Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

La terra dei colpevoli

Svuota
Quantità

2164: dopo i conflitti scoppiati tra i colossi della tecnologia, la Terra è in rovina. Le persone muoiono di fame e malattie e, nonostante la miseria attanagli entrambi, Nord e Sud del Continente non hanno ancora smesso di farsi la guerra.

Al Nord il potere è concentrato nelle mani di Ruv Glévin, avido e spietato Governatore; al Sud, cani sciolti, gruppi indipendenti e ribelli tentano di sopravvivere a qualunque costo; tra loro, Ander Knox, ex combattente della Ribellione, cerca di dimenticare il passato e trovare la forza per rassegnarsi alla sua nuova esistenza.

Quando alla sua porta si presenta una ragazzina con una strana mappa, tutto cambia e, per la prima volta dopo decenni, una piccola luce inizia a brillare nell’oscurità.

MANIFESTO #43: LETTERE AL FUTURO, TESTIMONIANZA AUDIO DEL PROFESSOR ROB HOLZHENAUER

«Diario di bordo, giorno 17.081, anno 2164, 1.
«È da qui che nasce tutto, un chilometro alla volta. Per il potere sono un “cane sciolto”, per le gang un’assunzione facile. Da quando mia moglie e mia figlia sono scomparse, viaggio per procurarmi cibo e risorse: il mio unico obiettivo è sopravvivere.

Continua a leggere

«Ormai la natura si è impadronita di tutto, ma noi uomini combattiamo: è così che siamo abituati, da sempre. Nel Continente molte aree sono state abbandonate per la loro ostilità e per la prudenza degli uomini che hanno preferito nascondersi in nuovi e fatiscenti agglomerati urbani. Siamo animali sociali, come continuavano a ripetermi tempo fa, abbandonati a noi stessi, ai nostri istinti e alla paura di restare soli. Più di cento anni fa, una guerra tra colossi tecnologici gettò il mondo nel caos, provocando squilibri geopolitici e conflitti interni. Nel corso dei decenni, la legge del più forte vinse. Gli stati del nostro anziano continente persero gradualmente la loro sovranità, crollando sulle ceneri di un impero ideologico ormai defunto. Attualmente, quasi tutto il Nord del Continente è sotto il controllo del Governo Generale, uno stato autocratico con varie colonie sparse sul territorio. Col tempo, gli uomini del Governatore si presero con la forza la maggior parte delle risorse rimaste, l’oro ma anche le migliori menti e i professionisti utili al loro concetto di “convivenza felice”: medici, ingegneri, informatici. Nei territori meridionali e in parte delle aree centrali, invece, nacquero villaggi, cittadine e gruppi indipendenti, ma anche clan di nomadi, persino cani sciolti e commercianti ambulanti.
«Con il tempo, il Nord è riuscito a costruirsi un’economia solida e apparentemente sostenibile, mentre il Sud, meno civilizzato, vive da anni una fase di oblio nell’attesa che qualcosa cambi.
«In questo disegno casuale che divide rimpianto e benessere, immense aree naturali sono occupate da bande che assoggettano territori come branchi di lupi.
«Sinceramente, non so perché il nostro mondo abbia raggiunto questo risultato, questo punto di non ritorno. Una divisione quasi troppo marcata per non avere alla base dinamiche riconoscibili, analizzabili. Ci hanno provato in tanti a spiegarselo, e ci provano tuttora. Una lunga ricerca maledetta dalla paura di non comprendere fino in fondo le nostre debolezze.
«Anche la guerra, ormai, sembra non convenire più a nessuno. Sullo sfondo, la costante religiosa è rimasta, nonostante sia di comune credenza che non convenga più a nessuno nemmeno quella. È da tempo che la fede ha cominciato a perdere la sua forza. Come se gli uomini si fossero visti cancellare quel senso d’appartenenza che li aveva sempre contraddistinti, un po’ come l’artista che elimina uno schizzo insperato: ci mette poco, ma lo fa con fatica. Una grande idea nata in una lunga notte d’ardore, assopita con la fredda consapevolezza del mattino dopo.
«Leggi non scritte regolano i rapporti tra fazioni, mentre la fame fa tutto il resto. Non so cosa potrà succedere da qui in avanti. Mi sento seguito, minacciato, in pericolo.
«Registro questo messaggio con la speranza di trovare uno sguardo amico in questa terra di colpevoli. Nel caso serva a qualcuno, un giorno, per sapere come abbiamo vissuto. Per sapere come cambiare le cose, in futuro.
«Mai avrei pensato di affezionarmi al silenzio.»

2021-02-04

Bresciaoggi

In attesa della pubblicazione e vista la risposta positiva che ho ricevuto con i pre-ordini de La terra dei colpevoli, ho preso la mia decisione: il romanzo farà ufficialmente parte di una trilogia! Qualche giorno fa ne ho parlato anche con il collega Alessandro Gatta del Bresciaoggi, che mi ha fatto alcune domande sul progetto e sui motivi che mi hanno portato a proseguire questa avventura. Ecco l'intervista completa! Buona lettura, ci vediamo in libreria!
2020-10-07

Aggiornamento

Ed ecco le 200 copie, La terra dei colpevoli ha raggiunto il goal! Grazie a tutti coloro che hanno scelto di acquistare il mio romanzo permettendomi di pubblicarlo e distribuirlo! Il pre-order sarà comunque ancora disponibile qui fino al 17 novembre, per chiunque volesse, per darmi la possibilità di raggiungere i prossimi goal e far crescere sempre di più la nostra community. LTDC!
2020-09-21

Aggiornamento

Mancano solo 26 copie. "Pensi davvero sia tutto così diverso?" - "Sensazioni. Il mondo non è più lo stesso". - "E allora perché continuate a comportarvi come se non fosse successo nulla?" - "A volte il passato ci ricorda cosa eravamo e cosa potremmo essere, in futuro. Molto spesso ci azzecca, ma noi non impariamo mai".
2020-09-14

Aggiornamento

Il teaser trailer de La terra dei colpevoli è disponibile anche su YouTube! Scopritelo qui👉 https://www.youtube.com/watch?v=e1GZfTJxHFA
2020-09-13

Bresciaoggi

La terra dei colpevoli è sull'edizione odierna del Bresciaoggi! Una bella chiacchierata con Alessandro Gatta, con il quale si è parlato del romanzo e del bel lavoro di crowdfunding editoriale portato avanti da bookabook. Mancano meno di 50 copie al traguardo: ora serve lo sprint finale per darmi la possibilità di pubblicare il libro e raccontare la mia storia, il mio universo, i miei personaggi. Il 17 ottobre è vicino, sotto con i pre-ordini di LTDC! Grazie ancora a chi ha già contribuito e chi lo farà nei prossimi giorni.
2020-09-07

Aggiornamento

I luoghi di LTDC ci raccontano, pagina per pagina, i dettagli di un luogo pieno di atmosfere neo-noir e attitudini tipiche degli anti-eroi in conflitto con sé stessi, prima che con tutti gli altri. "L'unico modo per ingannare questa puzza di whiskey scadente: berne sempre di più".
31 agosto 2020

Aggiornamento

La pagina Facebook ufficiale de La terra dei colpevoli è ora disponibile! Qui potrete trovare news relative al libro, aggiornamenti da parte dell'autore e ovviamente contenuti legati al romanzo e al suo universo. Scopritela qui! https://www.facebook.com/laterradeicolpevoliromanzo/?notif_id=1598809791236518&notif_t=page_fan&ref=notif
27 agosto 2020

Aggiornamento

Ciao a tutti! Molti mi hanno chiesto il motivo della presenza di numeri dopo alcune parole all'interno dell'anteprima disponibile nella pagina della campagna. Niente paura! Nessun errore, nessun refuso: i numeri corrispondono a dei riferimenti specifici, delle vere e proprie note a piè di pagina che hanno il compito di raccontare ogni dettaglio o retroscena della storia nel corso della lettura. Questi elementi, ovviamente, saranno interamente disponibili all'interno delle bozze del romanzo non appena effettuerete il pre-order! Buon viaggio e buona lettura!
25 agosto 2020

Aggiornamento

Appunti dal Continente Riflessioni su Tom Knox "Era un uomo d'altri tempi Tom, uno di quelli che aspetta il proprio turno prima di parlare. Sembra scontato, ma la fretta aveva compromesso la naturalezza dei nostri rapporti. Un litigio, una rissa, un semplice confronto: ogni dinamica era finalizzata ad un solo e unico scopo, cioè quello di rompere i deboli equilibri del quotidiano. A morire non era stata solo la superficie del nostro mondo, ma tutto ciò che si nascondeva sotto".
31 luglio 2020

Aggiornamento

Ringrazio il blog "La Scrivania Letteraria" per aver fatto una segnalazione del romanzo ai suoi utenti! Potete trovare l'articolo qui: https://lascrivanialetteraria.com/2020/07/30/la-terra-dei-colpevoli-di-matteo-mario-segnalazione/?fbclid=IwAR1_DAs_2YTgyhQSm1aUB_VqHIdIEBp6f0wq3u2LHFJjgK76vyVyljB5StI
30 luglio 2020

Aggiornamento

Ciao a tutti, è l'autore che vi parla! Le parole sono potenti e coinvolgenti, ma con la musica tutto ha un significato diverso. Per questo ho deciso di creare la playlist Spotify ufficiale de La terra dei colpevoli: un mix di post rock, ballate e brani dedicati al romanzo, un perfetto soundtrack per catapultarvi ancora di più nella storia e farvi innamorare di ogni piccolo dettaglio. "La terra dei colpevoli - Sounds from the land" è disponibile qui: https://open.spotify.com/playlist/20XsPqPEQfn11plX83aBIH?si=kyx4IY1GSAKwcRnUQGCBaA Buona musica... E buon viaggio!
22 luglio 2020

Aggiornamento

É l'autore che vi parla! La community de La terra dei colpevoli sta crescendo sempre di più! Sono passati 12 giorni dall'inizio della campagna ed è già stato registrato un buonissimo numero di pre-order, testimonianza della grande curiosità che sta suscitando il mio romanzo: per questo ringrazio tutti quelli che hanno già dato il loro appoggio e coloro che lo daranno nelle settimane a venire. Nei prossimi giorni vi terrò aggiornati sulle idee in cantiere, sia sui social che fuori, per farvi restare sempre coinvolti nel progetto. Perché la terra dei colpevoli é imprevedibile, un ambiente da scoprire in ogni suo crudo dettaglio. Vi invito a tenere d'occhio anche il mio profilo Instagram per tutti i nuovi contenuti sull'opera e il suo misterioso continente, pieno di insidie e fuoristrada a corto di carburante. Un saluto!
15 luglio 2020

Aggiornamento

Crimine, potere, omicidi: in un lontano futuro il mondo è cambiato, ma l'essere umano non ha fatto lo stesso e le parole gentili non sono ammesse. Il Governo controlla gran parte del continente, mentre la Ribellione vuole cambiare le carte in tavola e lavora sotto traccia. Nel frattempo, cani sciolti e gruppi autonomi vivono nel loro mondo di mezzo, cercando vantaggi da entrambe le parti. Mentre la violenza è diventata ormai un'affare di famiglia, cosa succederebbe se uno dei giocatori scoprisse le sue carte?
 

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    Ho letto solo una parte dell’anteprima disponibile ma mi sembra che il romanzo abbia un bello stile e soprattutto una storia molto interessante. Anche i personaggi paiono fin da subito ben costruiti, complessi e imprevedibili. Bella anche la prefazione . Curioso di leggere l’opera completa

  2. Loredana Mutti

    (proprietario verificato)

    Giusto aiutare un giovane e promettente autore come Matteo: una bella storia, affascinante e piena di colpi di scena già dalle prime pagine delle bozze . Da quello che ho potuto leggere è un libro che merita sicuramente il pre-ordine! Bravo!

  3. (proprietario verificato)

    Ho letto un po’ le bozze e devo dire che il modo in cui è stata sviluppata la storia mi piace molto. I personaggi raccontano in prima persona quello che gli succede attorno e le loro storie si intersecano, coinvolgendo il lettore e trasportandolo nell’ambientazione dell’opera. Ne vale la pena! Complimenti Matteo, sei stato una rivelazione.

  4. Dopo una lettura veloce ma attenta delle bozze disponibili non posso che consigliare “La terra dei colpevoli”. Si viene catapultati in un mondo crudo di cui si vuole sapere sempre di più. Non vedo l’ora di avere la mia copia tra le mani per vedere come si evolve la storia ma le premesse sono ottime!! Possibile must buy!!

  5. Davide Di Filippo

    (proprietario verificato)

    Leggere l’anteprima è stato come bagnarsi con l’acqua e sentire il mare. Libro di sicuro molto interessante, ma soprattutto possibile espressione di un nuovo approccio alla letteratura. Super consigliato per tutti coloro che amano nuotare nel mondo letterario.

  6. (proprietario verificato)

    Ho avuto la possibilità di leggere parte delle bozze disponibili in anteprima e ho trovato molto interessante il modo in cui sono stati descritti i tanti personaggi presenti nella storia, i dettagli sulle loro vite, i rapporti tra fazioni, l’elenco delle città e clan criminali. Consigliato anche per chi ama gli universi letterari!

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Matteo Mario
classe 1993, è iscritto all’Ordine dei Giornalisti Pubblicisti dal 2020 e da tempo collabora come copywriter in agenzie di comunicazione, come autore per diverse testate locali e nazionali e come digital strategist per le aziende. Dopo la laurea triennale in Comunicazione all’Università degli Studi di Verona e un anno di studio all’estero all’Università di Valencia, ha conseguito alcuni corsi di specializzazione e Master legati al marketing e alla digital communication, oltre a corsi di scrittura per il cinema e la TV. Ama Palahniuk e McCarthy, ma è dalla penna di Kerouac e Ginsberg che è nata la sua passione per la scrittura. La terra dei colpevoli è il suo romanzo d’esordio.
Matteo Mario on FacebookMatteo Mario on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie