Accedi Registrati

Le ragazze di Villa Amalia

Overgoal! Un ufficio stampa curerà la visibilità sulla stampa tradizionale e su quella online. Un promotore professionale proporrà il libro ai librai, una strategia dedicata di marketing online consiglierà il libro a nuovi potenziali lettori.
Goal! Il manoscritto passerà alla fase di editing, revisione, progetto grafico e stampa. Una volta pronto, il libro verrà pubblicato in formato cartaceo e ebook, e reso disponibile all'interno del circuito di Messaggerie Libri e nei più importanti store online.
16% Completato
210 Copie all´obiettivoi
Al raggiungimento dell’obiettivo il libro verrà pubblicato
65 Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista luglio 2019

Lorenza è la protagonista e la narratrice di questo romanzo corale di formazione.
È una ragazza di buona famiglia che frequenta il collegio Amalia, rinomato e ben considerato nel suo piccolo paese di provincia. La sua anonima vita, così come quella delle sue compagne di classe, riceve uno scossone quando il professore di filosofia le invita a partecipare a un progetto teatrale in carcere. Sulle prime le ragazze si dimostrano morbosamente curiose di sapere le storie dei delitti e delle pene dei delinquenti, come con ironia e irriverenza vengono sempre chiamati gli uomini. Poi si scoprono fragili e attente nei riguardi di quell’universo che fino ad allora avevano considerato lontano, esotico, impossibile.Le giovani collegiali riconoscono di essere per prime, seppure diversamente dai detenuti, chiuse dentro alte mura che tengono fuori la vita vera. E per questa ragione colgono ogni occasione per giocare a fare le ribelli. Ribelli, appunto, vogliono essere quando escogitano un assurdo e scapestrato piano d’evasione a vantaggio e a danno dei criminali.

All’avventura in carcere si affianca l’intima storia di Lorenza, studentessa poco volenterosa che cerca di sopravvivere tra i genitori separati e la necessità di crescere.
Qualunque porta lei voglia oltrepassare è aperta, ma lei rimane immobile e oppressa, fatica a uscire, con la mente, dal collegio e dagli anni lì dentro vissuti.

Il confine tra il noi, delle ragazze, e il loro, dei detenuti, è labile, così come lo è la linea che frappone il collegio, che forma, e il carcere, che distrugge.

Perché ho scritto questo libro?

L’idea di raccontare questa storia è nata l’estate in cui mi sono diplomata, poiché un’avventura simile l’ho, quasi, per davvero vissuta.
La Villa Amalia esiste, non è un collegio, ma un istituto superiore. E la mia classe, durante l’ultimo anno, ha partecipato a un progetto teatrale in carcere, ma nessuno vicino a me ha mai pensato di voler far evadere i suoi ospiti.
Tale esperienza ha mutato la mia sensibilità in meglio, e il richiamo istintivo di lasciarne testimonianza ha bussato subito alla mia porta.

Leggi l'anteprima

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Le ragazze di Villa Amalia”

Francesca Sala
Sono Francesca Sala, nata e cresciuta a Erba, città stretta tra Como e Lecco, nell’anno 1993. Frequento il corso di Lettere moderne presso l’Università degli Studi di Milano. 
Ho iniziato a scrivere a sedici anni, perché avevo da poco iniziato a prendere lezioni di chitarra, quando mi sono accorta della mia totale incapacità di eseguire la melodia e mantenere correttamente il tempo di un qualunque brano scritto da altri. Ma a me suonare e canticchiare piaceva troppo, così mi sono dovuta ingegnare nella creazione di mie personali canzoni (dal ritmo discutibile). 
E da quelle prime composizioni è nata la mia passione sia per la musica che per la poesia e la letteratura.
 Da un problema ne ho tratto la felicità, e sento di essere nel giusto quando ne lascio testimonianza.
Le ragazze di Villa Amalia è il mio primo romanzo.
Francesca Sala on sabinstagramFrancesca Sala on sabfacebook

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie