Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Viola di notte

Svuota
Quantità

Viola si sente diversa dagli altri. La sua solitudine è così profonda da spingerla a scrivere i suoi pensieri in un diario per poi lasciarli in balia del destino sulla ruota panoramica di un luna park l’ultimo giorno d’estate.
Mattia ha una vita perfetta, ma la morte improvvisa di Matteo, il fratello gemello, apre una voragine all’interno del suo maniacale controllo su ogni cosa. È in una notte tra tante che salendo sulla ruota panoramica di un luna park trova il diario di una certa “Viola di notte”. Leggendolo, Mattia inizierà il suo primo viaggio dentro se stesso.
Viola di notte è un percorso dentro le debolezze e le paure che viviamo almeno una volta nella vita. È un viaggio all’interno di un amore diverso dagli altri, un amore che non si dimentica, un amore in cui essere quello che si è diventa l’unica regola da seguire per non sbagliare mai.

VORREI RACCONTARTI UNA STORIA
Vorrei raccontarti una storia, una storia nata in una notte tra tante, quando le stelle erano luci lontane da cercare con lo sguardo, quando fuori non faceva più freddo ma dentro sì. Una storia cresciuta con i pensieri, con tutto quello che di me non ho saputo spiegare mai.
Parla del buio, della luce. Di tutte quelle cose che a volte non si dicono ma che si sentono. Di tutte quelle che non si vedono ma si immaginano.
Parla di una ragazza che è come un’emozione, di un ragazzo che sembra invece solo ragione, parla di un viaggio che puoi fare dentro te stesso.
Parla di me che l’ho vissuta con i miei occhi, da lontano. Sono stato un nome, un attimo di vita, un ricordo da non lasciare andare.Continua a leggere
Continua a leggere

Vorrei raccontarti una storia e se potessi usare la musica al posto delle parole, sono queste le canzoni che userei:

I Will, I Swear – Sleep
The Killers – Mr Brightside
Noel Gallagher – Dead in the Water
Robert Plant – Rainbow
Lewis Del Mar – Painting (Masterpiece)
Catfish and the Bottlemen – Twice
Alle Farben & Janieck – Little Hollywood
Wallows – Ground
Johnny Jewel – Tell Me (Featuring Saoirse Ronan)
Yeah Yeah Yeahs – Skeletons
Matt and Kim – Daylight
Mikky Ekko – Smile
Mikky Ekko – Kids
Brenton Wood – The Oogum Boogum Song
The Velveteins – Daydreams
The Velveteins – All Night Baby
Newton Faulkner – Human Love
John Butler Trio – Just Call
Dr Dog – Heart It Races
Prettymuch – Summer on You
Iron & Wine – Upward Over the Mountain
Mumford & Sons – Believe
Wheatus – Teenage Dirtbag
Hollow Coves – Coastline
Manny Walters – My Own Fault
Calum Scott – Dancing On My Own
The Black Keys – Tighten Up
The Velvet Underground – Sweet Jane

PROLOGO
30 agosto 2015
Viola guarda la fila davanti alla giostra, alza gli occhi nella notte, le lampadine rosse che disegnano la ruota panoramica le illuminano lo sguardo. Stringe il suo diario al petto.
«Una corsa» dice con un sorriso all’uomo seduto dietro il vetro della biglietteria.
Sale le scale metalliche, si accomoda sulla seduta colorata e osserva.
Guarda il ragazzino che stringe la mano del padre davanti al banco delle caramelle, si sofferma sulla coppia abbracciata proprio lì sotto, a due passi da lei. Ascolta i suoni, la musica in sottofondo.
Respira profondamente, chiude gli occhi, ripercorre i momenti appena vissuti. La morbida consistenza dello zucchero filato che le rende ancora dolci le labbra, la donna vestita da chiromante che le ha letto la mano. Il fumo bianco sulla pista degli autoscontri che le ha fatto perdere l’orientamento per un istante.
Stringe di nuovo il diario al petto.
Sa che è una follia affidare al caso i suoi pensieri, sa che tutte quelle pagine scritte con tanto sentimento potrebbero restare in balia del vento, della pioggia.
Sa che potrebbe leggerle la persona meno adatta, ma alla fine che rischio ci sarebbe se potesse scegliere a chi lasciare i suoi più intimi pensieri?
La ruota si muove lentamente. Viola non riesce più a vedere l’orizzonte come un tempo, i giorni lo hanno reso una linea lontana, percepibile appena.
Prende la penna nella borsa, apre il diario, non è sicura di poter scrivere le ultime parole seguendo le righe stampate sulla carta, sente l’emozione correrle sul cuore ma ci prova lo stesso. Trattiene il respiro, sente il vento tra i capelli mentre l’inchiostro disegna parole lentamente.

Dopo questa pagina non troverai più niente.
Al posto di un foglio bianco immagina il buio, perché forse sarà così per me tra un po’ di tempo.
Buio.
Niente più notti in giro a imparare, a ripetere a mente, a memorizzare tutto quello che sino a ora ho potuto vivere con gli occhi.
Chiunque tu sia, se passerai di qui, troverai il mio diario.
È l’ultimo giorno d’estate, il luna park domani chiude i battenti, ho scelto di stare in silenzio per un po’ proprio come lui, voglio spegnermi con le sue luci.
Lasciare su questa ruota panoramica tutte le cose che non ho mai avuto il coraggio di dire, quelle che non ho mai ammesso nemmeno a me stessa, credo sia la cosa più assurda che abbia mai fatto in vita mia.
Ti sei mai chiesto cosa significhi non poter più rivolgere lo sguardo su niente?
Hai mai pensato che vita sarebbe senza poter più associare le immagini agli odori, alle sensazioni?
Io sì.
Vorrei solo poter ricordare ogni cosa proprio come l’ho vissuta, svegliarmi ogni giorno con l’alba negli occhi. Camminare nelle stesse strade e sapere in quale angolo svoltare per arrivare a casa.
Non so se sono stata per te una buona compagnia, spero che ogni mia parola ti abbia fatto riflettere. Spero ti abbia aiutato a non dimenticare quanto è bello poter vedere il mondo per quello che è, con i suoi disastri, con le sue bellezze, con le sue notti immense.
Con quella luce che da tempo io non posso più amare.

Viola di notte

Viola aspetta che la giostra si fermi, alza la seduta con una leggera pressione, spinge il diario nella fessura stretta.
Scende di nuovo le scale metalliche senza voltarsi e si incammina tra la gente, sicura di poterlo fare ancora per poco.

Mattia Adorni guarda la fila davanti a sé.
Ha sempre amato il nero.
La sua maglietta preferita è nera, nere sono le lenzuola del suo letto, nero è lo zaino che porta con sé spesso. Nero è il colore che vede quando chiude gli occhi prima di addormentarsi ogni sera, nera è l’auto che sua madre e suo padre gli hanno regalato per i diciotto anni.
Sente una goccia di sudore scendere piano sulla fronte, guarda di nuovo la fila davanti a sé.
Ci sono solo abiti neri.
Scarpe nere.
Occhi neri.
Visi neri.
Anche suo fratello è stato vestito di nero per il suo ultimo viaggio.
Per un momento sente ovunque quel nero intenso che ha sempre creduto di poter amare.
Capisce così che è il colore del dolore, il colore del buio quando sai che gli occhi non puoi aprirli più. Eppure si stampa in faccia il suo solito contegno, una parvenza di normalità dentro gli occhi lucidi.
Sbatte le ciglia folte con calma, il collo della camicia chiuso sino all’ultimo bottone anche con il caldo che gli inumidisce la schiena.
Vive il suo primo vero giorno nero come fosse uno tra tanti.
Respira profondamente, tiene le spalle dritte, le mani congiunte appena sotto la cintura dei pantaloni, sostiene sua madre che come lui sa mantenere il controllo.
Non una lacrima deve scendere dagli occhi, ha imparato dai suoi genitori che le emozioni sanno di debolezza, di intimità. Ha imparato dallo sguardo scuro di suo padre che sono il segreto più grande di un uomo.
Lui non sa ancora che ogni perfezione ha la sua falla da qualche parte.
Dicono che i cimiteri sono luoghi di pace, ma lui sente solo un’irrequietezza improvvisa uscirgli dal cuore e quando vede la prima manciata di terra cadere sul legno lucido che nasconde l’ultimo ricordo di suo fratello, inciampa. Quando vede la seconda, si morde il labbro.
È alla terza che fa un passo indietro, poi un altro e un altro ancora.
Guarda di nuovo la fila davanti a sé e tutto in un momento si tinge di nero.
Le domande di fronte a quell’addio che non si sarebbe mai aspettato sono un fiume in piena che fa franare tutte le sue sicurezze.
Si volta lentamente.
Contegno. Calma. Controllo, ripete a mente.
Ma la gola si chiude mentre affretta il passo, sente una sensazione mai provata spaccargli le ossa, affondare le unghie nella pelle.
Deve essere paura, incertezza.
Le scarpe sbattono sull’asfalto mentre corre sul marciapiede, le auto gli sfrecciano accanto nel traffico di una città che si spegne piano con la sera, è un orizzonte caldo, quello davanti a lui.
Si sfila la giacca, la lascia cadere a terra senza voltarsi, le luci del luna park si accendono piano nel tramonto, i capelli scivolano disordinati sulla fronte a ogni passo.
Contegno. Calma. Controllo, ripete di nuovo a mente con un fremito anche nei pensieri.
Senza preavviso gli scende sulla guancia la sua prima lacrima da adulto, bagna gli occhi, le labbra, il cuore. Corre e non riesce a fermarsi nel suo ultimo giorno d’estate.
Nessuno può dirgli quanta bellezza c’è nella tristezza di quello che sente, nessuno può dirgli che è perfetto anche chi le emozioni riesce a mostrarle senza avere paura.

03 maggio 2019

Aggiornamento

Recensione di Viola di notte su Amore per i libri.
Copie del romanzo disponibili da giugno  
26 marzo 2019

Aggiornamento

Domani sarà disponibile la recensione di Viola di notte sul blog Esmeralda viaggi e libri.

Commenti

  1. M. E. Loi

    (proprietario verificato)

    Appena finito di leggere. Lo aspettavo da mesi. Non saprei da dove cominciare… Entrare nella mente di Mattia non è poi così difficile, immedesimarsi in Viola ancora più facile. Una storia che ti travolge, a tratti fa riflettere e alla fine commuovere. Due anime che trovano il modo di trovarsi, aiutati dal destino… Anzi, come direbbe Luca aiutati da una “stramaledetta fortuna”! Perché alle volte un pizzico di fortuna è quello che ci vuole, per realizzare un sogno, per sentirsi felici e per potersi perdere con l’unico scoop di ritrovarsi. Mi è quasi venuta voglia di scrivere un diario, per abbandonarlo lì, su una ruota panoramica all’interno di un luna park a luci spente. Nella speranza che qualcuno legga. Nella speranza che qualcuno cominci a cercarmi.

    Viola di notte.

    Leggetelo.

  2. (proprietario verificato)

    Ho avuto la fortuna di leggere il libro in anteprima ( recensione completa al seguente link http://www.esmeraldaviaggielibri.it/viola-di-notte-di-ilaria-bianchi/?utm_campaign=shareaholic&utm_medium=facebook&utm_source=socialnetwork&fbclid=IwAR23Ok-Aylvdyl0TnQ1XLjm76OjEFAH8j3-E_MXh7WCK2mQdWgF7nSf8z5o )

    Il romanzo “Viola di notte” è in grado di trasmettere delle emozioni bellissime e di spronare a prendersi del tempo per sè e riflettere. È un inno alla bellezza del mondo, con tutti i suoi pregi e i suoi difetti, ci mostra come a volte ci si abitui alle cose, cercando le emozioni sempre un po’ più in là, quando invece tutto ciò di cui abbiamo bisogno è proprio accanto a noi, ci basta solo imparare a guardare. Ci sprona ad essere noi stessi, a vivere la vita che vogliamo e non quella che gli altri vorrebbero che noi vivessimo, evitando così di finire in una spirale di insoddisfazione.
    Il libro è scritto in terza persona, e si sviluppa dal punto di vista di Mattia. Lo stile è fresco, semplice, informale e profondo allo stesso tempo, come se si trattasse di una chiacchierata e il tutto rende la lettura più leggera e più facile da interiorizzare.

    In bocca al lupo Ilaria. Sono certa raggiungerai il tuo obiettivo.

  3. (proprietario verificato)

    Viola di notte è un libro insolito, raro, semplice ma complesso al tempo stesso. È pieno di intime riflessioni. È un viaggio introspettivo e che qualcuno potrebbe indugiare ad intraprendere. Questo libro è tutte le speranze di Viola, le sue paure. È lo scoprirsi, il ricredersi e l’imparare a guardare di Mattia. È la storia di un amore nato senza guardarsi negli occhi. È quella bellezza che ogni cosa, anche la più vicina, può nascondere.
    Qui su bookabook c’è scritto che Ilaria Bianchi sogna di riuscire a trovare un giorno le parole giuste per descrivere la vera profondità delle emozioni, ma a parer mio, come ogni volta c’è riuscita inconsapevolmente alla perfezione.

  4. Desideria

    Leggendo questa piccola anteprima ho già voglia di sapere come finirà il libro. È una storia d’amore molto intesa. I due personaggi dovranno viaggiare attraverso i loro sentimenti per trovare la loro meta.

  5. Ho letto l anteprima e che dire mi è piaciuta molto mi ha emozionato . Un libro da acquistare da leggere con la stessa passione con cui è stato scritto, libro super consigliato

  6. Viviana Re Fraschini

    (proprietario verificato)

    Ho letto l’anteprima e mi ha emozionata tanto. Mi è piaciuto molto anche lo stile di scrittura, l’ho trovato avvincente. Ciò che fino ad ora ho letto mi ha trasmesso molto sentimento e mi ha fatto entrare nella mente del personaggio… Ho acquistato il libro e ora non vedo l’ora di leggerlo!

  7. (proprietario verificato)

    Ho acquistato ora il libro ..non vedo l’ora di leggerlo 😍

  8. (proprietario verificato)

    Intimo,poetico,vestito di passione e ragione.

  9. (proprietario verificato)

    Viola e Mattia sono due ragazzi adolescenti ma quello che passa per i loro cuori, le emozioni che provano, le paure, le gioie, le domande che si fanno, le inquietudini o i dubbi che li assillano sono di tutti noi indipendentemente dall’età. A chi non è mai successo di dover affrontare una verità o un momento difficile, o di trovarsi davanti a un bivio o ancora di vedere messe in crisi tutte le proprie certezze e sentirsi insicuro o incerto nel dover affrontare un cambiamento.
    Ilaria Bianchi sa raccontare una storia dolce e intima che è un po’ di tutti noi riuscendo a far riflettere, ma con una narrazione scorrevole e poetica. Un libro dolce, intimo e intenso da non lasciarsi sfuggire.

  10. (proprietario verificato)

    Viola di notte racconta la bellezza di una vita assaporata nei dettagli, quelle piccole eccezioni su cui raramente ci si sofferma. È una storia di sogni rinchiusi tra le pagine di un diario, segreti confessati al chiaro di luna sopra una ruota panoramica con le stelle a fare da sfondo a un firmamento dalle tonalità scure quanto il dolore di Mattia. È un racconto dove le emozioni si susseguono per regalarti un giro sulle montagne russe; delusioni, rimpianti, speranze e amore si scontrano nel tuo stomaco e tu non puoi fare a meno di divorare le parole per la voglia di sapere. Viola di notte è una botta di vita, un percorso da vivere a pieno.

  11. hanna87

    (proprietario verificato)

    Ho deciso di sostenere questa campagna perché Ilaria Bianchi con le sue parole ti porta dentro emozioni vere, vissute intensamente e che hanno la capacità di avvolgerti come un abbraccio pieno di calore. Non si riesce a non immergersi nel mondo che ti racconta ogni volta.

  12. (proprietario verificato)

    Non potete perdervi questo libro capace di entrarti dentro, darti emozioni, farti sentire parte della vita dei personaggi. Una storia che è capace di toglierti il fiato perché ti fa comprendere quanto a volte non vedi le cose belle che hai daVanti finché non sei costretto a sbatterci la faccia e a fare i conti con un destino che non è ciò che speravi. È semplicemente straordinario!

  13. (proprietario verificato)

    La storia di Viola mi ha catturata fin dalle prime righe, non è semplicemente una storia ma un viaggio che si intraprende con i personaggi, dentro i personaggi e perché no anche dentro se stessi. Il modo di scrivere di questa bravissima autrice è particolarissimo
    e personalmente lo definirei… magico.

  14. giacomettikatia

    (proprietario verificato)

    Un modo di scrivere diverso e riconoscibile.
    Un saper raccontare l’emozioni tale da renderle vive. Una storia che affascina dai primi capitoli. Viola ti conquista, come il modo di scrive della sua autrice.

  15. littleliar46

    (proprietario verificato)

    “Viola di notte” è una storia che ti entra dentro, scava nelle tue emozioni e ti sconquassa.
    Vuoi per lo stile particolare (poetico se mi è concesso), vuoi per la trama coinvolgente che sa toglierti il fiato o per la profonda caratterizzazione dei personaggi ma una volta iniziata la lettura non si riesce a mollare la presa fin quando non si arriva all’ultima pagina.
    Non perdetevi libro perché è davvero una perla.

  16. gabymadonia82

    Consiglio questo romanzo a tutti, giovani donne ma anche a quelle più mature come me. C’è tanto da scoprire in Viola, si va oltre la storia raccontata, parlano le emozioni, si scava dentro se stessi. Ci sono così tante sfumature da cogliere, l’autrice ha il dono di far vivere tutto sulla propria pelle. Immensa Ilaria Bianchi arriva al cuore ❤

  17. Iolanda

    (proprietario verificato)

    Ho avuto il piacere di leggere questa bellissima storia in anteprima. Mi sono subito innamorata dei protagonisti e del mondo che li circonda. L’autrice ha uno stile narrativo molto bello e particolare, in alcuni punti arriva ad essere quasi poesia. È una storia di crescita, di amicizia, d’amore, di perdita e di rapporti familiari tutto raccontato in modo delicato ed intimo che fa nascere, mentre leggi, mille emozioni. L’ho comprato perché ritengo che sia uno di quei libri che ogni tanto è bello riprendere tra le mani e lasciarsi di nuovo trasportare dalla storia. E non ultimo ritengo che bisogna assolutamente aiutare e promuovere emergenti così bravi.

  18. (proprietario verificato)

    Io non sono brava a scrivere ma leggo tanto e quello che posso dire è che consiglio di ordinare questo libro perché sarete avvolti dalle emozioni. Ilaria ha uno stile unico che riesce a fare arrivare i sentimenti dritti al cuore

  19. (proprietario verificato)

    Viola di notte è una storia d’amore dove un diario fà da cupido. L’autrice mette in risalto che per amare non serve tanto vedere ,ma guardare oltre , quello che c’è dentro in ognuno di noi.

  20. lisa102010

    (proprietario verificato)

    Trovo che Viola di Notte non sia un semplice romanzo. È un viaggio interiore di quelli che ti portano a riflettere su ciò che realmente è importante, sulla bellezza della cose più semplici, quelle che troppo spesso diamo per scontate, cercando sempre altro che sembra possa renderci felici. E invece non ci si accorge che spesso rincorriamo i sogni degli altri. Si cerca lontano, ciò che magari è vicino.
    Attraverso le parole di Viola, scopriamo invece quanto ci sia di bello e prezioso tutto intorno a noi. Apre gli occhi a chi ha vissuto credendo di vedere e invece vedeva solo con gli occhi degli altri.
    Bellissimo, un bellissimo viaggio dentro noi stessi che porta a riflettere su ciò che davvero siamo e vogliamo.
    Il tutto vivendo le emozioni di questo amore tra Mattia e Viola, che nasce nei pensieri ancora prima che si incrocino gli occhi.
    Un amore fatto di bisogno, senza limiti dati da preconcetti. Un amore libero, vero, che riesce ad emozionare nella delicatezza di sguardi, gesti, silenzi.
    Bellissimo davvero!!!

  21. faith_sharingan

    (proprietario verificato)

    Viola di Notte è una storia diversa da tutte quelle che mi ritrovo a leggere solitamente. Ha uno stile narrativo che si distacca da ciò che sono abituata a leggere ma non per questo non ne sono stata attratta sin dalla prima pagina, anzi! Sono rimasta piacevolmente conquistata dalla scrittura di questa autrice che si accinge a farsi conoscere nel panorama editoriale e devo dire che sento di non averne mai abbastanza delle sue parole. Il modo in cui ti fa entrare nella testa dei suoi personaggi, e come inevitabilmente ti ritrovi a crescere con loro e a porti domande sull’essenza del nostro essere, è tutto dire! Ti approcci alle sue parole e ne rimani incatenata dall’inizio alla fine! Perciò non posso fare altro che consigliare vivamente l’acquisto e la lettura di questo suo romanzo che saprà sicuramente conquistarvi come ha conquistato me!
    “Viola di Notte” è una storia che merita di essere letta!

  22. (proprietario verificato)

    Consiglio fortemente questo libro per il trasporto che porta. Per il linguaggio che mi ha saputo far incontrare un genere di lettura che ricerco come l’acqua nel deserto. La trama è coinvolgente dentro le emozioni che riesce a far nascere. Non è un semplice incontro, ma è molto di più. È il cambiamento che Mattia intraprende come lo stesso lettore d’altronde, un cammino parallelo a che si incontra comunque. Ci sono moltissimi punti di riflessione che mi hanno fatto apprezzare ancor di più questo romanzo. La poesia che accompagna questo libro è quella che poi ti rimane sulla pelle come un tatuaggio. Bravissima questa scrittrice che ha saputo trovare una sua identità ben definita in mezzo a tanti altri.

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Ilaria Bianchi
Vive in una casa con una finestra che guarda il mare, ha studiato scenografia teatrale all’Accademia di Belle Arti, ama la musica, la scrittura e il disegno.
Colleziona occhiali, biglietti di concerti a cui ha partecipato e diari.
Ha un quaderno in cui scrive tutti i film che ha visto e un baule dentro cui sono chiusi tutti i momenti importanti della sua vita. Le piace bere Coca Cola e sogna di riuscire a trovare un giorno le parole giuste per descrivere la vera profondità delle emozioni.
Viola di notte è uno dei suoi romanzi.
Ilaria Bianchi on FacebookIlaria Bianchi on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie