Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Il mare dove vivono le case

740x420 (13)
15%
171 copie
all´obiettivo
94
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Febbraio 2025
Bozze disponibili

Nel campeggio sul mare in cui trascorrerà l’estate con la sua famiglia, Federica, una bambina di quattro anni, incontra Teresa, una ragazza di circa sedici anni che sembra immersa in un mondo tutto suo. I suoi genitori hanno sempre cercato di prendersi cura di lei costruendole attorno una specie di rete di protezione.
Nessuna rete, però, è perfetta e la piccola Federica riesce ad attraversarla con la naturale disinvoltura della sua età. Condividendo alcune piccole esperienze e sullo scorcio di una piccola avventura, la strana coppia di amiche tratteggerà, sotto gli occhi dei grandi, il principio di qualcosa che nessuno, prima di allora, era riuscito a vedere.

Perché ho scritto questo libro?

Ho voluto raccontare una storia che avrebbe potuto anche essere vera, in cui fossero vere le paure, il coraggio, le speranze dei personaggi. Incontrandosi in una vicenda semplice, i bambini e gli adulti di questa storia hanno insegnato, a me per primo, proprio mentre ne scrivevo, qualcosa sulla fragilità dei rimedi in cui, spesso, imprigioniamo la realtà per affrontarla senza troppi scossoni, senza troppo dolore. Ho scoperto che non tutto quello che accade attende il nostro “rimedio”.

ANTEPRIMA NON EDITATA

 

C’era qualcosa nel carattere di Federica, nei suoi quattro anni ancora carichi di ingenuità, nei suoi grandi occhietti buoni, come li chiamava la mamma quando era ancora molto piccola, c’era qualcosa che le rendeva facile smuovere lo stallo iniziale in cui versano spesso le relazioni tra persone che non si conoscono. In casa sapeva giocare anche da sola e spesso erano giochi in cui imitava la sorella più grande, ma era felice, come molti bambini, anche se forse non tutti, quando giocava con qualcuno. Ed era generosa nel gioco, non le importavano i ruoli, poteva fare la mamma, la figlia, la zia, le bastava che il gioco partisse e che non si fermasse. Alcune volte, ai giardini sotto casa, in città, le capitava di adocchiare un bambino o una bambina e fare lei la prima mossa. Alcune volte funzionava, altre no e quando era no, erano dolori.

Continua a leggere

Continua a leggere

Questa bambina, con questa attitudine e con gli argomenti che aveva alla sua età, quella mattina si era diretta, nuovamente, verso l’ombrellone di Emma e Giorgia. Aveva saputo che Teresa era la sorella maggiore di entrambe e forse era nata in lei una qualche curiosità verso quella ragazza che il giorno prima l’aveva fatta arrabbiare dicendo che il suo bel cerotto era sbagliato. Risalendo dalla battigia dove i bambini avevano già cominciato ad organizzare castelli e dighe, coi suoi piedini cicciotti e quel fare indaffarato che la rendeva molto buffa, si era diretta verso l’ombrellone di Teresa. La ragazza era seduta sulla sdraio, coi sandali ai piedi e questi ben piantati sulla sabbia. Aveva in mano il libro del giorno prima, ma era chiuso e lei non era distesa, ma seduta: composta come se ci fosse uno schienale dietro le sue spalle. Quando le fu vicina, Federica notò subito quegli occhiali da sole rossi, bellissimi, con le lenti così scure da nascondere gli occhi.

Teresa non le parlò, eppure era chiaro che si era accorta della presenza della bambina perché cominciò a mormorare qualcosa rivolgendo lo sguardo verso la madre, che era distesa sul lettino accanto a lei. Quel mormorio dovette spaventare un poco Federica, che senza dire una parola, cosa assai strana per lei, tornò verso il proprio ombrellone. Ai giardini sotto casa, quello sarebbe stato un no, una bambina non conquistata, ma ci sarebbe stato almeno uno scambio di parole. Teresa non le aveva detto nulla, nemmeno l’aveva guardata e aveva cominciato a fare quel verso.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il mare dove vivono le case”

Condividi
Tweet
WhatsApp
Fabio Pecoraro
Nato nel 1977 ad Agrigento, dove compie gli studi fino al diploma, frequenta l’università a Palermo dove si laurea in giurisprudenza. Svolge la professione forense per quasi venti anni. Nel 2007 incontra Anna Lisa che sposa nel 2011, con la quale ha tre figli. Attualmente lavora, inspiegabilmente, alla scuola primaria dove insegna ciò che continua ad imparare leggendo, vivendo, provando a capire qualcosa di ciò che accade. Incredibilmente, gli alunni, che talvolta ispirano le storie che scrive, il più delle volte sembrano contenti o almeno non troppo provati.
Fabio Pecoraro on FacebookFabio Pecoraro on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors