Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

La prima sbronza della storia

Svuota
Quantità

Nella Los Angeles di fine anni Settanta, Frank Stonati, dissoluto e sovversivo sognatore nauseato da una vita appiattita, decide di lasciare il suo monotono posto di lavoro per riconquistare la libertà. Attorno a lui, tra donne fascinose e amici scapestrati, accadono fatti inaspettati, come l’arrivo di un libro con pagine bianche dal mittente sconosciuto, o una proposta di collaborazione che promette di cambiargli la vita. Come un filo rosso, si susseguono i continui incontri, cercati e non, con l’incantevole barista del bar sotto casa.

CAPITOLO 1 – SOLE STORTO

Toc toc. Toc toc.Toc toc. Toc toc.

Qualcuno stava cercando di immischiarsi tra me e i miei sogni.

Poom poom.

Il rumore diventava sempre più forte e io cominciai a girarmi nel letto.

Poom poom. Poom poom.

Quel continuo rimbombo passivo era divenuto realtà. Mi svegliai. La nuvoletta da fumetto che usciva dalla mia testa esplose mandando fumo in tutta la stanza.

Continua a leggere

Continua a leggere

Cominciai a lottare con il cuscino schiacciandone con forza ambo i lati sulla mia testa. Niente da fare. Qualche rompicoglioni stava bussando alla mia porta. Mi alzai già con l’umore storto e barcollando mi avviai verso il rumore. Il sogno era già dimenticato. Guardai attraverso lo spioncino, occhio destro, occhio sinistro. Niente. Aprii la porta. Nessuno. Mi sporsi a destra, poi a sinistra, replicai il movimento un paio di volte. Niente. Nessuno. «Fanculo, pezzo di merda» pensai.
Chiusi la porta, dalla mia finestra guardai il sole sbattere contro la città. La giornata era luminosa e io l’avevo iniziata come peggio non si poteva. Aprii la finestra e mi accesi una sigaretta sul balcone. Drinnnnnnnnnng, cantò il citofono. «Chi cazzo è ancora?» risposi. Era Karl. Il custode “elfo” ben istruito nel rovinare le mattine di noi condomini. «Signor Stonati, c’è un pacco per lei.» «Ok» risposi evidentemente adirato. Tutto questo casino per un inutile pacco, pensai riportando il mio culo sul balcone. Passai da Karl. Ritirai la scatola. Era proprio un elfo divertente.«Siam sicuri non sia una bomba di qualche sua ex, signore?» disse con le sue orecchie a punta e la risata malefica-isterica.«Tutto può essere, Karl» risposi con la mia voce rauca, avevo lasciato le corde vocali sul letto.
Lo salutai e mi incamminai verso le scale insieme ai miei pensieri annebbiati. In effetti, chi avrebbe mai vietato a una mia ex di uccidermi? Mi venne in mente Emma, frequentata un paio di mesi, prima che la lasciassi per via del suo amore viscerale verso gli animali. Ricordo ancora quella volta in cui bloccò tutto il traffico della Sunset per aver visto uno scoiattolo sulle strisce pedonali. Era piena di animali in casa e si eccitava persino nel farlo davanti a tutti loro. Una sorta di zoo al contrario, noi in gabbia a farci guardare dagli animali che si godevano gratis lo show. La lasciai. Ripensai anche a Olivia, donna tutta d’un pezzo. I suoi soffici capelli castani lunghi e lisci, i suoi occhi verde smeraldo che ne facevano risaltare il viso. Pensavo fosse perfetta, se non fosse stato per quei repentini sbalzi d’umore ingiustificati. Forse era proprio lei la mittente di quel pacco. Mi autoconvinsi di aver già risolto il caso, pavoneggiandomi di essere un investigatore in erba. Feci gli ultimi gradini sentendomi tale.
All’ultimo gradino abbandonai tutte le mie speranze da talentuoso investigatore. Olivia non aveva mai palesato tratti di aggressività o psicopatia omicida. Non poteva essere stata lei. Entrai in casa, curioso di mettermi a disinnescare la bomba. Aprii la scatola e vidi un libro. Bianco e puro come la neve. Lo sfogliai con un alto livello di curiosità e sbigottimento. Al suo interno era vuoto, ma di un colore più neutro e naturale rispetto alla carta usomano a cui siamo abituati. Sembrava uno dei primi romanzi di Mark Twain, stampato nel diciannovesimo secolo.Guardai meglio. Cercai insistentemente una dedica, un pensiero, una minaccia di morte. Nulla. C’era solo il titolo scritto a mano: La prima sbronza della storia. Non riconobbi la calligrafia. Lo lanciai sul tavolo. Il mondo era là fuori. Mi aspettava, ma io non avevo voglia di incontrarlo.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    Ho letto la bozza che da a disposizione l’autore con il pre-ordine del libro. L’ho trovato molto piacevole, scorrevole ed avviccente! Si legge molto volentieri e, per essere una bozza, è ben scritto! Vieni trasport sin da subito nel pieno dell’atmosfera anni ’70 e in quel pizzico di mistero in cui ti lasciano le prime pagine.
    Consigliato a chi si vuole rimmergere in un mondo a metà tra Bukowski e Kerouac!

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Lorenzo Tedesco
nasce a Piacenza nel 1989. Amante di musica e di letteratura fin da tenera età, nel 2014 si laurea all’Università Iulm di Milano in Relazioni pubbliche e comunicazione d’impresa. Nello stesso anno si trasferisce a Los Angeles, dove consegue un Master in Marketing nel settore dell’entertainment. Attualmente si occupa di digital marketing e canta all’interno del gruppo musicale conosciuto come The FrameZ.
Lorenzo Tedesco on FacebookLorenzo Tedesco on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie