella impazzì. «L’uomo vestito di nero, lo vedi?»

«Io non vedo nessuno, Isi».

«Signorina Giudice, stiamo aspettando» la informò il rettore. Romoncelli era confuso come tutti.

Quando si voltò, con sorpresa Isabella notò che l’uomo vestito di nero era scomparso… non era uscito dall’aula, se ne sarebbe ac­corta, era semplicemente svanito nel nulla.

Un groviglio nodoso si formò nello stomaco e il cuore accelerò i battiti. Isabella deglutì e disse al rettore che avrebbe parlato al Pontefice, chiudendo lì la conversazione.

«Questa poi me la spieghi» bisbigliò Jordi.

Una volta usciti dall’aula, terminata la lezione, Isabella e Jordi si avviarono lungo il corridoio est che portava all’entrata della fa­coltà. «Ti dico che sono sicurissima di aver visto un tizio vestito di nero entrare in aula assieme al rettore» ripeté per la seconda volta Isabella: proprio non le riusciva a far capire il concetto al suo amico. «E io ti ridico che non ho visto nessuno».

La massa di studenti si muoveva con loro verso l’uscita.

Una donna si parò davanti a Isabella, bloccandole la strada. «Isabella Giudice?» le domandò. Indossava un tailleur grigio chiaro e aveva i capelli castani raccolti in una coda. Sul naso por­tava un paio di occhiali dalle lenti rettangolari e dalla montatura in oro.

«Sì, sono io».

«Oh, bene. Salve, sono Federica Larovere, la segretaria del ret­tore Deviti: il rettore gradirebbe vederla nel suo ufficio».

Ma che giornata fantastica! «Quando?»

«Diciamo dieci minuti fa?» rispose secca la segretaria, poi fece un rapido cenno e si dileguò tra la folla.

Jordi guardò l’amica e con indice e medio della mano destra disegnò una croce in aria, profetizzando sventure in arrivo.

Isabella lo ringraziò sarcasticamente per l’incoraggiamento mostrandogli la lingua e si avviò controvoglia verso l’ufficio del rettore.

15 luglio 2019

Aggiornamento

Anche VareseNews ha parlato del mio libro in un bell'articolo che potete trovare a questo link.
Grazie alla redazione e al giornalista Marco Caccianiga per avermi dato la possibilità di parlare del mio libro e del crowdfunding.
10 luglio 2019

Aggiornamento

Sul sito di Malpensa24 potete leggere il bell'articolo che hanno dedicato al mio libro. Ringrazio la redazione e il giornalista Francesco Tamassini per questa opportunità e per la bella intervista!
Qui il link
30 giugno 2019

Evento

Gattaland, via Salvador Allende, Gallarate (VA)
Domenica sarò presente alla festa d'estate al Parco Felino di Gallarate dove durante la giornata parlerò del mio libro, del progetto di crowdfunding legato ad esso e della casa editrice Bookabook.
Durante l'evento sarà possibile pre-ordinare una copia del libro.
Vi aspetto numerosi!
29 maggio 2019

Aggiornamento

Sul sito Librilamiavita.it è disponibile la recensione al libro. Andate a leggerla a questo link perché racchiude in sé l'anima del libro e dei personaggi!
02 giugno 2019

Aggiornamento

A questo link potete trovare una breve intervista che ho rilasciato al sito, sono presenti curiosità legate al libro, andate a leggerle!!

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    Il primo capitolo fa nascere la curiosità, il secondo crea suspense, dal terzo non riesci più a smettere di leggere per scoprire come andrà a finire!! Un libro che ti coinvolge fin dalle prime righe e ti porta al centro della storia assieme ai suoi personaggi ! Da acquistare subito e leggere tutto d’un fiato!

  2. L’inizio del libro è molto promettente e la narrazione avvincente. Copia prenotata: fatelo anche voi!

  3. (proprietario verificato)

    Sin dalla prima pagina ci sono personaggi, ambientazione e mistero: manca solo la continuazione.

  4. L’anteprima ha stuzzicato la mia curiosità. In poche righe ho avuto modo di immaginare la protagonista e l’ambientazione nella quale è inserita, ma mentre immaginavo i possibili sviluppi sono stata spiazzata dalla conclusione della breve anteprima. Anteprima e sinossi offrono quel tanto che basta a stuzzicare il desiderio di conoscere la storia per intero permettendo di prevedere chissà quante avventure che, unicamente per i riferimenti all’ambiente accademico e alla religione, mi hanno ricordato le avventure del professor Langdon. Si prospetta sicuramente un’avventura… intrigante.

  5. (proprietario verificato)

    Ho iniziato a leggere il libro ed è veramente difficile smettere di farlo….leggendo non si vedono le parole ma davanti agli occhi si vedono nitide le situazioni che sta descrivendo…Si, un libro avvincente e scritto molto bene

  6. (proprietario verificato)

    Per il momento letto l’anteprima, che dire? Un libro che sicuramente più lo leggi e più lo leggeresti; uno di quei libri che quando arrivi alla fine ti senti persa perché ti mancano i tuoi compagni di avventura.

  7. (proprietario verificato)

    Come resistere?! E’ un racconto avvincente, non mancano le pagine a fiato sospeso. Un libro da mangiare a colazione, pranzo e cena (e per gli insaziabili come me, anche lo spuntino notturno).
    Non fatevi ingannare dal titolo, scollegate ogni pensiero e fatevi coinvolgere dalle emozioni che la protagonista riuscirà a farvi vivere.

Aggiungere un Commento

Fabio Suraci
Sono nato a Gallarate nel lontano 1974 e qui vivo con mia moglie, un cane, un gatto, la musica, i libri e le serie tv. Queste sono le mie passioni, tra tutte ascoltare musica e scrivere libri. Le due cose sono collegate in maniera inscindibile: senza musica non scriverei. Non potrei fare a meno dei Metallica o di Stephen King. Mi definisco un racconta storie piuttosto che uno scrittore, mi limito ad ascoltare i protagonisti dei miei libri, a dialogare con loro, a vivere le storie che mi descrivono e poi cerco di raccontarle nel miglior modo possibile nella speranza di riuscire a trasmettere le emozioni che loro condividono con me.
Fabio Suraci on sabwordpressFabio Suraci on sabinstagramFabio Suraci on sabfacebook

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie