Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Il ritorno a casa di Lupa Bianca

Il ritorno a casa di Lupa Bianca
6%
188 copie
all´obiettivo
68
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Aprile 2022
Bozze disponibili

Dopo la nascita di Evangelyne la vita di Thomas Sebastian Reed non è più stata la stessa, da subito un legame che va oltre l’amore che si può avere tra la figlia del suo migliore amico e un uomo che ha dato tutto di se per la carriera militare.
All’alba della grande guerra di secessione, il Generale Reed viene chiamato alle armi dopo il suo matrimonio, il destino dei due coniugi viene sconvolto dalla guerra.
Thomas ha una fugace storia d’amore con Esther, crocerossina e suora in un campo militare e Evangelyne si innamora di Orso Che Corre, membro della tribù dei Creek (Muskogee), dopo averlo salvato una notte di primavera con l’aiuto di un enorme lupo nero.
Ma una tragedia fa riunire Evangelyne e Thomas quando tutto sembrava perduto, il loro amore durerà per sempre?

Perché ho scritto questo libro?

Ho scritto questo libro perché volevo una storia tutta mia da raccontare, dopo avere letto molti libri storici su indiani e di quel periodo, ho voluto fortemente questo romanzo, sperando di avere riassunto tutto quello che la mia fantasia voleva dare.
Questo libro è per me una nuova rinascita, dopo un periodo un po’ così come lo è stato per tutti, scritto in appena tre mesi nel secondo lockdown.

ANTEPRIMA NON EDITATA

LOUISIANA 1866

Il suo cavallo galoppava a più non posso saltando siepi e buche sparse lungo il tragitto. Arrivato alla lussuosa casa scese dal cavallo ancora in corsa. «Non ti muovere!» Il cavallo, come al solito capì all’istante l’ordine dato dal suo padrone, rimase immobile a brucare l’erba in quel punto. L’uomo salì i gradini due a due e arrivò nello studio del padrone di casa come un uragano, senza essere presentato e tanto meno senza bussare. «Ma cosa?» Disse il padrone di casa sconcertato.

«Dio solo sa il perché non ti uccido adesso!». I due uomini si fissarono per alcuni minuti, prima di riuscire a dire qualcosa che avesse un senso compiuto, il primo a parlare fu l’uomo che era entrato come una furia nella casa. «Che razza di uomo sei? Io non ti riconosco più! Per l’amor del cielo ma come ti sei permesso?» Disse urlando e avanzando verso di lui con i pugni stretti, tanto che le nocche divennero bianche.

Continua a leggere

Continua a leggere


«Ma come ragioni? La colpa è solo sua, io ho fatto il mio dovere di padre e non ti azzardare a parlarmi così, hai capito? Dovevo salvaguardare il nome della mia famiglia, cosa che lei non ha pensato per niente, e anche il tuo! Mi dovresti ringraziare invece di stare li a sbraitare come un campagnolo!» Gli occhi dell’uomo si chiusero fino a diventare due fessure.

«Il mio nome non ha bisogno di essere salvaguardato da nessuno, tanto meno da te» Disse serrando la mascella e avanzando minaccioso «Ti devi solo vergognare».

Il padrone di casa bevve l’ultimo goccio di whiskey che aveva nel bicchiere, lo appoggiò rumorosamente sulla sua scrivania e guardò in faccia il suo interlocutore. «Ma tu lo sai cosa ha fatto? Cosa ci ha fatto a tutti e due? Te lo ha spiegato?» L’uomo tirò su le spalle e il mento e lo guardò con sfida. «Certo che me lo ha detto, mi ha raccontato tutto e anche quello che hai fatto tu» Il padrone di casa sorrise «E non sei d’accordo con me che era una degna punizione? Per quella sgualdrina era più che ragionevole!» Un velo nero gli calò su gli occhi, non era rabbia, non era nemmeno disgusto, era molto di più. Un istinto omicida si impossessò di lui e avanzando verso il padrone di casa disse

«Avrei dovuto farti uccidere quella volta, invece per colpa tua sono diventato un assassino per difenderti! Bastardo!»

Si scagliò contro di lui colpendolo ripetutamente.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il ritorno a casa di Lupa Bianca”

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Lorenza Panisi
Mi chiamo Lorenza Panisi, ho 48 anni e vivo in una casa di campagna con mio marito e mio figlio, con le galline e un cane lupo di nome Zeus.
Nei miei libri mi piace scrivere un po' di me, del mio carattere solare, un po' maschiaccio e dei miei animali.
Leggo romanzi da una vita, i manga i fumetti di Lupo Alberto, City Hunter e della Marvel, sono una grande fan, dipingo, faccio decoupage.
Fin da ragazzina sono teledipendente, internet dipendente, musica anni '70/'80 dipendente.
Amo prendere il sole nel mio giardino e andare nella mia piscina, amo coltivare le verdure e la frutta nel mio terreno, amo preparare i dolci la domenica mattina.
Lorenza Panisi on FacebookLorenza Panisi on InstagramLorenza Panisi on Wordpress
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie