Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

I racconti delle radici

100%
200 copie
completato
44%
84 copie
al prossimo obiettivo
Svuota
Quantità
Consegna prevista Settembre 2020

I racconti delle radici è un ciclo di 6 racconti per bambini, tutti con una morale più o meno esplicita. Le favole sono ambientate in una grande foresta, dove i protagonisti, proprio come le radici, si intrecciano e si dividono, senza mai perdersi di vista del tutto. Nella terza favola, per esempio, un falchetto ladro è alla ricerca di una pietra rubata a una strega, che gli ha lanciato un maleficio. Riesce a spezzarlo ritrovando la pietra, con l’aiuto di un coccodrillo gentile. Nella favola seguente viene spiegata proprio la storia di Drullo, il coccodrillo che voleva fare lo stilista e di come riesca a trovare l’ispirazione grazie alle farfalle della prima favola. Nella quinta favola viene raccontata la storia della strega, che voleva la pietra per fare colpo su un principe. Ma tutte queste coincidenze sono davvero un caso? No. In realtà tutto parte dal grande piccolo gesto di un grande piccolo bruco.

Perché ho scritto questo libro?

Ho scritto I racconti delle radici perché volevo esaltare un concetto importante, che al giorno d’oggi viene messo in secondo piano. La forza delle buone azioni. Una buona azione ne attira sempre un’altra, in maniera diretta o indiretta, no? Allora ho pensato al target e allo stile da usare. Mi sono subito venute in mente le favole per bambini. È a loro che sono dedicate le mie parole, ma, chi, lo sa, perché non anche ai grandi? Leggere una favola ad un bambino è una grande responsabilità!

ANTEPRIMA NON EDITATA

Vi ricordate l’albero di Canfora della scorsa storia e del piccolo bruco che si è trasformato in farfalla? Beh, adesso le farfalle sono diventate grandi e vivono tutte insieme sull’albero, giocando in armonia. O quasi. Infatti la farfalla gentile, quella che ha aiutato suo fratello bruco nel momento del bisogno, ora viene presa in giro da tutte le altre. Dovete sapere infatti che ogni farfalla adulta ha un disegno diverso sulle ali, diviso in due metà speculari. Cosa vuol dire speculari? Ve lo spiego subito.

Continua a leggere
Continua a leggere

Vi è mai capitato di andare allo specchio e appoggiare un oggetto contro il vetro? No? Fatelo, è molto divertente. Ma senza rompere nulla, mi raccomando! Vedrete che dall’altra parte dello specchio, dove ci sono le immagini riflesse, esattamente accanto al vostro oggetto, comparirà una sua copia identica. Come se fossero due oggetti gemelli, insomma. Curioso, vero? Comunque, erano proprio così le ali delle nostre farfalle. A differenza delle sue compagne però, che avevano un disegno perfettamente speculare (ora sapete cosa vuole dire, no?), il suo era composto da una metà a forma di mezzo cuore e una metà a forma di mezzo quadrato. Un vero pastrocchio. Quella bizzarria non andava giù alle sue sorelle, che la deridevano in continuazione. L’altra farfalla invece, quella che aveva soccorso quando ancora era un bruco, era stata più fortunata. La sorte le aveva regalato due metà a forma di cuore, che unendosi sulle ali formavano un bellissimo cuore intero. La popolarità, purtroppo, le fece dimenticare il gesto di sua sorella, che diventò mano a mano sempre più triste. Ve l’avevo detto, bambini. Le farfalle sono un po’ vanitose, si sa. Un giorno la povera farfalla decise di andarsene, perché non sopportava più i dispetti delle altre. Prese un fagottino e si diresse verso l’albero vicino, per trovare una nuova casa dove vivere. Ma mentre s’incamminava, volando da un ramo all’altro, venne colpita da un uccello, lo stesso che aveva rotto la crisalide di sua sorella tempo prima. Evidentemente non ci vedeva bene neanche di giorno. Precipitò nell’erba, rompendosi entrambe le ali. Un grosso serpente si avvicinò strisciando, ingolosito da quella preda inaspettata. Era in pericolo! Dalla cima dell’albero, fortunatamente, la farfalla vanitosa la vide.

Si ricordò all’improvviso della sua gentilezza. Come aveva potuto ignorare chi l’aveva aiutata! Doveva assolutamente fare qualcosa. Planò verso di lei, ignorando le urla delle altre, che la imploravano di non farlo. Una volta a terra si tolse un’ala e la diede alla farfalla in pericolo, che se la attaccò addosso e l’abbracciò. Insieme spiccarono il volo, appena prima che il serpente li raggiungesse. Quando le loro sorelle le videro tornare rimasero senza parole. Le due ali superstiti, unite per riuscire a volare, ritraevano un cuore, ancora più bello di quello precedente. Questa è la dimostrazione che un cuore solo, se ci si vuole bene, può battere per due.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “I racconti delle radici”

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Nevis
Sono un ragazzo di 25 anni, prossimo alla laurea in lettere moderne. Ognuno ha il suo modo di esprimersi, scrivere è il mio. Scrivo poesie, racconti, storie per bambini, testi di opere liriche e sto recentemente provando a scrivere dei testi di canzoni. Mi piace sperimentare ed esplorare la forza delle parole e delle immagini, ma soprattutto credo nelle idee. Penso che l’idea sia il nucleo della scrittura, che ha il compito di farla risplendere. Mi piace paragonare l’idea ad un blocco di marmo, dentro cui è nascosta una statua meravigliosa, e la scrittura ad uno scalpello: quando si scrive bisogna cercare di tirare fuori l’idea con le parole giuste. Il mio sport preferito è il basket, anche se ne seguo diversi. Mi piace cucinare, che per me è un po’ come scrivere. Il mio sogno è guardare me stesso da una panchina, mentre sono sul palco e mi applaudono, poi scomparire.
Su tutte le campagne di crowdfunding è attivo il codice VACANZE20. Inserendolo al momento dell'acquisto otterrai il 20% di sconto.
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie