Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
67%
66 copie
all´obiettivo
0
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Aprile 2020

Il treno, come altri mezzi di trasporto, è un microcosmo fatto di visi, corpi, caratteristiche fisiche, colori, mode, sguardi, silenzi, letture e ascolti di musiche. Io con i miei disegni, e gli scrittori con le loro storie in movimento, abbiamo provato a fissare tutto questo dentro le pagine del miglior amico che, molte volte, un viaggiatore tende a dimenticare: il libro.

In anni di pendolarismo sui treni italiani, ho sviluppato una particolare capacità di osservazione che, nel tempo, sono riuscito a trasformare nell’idea di un libro composto da cento ritratti di pendolari. Ogni ritratto è stato realizzato “live” durante il viaggio con l’ausilio di un tablet. I ritratti, affinché il progetto abbia più respiro e non sia solo consegnato alle immagini, vengono accompagnati da una serie di racconti di scrittori amici che hanno partecipato con entusiasmo a questo progetto.

Perché ho scritto questo libro?

Perché ho realizzato Viaggiatori? Tutto è cominciato con un ritratto a una giovane ragazza che stava studiano, rubato tra due schienali del vagone di un treno. Dopo averne realizzato un secondo ed un terzo, ho cominciato a riflettere su cosa rappresentasse ogni giorno il viaggio per me e altre migliaia di migliaia di persone. Ho coinvolto così molti amici che scrivono chiedendo loro di arricchire i miei disegni con il colore, sapore, odore delle loro storie. Così è nato Viaggiatori.

Simone Carabba – RICORDI SMARRITI

…per fortuna è una bella giornata… Cristo, mi sono dimenticata l’agenda a…speriamo non mi chieda nulla sull’apparato circolatorio o sono fre …sì mamma, non ti preoccupare, per cena tornerò a ca …ecco, lo sapevo, non si può stare soli per un attim …biglietti per favore, bigliett …intanto io, prima o poi,  ce lo mando affanc …Sui treni, per salvarsi, per fermare la perversa rotazione di quel mondo che li martellava di là dal ve…devo cambiare portafogli, questo non ce la fa pi …devo passare dal negozio di giocattoli per il regalo di mio figl …questo treno è ancora in ritard …certo che se ti lavassi la mattina non sarebbe mal …fa caldo …fa freddo …vediamo se quella tipa mi ha risposto su faceboo …Io non credo nei miracoli, meglio che ti liberi meglio che ti guardi dentr…download…app…quasi quasi mi scarico il nuovo libro di…pronto? Sì sono io, come? No, guard 

Continua a leggere 

Continua a leggere
Un sorriso d’arancio corteggiato dal sole.

“Eccolo, è questo!”

“Bene signore. Bellissima frase. È una poesia?”

“Non è poesia. É un quadro dipinto dalla vita, talmente bello da generare poesia. Ora mi sta tornando in mente tutto.”

“Sono contento, signore. Qui ai “Ricordi Smarriti” rimangono in deposito un sacco di ricordi senza che mai nessuno venga a reclamarli. A volte è un vero peccato”.

Domenico accenna un sorriso. Pensa alla sua frase, pensa a quel sorriso arancione davanti al finestrino del treno, di fronte a lui. Ora ricorda il volto di quella donna. Era una donna che sapeva di frutta, colorata da un sole al primo tramonto, fasciata d’arancio tanto da sembrare di terra. Efelidi al lato del naso. Gli occhi verdi a trafiggere il confine del cielo.

“Ma, scusi se glielo chiedo. Com’è possibile ritrovare i nostri ricordi?”

“I treni ricordano, signore.”

“I treni ricordano? E come?”

“Cosa sono i ricordi se non passeggeri su un treno di memorie!”

Il sorriso di Domenico si allarga, evidenziando giovani rughe. 

L’impiegato è gentile. Risponde al sorriso con un altro ancora più trasparente, pulito. 

Spiega.

“La gente, mentre viaggia, si rilassa, parla, si addormenta, ascolta la musica, sogna. Succede che, a volte, quello che si pensa o che si sogna possa scappare via, scivolando sopra il sonno o per una distrazione. Noi recuperiamo i ricordi sfuggiti e li cataloghiamo qui, sul nostro database. Quando vengono persone a reclamarli, non facciamo altro che sfogliarli, sperando di trovare il ricordo giusto …come nel suo caso.”

Domenico non riesce a togliersi il sorriso dalle labbra.

“E’ un ricordo molto importante, deduco.” L’impiegato osserva l’uomo che ha di fronte, la sua espressione distratta, sognatrice.

Domenico si scrolla di dosso uno sguardo appannato.

“Beh, ecco. É stato un momento perfetto. Una donna che guarda fuori dal finestrino nel momento esatto in cui il sole galleggia sul mare e investe il vetro di un colore innaturale, talmente bello da farti desiderare di morire in quel momento. L’arancione che scivola sul profilo di quella donna, asciugandone la stanchezza, accendendola di tramonto. Quello sguardo che poteva arrivare ovunque. 

Non se ne vedeva la fine.”

“È  innamorato, signore?”

“Mi sono innamorato di quella poesia.”

“La conosceva? La donna, intendo.”

“No!” Domenico abbassa gli occhi. “…no!”

L’impiegato sposta lo sguardo sul suo database. Appoggia le dita sulla tastiera del computer e le fa correre sui tasti. Guarda Domenico e sorride delicatamente.

“Vuole collegarsi, signore?”

“Come?” Domenico si scrolla ancora dai pensieri.

“Il ricordo. Desidera riaverlo?”

“Ce…certo!” Un’espressione svampita. “Quanto mi costerà?”

“Signore, se avessero un prezzo qualcuno potrebbe comprarli 

…i ricordi sono liberi!” 

L’impiegato si ferma un istante. Guarda Domenico negli occhi fino a scorgerne l’anima poetica. Ne percepisce l’amore genuino.

“Cosa devo fare?” Domenico suda.

“Deve solo avvicinarsi con la testa qui, vicino al mio computer. Ho bisogno di collegare questo bio-diodo alla sua fronte per poter travasare il ricordo nella sua memoria.”

Domenico è nervoso. A dire il vero ha paura, ma non sa di cosa. Forse ha paura di ricordare quella donna perché, in fondo, non la conosce. Non sa di chi si è innamorato. Forse è meglio non saperlo per non dover soffrire. Dopotutto, come farà a ritrovarla?

“Si avvicini per favore.”

Domenico indugia un paio di secondi, poi allunga di un passo verso l’impiegato.

“Farà male?”

“Fanno male i ricordi, signore?”

“Forse questo sì.”

“E’ questione di un attimo.” 

Gli occhi di Domenico si chiudono nel momento in cui ilo bio-diodo si appoggia freddo sulla sua fronte. 

L’impiegato preme un tasto e invia i dati dei ricordi.

L’uomo sussulta per una frazione di secondo.

Una piccola scossa gli percorre la pelle, proprio in mezzo alle sopracciglia. Nessun dolore. Solo un lampo di luce che attraversa i pensieri.

“Fatto!”

Domenico apre gli occhi. Un sorriso d’arancio, corteggiato dal sole.

C’è tutto in quel ricordo. C’è il suo viaggio, il suo lavoro, il suo amore, i paesaggi che scorrono veloci per poi andare lenti e poi tornare a correre.

Ci sono i colori incredibili di quel tramonto, di un ritorno a casa dolce, emozionante, sospeso in un fermo immagine nitido dentro il vagabondare frenetico della vita.

C’è lei, di fronte. Si è appena seduta. Non lo guarda. Ha chiesto solo “permesso”.

Appoggia i gomiti al tavolino sotto al finestrino e si dedica al mare. Il mento fra le mani. 

I suoi occhi galleggiano sull’orizzonte, come il sole.

Domenico la fissa, non riesce a farne a meno.

Poi eccolo …quel sorriso meraviglioso!

Il ricordo perfetto.

Però, c’è qualcosa in quel ricordo che …non ricordava. Come se non fosse suo.

É li, che gli gira nel cervello e non riesce ad afferrarlo.

Domenico chiude gli occhi e il ricordo si ferma.

Vede se stesso sul treno. Vede i suoi occhi fissi ed estasiati. Il sorriso stupido.

Il ricordo è di lei che lo guarda…per un attimo 

sorride d’arancio, corteggiata dal sole.

06 settembre 2019

Il Nuovo Levante

Bello svegliarsi con una bella lettura vero? Ecco cosa scrivono del nostro libro Viaggiatori su Il Nuovo Levante - Liguria di Levante.
Grazie a voi tutti sostenitori! Abbiamo molta strada da fare per raggiungere il GOAL!

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Viaggiatori”

Share on facebook
Condividi
Share on twitter
Tweet
Share on whatsapp
WhatsApp
Andrea Enrico Corbetta
Andrea Enrico Corbetta nasce a Genova il 29 aprile del 1972.
Si diploma all'Istituto Statale di Arte di Chiavari nel 1992.
Nel 1994 frequenta la scuola di scenografia di Emanuele Luzzati.
Dal 1996 lavora al Teatro della Tosse di Genova come scenografo e grafico.
Dal 2013 in poi lavora per diverse aziende come disegnatore, storyboarder e illustratore.
Tra le cose che gli piace ricordare spicca il film "The President's Staff" co-prodotto da Rai Cinema, per il quale ha realizzato la ricostruzione dello Studio Ovale della White House, ricevendo i complimenti da Barack Obama.
Importanti anche la serie televisiva "Evaxon - Alieni nello spazio" prodotta da Canal Jimmy e il fumetto horror-gotico "The Professor" uscito in edicola tra il 2016 e il 2017, per il quale ha curato anche le copertine, oltre all'ideazione del personaggio.
Andrea Enrico Corbetta on FacebookAndrea Enrico Corbetta on InstagramAndrea Enrico Corbetta on TwitterAndrea Enrico Corbetta on Wordpress
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie