Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Mangio solo caramelle

Mangio solo caramelle
100%
200 copie
completato
94%
3 copie
al prossimo obiettivo
Svuota
Quantità
Consegna prevista Aprile 2022
Bozze disponibili

“Mangio solo caramelle” è uno scritto autobiografico che racconta la vita, le sofferenze, gli amori e le paure di una ragazza che ha sofferto di anoressia da quando aveva 19 anni. L’opera comprende circa 30 brevi brani che alternano il racconto delle esperienze quotidiane legate alla malattia e altri che riflettono sulle persone e sui fatti che hanno segnato di più l’autrice prima e durante l’anoressia.
È infatti il rapporto con “Lei”, l’anoressia quasi personificata, il nucleo

Perché ho scritto questo libro?

Le motivazioni che mi hanno portato a scrivere questo libro nascono dal bisogno di esternare le emozioni e le sensazioni che ho provato durante la malattia. Allo stesso tempo ho sentito la necessità di poter in qualche modo aiutare, attraverso il mio vissuto e le mie parole, chi come me si è trovato ad affrontare l’anoressia. È stato anche un modo per ringraziare le figure più importanti che mi hanno accompagnato in questo percorso.

ANTEPRIMA NON EDITATA

IO E LEI

Oggi torno a casa da scuola forse più stanca del solito.

Appoggio la cartella appesantita dai libri al solito posto e insieme accantono la stanchezza della giornata.

La porta del bagno non è completamente chiusa, riesco a intravedere lo spiraglio di luce che filtra dalle fessure della tapparella.

Una luce tenue, piacevole agli occhi.

Continua a leggere

Continua a leggere

Dopo qualche secondo con lo sguardo fisso su di essa, inizio a sentirmi stupida e decido allora di mettere tra i denti qualcosa da mangiare.

Forse mi è passata anche la fame ma il favoloso piatto di pasta al ragù della mamma è lì, tra le prime file del frigorifero che non vede l’ora di essere addentato.

Sballotto l’ultimo boccone da una parte all’altra della bocca. Mi fermo. Penso. Poi riprendo.

Sono sazia ma con una strana sensazione che invade completamente il mio corpo. Lo stomaco brucia, il respiro cambia e i battiti aumentano.

Un’ondata di pensieri negativi invade il mio corpo come un fiume in piena. Scorrono così velocemente dentro di me da non darmi neppure il tempo di provare in qualche modo a fermarli.

Un susseguirsi di punti interrogativi ai quali non riesco a dare risposta. Penso alle lacrime versate nel passato per qualcuno o qualcosa.

Provo rabbia per non essere stata capace di reagire o riprendermi ciò che volevo o meritavo.

Il panico per una maturità sempre più vicina e che forse non saprò gestire. Rifletto sul mio futuro incerto e non ancora programmato.

Un lavoro. Sogni conservati in un angolo buio. Desideri e speranze.

Provo ad alleviare il senso di gonfiore stringendomi forte con le mie stesse mani. Piango. Che cosa sta cambiando?

Decido di alzarmi e di nuovo sono attratta da quella luce della quale ormai mi ero dimenticata.

Lentamente mi avvicino e allo stesso modo, apro la porta del bagno.

Non so esattamente dove e chi sia. Non è visibile ma è come averla di fronte a me. Qualcosa, forse qualcuno che in qualche modo vuole tenermi con sé. Sogghigno.

Il senso di nausea è ormai diventato ingestibile. Differente. Una nausea causata dai dolori e dalle stanchezze accumulate nel tempo.

Causata dai troppi “sì” e dalle lacrime nascoste dietro un falso sorriso.

M’inginocchio di fronte al water. Lo fisso. Ora so cosa devo fare. Infilo un dito in gola e senza rendermi conto, vomito tutto.

Una cascata di dolore. Ansie. Paure. Rabbia. Mi sento bene. Felice. Leggera.

Sono seduta per terra e con la testa tra le mani sorrido. Da questo momento sono tua

2021-09-30

Aggiornamento

Grazie alla bookblogger Beatrice per aver letto e recensito il mio libro. Un feedback positivissimo che mi ha fortemente incoraggiato. Conferma che prendere il coraggio e mettere nero su bianco i propri pensieri, è a volte la cosa più giusta. Sono sempre più felice di averlo fatto. Qui sotto il link dell'articolo per chi volesse leggerlo. https://lalibreriadibea.home.blog/2021/09/28/mangio-solo-caramelle-di-alessandra-ronchi/
2021-08-21

Aggiornamento

Un enorme grazie a Gabriele Ticozzi per aver ascoltato la mia storia dedicandomi un meraviglioso articolo sulla Gazzetta della Martesana.
2021-07-26

Aggiornamento

200 volte grazie! Senza di voi tutto questo non sarebbe stato possibile. La campagna non si ferma qui: il vostro supporto può essere ancora molto importante. Prossimo obiettivo 250 copie 🤞🏻🍀♥️
2021-07-25

Aggiornamento

Grazie a Giada e alla redazione di “Fuori dal comune” per avermi dedicato il loro tempo scrivendo un bellissimo articolo sul mio libro. https://www.facebook.com/126674164026527/posts/4829600993733797/

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Mangio solo caramelle”

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Alessandra Ronchi
Nata nel 1991, Alessandra ha da sempre amato i bambini. Per 8 anni ha infatti svolto con entusiasmo il lavoro di educatrice. Attualmente lavora come impiegata presso un’azienda di macchinari. Sin da piccola coltiva la passione per la lettura e la scrittura. Mentre stava concludendo il suo percorso di studi superiori, nel 2010, cade nel tunnel dell’anoressia. Da questa esperienza di profonda sofferenza prende vita il suo primo libro “Mangio solo caramelle”.
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie