Accedi Registrati

La versione di Giuda

A Getsemani dormivano tutti. Solo Yeshu era sveglio, in giardino, con Miriam. Cercai di impedire alle guardie di usargli violenza mettendomi tra lui e loro, mentre Yeshu convinceva Miriam in lacrime a staccarsi da lui. Era calmo ma esausto. Lo confortai con un bacio, sussurrandogli di non preoccuparsi. Lui si lasciò prendere senza reagire.
Data di pubblicazione 13/11/2017

Seleziona l'opzione d'acquisto

7,9916,00

Svuota
Quantità

Il magistrato ateniese Dionisios e la sua giovane figlia Damaris, in Giudea perché incaricati di indagare su una misteriosa congiura, scoprono un turbolento Paese ossessionato dalla fedeltà a un dio padre-padrone e raccolgono contrastanti testimonianze su Gesù, un santo guaritore giustiziato anni prima e proclamato risorto da una piccola setta. Solo al termine del viaggio, i due greci apprenderanno da Giuda, l’amico più intimo, i motivi e le circostanze che hanno portato Gesù alla morte: una storia di violenza, amore, conflitto e sacrificio.
La versione di Giuda è un viaggio alla fonte della nostra civiltà europea, il crogiolo globalizzante delle tre culture, ebraica, greco-ellenistica e romana, in cui si è manifestato il mistero di Gesù, nell’illusione letteraria di coglierne un possibile significato storico e spirituale attraverso le emozioni e le speranze dei contemporanei.

Leggi l'anteprima
18 luglio 2018

Il Foglio

Su Il Foglio il giornalista Alessandro Litta Modignani recensisce il libro di Giorgio Tacconi La versione di Giuda (bookabook)
 
25 ottobre 2016
La campagna de "La versione di Giuda" sta proseguendo benissimo! Segnaliamo che l'autore presenterà il suo libro martedì 8 novembre dalle ore 19:00 alle ore 20:30, al Tempio d'Oro, Via delle Leghe, 23 Milano.
giudabanner

Commenti

  1. Giorgio Tacconi

    (proprietario verificato)

    Caro Giorgio, COMPLIMENTI! Il tuo libro mi è piaciuto tantissimo, ma così tanto che sto cercando modi e maniere per promuoverlo. La trama è interessante, i dialoghi sono scritti sapientemente, i personaggi ben caratterizzati. Trovo originale la tua versione delle parabole e dei miracoli ed il modo in cui tratteggi la figura di Gesù, di Giuda, dei primi seguaci e la crasi tra l’ebraismo, la volontà imperiale di Roma, la decadenza orgogliosa della Grecia e della sua teologia.
    Complimenti per la fedeltà storica e lo scrupolo filologico (dato che sono una puntigliosa sono andata a verificare un po’ di cose e non ho trovato un errore). Bellissimo il linguaggio, tanto fluido ed assaporabile: mi piacciono i libri in cui ogni tanto perdi di vista la trama per goderti solo il fluire delle parole. Ripeto, davvero bello e cercherò di farlo conoscere ad altri.
    Franca

  2. Giorgio Tacconi

    (proprietario verificato)

    Ho letto con un piacere grandissimo il libro, tutto d’un fiato, con emozione autentica.
    Ti ringrazio di averlo scritto (andava scritto!) e di avermelo segnalato.
    Lo sto consigliando e regalando come meritano le letture di qualità.
    Simona

  3. Ho apprezzato come l’autore abbia mantenuto la fedeltà storica, seppure rielaborandola completamente; mi è piaciuto molto il ritmo che ha mantenuto durante tutta la storia, ben cadenzato nella divisione data dai vari paragrafi, soprattutto a livello concettuale.
    Mi piace molto anche la sua scrittura: pulita, semplice e che si lascia leggere bene.
    Il tratteggio delle tre grandi culture è riuscito bene, un incontro bel delineato anche dai riscontri cronologici, politici e socio culturali, esattamente come viene affermato anche nella nota dell’autore.
    Dionisios è stato nettamente il mio personaggio preferito, ben caratterizzato, con un temperamento notevole e una saggezza che emerge dalle prime pagine.

    Sara Del Sordo

Aggiungere un Commento

Giorgio Tacconi
GIORGIO TACCONI vive a Milano, dove è nato nel 1956. Consulente editoriale e autore di testi tecnico-giuridici su temi ambientali, in narrativa ha pubblicato il romanzo Sottosopra. Cosa succede al cimitero? (2008) e l’antologia commentata La selva della seduttrice. Viaggio nel verde letterario (2011).
Giorgio Tacconi on sabfacebook

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie