Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

I Giorni di Vienna

I Giorni di Vienna
18%
165 copie
all´obiettivo
53
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Aprile 2023
Bozze disponibili

La vita di Andrea è una continua lotta tra cosa fare e cosa non fare, cosa dire e cosa non dire, chi essere e chi non essere. La sua giovinezza a Trieste è sconvolta dall’incontro con Joseph Radetzky suo coetaneo e dalle nuove pulsioni che attanagliano la sua anima. Un legame così profondo e così controverso da spingerlo prima a Vienna per realizzare il sogno e poi a Berlino per perdonare se stesso. Un viaggio nella Mitteleuropa Austroungarica di ieri e nella Germania di Weimar che come Andrea hanno un destino comune: un tragico inaspettato destino.

Perché ho scritto questo libro?

Ho sentito il bisogno di raccontare la storia di un inetto che ancora non era stata raccontata. Pur avendo la struttura tipica dei romanzi d’inizio ‘900 mancava un personaggio che rappresentasse gli “italiani” austriaci fedeli all’Austria, un personaggio omosessuale che provasse e esprimesse pensieri e paura che non sono cambiate ancora oggi nel tempo. Ho infine voluto omaggiare – o almeno provare a farlo – Thomas Mann e Robert Musil che considero i miei punti di riferimento.

ANTEPRIMA NON EDITATA

Il grammofono

Andrea stava lavorando nei campi: aveva l’ordine di raccogliere più ortaggi possibile e di lavarli con cura. Odiava farlo. Non riusciva a prendere in mano un solo pomodoro o peperone senza temere di poter toccare qualche insetto. Ne era terrorizzato. Grilli, cicale, cavallette. Perché Fausto aveva scelto tra tutti proprio lui? Sapeva bene che quelle strane creature alate, dalle lunghe gambe e inquietanti antenne non facevano altro che intimorirlo. Allora perché i suoi cugini erano al sicuro dentro casa a fingere di ordinare le casse? Andrea nel pensare a quella ingiusta scelta, scosse la testa. Tanto era preso dal suo lavoro che non si accorse di Joseph che si era accucciato a guardarlo.                      

<< Ciao >> lo salutò il boemo con un sorriso.                                                                                              

<< Mi hai spaventato >> ridacchiò Andrea nervosamente.                                                                             

<< Cosa fai di bello? >>                                                                                                                                  

Continua a leggere

Continua a leggere

Andrea rimase in silenzio per un attimo. Era abbastanza chiaro cosa stesse facendo. Che domanda stupida era quella? No. Non poteva non rispondergli e nemmeno farlo con stizza. Forse per la stanchezza lo avrebbe voluto fare ma no, non lo poteva fare. Non a Joseph. Con un po’ di insicurezza alzò le spalle

<< Niente, raccolgo gli ortaggi. Dopo dovrò pure pulirli >>                                                                                                                                         

<< E come sta andando la raccolta? >>                                                                                                  

<< Non ne ho idea. Non so se siano sufficienti i pomodori e i peperoni che ho preso. E poi ho paura degli insetti >>

Joseph si alzò e tese la mano all’amico

<< Ti posso mostrare una cosa? >>                                            

<< Non ho molto tempo >> rispose Andrea rimanendo concentrato sul suo lavoro.                           

<< Ci metteremo poco. Promesso >>                                                                                                       

<< Perdonami per la domanda che ti sto per fare – sospirò Andrea – come mai tu non sei mai fuori ad aiutare? Non ti vedo mai lavorare i campi>>                                                                       

<< Non fa per me – rise Joseph – mio padre lo sa >>                                                                              

<< Fortunato. Sei fortunate te >>                                                                                                           

Joseph ondeggiò la testa. Non era convinto di avere tutta quella fortuna

<< Non direi. Io devo eccellere a scuola. Quando non mi vedi è perché sono in camera a studiare. Mio padre vuole che io diventi un generale. Ho dovuto imparare il tedesco, l’italiano e pure il magiaro. Un buon soldato graduato deve saper parlare molte lingue e deve avere ottime conoscenze storiche e geografiche >>                                                                                                     

<< Credo di essere più fortunato allora – commentò Andrea alzandosi – d’accordo. Ho quasi terminato quindi posso venire >>

Joseph senza dire niente lo invitò a seguirlo con un solo sguardo. Lo portò fino a casa sua. Casa dove Andrea era già stato prima dell’arrivo dei boemi al podere. Ora però era tutto arredato meglio: c’erano numerosi tappeti persiani e dei bellissimi quadri appesi ai muri. Il pavimento in legno era stato levigato e ricoperto di cera. Insomma, era una casa confortevole. Probabilmente la più bella che Andrea avesse mai visto.  Joseph gli toccò delicatamente la spalla destra

<< Ecco guarda >> gli disse indicandogli qualcosa sopra un mobiletto. A prima vista non si vedeva nulla. C’era un oggetto coperto da un telo bianco ma non era certo così visibile. Andrea infatti scosse la testa e continuò a cercare ciò di cui parlava l’amico.

<< Io non vedo nulla >> protestò. Joseph scoprì allora l’oggetto misterioso << Ora? Che mi dici >>

Andrea rimase a bocca aperta. Era incredulo << Ma è un grammofono? >>                                              

<< Esatto. Voglio farti ascoltare qualcosa >>                                                                                           

<< Cosa? >>                                                                                                                                      

<< Un momento. Appena trovo il disco sentirai >> sospirò Joseph tirando fuori da un altro mobile un disco. Andrea non ne aveva mai visto uno in vita sua. Pure quello lo lasciò piacevolmente sorpreso. Imbarazzato e affascinato, non seppe cosa dire e come spesso gli accadeva si fece prendere dall’entusiasmo

<< Deve essere costato molto >>                                   

<< Sì è costato molto. Ora ti farò ascoltare qualcosa di magico >>                                                                

Partì una melodia calma, lenta e elegante. Andrea sorrise << Che cos’è? >>                                       

<< Il bel Danubio blu – replicò Joseph che si avvicinò lentamente – dammi la mano.  Ho visto al Teatro dell’Opera di Vienna fare così >>

Andrea cercò di nascondere le mani. Provava imbarazzo e non riusciva a capire perché Joseph avesse scelto tra tutti proprio lui. Il suo cuore stava palpitando. Una parte del suo corpo e della sua mente desideravano ballare quel valzer << Non so ballare >> balbettò.     

<< Ti mostro come devi muoverti >> disse Joseph prendendogli le mani delicatamente.              

<< No, no. Devo tornare al campo >> tremò Andrea arrossendo. Tentò di togliere le mani ma non ci riuscì. No. Pur essendo molto delicato nella presa, Joseph non lo lasciò andare << Ascolta la musica – gli sussurrò – lasciati andare >>                                                        

Andrea sentì un formicolio allo stomaco. Lasciò ogni resistenza e accettò di muoversi come Joseph ordinava. In un primo momento, evitò di incrociare i suoi occhi. Non poteva reggere il suo sguardo. Già così era tutto eternamente bello. Le mani unite, i corpi vicini e quasi uniti, i respiri mai così vicini. Gli occhi finirono con l’incontrarsi. Joseph si avvicinò sempre di più. Andrea non indietreggiò. Desiderava più di ogni altra cosa che ciò che tanto temeva accadesse. Ormai i loro nasi quasi si stavano toccando. Com’era bello Joseph e com’erano belle le sue labbra. Come era piacevole il suo odore, il suo respiro. Ormai non ballavano più. Uno abbracciato all’altro. Erano pronti. Pronti per quel passo. E mentre stava per accadere ciò che tanto avevano atteso, qualcosa li riportò alla realtà.  Franz era infatti tornato a casa. Aveva due sacchi pieni di legna e uno sguardo sorpreso ma allo stesso tempo stanco. Si sorprese di vederli in soggiorno e ancor di più nel vederli così vicini l’uno all’altro. Aveva lavorato troppo e non si pose nessuna domanda. Voleva solo sedersi a tavola e riposare dopo una buona cena. Non voleva altro.  Andrea si allontanò immediatamente per non destare più sospetti di quelli che già probabilmente quell’uomo si era fatto. Senza dire nulla e senza voltarsi, uscì lasciando Joseph lì. Fece solo un lungo respiro e poi tornò al lavoro ai campi.        

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “I Giorni di Vienna”

Condividi
Tweet
WhatsApp
Innocent Romanello
Sono Innocent Romanello un ragazzo di 27 anni nato a Haiti ma cresciuto a Venezia. Ho studiato sociologia al liceo e storia all'Università Ca Foscari.
Innocent Romanello on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie