Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

La memoria dello scorpione

Svuota
Quantità

Nel 1983, pochi giorni prima di Natale, un evento tragico sconvolge la vita di Veronica che, a soli dodici anni, deve affrontare la morte del padre. Questa tragedia le causa un vuoto e una solitudine interiore che nessuno riesce a colmare.

L’esistenza di Silvia, al contrario, scorre serenamente e il giorno del funerale, pur sapendo per chi suonano quelle campane, non riesce a sostenere quella sofferenza, perché tenuta sempre al riparo da eventi infelici.

Dopo un anno, le due ragazze si incontrano per caso e iniziano a frequentarsi. Il rapporto diventa più profondo quando Silvia condivide con Veronica la lettura di alcuni romanzi, che le proiettano in un universo di emozioni e complicità. Attraverso lo scambio dei loro diari, riusciranno a con darsi i loro sentimenti più intimi.

INTRODUZIONE

Uno scorpione doveva attraversare un fiume ma, non sapendo nuotare, chiese aiuto a una rana che si trovava lì accanto. Così, con voce dolce e suadente, le disse: «Per favore, fammi salire sulla tua schiena e portami sull’altra sponda».

La rana gli rispose: «Fossi matta! Così appena siamo in acqua, mi pungi e mi uccidi». 

«E per quale motivo dovrei farlo?» incalzò lo scorpione. «Se ti pungessi, tu moriresti e io, non sapendo nuotare, annegherei!»

La rana rimase un attimo a pensare e, convinta della sensatezza dell’obiezione dello scorpione, lo caricò sul dorso e insieme entrarono in acqua.

A metà tragitto la rana sentì un dolore intenso provenire dalla schiena e capì di essere stata punta dallo scorpione. Mentre entrambi stavano per morire, la rana chiese all’insano ospite il perché del folle gesto. 

«Perché sono uno scorpione…» rispose lui. «È la mia natura!»

Continua a leggere

Questo racconto rappresenta la tendenza di molte persone a non mantenere ciò che si erano ripromesse di fare, a ripetere gli errori commessi nel passato e a rimanere ancorati alle abitudini e a certi comportamenti per loro consueti. Spesso si rinuncia a molti desideri per salvaguardare la stabilità del nostro essere, si preferisce farsi travolgere dalle insicurezze per paura dell’ignoto.

Lo scorpione sa benissimo che annegherà, il suo istinto sarà comunque quello di pungere la rana nonostante le promesse fatte; la rana decide di essere coraggiosa e dare fiducia allo scorpione consapevole del pericolo che sta correndo, ma speranzosa che non la pungerà perché così annegherebbe anche lui.

La formazione della personalità di ognuno è la conseguenza di una serie di fattori ed esperienze maturate nel corso del tempo. Raccontarsi in modo autentico a una persona genera situazioni che la potrebbero cambiare e mettere in discussione, un po’ come succede alla rana e allo scorpione.

Ma non è da tutti trovare la persona a cui rivelare le nostre emozioni e debolezze più profonde e con la quale scoprire come colmare quel vuoto che ci opprime e ci rende incompleti, ma riconoscendosi attraverso l’altro si può arrivare a conoscere la propria vera indole e vocazione.

Se lo scorpione avesse riconosciuto nella rana la sua persona, si sarebbero potuti salvare entrambi, se solo lo scorpione avesse ricordato la sua promessa.

PROLOGO

Veronica

Non sono mai stata una bambina molto socievole, anzi, direi piuttosto malinconica. Non riuscivo a fare amicizia con facilità, per mio fratello ero invisibile e avevo la sensazione di esserlo anche per i miei coetanei. Le amiche del quartiere mi consideravano a malapena, e non perché ero una delle più piccole, ma solo perché ero una gran rompiscatole, spiona e perfettina. Conosco la mia migliore amica da sempre, ma lo è diventata solo durante l’adolescenza quando il tuo “io” richiede di approfondire certe attese che soltanto chi è davvero simile a te può capire. Era come guardarsi allo specchio, finalmente avevo trovato qualcuno con cui condividere i miei pensieri senza essere fraintesa o giudicata. 

Non abbiamo mai sbandierato questa complicità, non volevamo che fosse contaminata da niente e da nessuno.

Silvia

Io e la mia migliore amica ci conosciamo fin da quando eravamo bambine. Non siamo state da subito amiche del cuore, anzi da piccola non la sopportavo proprio. In quegli anni giocavamo tutti insieme in cortile e le mie amiche preferite erano altre, più affini a me sia come carattere sia come interessi. Lei era più piccola di me di due anni e da bambini questa differenza d’età sembra di anni luce. Se qualcuno mi avesse detto, all’epoca, che sarebbe diventata la mia migliore amica, avrei pensato che sarebbe stato più probabile il ritorno dell’era glaciale. Siamo diventate davvero affiatate piano piano, superando differenze e diffidenze reciproche. Abbiamo vissuto questo legame in modo quasi segreto, sottotono, senza metterlo troppo in mostra, come una cosa troppo preziosa per condividerla con gli altri.

2021-05-28

Aggiornamento

Cari sostenitori, grazie a tutti voi abbiamo raggiunto il primo goal e il nostro libro sarà pubblicato e distribuito nelle librerie e negli store online a dicembre. Siamo immensamente felici di questo traguardo e ci avviamo con entusiasmo a perseguire il prossimo obbiettivo delle 250 copie che ci garantirà maggiore visibilità e promozione da parte di bookabook. Vi invitiamo a continuare con il passaparola e insieme possiamo realizzare un sogno in cui crediamo da sempre.
2021-05-30

Evento

Instagram Intervista con Alessandro Perriello e Debora Burani
2021-05-22

Aggiornamento

Diretta instagram con Paola Tricomi e Rossana Pasian
2021-05-10

Evento

Instagram Incontro in diretta instagram con Alessandro Galdi, autore di SEPPUR IMMOBILI. Faremo quattro chiacchiere informale con un giovane scrittore pieno di talento e fantasia, parleremo dei nostri lavori e della passione per i libri e la musica.
2021-05-06

Evento

Instagram Chiacchierata con Alessandro Perriello autore di INTIMATICA e Boris Gagliardi autore di OBLIO BLU. Parleremo dei nostri libri, le tematiche e i punti in comune tra tre libri diversi eppure simili. Vi aspettiamo
2021-05-01

Evento

Instagram diretta con Alessandro Perriello ore 19.00 Saremo in diretta con Alessandro Perriello, autore di Intimatica, per parlare dei nostri libri, dei personaggi e delle tematiche affrontate. Non mancate!
2021-04-11

Evento

Instagram Diretta instagram gentilmente invitate da Paola Tricomi con Rossana Pasian e Andrea Bianchi.
2021-03-27

Evento

instagram Diretta Instagram gentilmente invitate da Paola Tricomi con Rossana Pasian e Andrea Bianchi.
2021-03-21

Aggiornamento

Cari sostenitori e care sostenitrici vogliamo ringraziarvi per averci permesso di raggiungere questa percentuale di preordini in così breve tempo. Siamo molto felici del vostro appoggio e vi invitiamo a non mollare, il vostro supporto e il continuo passaparola sono ancora fondamentali per arrivare alla meta di 200 copie che permetterà al libro di essere pubblicato. Grazie infinte per essere al nostro fianco e permettere a queste due bambine di crescere.

Commenti

  1. Alisea Rea

    (proprietario verificato)

    Passiamo troppo tempo a scrivere, leggere e raccontare dell’amore dimenticando il valore di una vera amicizia che dura nel tempo, il valore di un sentimento incondizionato che supera qualsiasi ostacolo. La memoria dello scorpione mi ha fatto riflettere, attraverso due punti di vista diversi, che non bisogna dare per scontato questo sentimento e che quando si trova bisogna meritarlo giorno dopo giorno.

  2. Paola Tricomi e Andrea Bianchi

    (proprietario verificato)

    Straordinario esempio di complicità e amicizia. Una trama che ti attraversa

  3. (proprietario verificato)

    Potrei riassumere con due parole lesensazioni che ho avuto leggendo l’anteprima: delicatezza e purezza. La delicatezza che si percepisce anche nel racconto di ricordi dolorosi. La purezza nel raccontarsi; senza artifici o veli, presentarsi per ciò che siamo stati ed ha portato a ciò che si è. La promessa di un racconto incontaminato e pulito, come le protagoniste. Brave.

  4. Alessandro Galdi

    (proprietario verificato)

    Letta l’anteprima, sono rimasto colpito dalla veridicità rimandata dalle parole scritte e delle protagoniste. È stato come sedersi a un tavolo e ascoltare dal vivo le dirette interessate, provando empatia per molti tratti del loro racconto che, pur essendo personali, sono parte dell’essenza delle persone.
    Un’occasione per imparare ad ascoltare e trarre beneficio dalla preziosità del proprio viaggio di vita.

  5. (proprietario verificato)

    Quando leggendo un libro, si riesce a far accendere, pensieri, ricordi, sentimenti che ti emozionano, credo che il risultato sia stato raggiunto. Ecco, per le autrici di questo libro l’obbiettivo è stato pienamente raggiunto. Vi faccio i miei più sinceri complimenti, nella speranza che a questo facciano seguito altri vostri lavori.
    Luca Chiti.

  6. (proprietario verificato)

    È vero i Vs sentimenti sono palpabili e per quel poco che ho letto le righe scorrono piacevolmente Non sapevo di avere una cugina poetessa Complimenti ancora a entrambe

  7. fabiofalomi

    (proprietario verificato)

    Si riescono quasi a toccare i vs sentimenti, complimenti… per mio difetto, appeno entro in un personaggio mi rimane difficile staccarmi e saltare ad un altro cui mi sento più distante, a meno chè non interagiscono fra loro perdo un pò di interesse…rimane Adorabile

  8. (proprietario verificato)

    Esiste un modo “giusto” per raccontarsi? La risposta è sì. La familiarità di un diario, un tuffo nel passato, storie parallele ma diverse. Pagina dopo pagina, visioni che mi che mi fanno staccare dalla contemporaneità frenetica a cui sono ormai abituata. Cosa può essere più amarcord di un diario fra amiche?
    Semplicemente adorabile. Simona Galli.

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Pamela Nardini e Federica Innocenti
FEDERICA INNOCENTI nasce a Prato nel 1971. La lunga carriera nel mondo della moda le permette di mantenere vivo quello spirito creativo necessario per intraprendere un percorso di scrittura. “La memoria dello scorpione” è il suo romanzo d’esordio.

PAMELA NARDINI nasce a Prato il 2 febbraio 1969. Frequenta il liceo linguistico diplomandosi nel 1988 e intraprende gli studi di Scienze Politiche alla facoltà Cesare Al eri dell’Università di Firenze. Lavora a lungo nel campo della moda, continuando a coltivare la sua passione per la lettura e per l’arte. “La memoria dello scorpione” è il suo romanzo d’esordio.
Pamela Nardini e Federica Innocenti on FacebookPamela Nardini e Federica Innocenti on InstagramPamela Nardini e Federica Innocenti on Linkedin
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie