Accedi Registrati

Proprio oggi che t’amavo così tanto

bekah-russom-231866
Overgoal! Un ufficio stampa curerà la visibilità sulla stampa tradizionale e su quella online. Un promotore professionale proporrà il libro ai librai, una strategia dedicata di marketing online consiglierà il libro a nuovi potenziali lettori.
Goal! Il manoscritto passerà alla fase di editing, revisione, progetto grafico e stampa. Una volta pronto, il libro verrà pubblicato in formato cartaceo e ebook, e reso disponibile all'interno del circuito di Messaggerie Libri e nei più importanti store online.
12% Completato
177 Copie all´obiettivoi
Al raggiungimento dell’obiettivo il libro verrà pubblicato
161 Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Bozze disponibilii
Se pre-ordini il libro, potrai cominciare a leggere subito le bozze del manoscritto

Una musica terrificante si annida nei nostri timpani e un sorriso teso ci aiuta a celare le nostre paure. Mio padre e mia madre s’erano innamorati al primo sguardo, ma il tempo ha visto quello sguardo cambiare inesorabilmente. Gli occhi dell’amore sono diventati sguardi d’ira e di disperazione, fino a svuotarsi al suono dei colpi inferti su un corpo che quasi non sentiva più dolore. Il tutto sotto gli occhi dei loro figli che, costretti ad assistere a quella violenza, non sapevano più come poter tirare le fila della propria esistenza. Mio padre era stato il nostro tormento, eravamo ancorati a lui, sottomessi alle sue decisioni, ai suoi continui cambi di umore, eravamo tutte pedine in movimento durante un’infinita partita a scacchi che conduceva lui. Giravamo attraverso percorsi obbligati con la costante paura di essere mangiati e la cosa peggiore era continuare a muoversi sotto l’ombra di una pedina che, pur potendo, non ci lasciava mai uscire dai giochi. Avevamo provato a liberarci, ma le scelte sbagliate continuavano a tirarci in ballo, mio padre era diventato il chiassoso ritornello che interrompe la lenta strofa di una canzone e si ripete a ritmi irregolari ma costanti durante l’esecuzione di un brano che pare non voler finire mai. Alla fine della nostra lotta familiare eravamo arrivati vivi. Vivi, ma più morti che mai…

Perché ho scritto questo libro?

Ho scritto questo libro per caso, rileggendo tra i vari spunti scritti su un vecchio quaderno. Non è stato facile trascrivere le mie sensazioni, su un argomento così delicato, in modo che potessero arrivare ad un pubblico di lettori con un impatto né troppo docile, né troppo cruento. Mi piacerebbe leggerlo con ognuno di voi, vorrei annotare ogni smorfia, ogni sorriso, ogni espressione di rabbia o di incertezza impressa nei vostri volti. Girerei ogni pagina, rileggendo riga per riga fino ad arrivare insieme all’epilogo di quella che sembrava essere una storia d’amore. Vorrei, infine, lanciare tre messaggi: lasciatevi amare, lasciate andare, lasciatevi aiutare.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Non ci sono ancora commenti o recensioni.

Lascia il primo commento su “Proprio oggi che t’amavo così tanto”

Valentina Ciuffini
Valentina Ciuffini è nata a Roma nel 1992 e cresciuta ad Anagni, dove ha conseguito il diploma. Sin da adolescente ha sentito la necessità di rifugiarsi nelle storie che leggeva o nei film che vedeva. A soli quattordici anni ha scritto il suo primo libro che tiene gelosamente custodito in un cassetto. Successivamente, ha iniziato a stilare gli schemi di quelli che sarebbero stati i suoi manoscritti futuri. Nel 2016, rileggendo delle righe buttate giù anni prima, ha deciso di riprendere in mano quel lavoro e portarlo a termine. “Proprio oggi che t’amavo così tanto” non è solo il suo primo vero approccio nel mondo della letteratura, è anche la scintilla che ha fatto fiorire in lei la voglia di raccontare e raccontarsi, portandola a credere in quello che, sinora, era solo un meraviglioso sogno.
Valentina Ciuffini on sabtwitterValentina Ciuffini on sabfacebook