Accedi Registrati

Il linguaggio del tatuaggio

tatuaggio
41% Completato
89 Copie all´obiettivoi
Al raggiungimento dell’obiettivo il libro verrà pubblicato
0 Giorni rimasti
Bozze disponibilii
Se pre-ordini il libro, potrai cominciare a leggere subito le bozze del manoscritto
Svuota
Quantità

Il mio primo, grezzo tatuaggio rappresenta una farfalla in volo. La farfalla in volo, in quel preciso momento della mia vita, indicava la libertà, un mutamento rapido e infatti in quel periodo volevo che tutto mutasse rapidamente: avevo attribuito alla farfalla il significato di libertà, una bella libertà.

A metà strada tra saggio e romanzo autobiografico, Il linguaggio del tatuaggio si configura come opera letteraria che descrive il significato psicologico del tatuaggio, assai di moda negli ultimi anni tra le giovani generazioni, ma fondamentalmente sdoganato anche in relazione alla seconda o addirittura terza età. Scrivendo del tatuaggio, l’ autrice in realtà scrive di se stessa, dei sogni e delle speranze dei giovani, delle difficoltà e delle aspirazioni degli esseri umani. Ecco allora che il tatuaggio allarga la sua sfera d’azione alla vita stessa, alla società che ci circonda e nella quale siamo immersi, ai rapporti interpersonali e agli stati d’animo. L’autrice ci accompagna in aneddoti, resoconti e vicende che scorrono via fluidi volendo farsi leggere d’un fiato.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Non ci sono ancora commenti o recensioni.

Lascia il primo commento su “Il linguaggio del tatuaggio”

Emi Armando
Sono nata a Cuneo nel marzo del 1981. Dopo le superiori al Liceo Classico, mi sono formata come Architetto ed ho iniziato la professione tecnica, tuttavia fin dall'adolescenza ho sempre studiato il mondo della psicologia e del benessere.
Questa mia passione mi ha portata a seguire diversi corsi, anche all'estero, fino a conseguire una seconda laurea in scienze psicologiche.
Ho sempre alimentato l'amore per la scrittura che ho unito alla psicologia, fino ad arrivare a trascrivere alcune ricerche ed analisi - che ho svolto negli ultimi vent'anni - nel campo del linguaggio dell'inconscio e nel campo dell'architettura e il benessere psicologico.
Nel 2010 sono tornata in Italia, dopo aver lavorato alcuni anni in giro per il mondo ed ho iniziato a visualizzare una via alternativa alla mia professione principale, volendo trasportare alcune cose che ho imparato nella mia quotidianità.
Emi Armando on sabwordpressEmi Armando on sabtwitterEmi Armando on sabfacebook