Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

La musica dei tuoi ricordi

La musica dei tuoi ricordi
22%
156 copie
all´obiettivo
53
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Gennaio 2023
Bozze disponibili

Maia Wilson è la figlia dell’ambasciatore americano a Roma ed è abituata ad avere amicizie con impressa sin dall’inizio una data di scadenza, a causa dei continui spostamenti di lavoro del padre.
Tiago Vargas, futuro erede di un potente trafficante di armi venezuelano, vanta l’arroganza di chi ha sempre avuto tutto nella vita, senza il bisogno di chiedere.
I due ragazzi si conoscono sui banchi di scuola ma lottano contro i loro sentimenti e sarà l’esito di una scommessa intrigante a decidere il loro destino. Tra Roma e Saint Moritz, Los Roques e gli Usa, Maia e Tiago dovranno fare i conti con le rispettive famiglie, le bugie, gli inganni, le gelosie e la brama di possesso.
Quando un’oscura figura del passato presenterà loro il conto, in un crescendo di terrore e ferocia, il loro castello di carte finirà per crollare.
Riusciranno Maia e Tiago a compiere la scelta più dolorosa di tutte?
Sarà, come sempre, il fato a decidere per loro.

Perché ho scritto questo libro?

Ognuno di noi coltiva nella sua più intima essenza un sogno segreto, un desiderio inconfessato. Rendere pubblico il mio romanzo significa svelare e condividere il mio, con la speranza che chi lo legge possa provare anche una minima parte dell’emozione che ho sperimentato io nello scriverlo. È un romanzo frutto di notti insonni, di fantasie celate e di passioni acerbe, proprio quelle che tutti dovremmo, prima o poi, vivere da protagonisti.

ANTEPRIMA NON EDITATA

CAPITOLO UNO

15 Settembre, Maia

(I Have a Dream, Abba – ricordo del primo giorno di scuola)

<> Attraverso la porta socchiusa, sento Agata che mi chiama sbuffando, mentre parlotta fitto fitto con Camilla.

<<Uffa, arrivo arrivo.>> È il primo giorno di scuola, più precisamente il primo giorno dell’ultimo anno di liceo scientifico ed io alterno momenti di euforia a sconforto.

Nei tredici anni di percorso scolastico – sono tredici se tralasciamo giusto quelli dell’asilo – ho cambiato ben nove scuole, in altrettante città e paesi. Mio padre è un diplomatico e viaggia moltissimo per lavoro, ovviamente portandosi dietro tutta la famiglia. Famiglia composta nello specifico solamente da me e mia madre.

Con mio grande dispiacere, non ho infatti fratelli o sorelle e questo ha acuito quel senso di solitudine e mancanza di appartenenza a luoghi e persone che un po’ mi contraddistingue.

Continua a leggere

Continua a leggere

Non sono fredda, non volutamente quanto meno, ma non posso permettermi di affezionarmi troppo alle persone, sapendo già che il mio rapporto con loro reca impressa una data di scadenza a breve termine. Un po’ più lunga, quando va particolarmente bene.

Se volessimo fare un po’ di psicanalisi spiccia, potremmo dire che il mio comportamento riflette una forma di autoprotezione che mi aiuta a metabolizzare la paura dell’abbandono, ma francamente non mi potrebbe importare di meno delle cause: dato certo ed incontrovertibile è invece l’effetto, cioè il fatto che io abbia pochissimi amici.

Intendiamoci, conosco centinaia, addirittura migliaia di ragazzi e ragazze della mia età, sparsi un po’ per il mondo. Con alcuni di essi era anche nata a suo tempo una bella amicizia, ma il finale è sempre lo stesso: mio padre viene trasferito, qualche lascrima scende inesorabile, tra mille promesse del tipo “ci sentiamo presto”, “organizziamo per le vacanze”, “ti chiamerò tutti i giorni” … poi il tempo passa, le telefonate si diradano, le vacanze non collimano e ci si perde.

Come diceva sempre mia nonna, la strada del paradiso è lastricata di buone intenzioni.

Ora però devo davvero sbrigarmi se non voglio che Camilla ed Agata mi lascino indietro, quindi butto ancora una rapida occhiata allo specchio nell’ingresso di casa e mi chiudo la porta alle spalle.

<<Finalmente, perchè ci hai messo così tanto?>> mi apostrofa petulante Camilla, non appena mi vede spuntare.

<<Scusate, non sapevo cosa mettermi per il primo giorno di scuola e vorrei fare una buona impressione, visto che sarò quella nuova, tanto per cambiare>> rispondo ironicamente, sollevando gli occhi al cielo.

Camilla ed Agata mi scrutano in modo critico: so di essere fortunata, quanto meno sul fronte estetico. Sono di altezza media, un metro e sessantacinque precisi precisi e porto i capelli nero ebano piuttosto lunghi e naturalmente lisci.

A volte detesto il mio aspetto e vorrei quasi essere goffa e sgraziata, per passare inosservata: il ruolo di ultima arrivata mi pone perennemente sotto i riflettori ed essere carina acuisce la sensazione che tutti mi fissino, ovunque io vada.

La peculiarità poi del binomio mora e con gli occhi azzurri mi garantisce una sorta di diritto acquisito nell’essere appellata con l’odioso nomignolo di “Biancaneve”, personaggio che ho sempre trovato insopportabile ed assurdamente mieloso.

Un sorrisetto di Agata mi conferma che la scelta di indossare un paio di jeans leggeri azzurro chiaro ed una semplice maglietta bianca a righe blu, con le mie amate Converse glitterate rosa e argento, è stata azzeccata e ci incamminiamo verso la fermata della metro.

In tasca tengo le mie immancabili cuffiette: sin da piccola, la musica è stata fondamentale per me, che adoro cantare e ballare e ho l’abitudine di definire ogni momento speciale della mia vita con una canzone.

In seguito, ogni volta che riascolto quel brano, riesco a rivivere le sensazioni provate a suo tempo. Purtroppo la stessa cosa accade anche con i momenti tristi, quelli che non vorrei particolarmente rivivere, ma mi consolo pensando a come anche quelli aiutino a crescere.

In men che non si dica, siamo già nei pressi della scuola: sembrava che questo giorno non dovesse arrivare mai – sono qui a Roma ormai da inizio agosto – ma eccomi seduta sugli scalini antistanti l’ingresso del Liceo Scientifico “Leonardo Da Vinci”… viva l’originalità.

Ho ancora diciassette anni, perchè ho anticipato la scuola di un anno e compirò diciotto anni il prossimo 2 di aprile, quindi probabilmente sarò anche la più piccola della classe, oltre che quella nuova.

Nuova e mocciosa, il peggio.

<> sospira Camilla, come se il filo dei nostri pensieri si fosse appena intrecciato. Succede spesso, a volte addirittura una completa la frase iniziata dall’altra. E dire che non ci conosciamo ancora così bene, solo da qualche settimana.

Poco prima dell’estate, mio padre ci aveva comunicato l’ennesimo trasferimento e – per una volta tanto – la notizia aveva fatto ballare mia mamma dalla gioia.

Dopo anni trascorsi in Grecia, Spagna e Francia, mio padre era stato assegnato alla sede italiana di Roma dell’ambasciata americana. Inutile descrivere la felicità di mia madre Margherita al pensiero che sarebbe tornata a vivere non lontana dal suo paese natìo, Ariccia.

In fretta e furia aveva organizzato il trasloco nella nuova città, senza del tutto considerare l’impatto che questo cambiamento avrebbe avuto su di me.

Ed io non avevo avuto cuore di chiederle di restare a Parigi almeno fino a settembre, proprio ora che Vincent mi aveva finalmente invitata ad uscire dopo due anni che gli morivo dietro, senza trovare il coraggio di farmi avanti per prima.

<> mi riscuoto dai miei pensieri e mi accorgo che non ho ascoltato una sola parola di quello che hanno detto Camilla ed Agata negli ultimi cinque minuti.

<> mi rimprovera infatti quest’ultima, in modo bonario e facendomi l’occhiolino.

Mi volto verso di lei per risponderle ma il mio sguardo si sofferma sul ragazzo più carino che io abbia mai visto. Il mio cuore salta un battito.. ok forse anche più di uno e la mia mano si posa inconsciamente sul petto, quasi volesse provare a fermarlo.

E poi i suoi occhi sono su di me e la mia battaglia è persa: lui è in penombra e non ne vedo il colore, ma l’effetto è quello di un raggio laser che mi trapassa e mi annienta.

Camilla capta la direzione del mio sguardo, o forse è il mio aspetto imbambolato a tradirmi e subito si allarma.

<> mi apostrofa infatti.

<> le chiedo io.

<< È l’unico ragazzo dal quale devi stare alla larga Maia, è Tiago Vargas ed è assolutamente off-limits.>>

Non è necessario aggiungere altro: da quando viviamo qui, questo nome è diventato una sorta di spauracchio a casa.

Tiago Vargas rappresenta l’antitesi del tipo di ragazzo che voglio e che mi è permesso frequentare.

2022-04-08

Aggiornamento

indipendentemente da come andrà la campagna, non posso che essere felice dei feed-back positivi di chi ha letto il libro, che vorrei condividere con voi: dice Claudio G.: detesto i romanzi d'amore e credevo di fermarmi dopo le prime dieci pagine. Invece l'ho letto fino alla fine, senza nemmeno un momento di noia. dice Viviana B.: arrivata verso i tre quarti del libro è diventato impensabile smettere di leggere. Ho rinunciato agli impegni della serata ma dovevo assolutamente vedere come andava a finire. Il modo in cui i personaggi e le situazioni vengono descritti, ti trasportano dentro il libro e sembra quasi di guardare un film, perchè vedi realmente ciò che accade, come se fossi parte stessa della narrazione. dice Manuela L.: l'ho letto in un solo giorno. Per la maggior parte delle persone i libri devono parlare d'amore, sesso o thriller e tu hai usato un bel cocktail di questi tre elementi. Bellissima l'idea di associare una canzone ad ogni capitolo. E' il tocco di stile che differenzia il libro.

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La musica dei tuoi ricordi”

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Raffaella Satta Landoni
Mi chiamo Raffaella Satta Landoni, ho 47 anni, sono sposata e mamma di un ragazzo di 16 anni. La mia vita si dipana tra la famiglia e il lavoro, che consiste nella gestione contabile di una società presso un terminal portuale vicino a Savona, la città in cui vivo.
Da sempre, la lettura si è rivelata una compagna fedele e ammaliatrice, sin da quando imparavo le audiostorie a memoria perchè ero troppo piccola per leggerle e potevo solo fingere di riuscire a farlo. Da allora, ho perso il conto dei personaggi dei quali ho condiviso gioie e sventure, ma ognuno di essi mi ha lasciato un pezzetto di sè, aiutandomi a crescere.
Nel mio romanzo, troverete diversi spunti autobiografici, frutto di ricordi, di viaggi e di esperienze di vita, che spero riescano a coinvolgervi o, quanto meno, a strapparvi un sorriso.
Raffaella Satta Landoni on FacebookRaffaella Satta Landoni on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie