Accedi Registrati

Il respiro della Terra

fioriterremoto
Overgoal! Un ufficio stampa curerà la visibilità sulla stampa tradizionale e su quella online. Un promotore professionale proporrà il libro ai librai, una strategia dedicata di marketing online consiglierà il libro a nuovi potenziali lettori.
Goal! Il manoscritto passerà alla fase di editing, revisione, progetto grafico e stampa. Una volta pronto, il libro verrà pubblicato in formato cartaceo e ebook, e reso disponibile all’interno del circuito di Messaggerie Libri e nei più importanti store online.
103% Completato
155 Copie vendute
Svuota
Quantità
Bozze disponibilii
Se pre-ordini il libro, potrai cominciare a leggere subito le bozze del manoscritto

E’ la sera del 26 Ottobre 2016, quando Adriano Anteo, giovane scrittore omosessuale e giornalista, residente nella Provincia Autonoma di Trento, si mette al lavoro per un suo progetto editoriale.

Nella pace assoluta del paesino di montagna arroccato sulla zona collinare ad est del capoluogo, un cane comincia a latrare, terrorizzato da un suono sinistro e dalle vibrazioni del suolo quasi impercettibili alla sensibilità umana.

E’ il fortissimo terremoto che ancora sta scuotendo il Centro Italia, nella zona di Visso e Ussita, fra le province di Macerata e Perugia.

E’ dal 24 Agosto che la terra non trema con questa intensità. Un tuono potentissimo, che fa sobbalzare una popolazione già enormemente provata.

Adriano, intimamente toccato dalla vicenda, decide di dedicare tutto il suo lavoro alla ricerca degli eventi sismici più importanti avvenuti in epoca storica sul territorio nazionale, delineando un modello previsionale basato sul calcolo statistico. Il suo compagno di vita, Marco, prova ripetutamente a distoglierlo da quella che per il giornalista diventa una vera e propria mania di controllo. Tenterà di fargli capire che la vita non è fatta di statistiche e che per andare avanti dovrebbe invece concentrarsi sul suo passato e superare il profondo trauma psicologico per la perdita della madre, morta nello tsunami del 2004 a Tamil Nadu, in India.

Durante una conferenza informativa sul rischio sismico in Italia, Adriano rivela che, secondo i suoi calcoli, il terremoto più forte potrebbe non essersi ancora verificato, dividendo così l’opinione pubblica e attirando su di sé l’attenzione del mondo mediatico.

Fra attacchi di panico per il terrore di eventi futuri, incubi spaventosi che rievocano la figura della madre scomparsa e la vacillante relazione con Marco, messa ancora di più in crisi da una figura misteriosa e inquietante, Adriano si rivolgerà ad un esperto in grado di aiutarlo a districarsi da una matassa di pensieri e preoccupazioni. Ed ecco che nasce la profonda correlazione, incarnata dal protagonista, fra chi ha vissuto l’esperienza del terremoto e chi il terremoto ce l’ha dentro per quello che, a causa della sua più intima condizione personale, ha dovuto affrontare.

Perché hai scritto questo libro?

Ho voluto sensibilizzare il lettore sul rischio effettivo che milioni di persone nel nostro Paese corrono ogni giorno e, nel contempo, imprimere un messaggio di speranza e rinascita. Ho deciso di rendere protagonista delle vicende narrate un giovane omosessuale che incarna un sopravvissuto in tutti i sensi, scampato sia alle macerie del terremoto, sia alla sua condizione naturale che rende la società attorno a lui ostile. E’ profonda la correlazione fra il sisma reale e quello interiore.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    “Il respiro della terra” un libro a mio parere ben scritto, scorrevole, piacevole alla lettura. Parla della storia sismica Italiana e non solo, grazie al quale sono venuto a conoscenza ed ho imparato cose che prima non sapevo su tale argomento. Consigliato!

  2. (proprietario verificato)

    Argomento, molto interessante, e vasto, perché comprende molteplici aspetti! Finalmente è arrivato il momento di nn sottovalutare la richiesta sempre più forte della “Nostra” amata TERRA. ?

  3. Questo libro tratta un tema di grande attualità,che porta il lettore a riflettere sulle problematiche legate alla sismicità sul territorio italiano e in particolare su zone dove il fenomeno si ripete più costantemente…è un gran bel libro complimenti a questo giovane scrittore!!!

  4. (proprietario verificato)

    Da quello che è possibile leggere in anteprima , sembra un libro scritto molto bene che affronta diverse tematiche sociali e molto attuali, poi trovo molto interessante il fatto che sia basato sul mettere a conoscenza la storia sismica italiana e i possibili rischi che si corre non facendo ciò che dovrebbe essere fatto per evitare tante tragedie! Consigliato 🙂

Lascia un commento

Andrea Lupo
Luigiandrea Luppino nasce il 9 Maggio 1992 a Bordighera, in provincia d'Imperia, da madre campana e padre ligure. Lascia presto la “Riviera dei Fiori” per decisione dei genitori, trasferendosi nel Trentino a dieci anni. Si diploma all'Istituto d'Arte “A. Vittoria” di Trento nel 2013.
Fin da piccolo comincia a sviluppare un profondo interesse per il mondo letterario e cinematografico, nonché una spiccata sensibilità per i temi sociali più attuali. Unisce le sue più grandi passioni, letture e cinema, proiettandosi nel campo del doppiaggio. Nel frattempo comincia a scrivere e pubblicare diversi articoli storico-scientifici e news, spesso inerenti alla sismicità in Italia e nel mondo, su note piattaforme giornalistiche online.
Andrea Lupo on sabwordpressAndrea Lupo on sabfacebook