Accedi Registrati

Morte sull’Appia – la prima indagine di Beatrice Santalena

evan-dennis-75563
Overgoal! Un ufficio stampa curerà la visibilità sulla stampa tradizionale e su quella online. Un promotore professionale proporrà il libro ai librai, una strategia dedicata di marketing online consiglierà il libro a nuovi potenziali lettori.
Goal! Il manoscritto passerà alla fase di editing, revisione, progetto grafico e stampa. Una volta pronto, il libro verrà pubblicato in formato cartaceo e ebook, e reso disponibile all'interno del circuito di Messaggerie Libri e nei più importanti store online.
3% Completato
195 Copie all´obiettivoi
Al raggiungimento dell’obiettivo il libro verrà pubblicato
0 Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Bozze disponibilii
Se pre-ordini il libro, potrai cominciare a leggere subito le bozze del manoscritto

Roma, oggi. Beatrice Santalena è un’investigatrice privata. Quando le cose non vanno, ama rifugiarsi al mare, per non pensare. Ultimamente, infatti, il rapporto con il marito Massimo non è più quello di prima, e i due sono sempre più lontani. Intorno a lei, il figlio adolescente Filippo, un piccolo Archimede; il padre Aldo, chimico in pensione, la madre Francesca, famosa attrice di teatro dal temperamento esplosivo e il collega Michele Barbato. La sua carriera subisce una svolta quando viene trovata morta, uccisa, Italia Berardetti, moglie di Paul, patron di una delle più floride aziende italiane. Beatrice viene incaricata di affiancare le indagini ufficiali, e ben presto si rende conto, addentrandosi nella Roma bene, che non tutto è come sembra, e che sono le persone che abbiamo più vicino, quelle che sanno come ferirci.

Perché ho scritto questo libro?

Da accanita di gialli, da tempo mi sentivo motivata a creare un mio scenario. Il personaggio di Beatrice è nato durante la preparazione di un esame. Come dice Camilleri, un personaggio funziona quando salta fuori dalle pagine e comincia a camminare per la stanza. E così è stato: il cognome Santalena proviene da una poesia di Guido Cavalcanti, poeta del ‘200, “Se non ti caggia la tua Santalena”. Allora ho pensato di abbinare il nome Beatrice, la donna amata dall’amico Dante Alighieri. Il loro amore idealizzato non convinceva affatto Cavalcanti, che aveva dell’amore una concezione pessimistica. Ho voluto creare una sorta di ossimoro. E così, Beatrice e il suo mondo si sono fusi con il mio.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Non ci sono ancora commenti o recensioni.

Lascia il primo commento su “Morte sull’Appia – la prima indagine di Beatrice Santalena”

Fulvia Mezi
Fulvia Mezi nasce a Roma nel 1992. Fin da piccola si diverte a creare storie. Questo romanzo nasce nel 2015, durante la preparazione di un esame universitario. Nel 2016 si laurea in Lettere presso l'Università di Roma "Tor Vergata", con una tesi su Luigi Pirandello, poi pubblicata nel 2017: "C'è anche in me un padre che piange. Luigi Pirandello figlio e padre" (Universitalia editore). Con lo stesso editore ha pubblicato "Guido Piovene: saggio per una sua rinascita"
Fulvia Mezi on sabfacebook

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie