Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Aspettando le rose

Aspettando le rose
32%
137 copie
all´obiettivo
2
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Novembre 2022

Un freddo novembre, una città di provincia, una prostituta viene trovata senza vita nel suo appartamento; non è una morte naturale, non si tratta di un incidente: è una brutta storia, un intrigo di quelli che il commissario Morelli è abituato a dipanare, senza averci mai fatto il callo però.
Gli indizi aprono molti possibili scenari.
Angelica, la protagonista, è l’ultima persona ad aver visto la ragazza in vita, in che modo è coinvolta nella vicenda?
Sara, la vice del commissario, è al suo fianco, non un passo indietro: ha piglio Sara e sa come guadagnarsi il suo posto nel mondo.
Il lettore, verrà coinvolto nella soluzione dei molti rebus che via via saranno posti, in un groviglio che si dipana fra le vie della città, nei bar della periferia, i locali notturni, i motel, gli uffici, le officine meccaniche…
Un giallo classico tinto di eros, un racconto avvincente.

Perché ho scritto questo libro?

Originariamente era una raccolta di brevi racconti erotici: molte donne, ognuna un nome, una storia e un modo proprio di vivere la sessualità.
Il giallo e venuto fuori da sé, l’ho assecondato e una volta compiuto ho avuto il desiderio di condividerlo.
Una lettura che nasce da una riflessione a proposito della vita intima delle donne, che riguarda il loro diritto al piacere, senza giudizi, senza censura; ma può incuriosire anche gli uomini, soprattutto quelli che le donne le amano.

ANTEPRIMA NON EDITATA

La voce affannata, a tratti si rompeva nel pianto ed aveva uno spiccato accento straniero.

“Romeno”, decifrò Luisa che in polizia c’era entrata senza ispirazione, per non rinnegare una tradizione di famiglia: tutti poliziotti da generazioni, tutti maschi.

Se ne era pentita poi, soffrendo quel relegarla alle mansioni più umili, quel non tener conto della sua situazione familiare di madre e moglie…

Come quella domenica mattina: chiamata a sostituire, senza possibilità di replica, un collega che all’ultimo si era inventato non so quale impedimento.

Continua a leggere

Continua a leggere

Quando il telefono squillò, dal centralino della questura, dimenticato il malumore, pronta rispose a quella chiamata d’emergenza:

“Lei signora si chiama?”

“Georgia, Georgeta Pascu…vieni subito!”

“Mi spieghi, con calma cosa sta accadendo”, chiese premurosa.

La donna pareva non afferrare l’invito e non a motivo della lingua, era spaventata, ed insisteva:

“Vieni subito, subito…”

La poliziotta pazientemente cercava di capire e farsi capire:

“Signora, mi dica cosa è successo?”

“La signorina morta, uccisa…vieni qui, acum!”

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

  1. Your comment is awaiting approval

    L’accattivante lato erotico del racconto mi ha trascinato fortemente nel voler arrivare a sciogliere l’ integro di questo divertente libro che in effetti sì e’ dimostrato un validissimo racconto giallo con interessantissime sfumature erotiche!

  2. (proprietario verificato)

    Beh, credo di essere uno tra i primi ad aver letto il libro di Virna, addirittura prima di essere stampato… letto senza pregiudizi di alcun genere o sottostando a stupide censure. Crudo ed esplicito nella descrizione del sesso, delicato e profondo nello sviscerare emozioni e sentimenti che giustificano i comportamenti che possono, a prima vista, risultare scabrosi. Il tutto concorre alla formazione di una trama convincente, che mi ha tenuto col fiato sospeso fino alla fine. La scrittura è fluida ed accattivante, ed a tratti si percepisce che Virna è proprio lì, tra le pagine del suo libro. Una sola critica: è finito troppo presto.

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Virna Vannucci
Nasce il 30 dicembre del 1961 a Pistoia, città d'arte che sorge alle pendici dell'Appennino Toscana.
Vive e lavora come Chef di cucina nella vicina località termale di Montecatini.
Sì definisce: persona schiva ed introversa.
Questa è la sua opera di esordio.
Virna Vannucci on Facebook
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie