Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Dottor smile

740x420 (100)
4%
192 copie
all´obiettivo
89
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Febbraio 2025
Bozze disponibili

Passano mesi che sembrano anni, le terapie farmacologiche fanno il loro effetto, i medici si impegnano nel trovare delle soluzioni risolutive, quando poi tutto sembra andare per il meglio, la malattia ritorna a manifestarsi, dichiarando la sua crudele intenzione a non mollare mai la presa. “Il male” a volte rimane nascosto e silenzioso, altre volte quando decide di rivelarsi è già troppo tardi. Le parole, i gesti di Smile diventano insegnamenti di vita, grazie a lui tutti quanti capiranno che esiste un arma in grado non di sconfiggere il male, ma convivere con esso. La serenità.

Perché ho scritto questo libro?

Scrivo questo libro in memoria di mia madre, che ha convissuto e combattuto contro “il male”
Lo dedico a tutti coloro che si sentono coinvolti in questo tema delicato, seppur non in prima persona.
Rinnovo con forza e determinazione l’importanza di essere sempre positivi e fare tutto ciò che si può fare oggi, senza rimandare al domani.
“Siate curiosi, abbiate sogni da inseguire, rendete grazie di ciò che avete invece di lamentarvi di ciò che non avete”

ANTEPRIMA NON EDITATA

“ Forse un giorno ci ritroveremo. 

Sotto un’altra forma, sotto un’altra maschera, in altri luoghi sconosciuti 

laddove il tempo avrà perso ogni senso di esistenza.  Forse.

Sarebbe tutto così meraviglioso che varrebbe la pena crederci fino alla fine dei nostri giorni.

Nel frattempo però…continuiamo a ridere e scherzare su questa terra” .

Prologo

Le luci sono ancora accese, il respiro si fa sempre più pesante, gli sguardi si incrociano sempre più frequente. Qualcosa di importante sta accadendo, un qualcosa non previsto che forse sarà irreparabile.                                                                                                     

Il secondo chirurgo asciuga la fronte al primario in uno scenario dove il silenzio totale viene spezzato solo dai lenti beep di un macchinario.                                                                                                                  

     ‹‹Dottore, le tremano le mani.››                                                                                                

Un giro di sguardi veloci sottocchio tra i restanti collaboratori e l’intervento prosegue.                                                   

Non era la prima volta che il dottor Parker si esibiva in delicate e scomode operazioni, la sua esperienza lo aveva portato a migliorarsi sempre più e ad essere sempre il migliore rispetto a tutti gli altri del suo campo, aveva imparato a mantenere la calma e il sangue freddo e a rimanere sempre concentrati fino alla fine. Ma questa volta qualcosa non stava andando per il verso giusto, era più freddo che mai e probabilmente la sua testa era annebbiata da qualche pensiero, il paziente non era una persona qualsiasi.                                                                                                                          

     ‹‹Dottore, sta sudando››                                                                                                      

Non si poteva aggiungere altro, se non poche parole appena vibrate nell’aria ,per cercare di spezzare per qualche istante quell’aria rigida e soffocante che si respirava attorno, tutti erano aggrappati alle mani magiche del dottor Parker, confidavano in lui, nella buona riuscita dell’intervento.                                                                                                                   

     “Dottore prosegua con l’incisione.”                                                                                         

     ‹‹Coraggio dottore›› gli venne sussurrato dall’unica donna nella sala operatoria.                                                                   Il primario alzò gli occhi per un istante come per annuire alla donna posta di fronte a lui, tirò un bel respirò e procedette ad eseguire la parte più difficile dell’intervento.
Continua a leggere

Continua a leggere

 Gocce di sudore cadevano sul piccolo corpo della bambina, la fronte del dottore ricominciò a sudare freddo, il destino della sua vita dipendeva dalle sue mani, il male poteva essere sconfitto e la vita poteva continuare a regalare ancora tanti altri giorni di luce. Doveva salvarla a tutti i costi.                                                                                                                       Una graziosa bambina bionda corre per i campi di grano ridendo, si volta indietro come per guardare qualcuno-pensieri liberi che fluttuano nella testa del dottor Parker. La bambina inciampa, cade malamente e rimane seduta per terra, si stringe dolorante il suo ginocchio insanguinato e comincia a piangere a singhiozzo.                                                    L’operazione prosegue mentre la mente del dottor Parker è attraversata da costanti pensieri incontrollati.                                                                                                                       

     ‹‹Susan, dove sei?››                                                                                                                                          

      ‹‹Sono qui, Papà.››                                                                                                                                                       Una volta constatato che non è nulla di grave, la bambina viene invitata a salire sulle spalle di questa figura maschile e questi comincia a correre. La piccola Susan sobbalza tra i colpi di spalla che subisce per la corsa, stringe ben forte le sue piccole mani attorno al collo  e avvicina la sua guancia a quella di questa figura adulta. Ritorna  a essere allegra seppur con le lacrime agli occhi.   

La piccola Susan gioca lanciando la palla in aria, alle sue spalle una casa di legno e un giardino ben curato.                                                                                                                                                                  

Un piccolo tavolino di plastica è pieno di attrezzi scolastici, matite, oggetti vari , libri ma soprattutto tanti colori, le mani di Susan sono tutte tinte e nemmeno i bordi del tavolo sono stati risparmiati. Chiama invano qualcuno mentre impugna  un pastello con tutte le cinque dita, sorride mentre agita avanti e indietro le gambe, è seduta alla sua piccola sedia e aspetta che qualcuno osservi qualcosa o che qualcuno gli faccia semplicemente compagnia                                                                                                   

‹‹Vorrei tanto essere una farfalla, perché è bella, colorata e vola. ›› Una piccola stanza con pareti con cielo stellato fanno da contorno ad un piccolo lettino ,la piccola Susan osserva il particolare lampadario a forma di astronave posto proprio sopra di lei a non molta distanza, una piccola musichetta di carillon si attiva mentre lo sguardo è fisso nel vuoto.                                                                                                                                                 

     Forse sta immaginando qualcosa, forse è triste, si aspetta qualcuno al suo fianco che gli racconti una favola o che gli dica una semplice frase dolce, magari la classica frase che si usa sempre quando due persone hanno un rapporto veramente speciale:

     ‹‹Buonanotte piccola, ti voglio bene››                                                                                            

Con molta probabilità nella sua tenera spontaneità e sincero amore, la piccola Susan avrebbe detto:                                                                          

     ‹‹Ti amo papà.››                                                                                                                                                                  

     Le luci dei faretti della sala operatoria come le luci del

lampadario, il beep dell’elettrocardiogramma come la musichetta del carillon. I pensieri si fanno sempre più costanti e disturbanti, il dottor Parker  in preda ad una crisi, commette un grave errore compromettendo l’esito dell’intervento.              

     La sua bambina stava morendo tra le sue mani e lui non capiva ancora come avrebbe potuto fare una cosa del genere. Intervengono gli altri medici e cercano tutti assieme di riprendere il controllo della situazione e cercare di risolvere una situazione ormai disperatamente tragica.

                                                                                                                                                                             

Le luci si spengono, l’intervento è terminato, il dottor Parker è fermo di fronte ad una finestra lungo il corridoio fuori la sala operatoria, è solo e provato. All’improvviso sente una dolce mano poggiarsi sulla sua spalla, era l’anestesista donna che era in sala operatoria, lui non si gira nemmeno, è troppo preso emotivamente. Poco dopo lo raggiungono gli altri suoi collaboratori e senza dir nulla si stringono a lui quasi ad abbracciarlo tutti assieme. 

     La piccola Susan non ce l’ha fatta.                                                                              

L’unica persona in cui si confidava non è riuscito a riaccendere la luce della vita, il dolore di una sconfitta per un medico è un fallimento quando si è anche padre di una tenera fanciulla malata di un raro tumore al cervello. Il dolore è penetrante quando accetti di tua volontà ad assumerti tutti i rischi di dover provare a intervenire con un intervento delicato per cercare di riabbracciare tua figlia, per poter regalargli ancora tanti giorni di felicità, per poter giocare e sorridere assieme, per festeggiare ogni singolo compleanno con lei, vedendola crescere serenamente.                                                                                                                            

Il dottor Parker si lascia andare ad un breve monologo, è il momento dei rimpianti, cosa poteva e cosa non doveva fare, dove ha sbagliato, tutte domande poste a se stesso, con gli occhi lucidi e un nodo in gola riesce a trovare risposta solo nei suoi pensieri.                                                                      

Si gira verso i suoi collaboratori cercando conforto, le labbra tremano il cuore è a pezzi, uno di loro apre le braccia in segno di accoglienza e lui avvicina appena la testa verso la spalla, poi subito viene abbracciato.  Come lui, anche gli altri fanno la stessa cosa, abbracciano il dottore in modo affettuoso facendoli sentire il loro calore, lasciando scorrere su e giù le loro mani sulla sua spalla cercando in qualche modo di rincuorarlo.

25

Un incontro particolare

C’è un gran via vai di dottori stamattina, più del solito, le corsie vengono occupate dalle infermiere che con il loro passo svelto entrano ed escono dalle stanze con fare disinvolto ma sereno, ci sono due dottori che stanno entrando  nella grande stanza, uno di loro ha in mano una cartella e una penna, l’altro mantiene in mano alcuni oggetti di uso medico.                                                                               

La porta scorrevole si apre e i due medici entrano dentro, si avvicinano ad ogni letto e cominciano a rilevare i parametri ai pazienti. Qualche occhiata per controllare che tutto funzioni bene, uno sguardo al monitor, al farmaco che scorre lentamente nei tubicini, qualcosa di rilevante da annotare e avanti così per ogni singolo paziente fino a controllarli tutti. Nella stanza regna un assordante silenzio, ci sono diversi adolescenti tutti sotto l’effetto di chemioterapia, molti di essi riposano beatamente immobili e silenziosi, chi distesi di lato e chi rimane invece disteso sulla schiena.                                                                            

Hanno tutti una particolarità che gli accomuna, sono molto stanchi e debilitati. La porta scorrevole si riapre nuovamente, due infermieri camminano raggiungendo l’ultimo paziente in fondo alla stanza, uno di loro spinge un carrello con sopra un particolare macchinario la cui funzione è poco chiara. Nella stanza rimbomba solo il rumore delle rotelle che scorrono sul pavimento accompagnato dal suono dei macchinari, i monitor segnalano i parametri vitali nella norma, solo uno sembra destare preoccupazione ed’è il paziente in questione che si sta raggiungendo.                                                                                                           

 Passa del tempo e la porta si riapre, i due infermieri escono a passo sostenuto, di fronte a loro a pochi metri si trova Susan trovatasi lì per caso.                                      

‹‹Ehi piccola, che stai facendo qua››, in mancanza di parole Susan risponde semplicemente girando i palmi delle mani in su e inarcando leggermente le spalle.                                                                                                               Un infermiera continua la sua camminata sostenuta mentre l’altra si ferma un attimo per scambiare due rapide parole, si china sulle ginocchia portandosi alla sua altezza e le parla con un fil di voce, quasi a sussurrargli.                        

     ‹‹Non dovresti stare qua. Ritorna in stanza››                                                                  

     ‹‹Perché?››                                                                                                                         

     ‹‹Perché qui dentro ci sono dei bambini che sono molto stanchi e hanno bisogno di dormire.››                                                                                                      

     ‹‹Perché sono molto stanchi?››                                                                                          

     ‹‹Perché…sono piccoli, hanno fame…hanno freddo›› Non era certo una risposta ottimale da dare ma lì per lì era la frase migliore che potesse uscire dalle sue labbra ragionando velocemente.                                                                                                                           

     Poco dopo escono anche i due dottori, la porta scorrevole si riapre ancora una volta e Susan sbircia all’interno, in quei pochi secondi in cui la porta rimane aperta non riesce nemmeno a dare una rapida occhiata attorno perché un particolare gli balza subito ai suoi occhi. La porta si richiude automaticamente, lentamente, ma quanto basta in quel poco tempo per far fissare un immagine nella mente di Susan. 

     ‹‹Ma perché non hanno i capelli?!››, chiese subito con grande stupore Susan, rivolgendosi all’infermiera che era rimasta ancora piegata sulle ginocchia.                                         

     ‹‹Perché…li hanno tagliati. Fa molto caldo lì dentro.›› Un altra risposta data senza pensarci troppo. Susan rimane ferma e cerca di metabolizzare ciò che ha appena visto, non riesce a darsi delle risposte, l’infermiera si alza in piedi e portando dolcemente una mano sotto il mento di Susan la invita a far ritorno nella sua stanza.                                                                                                          

     ‹‹Ora vai, non puoi stare qua. I dottori stanno lavorando. Torna in stanza, su››. Le due infermiere si allontanano definitivamente, Susan si appresta a camminare pian piano ma i suoi pensieri sono altrove, si volta ancora guardando indietro, i due dottori sono rimasti fermi lì a pochi metri dalla stanza e stanno parlando a bassa voce.                                                                                 

 Susan fa ritorno in stanza ma non dice una parola, i suoi amici di stanza sono talmente impegnati nelle loro faccende che stranamente si accorgono a malapena della sua presenza, si avvicina al tavolo rimasto ancora apparecchiato per la colazione in cerca di qualcosa da mangiare. E’ rimasto solo un piccolo panino morbido e un quadratino di marmellata preincartata; è quanto basta per raggiungere il suo scopo.                                                                 Si volta verso il suo letto dando una rapida occhiata tutt’intorno, il suo lenzuolo è la scelta migliore. Con un rapido gesto lo sfila dal letto e lo piega velocemente tra le sue mani senza sapere come fare, lo raggomitola e lo ripiega alla miglior maniera quanto basta per renderlo compatto e meno voluminoso. Poi si avvicina al tavolo e con un gesto fulmineo raccoglie ciò che gli serve.                                                                                                                         

Le mani stringono ben salde gli oggetti, il lenzuolo sopra di essi nasconde il tutto, Susan esce dalla sua stanza così come era entrata, silenziosa e furtiva ma con in mente un chiaro obbiettivo, i suoi amici continuano a non curarsi di lei e quella loro superficialità insolita le permette di andare via.                                                            

A piccoli passi si avvicina alla grande stanza cercando di non dare troppo nell’occhio, un gruppo di infermieri  si sta avvicinando a lei ma per il momento sono ancora distanti, stanno parlando tra loro e sembrano presi dai loro dialoghi, sorridono mentre stanno osservando il display del cellulare. Susan continua la sua camminata osando avanzare sempre più lentamente di qualche passo, la fotocellula finalmente rileva la sua presenza, la porta scorre lateralmente e senza pensarci due volte si getta dentro.                                                      

La stanza era più grande di quanto potesse sembrare dall’esterno, su entrambi i lati c’erano sei letti ben distanziati tra loro, Susan cammina lentamente rimanendo al centro della stanza continuando il suo tragitto senza fermarsi, solo rallentando quanto basta per dare un occhiata curiosa a destra e sinistra.                                                                                    Ci sono molti bambini, la maggior parte di essi stanno dormendo, altri sono girati di fianco o coperti totalmente dalle lenzuola e non si capisce cosa stiano facendo, in fondo tre tapparelle abbassate a metà lasciano trapanare una luce calda e rilassante, forse fin troppo.                                                                    

     Il silenzio contribuisce ad addormentare più facilmente. Susan arriva all’ultimo lettino, è quella la sua destinazione, l’immagine fissa nella sua mente sin dall’inizio. C’è un bambino che è sdraiato a pancia in su e con le mani stese sui fianchi, è l’unico che è chiaramente sveglio, i suoi occhi sono ben aperti, il suo sguardo è fisso in avanti, Susan arriva da lui e con timidezza e un po’ di paura comincia a dialogare.                                                                                             

     ‹‹Ciao…››                                                                                                                                 

     ‹‹Ciao››, gli risponde il bambino, non rimanendo per nulla sorpreso, quasi sapesse del suo arrivo. Le labbra si stendono creando un sorriso.                                                                  

     ‹‹Ti ho portato questi››, Susan alza il lenzuolo tra le sue mani mostrando il pezzo di pane e la marmellata.                                                                                                                        

     ‹‹Come ti chiami?››                                                                                                               

     ‹‹David››                                                                          

     ‹‹Io Susan. Da quanto sei qui?››                                                                                      

     ‹‹Trei mesi››                                                                                

     ‹‹ Tieni…devi avere fame…mangia questi.››                                                                            

     ‹‹No grazie…non ho fame. Ho mal di stomaco. Se mangio potrei vomitare.››                                                         

     ‹‹Ma è solo pane e marmellata, che vuoi che faccia?››      

     ‹‹I dottori mi hanno detto di stare a riposo e di non mangiare nulla per qualche ora, né và della mia salute.››                                                                          

     ‹‹Cosa hai fatto ai capelli?››                                                                                              

     ‹‹Questi…beh…gli ho tagliati, erano un po’ troppo lunghi››                                                                  

     ‹‹Ma anche gli altri hanno i capelli cortissimi. Li avete tagliati tutti!?››, esclamò con insistenza Susan guardando gli altri bambini a letto.                                                                

     ‹‹Sai…l’altro giorno è arrivato un uomo vestito in modo diverso dagli altri, non aveva un camice ma solo degli attrezzi per tagliare i capelli, ci ha detto che dovevamo tagliare i capelli perché qui dentro fa molto caldo.››                  

     ‹‹Ma perché non aprite la finestra?››                                                                               

     ‹‹E’ rotta››, rispose in modo secco il bambino.                    

     ‹‹Allora uscite fuori dalla stanza››                                                                                    

     ‹‹Non possiamo. Dobbiamo rimanere a letto. Siamo tutti molto stanchi.›› Susan rimane qualche secondo fissa a guardarlo. La differenza tra la sua chioma bionda e voluminosa rispetto ai corti capelli appena visibili del bambino è impressionante.                                                                                                      

     ‹‹Ma questi qua non funzionano?››, riferendosi ai condizionatori sulle pareti.                                                          

     ‹‹Fino a qualche giorno fa, poi improvvisamente si sono spenti e non funzionano più. Hanno detto che presto li aggiusteranno.››                                                                                                                 Susan si avvicina alla testa di David, vorrebbe toccarla, le sue mani si allungano in avanti spinte da un irresistibile desiderio, le dita si allargano pronte ad avvolgere quasi completamente la sua testa.                                                   

     ‹‹Fai attenzione. Ho una piccola ferita che mi fa male.›› Susan rimane ferma un attimo prima che le sue mani potessero toccare la testa, poi con calma ed estrema delicatezza continua nel suo gesto.                                      

     ‹‹Ok…ti accarezzo solamente…piano…piano.››                                                                  Le dita scorrono dolcemente con cautela,  la testa è morbida, i capelli sono appena visibili, sono così corti, fini e fragili da sembrare invisibili.                                                               C’è una macchia scura particolarmente estesa e ben visibile poco sopra all’altezza della nuca, Susan la nota subito, le sue mani esitano a passargli per sopra, una strana sensazione negativa gli scorre tra le vene.                                                                                     

     ‹‹È qui che ti fa male?››                                                                                                        ‹‹Si››, rispose David con un fil di voce.                                                                                              Il bel momento viene interrotto. In lontananza si sentono delle voci provenienti dall’esterno, qualcuno sta per entrare nella stanza.                                                                    

     ‹‹Non dovresti essere qui. Se ti vedono si arrabbiano››, disse David. La porta si apre ed entrano due dottori, stanno parlando ad alta voce, i discorsi non sembrano inerenti al lavoro, sorridono ed annuiscono allo scambio reciproco delle battute. Susan li vede arrivare, con un gesto fulmineo si abbassa e rimane in quella posizione piegata per qualche secondo, mentre la distanza tra lei e i due medici si fa sempre più corta Susan decide di nascondersi sotto il letto.         

     David smette improvvisamente di parlare, si sistema nel suo letto e si gira di lato, dal basso Susan vede scendere il lenzuolo su un solo lato, in quel modo lei è quasi completamente nascosta.  I dottori arrivano al letto non accorgendosi di nulla, Susan è sempre lì sotto piegata con la testa vicino le ginocchia e le braccia a sostenere le gambe.                                    

     ‹‹Allora David, come andiamo oggi?››                                                                                       I dottori si trattengono qualche minuto, un tempo che sembra un eternità per Susan, uno di loro si appresta a somministrare la terapia farmacologica e controlla che tutto sia apposto, l’altro cerca di distrarre David dandogli discorso.                                                         

     Quando finiscono il loro lavoro i dottori si apprestano ad uscire, Susan dalla sua posizione li vede uscire, riesce appena a vedere le scarpe e parte dei piedi, non appena varcano la soglia della porta Susan si risistema e sgattaiola fuori da li sotto riportandosi a poca distanza da David. Lui le porge le spalle, ma avvertendo la sua presenza le parla comunque pur non vedendola in faccia.                                                                                                           

     ‹‹Scusami…sono molto stanco››                                                                                    

     ‹‹Ok…non ti preoccupare, ti sistemo il lenzuolo e vado via.›› Susan solleva il lenzuolo che era rimasto tutto riverso su un lato del suo letto e lo riposiziona con cura sulle gambe di David, lui è sempre girato di lato, fermo nella sua posizione. La sua guancia sinistra è comodamente adagiata sul cuscino, lo sguardo è rivolto in direzione della finestra, il sole sembra battere più forte, gli occhi sono semichiusi.          

     Susan si accorge che forse il sole potrebbe dargli fastidio e avvertite più calore, decide allora di abbassare il lenzuolo fino alle caviglie.                                                     

     ‹‹Ecco…così va meglio?›› David non gli risponde.  Susan lo osserva non sapendo cosa fare, mentre tutti in quel momento stavano riposando lei avverte una forte sensazione di trovarsi fuoriposto, decide allora saggiamente di andare via e tornare nella sua stanza, dai suoi amici.                                                                                                                 Mentre si allontana lo osserva, David solleva il petto a un ritmo molto blando, il suo naso emette il classico suono dell’aria che si ispira, poi in poco tempo il leggero suono si trasforma in un russare.                                                                                                         

     ‹‹Ciao David, ci vediamo domani››                                                                                           È la frase che dicono tutti i bambini. L’ottimismo immortale che portano sempre con se.  Susan  fa ritorno nella sua stanza, questa volta la sua assenza viene avvertita, Mattia è il primo che vedendola arrivare si precipita verso di lei con aria preoccupata.                                                                                                

     ‹‹Dove sei stata tutto questo tempo?››                                  

     ‹‹A conoscere un nuovo amico››                                                                         Susan è ritornata dai suoi amici di stanza, adesso è più serena, la sua mente è ritornata spensierata, sembra essere contenta di aver fatto quello che voleva fare.                                                                                                           

     David è sempre steso sul fianco, dorme a sogni pieni come se avesse faticato la scalata dell’ Everest, sotto il suo letto  è rimasto il pane e la marmellata ancora ben avvolti nel lenzuolo.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

  1. Cosmo de Gioia

    Ci siamo, inizia l’avventura. La nostra avventura. Sensibilizziamo assieme questo tema delicato. Voi la fuori… se ci siete fatevi sentire.
    Come dice una certa persona: ” Da soli non si và da nessuna parte.”
    ” Facciamo un bel casinoo!!”

Aggiungere un Commento

Condividi
Tweet
WhatsApp
Cosmo de Gioia
Nato a Molfetta il 29/06/1985,diploma superiore conseguito, attualmente impiegato come addetto vendite in supermercato per conto del gruppo Megamark.
Scacchista agonista, appassionato di astrologia e psicologia.
Creatività e curiosità sono solo alcuni dei suoi tratti caratteriali più significativi.
"Quando a un certo punto della vita ti rendi conto che devi dare una sterzata, lo devi fare! altrimenti il rammarico delle occasioni perse continua a logorare il tempo ormai perso."
Cosmo de Gioia on InstagramCosmo de Gioia on Wordpress
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors