Accedi Registrati

Insondabile destino

thought-catalog-214785
Overgoal! Un ufficio stampa curerà la visibilità sulla stampa tradizionale e su quella online. Un promotore professionale proporrà il libro ai librai, una strategia dedicata di marketing online consiglierà il libro a nuovi potenziali lettori.
Goal! Il manoscritto passerà alla fase di editing, revisione, progetto grafico e stampa. Una volta pronto, il libro verrà pubblicato in formato cartaceo e ebook, e reso disponibile all'interno del circuito di Messaggerie Libri e nei più importanti store online.
18% Completato
164 Copie all´obiettivoi
Al raggiungimento dell’obiettivo il libro verrà pubblicato
99 Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Bozze disponibilii
Se pre-ordini il libro, potrai cominciare a leggere subito le bozze del manoscritto

La professoressa Beatrice Sensi è un’appassionata ricercatrice, e con il suo ultimo progetto vorrebbe informare la comunità accademica sui rapporti, quasi del tutto sconosciuti, tra le antiche popolazioni russe e quelle celtiche. Al cuore della sua ricerca c’è un taccuino celtico, all’apparenza indecifrabile, e misterioso, perché è cosa risaputa che i Celti non usavano la scrittura, solo i loro sacerdoti, i Druidi, potevano farlo. L’accoppiamento delle due culture porta Beatrice a conoscere Niccolò Malcovati, gran bell’uomo e assai colto. Non poteva non esserci un colpo di fulmine, e infatti i due trascorrono un’indimenticabile notte insieme. Solo una però, perché Beatrice all’improvviso si ritrae, spaventata dall’eccessiva intimità. Qualche secolo prima, in un villaggio tra i monti, vive Gwyny, figlia del potente druido Ynir e della splendida Una. Il destino priva la piccola della madre molto presto, quando ella dà alla luce Oonagh. Le ricerche sul taccuino si fanno sempre più complesse: in esso è narrata la storia di Gwyny, la crescita di Oonagh, la sua frequentazione dell’accademia druidica, il suo grandissimo amore per Liam, compagno di studio e Druido di recente nomina. Pur essendo vietato ai Druidi stringere legami prima di aver terminato la propria formazione, Gwyny e Liam non temono nulla e sfidano la sorte, ma il pericolo li raggiunge nelle sembianze di Oonagh che, crescendo, ha sviluppato la sua parte oscura. Gwyny e Liam allora decidono di fuggire. Beatrice intanto ha decifrato il taccuino, le sue ipotesi si sono rivelate corrette e questa nuova vittoria in capo accademico le dà grande prestigio. Liam e Gwyny, purtroppo non giungono alla salvezza assieme, un tragico destino li divide. Gwyny rimarrà da sola in terre lontane, al confine dell’antica Rus’, nelle cui terre era stato scoperto il taccuino. Infatti l’ormai anziana Druidessa riesce a mettere al sicuro il suo taccuino, su cui ha annotato il proprio destino, proprio come le aveva suggerito sua madre Una.

Perché ho scritto questo libro?

Perché è il mio mestiere, perché, dopo un un’immagine subitanea, nata durante una passeggiata con Hazel, la storia si è insinuata in me e non mi ha più lasciata fin quando si è conclusa. Scrivevo ogni giorno e questa quotidianità mi dava conforto e mi rendeva creativa: l’estro che non appariva nella vita reale si riversava interamente nelle parole del “romanzo”, del quale non conoscevo ancora il titolo. Quindi mi è piaciuto scriverlo, e l’ho fatto soprattutto per me stessa, perché, dopo tanti anni, questa parte vitale di me ha trovato il coraggio di farsi sentire. Scrivere per me è come ascoltare il mare, l’andirivieni sempre uguale delle onde, sentire l’odore salmastro, percepire il caldo e il sole sulle pelle, e guardare passeggiando sul bagnasciuga l’infinita distesa blu, colma di serenità.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Non ci sono ancora commenti o recensioni.

Lascia il primo commento su “Insondabile destino”

Anna Ferrari
Anna Ferrari, milanese, vive a circa 30 km dalla metropoli, avendo trovato un nuovo equilibrio di vita. Tra le sue pubblicazioni ci sono Fiabe d'Europa, il racconto per adolescenti La casa nel nocciolo, una raccolta di short stories, Voci per assolo. Normalmente insegna lingua e
letteratura inglese in un liceo e, nonostante tutto, questo mestiere le piace ancora molto.
Ha un sito web, www.ferrarianna.com, che ospita anche il blog Il Bibliochimista, dove con somma vitale lentezza argomenta sui libri e su ciò che gira attorno a essi. Piuttosto riservata, ama stare da sola, condizione in cui popola il suo spazio con le proprie storie. La sua maggiore passione sono i libri: letti, non letti, in attesa, comprati, regalati, ammucchiati, spolverati, dimenticati, ricordati, consigliati, sottolineati, amati, odiati… scritti. Vive con suo marito, i suoi animali, i suoi cactus, condivide molto tempo con suo figlio. Adorato.
Anna Ferrari on sabtwitterAnna Ferrari on sabfacebookAnna Ferrari on sabblogger