Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Versami un po' di te

Versami un po' di te
35%
131 copie
all´obiettivo
68
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Luglio 2022

“Ciao, come stai?” Questa era la prima cosa in assoluto che, Barbara, gli chiedeva sempre. Ogni giorno, ogni volta che si vedevano, anche se si erano sentiti fino a 5 minuti prima. Anche se sapeva che la risposta poteva non essere delle migliori. E lo faceva guardandolo negli occhi, accompagnando la domanda con un dolce sorriso come a voler significare “Non avere paura di dirmi quello che pensi, davvero, puoi fidarti di me” E Matteo fece così. Si spogliò delle sue paure mettendosi completamente a nudo e la cosa sorprendente sapete quale fu? Che non sentì freddo, nonostante fosse pieno inverno.
E voi? Quante volte avete tagliato corto rispondendo a questa domanda con il classico “Tutto bene grazie, e tu?” E quante altre, invece, avete perso un po’ di tempo per guardarvi dentro ed essere sinceri almeno con voi stessi? La prossima volta che vi capita provateci, o anche adesso se può farvi stare meglio. A Matteo è successo così.

Perché ho scritto questo libro?

Ho scritto questo libro per sfogarmi. Credo che la pandemia ci abbia messo alle strette e, come tutti, avevo bisogno di evadere, di uscire, di vivere, emozionarmi, sorridere, piangere ma l’unica cosa che mi era rimasta per farlo era la fantasia. Ho creato così una realtà parallela nella quale potevo trasgredire liberamente senza doverlo fare per davvero.

C’è chi dice che è stato il caso, altri il destino, ma forse è solo colpa di un errore di valutazione e un piccolo scherzo innocente. Tuttavia, il contatto tra i due fa scaturire una scintilla e l’incendio che divampa è immediato. Due occhi si incrociano, riconoscono qualcosa in quel fuoco e si sciolgono in un unico sguardo. Un dolce sorriso e ore passate a chiacchierare lo fanno stare meglio.

Sì perché Barbara ha questo potere su Matteo. Sa calmarlo e farlo planare tra le  sue emozioni, fino a non fargli più sentire la paura dell’altitudine, fino a guidarlo fuori dalla tempesta in cui  si era trovato. E dopo, nuovamente al timone della sua vita, volare in un cielo limpido e sgombro dalle nuvole è stato più facile per entrambi. Una storia d’amore sincera, romantica, allo stesso tempo folle e controcorrente. Lei, un piccolo vulcano in costante eruzione, è una giovane ragazza con la testa sul collo e il cuore tra le nuvole.
Continua a leggere

Continua a leggere

Lui, più grande e realista, rimane spiazzato da quel carattere così forte e travolto da un’essenza tanto libera quanto inafferrabile. Tra mille idee, l’entusiasmo di progetti che prendono forma e grandi aspettative per il futuro, il destino sembra essere sempre schierato dalla loro parte.

All’improvviso però, una repentina inversione di rotta. Dubbi, sensi di colpa e il lock-down causato dal coronavirus, amplificano le paure di Matteo fino a farlo precipitare.

Un’altalena di emozioni e sentimenti lo trascinano avanti e indietro per mesi fino ad arrivare ad una scelta, ma sarà quella giusta o solo un paracadute? Alle volte sembra così facile decidere, sembra essere così chiaro, lampante, così palese. Basterebbe mettere i giusti pesi sui piatti della bilancia e invece non è così semplice, anzi, a sue spese, ma non solo, scopre che è maledettamente difficile.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Versami un po’ di te”

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Luca Quaglia
Nasco nel 1983. Portato più per le materie scientifiche che per quelle letterarie mi diplomo come perito chimico nel 2002. Non avrei mai sognato di scrivere un libro. Da quando sono bambino ho sempre preferito lo sport. Ne ho praticati davvero tanti e ogni volta che li cambiavo aumentavo il rischio e il livello di adrenalina. Poi, crescendo, mi sono dovuto calmare. Incanalando le mie energie in qualcos’altro, ho dato voce alla mia vena artistica. Musica, fotografia, montaggi video e infine, la scrittura. Un percorso strano e forse senza senso, ma alla fine, che male c’è? Mi sono sempre messo in gioco, in qualunque situazione mi sia trovato. Non mi sono mai posto limiti o messo i bastoni tra le ruote da solo perchè non puoi mai dire di non saper fare una cosa fino a quando non ci provi per davvero! Essere testone, cocciuto, preciso e pignolo mi ha aiutato a fare il resto.
Luca Quaglia on FacebookLuca Quaglia on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie