Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Ora dopo ora

Ora dopo ora
5%
191 copie
all´obiettivo
91
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Aprile 2022
Bozze disponibili

Torino.
Un oggetto misterioso. Una serie di omicidi sconvolge le notti tranquille della città. Gli ispettori Corbini e Gimoldi indagano sui fatti accaduti, trovandosi presto coinvolti in un’esperienza che supera la razionalità. Forze soprannaturali si alternano alla realtà di tutti i giorni, sfociando in un epilogo totalmente inaspettato. Una corsa contro il tempo per fermare il caos che segnerà le loro vite per sempre.

Perché ho scritto questo libro?

Ho deciso di scrivere questo libro per due motivi: il primo perché ne sentivo la necessità, avevo bisogno di dare sfogo a mille idee che avevo in testa; il secondo, perché avrei voluto far leggere un libro scritto da me a mia madre, appassionata di lettura. Purtroppo non sono riuscito a finirlo in tempo e non è riuscita a leggerlo.

ANTEPRIMA NON EDITATA

Prefazione

«Ma che diavolo…»

«Cristo Roby, porta una coperta e chiama un’ambulanza!!»

Nella stazione dei pullman tutti si voltano e si alzano inorriditi alla vista di…

«Un’ambulanza, veloci!!»

Continua a leggere

Continua a leggere

Quell’uomo, donna, bambino, non si può definire, sta lì in piedi davanti alla porta di ingresso della stazione dei pullman. Le 8 del mattino. Stracolma di gente. I giornali cadono a terra. Un uomo rimane con la brioche a mezz’aria tra un caffè da asporto e la sua bocca. Una donna sviene. Un controllore, bigliettaio, un addetto dei pullman, chiunque egli sia, è l’unico a correre incontro alla strana, orrida, sconvolgente, presenza. Una bambina. Una bambina di quelle che si vedono andare al parco giochi con la mamma o la nonna. L’età in quel momento non è importante. Una bambina con un oggetto che emana una luce intensa, ipnotica in una mano. E nell’altra mano… Il controllore si ferma di colpo. Non è riuscito a realizzare. Dopotutto si è trovato davanti all’entrata una bambina seminuda a ottobre, coperta di cicatrici e lividi, con uno strano sorriso assente. Un sorriso di quelli che ti mette i brividi. Di quelli che sottolineano una piccola, ma percepibile, vena di follia. Ma ora che ha focalizzato l’altra mano… Sente il passo pesante, qualcuno lo afferra per un braccio..

«Io chiamo la polizia!» gli dice.

Le sirene rompono quell’assurdo silenzio. Lo stridere delle gomme sull’asfalto quasi non conta nulla. Nessuno si volta. Tutti gli sguardi sono bloccati sulla mano della bambina. Come in un sogno. Sembra tutto troppo assurdo. La piccola lascia cadere quella che, a prima vista, potrebbe essere una torcia elettrica. Alza l’altra mano. A quel punto tutti i presenti possono inorridire e il controllore rimane a bocca aperta quando si vede puntare addosso quella pistola. Mostruosamente grande nella piccola mano di quella bambina. Il controllore pone le sue mani a difesa e indietreggia. La bambina si volta lentamente. La bambina si spara alla tempia.

2021-07-22

Aggiornamento

Torino. Un oggetto misterioso. Una serie di omicidi sconvolge le notti tranquille della città. Due ispettori indagano sui fatti accaduti, trovandosi presto coinvolti in un’esperienza che supera la razionalità. Forze soprannaturali si alternano alla realtà di tutti i giorni, sfociando in un epilogo totalmente inaspettato. Una corsa contro il tempo per fermare il caos che segnerà le loro vite per sempre.

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ora dopo ora”

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Simone Palagano
Simone “Pelis” Palagano nasce a Tortona nel 1977. Tatuatore di professione, è un po’ musicista e un po’ fotografo. Appassionato di cinema anni '80 e film del genere chiamato d'exploitation. Collezionista ossessivo compulsivo del macabro e del bizzarro.
Simone Palagano on FacebookSimone Palagano on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie