Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Le improponibili avventure dell’improbabile Direttivo dei Vinallegri

Le improponibili avventure dell’improbabile Direttivo dei Vinallegri
60%
81 copie
all´obiettivo
65
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Giugno 2022
Bozze disponibili

Due racconti che narrano le avventure, improbabili e surreali, del Direttivo dei Vinallegri, un gruppo di amici amanti del buon cibo e del miglior vino, che si troveranno ad affrontare oscuri, talvolta grifagni e malvagi nemici. I nostri eroi combatteranno con inusitato coraggio e valoroso sprezzo del pericolo avvalendosi del prezioso aiuto prima di un misterioso Conte rumeno e poi di una giovane donna, dal passato tutto da scoprire. Fra pantagrueliche mangiate, roboanti bevute, non troppo edificanti disavventure e imbarazzanti incontri con donne di suprema bellezza, il gruppo di debosciati riuscirà, a rischio delle proprie poco utili vite, a sconfiggere il male che li osa sfidare.

Perché ho scritto questo libro?

Ho scritto questi racconti inizialmente per uno scopo puramente goliardico e vagamente benefico. Stampati autonomamente sono stati distribuiti ad amici, parenti e semplici conoscenti i quali, tramite rivoltanti adulazioni e talvolta minacce (anche fisiche), sono stati convinti a contribuire economicamente a lavori di restauro di una importante Basilica di Pavia. Inaspettate e, talvolta, eccessive critiche positive, mi hanno convinto a pubblicarli.

ANTEPRIMA NON EDITATA

CAPITOLO I

“Mister Churchill your agenda?”

“My agenda? A glass of Pol Roger”

Pavia – venerdì 6 dicembre, casa di Filini, ore 18:43.

– Michele…

“No, ti prego, non lo dire, sto centellinando un calice di Pol Roger Blanc de Blancs del 2012. Abbiamo da poco terminato un incontro ravvicinato di decente reciproca soddisfazione (considerato che non siamo più de giovani virgulti). Tra meno di un’ora c’è la riunione del Direttivo dei Vinallegri. Sono in pace con me stesso e con l’umanità intera, non rovinare questo momento, per favore.”

– Dobbiamo parlare.

“Ecco, lo hai detto. Ma perché dobbiamo parlare a quale scopo?”

– Non dici nulla?

“Sì, vorrei dire Tarapia tapioca come fosse Antani, posterdata anche per due, ma non capiresti… e poi “non dici nulla” è sbagliato, va bene, è colloquiale, ma sostanzialmente è sbagliato, due negazioni affermano… cribbio”

– Allora?

– Sì, voglio dire… di cosa vuoi parlare?

– Di noi!

– Noi? Tutto bene no?

Continua a leggere

Continua a leggere

– No! Niente va bene!

“Ahia. Niente va bene è preoccupante. Avessi detto che tutto va male sarebbe stato tranciante, definitivo, finale, irreparabile. Al contrario, asserire che niente va bene implica, sottilmente e crudelmente, l’ipotesi che esista una leggerissima, ma non inesistente, possibilità di aggiustare le cose”

– Cioè?

– Mio Dio Michele… ci frequentiamo da tre mesi, è ora di capire cosa vogliamo ricavare da questo rapporto! Tu cosa vuoi?

“Ci siamo. Ci ho provato, giuro che ci ho provato a non farti andare oltre. Abbiamo una certa età, ci si piace a vicenda, si chiacchiera amabilmente e si fa sesso casual, come dire, elegante, ma senza impegno. Ci vediamo una volta la settimana, siamo indipendenti, tendenzialmente liberi e libertini… perché non va bene?”

– Paola, vedi…

Alza la mano sinistra, abbassa la testa e contemporaneamente la gira a destra, verso la luce che arriva dalla finestra, socchiude gli occhi.

– Paola io…

Agita vagamente le dita, comprendo che devo stare zitto, ne approfitto per assaporare un sorso di Pol Roger, Dio, ma quanto aveva ragione il vecchio Winston.

Si ricompone, i nostri sguardi si incrociano, scuote il capo, una virgola di sorriso (triste) le si disegna sulle labbra. Mi chiedo, ma le donne fanno dei master per imparare la teatralità dei gesti o è un talento naturale?

– L’avevo capito sai, Michele.

– Mh?

– Tu sei ancora innamorato della tua ex…

“Non è vero, non è decisamente e proditoriamente vero, in buona sostanza, per come mi ha trattato, me ne frega meno di zero Kelvin. Però, abbiamo vissuto assieme, è stato bello per la maggior parte del tempo, mica me la posso dimenticare così, come fosse il risultato di una partita di cricket. Detto questo… ti comunico che soffro di sindrome dello spazzolino, ovvero vedere 2 spazzolini nel bicchiere in bagno, quello che sta sul lavandino, mi fa venire l’orticaria…”

Giocherello con lo stelo del calice, evito di incrociare il suo sguardo, mi tolgo gli occhiali e li appoggio delicatamente sul tavolo, sono trascorsi sei, massimo sette secondi, dovremmo esserci.

– Ok… ok Michele, non dire niente, va bene.

– No, Paola, aspetta…

– Tu vuoi una donna per colmare i vuoti e niente di più.

– Non è così.

– E com’è allora? Sei pronto a iniziare una relazione che non si limiti a “Ciao ci vediamo per cena stasera”, con sottinteso “Poi ti fermi da me e facciamo sesso”? Sei pronto a considerare l’ipotesi di, che ne so, fare le vacanze assieme quest’estate?

“A parte che non direi “a cena stasera”, è pleonastico, la cena implica la sera, poi sull’orario dipende tutto dalla latitudine. Sulle vacanze proprio no, insomma ho difficoltà a programmare il controllo dall’urologo e secondo te adesso, a dicembre, penso alle ferie? Ma dai.”

– Mi sembra prematuro.

– Cosa? Cosa ti sembra prematuro? Pensare alle vacanze o impegnarti con me?

– Entrambe le cose?

Rendere la frase interrogativa è sempre una buona idea, lascia a lei l’onere della decisione, non è detto che funzioni, ma questa volta sì.

– Va bene, non aggiungiamo altro. Lasciamo stare.

Si alza lentamente, in silenzio prende la borsa, mi volta le spalle e si allontana, devo ammetterlo, con grande eleganza, una vera signora.

Poggia la destra sulla maniglia della porta, si ferma, ruota il capo verso sinistra inclinandolo allo stesso tempo di 45, massimo 47 gradi, classe cristallina, non c’è che dire.

– Michele… – la voce è limpida, chiara, solo il tono tradisce un minimo di emozione.

– Sì?

– Ma vedi di andare allegramente a fare in culo!

Attraverso a passo di carica Piazza del Duomo, sono già le 19:30, la riunione sta per iniziare.

Fa un freddo fetido, del resto Pavia è nota per avere, in inverno, lo stesso clima di Tarvisio, con in più la nebbia.

Una luce algida, ma confortante, proviene dall’interno dell’enoteca e illumina vagamente una figura umana che sta bussando al vetro della porta. Dalla postura e dal riflesso sulla pelata non è difficile riconoscere Marcello, alias Montalbano.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Le improponibili avventure dell’improbabile Direttivo dei Vinallegri”

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Michele Nosei
Non chiedete l’età a Michele Nosei, potrebbe incupirsi. Ligure di origini ha vissuto, per studio e per lavoro, in 14 città diverse e quella che maggiormente tiene nel cuore è Londra. Vive a Pavia, ospite a casa sua di tre gatti arroganti che sopportano la sua presenza fra le mura che considerano il loro regno. Sposato due volte e altrettante divorziato, ritiene il maggiore successo della propria vita il fatto di aver contribuito, con un rilevante numero di cromosomi, alla nascita di un figlio, oggi venticinquenne, indubitabilmente più intelligente e responsabile del padre. Malinconico per natura, cinico per scelta, mugugnone per eredità famigliare, viene, a dispetto di tutto, ritenuto divertente e simpatico. I racconti del Direttivo dei Vinallegri sono la sua prima pubblicazione.
Michele Nosei on FacebookMichele Nosei on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie