Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Angeli Perduti

Angeli Perduti
22%
157 copie
all´obiettivo
69
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Marzo 2023
Bozze disponibili

Tre racconti, tre parabole, una trilogia del dolore, una trilogia di speranze disperate. Un padre che dopo una grave perdita si rintana in un delirio onirico perdendo contatto con la realtà, troppo pericolosa per alcune persone, troppo scomoda per altre, calma e quieta per poche. Ma dov’è finita tutta la gioia del mondo? Cosa sta succedendo davvero là fuori? E poi due fratelli, Timothée e Sara, che fin da piccoli vivono nella loro casa dove una stella incandescente continua, imperterrita, ad orbitare e ad aumentare la sua luminosità. Una spaccatura improvvisa e un viaggio necessario che attende i due ragazzi verso confini inesplorati guidati da lei, potente ed accecante: la Stella. Perché Timothée e Sara portano il fuoco. Ed infine loro, gli angeli perduti, due ragazzi innamorati tossicodipendenti, decisi a “volare” verso le porte del Cielo per scoprire l’esistenza di Dio. Ma fermati e separati, toccherà a loro decidere se riprendere la salita verso il cielo o rimanere caduti in terra.

Perché ho scritto questo libro?

Ho scritto questo libro perché per me era necessario farlo, non so dire un motivo, so solo che sentivo e sento una spinta creativa ed una necessità di trasmettere qualcosa, lasciare qualcosa di mio in ogni persona che mi legga, che sia qualcosa di incredibilmente scomodo o qualcosa di incredibilmente sicuro io sarò qui ad accettarlo.

ANTEPRIMA NON EDITATA

Prologo: Il Cielo è dei Dannati

Eravamo angeli che danzavano sul ciglio della lucidità, pronti a cadere nella follia, pronti ad esplodere, pronti a soverchiare l’ordine logico dei pensieri e distruggere ogni pressione, ogni paranoia che ci infettava, ogni restrizione adottata dalle nostre menti perverse e ormai perse per sempre.

Eravamo gli angeli caduti attraverso il tunnel dell’amore, attraverso l’imbuto delle sostanze stupefacenti che coloravano le nostre vite e dipingevano gli urli angoscianti, i nostri.

Desideravamo il paradiso ma una volta giunti qui trovammo solo un inferno asfissiante che sovrastava i nostri cuori e che ci bruciò e ci mutò in brace per la fiamma che non fa luce.

Continua a leggere

Continua a leggere

Ancora ci scottiamo ad ogni nostro movimento, ad ogni nostro tentativo di fuga che non sia iniettarsi follia liquida nelle nostre vene.

Scoperto il trucco per un po’ di tempo riuscimmo a scampare l’ordine e ci buttammo nel caos, fu una nostra scelta: annegare tra i vaneggiamenti esplosi dapprima nelle nostre braccia, poi nei nostri occhi.

Ora, dannati, ci rifugiamo spesso in un posto buio come questo dove le nostre braccia brillano, il sangue bolle e le nostre anime raggiungono i cento gradi fino a cuocersi e a trasformarsi nel mangime che sazia la fame della terra.

Quando la mia anima brucia, con me, c’è sempre un altro angelo che corre sui fili del mio cuore e insieme danziamo su di esso, nascosti agli occhi del mondo. E anche oggi è con me, nel giorno del mio compleanno ha deciso di farmi una

sorpresa e portarmi qui per scappare, io e lei solamente. Questo è amore per me, questo è amore che si inietta dritto nel profondo del mio essere fino a farlo sdoppiare in due e trasferirlo direttamente nel suo di essere, nell’essere di Audrey. Questo è il suo nome, questo è il marchio sulla mia anima, anima che le ho già venduto: se esiste il diavolo lei è il mio. Dalla A io mi perdo, mi muovo al buio e in avanti, sono un serpente che biascica sulla sua mela tra la U e la D. Striscio sulla R, mi appendo alla E, scavalco la Y finale per ritrovarmi disperso in un posto che mi scatena soltanto angoscia e dolore.

E allora infilatevi nelle mie braccia, iniettatemi tutta la leggerezza possibile, venite a trovarmi in questo posto dimenticato, io vi accoglierò tutti. Raccoglierò tutta la speranza degli angeli perduti che mi fanno compagnia ed insieme danzeremo sul ciglio della lucidità agitando il nostro spirito.

Si sta già agitando, Audrey, accanto a me, sta cadendo e non è mai stata così bella ai miei occhi, un angelo caduto e raccolto dal mio cuore che prova a donarle l’amore, lo stesso che si sta insinuando nelle nostre vene.

E’ bella, dannatamente bella, potreste confonderla per un sogno e invece è qui ed è reale, in mezzo a tutti noi.

Il posto è sempre lo stesso, la vecchia vetreria ormai abbandonata da decenni e ora riempita di marciume e graffiti sparsi in ogni dove.

La notte ci abbraccia, non so di preciso che ora sia ma so di preciso che siamo già da un’altra parte e non vogliamo tornare.

Al nostro fianco si estende l’altro marciume, quello di cui facciamo parte anche noi, ci siamo tutti, è il posto preferito dagli angeli perduti della città: di spazio per le nostre ali non ce n’era fuori e allora ce lo siamo creato noi qui dentro.

Quando arrivano queste notti e con esse questi momenti stringo la mano ad Audrey, ho paura di andare troppo in alto e perderla per sempre, perchè poi mi perderei anche io, più di quanto mi sia già perso.

La stringo, ci iniettiamo i deliri e mi sento così sicuro, non mi interessa dove vado, mi interessa andarci con lei.

Il cuore della notte è sempre il più duro da sopportare, il tempo sembra dilatarsi allo stesso ritmo delle nostre pupille e tutto si attenua in quel momento, poi arrivano e sono sempre diverse: allucinazioni e vaneggiamenti per lo più.

Stanotte stanno tardando ma già li sento, sono vicini come vicina è ormai l’alba,

sono vicini! e allora mi avvicino io, maldestro, alla luce fioca di un destino spento:

Chi va là?”, urlo a me stesso.

L’eco risponde, si frantuma contro un albero spoglio con foglie crepate, piene di fori provocati dall’assuefazione della sostanza verde che scorre nelle nostre vene larghe, scorticate e mangiate da ossa di un bianco smaltato dove mi perdo, mi specchio ed inciampo ogni volta che vedo Narciso. Affogo con lui dentro me stesso per ritrovarmi bello al mio risveglio. Il cielo aspira, ci tiene un posto lì dove una volta stava l’angelo con la testa in giù e dove adesso stiamo noi.

Sotto di me ora balla una fiamma blu spasmodica, si intreccia in un caleidoscopio di avventure che portano tutte qua, l’archetipo della fine del mondo: una fiamma danzante tra due mondi dove noi balliamo e ci occupiamo della disintegrazione della fiacca noia.

Sussultate di paura voi, il cielo è nostro, il cielo è dei dannati.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Angeli Perduti”

Condividi
Tweet
WhatsApp
Samuele Toro
Aspirante trasmettitore di emozioni in un mondo corroso che ci sta uccidendo lentamente. Una flebile luce di speranza infiamma il mio addome, tu lettore, accompagnami verso la fine.
Samuele Toro on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie