Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Preludio di una Vendetta

Banner
12%
176 copie
all´obiettivo
61
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Dicembre 2024

 L’avventura di Zekkis, Raven, Ombra e Chorum, quattro personaggi molto diversi tra di loro, saranno costretti ad incrociare le loro vie… destinati o scelti da qualcuno? In un mondo appena uscito da una delle più grandi catastrofi che ha segnato le sue terre e i popoli che lo abitano, la Tempesta Arcana. I quattro protagonisti si troveranno, loro malgrado, a sventare un tentativo di di rapimento… senza sapere che si ritroveranno in un mare di guai. 

Nella più classica delle ambientazioni Fantasy, si svilupperà un’avventura epica, a tratti drammatica ma anche con momenti divertenti.  

Il Romanzo è tratto da una campagna di D&D originale, scritta da me, durata oltre un anno, tutte le vicende vissute sono nate al tavolo da gioco.  

Perché ho scritto questo libro?

Ho scritto questo libro spinto dalla mia grande passione per il gioco di ruolo e per il mondo Fantasy in generale, ogni gruppo che gioca un’avventura, a prescindere dal tipo di GDR stia giocando, racconta una storia. Ho deciso di scrivere questo libro per raccontare a tutti la nostra… sì, ho detto la nostra, perché non sarebbe stato possibile scriverla senza l’indispensabile contributo degli amici che, seduti con me al tavolo da gioco, hanno dato vita a “Preludio di una Vendetta”.

ANTEPRIMA NON EDITATA

Il sole è già alto quando le Maghe e il Bardo, si ritrovano per fare colazione, si salutano ma non si siedono allo stesso tavolo, poco dopo anche Chorum scende per dirigersi al bancone…

“Vedo che avete seguito il mio consiglio, spero abbiate passato una buona notte…”

Ombra risponde al Tiefling e nello stesso momento si sforza di ricordare dove ha già visto il simbolo inciso sul suo medaglione…

“Si, ho riposato bene e la colazione è ottima”

Raven, fa solo un cenno con la testa, si vede che sta pensando a tutt’altro in questo momento, probabilmente al Grimorio che le serve.

Zekkis, seduto su uno sgabello al bancone…

“Si, le stanze erano davvero pulite e confortevoli.”

Chorum si appoggia con la schiena al bancone e vi appoggia i gomiti sopra…

“Vi fermate a Cimbar o siete in partenza?”

Ombra che in quel momento si stava alzando dal tavolo per uscire…

“Non stiamo viaggiando insieme, io si mi fermerò qualche giorno…”

Zekkis seduto sul suo sgabello…

Continua a leggere

Continua a leggere

“Sì anche io mi fermerò, voglio farmi conoscere anche qui…”

infine, Raven…

“Perché no? C’è anche un’accademia di magia da visitare…”

Chorum si incammina verso l’uscita…

“Bene…così potremo sentirti suonare ancora al Corvo Perduto stasera…”

e se ne va con un ghigno sarcastico in volto. Zekkis non gli dà peso, fino a quando non incrocia lo sguardo di Merrick, che fissa il Bardo come se dovesse lavare un’onta con il sangue.

“Beh…si certo suoniamo Tutti al Corvo Perduto…perché perdere tempo a suonare alla Staffa Nascosta…”

La Voce del locandiere si allontana, se ne sta andando in cucina, intanto, che parla…aggiunge qualcos’altro… ma è incomprensibile a tutti.

Una volta fatta colazione Ombra va in cerca di un negozio di magia, si sa che i maghi hanno sempre qualcosa da comprare, pergamene da scrivere ingredienti da mescolare e chissà cos’altro, Raven va in cerca di un sarto, i suoi abiti cominciano ad essere un po’ troppo logori per una grande città come Cimbar e Zekkis va in giro per la città a suonare qua e là per fare pubblicità al suo concerto di stasera al Corvo Perduto, Chorum è stato il primo ad uscire, ha fatto inviperire Merrick dicendo che il Bardo suonava dal rivale Colton, divertente si…ma meglio cambiare aria per un po’.

La giornata passa per tutti tranquillamente, anche se hanno tutti un obiettivo da raggiungere, almeno la maga, la negromante e il bardo, per quanto riguarda il Tiefling non si sa molto, nessuno dei tre ha fatto in tempo a chiedergli qualcosa, anche se sono in posti differenti, a tutti passa per la testa questo pensiero, lo scherzetto a Merrick è stato per divertirsi o per avere una scusa per sottrarsi alle domande?

La sole tramonta, l’ora del concerto di Zekkis si avvicina, il bardo ha già provveduto ad accordarsi con Colton durante il giorno e il Corvo Perduto è già pronto ad ospitare l’evento canoro, i tavoli in prossimità del palco scenico sono stati spostati per dare spazio a che si lancerà nelle danze, Zekkis ha un tavolo riservato, ovviamente il cibo fa parte del pagamento per l’esibizione, in effetti e’ l’unico pagamento per l’esibizione…Canta gufo non è ancora famoso da queste parti.

Giunge al Corvo anche Ombra, che prende posto ad un tavolo vicino al palco, poco dopo Raven, lei sceglie un tavolo più defilato, Chorum arriva per ultimo… lo sgabello al bancone lo aspetta…e anche la Birra che Colton gli ha già versato vedendolo entrare.

Il tempo di lasciar consumare la cena agli avventori della taverna, che è particolarmente piena stasera e Canta Gufo sale sul palco…

“Benvenuti a tutti, grazie di essere così numerosi stasera, spero siate anche generosi con le mance…scherzi a parte…vado a cominciare, ballate…divertitevi…e ricordatevi di me…”

La musica comincia, le note di Zekkis cominciano a avvolgere gli spettatori che poco dopo si danno alla danza, una sola cosa stona in tutta questa armonia, una ragazzina, seduta più o meno al centro del locale, sta strillando come un’aquila contro uno dei giovani camerieri…

“MA INSOMMA!! CUCCHIAI DI LEGNO!! PIATTI DI LEGNO!! mi avete preso per un castoro!! almeno le posate d’argento!! QUESTO STUFATO È FREDDO!!…IMMANGIABILE!!”

Ovviamente questa scena attira l’attenzione di Ombra che è a un paio di tavoli di distanza, la cosa la infastidisce parecchio, la giovane disturba l’ascolto della maga che le lancia un paio di occhiatacce.

Anche Raven nota la scena dapprima anche lei è infastidita, poi si mette a osservare la ragazzina…sembra nobile dalle vesti raffinate capelli biondi lunghi raccolti in un’elaborata acconciatura, una preziosa collana è al collo della giovane.

La Negromante nota anche un’altra cosa però, il cameriere non sembra minimamente turbato dalle lamentele, anzi sembra annoiato, come se assistesse ad una scena che si è ripetuta un’infinità di volte…la stessa cosa vale per Colton, non è innervosito da queste critiche, immotivate oltretutto, Raven ha mangiato lo stufato ed era squisito, ha un’idea si alza e va da Chorum, lui sembra essere più pratico della città forse ne sa qualcosa.

Zekkis dal palco dapprima sente poi vede la ragazza, il suo pensiero è più pratico,

“non rovinarmi il concerto stupida ragazzina”

Raven non fa in tempo ad arrivare da Chorum perché il Tiefling si alza e va al tavolo di Ombra, si siede senza chiedere il permesso e prima che la maga riesca a dire qualunque cosa Chorum le parla…

“Se ho capito bene chi sei, preparati…sta per succedere qualcosa di molto sgradevole…”

Poi si alza e si dirige verso il retro del locale, Ombra presa alla sprovvista non si rende neanche conto di aver messo la mano sulla spada, si guarda intorno e nota alle spalle della ragazzina due brutti ceffi che la fissano come si fissa un bersaglio, senza dare troppo nell’occhio si alza e si dirige verso la ragazza…

“Ehi ragazzina, dovresti essere più gentile con i camerieri, non ti hanno insegnato l’educazione?”

Intanto che finge di rimproverare la ragazza, continua a fissare i tipacci con la coda dell’occhio.

Raven che stava seguendo Chorum con gli occhi, vede tutta la scena, istintivamente comincia a guardarsi intorno anche lei, ovviamente sta succedendo qualcosa, nota due tipacci anche lei ma dalla parte opposta di quelli visti da Ombra.

Zekkis dal palco ha una visuale completa del locale, vede Ombra e Raven comportarsi stranamente, non capisce bene cosa sta succedendo, ma si prepara al peggio.

I farabutti che vedono Ombra vicino alla giovane hanno un attimo di esitazione, si scambiano occhiate che fanno capire l’indecisione su quello che devono fare…decidono di agire, in quell’attimo il tempo sembra fermarsi, la quiete prima della tempesta…

I due malviventi si fiondano verso Ombra e la ragazza, la maga le si mette davanti ed estrae la spada il sicario affonda con un fendente all’altezza del ventre di Ombra che come se stesse danzando, fa una piroetta e colpisce lateralmente il pugnale del malvivente e lo costringe ad aprire la guardia, Ombra completa il giro con un fendente che apre un profondo taglio dalla spalla sinistra all’anca destra, il sangue schizza sul viso della Maga e sulle vesti della ragazza, il malvivente abbassa le braccia lungo i fianchi e lascia cadere il pugnale, ma Ombra non ha finito, parte con una piroetta nel senso opposto, questa volta la sua spada è orizzontale e all’altezza del collo del malcapitato…la sua testa rotola sul pavimento della taverna.

Il secondo malvivente si lancia direttamente sulla ragazzina, non ci arriva. Un pugnale spunta da dietro un pilastro della locanda ed intercetta la gola del farabutto… fa un paio di passi in avanti i suoi occhi sono sgranati, prova a gridare dal dolore…esce un gorgoglio poi più nulla e cade a terra senza vita, da dietro il pilastro esce Chorum che con uno straccio sta pulendo la lama del suo pugnale.

Altri due farabutti scattano verso gli avventurieri che stanno difendendo la ragazza, quelli che aveva notato Raven, la negromante interviene, recita parole arcane due fiamme nere compaiono sui palmi delle sue mani e li scaglia contro uno dei due assalitori, colpendolo in pieno petto, il contraccolpo lo scaglia all’indietro facendolo volare su un tavolo che si distrugge, quando il corpo tocca il pavimento non si muove più il petto non ha il movimento tipico della respirazione ma un fumo nero sale dalle grandi ustioni che si trovano al centro.

Zekkis, infuriato perché questi manigoldi hanno interrotto il suo concerto, colpisce con forza le corde del suo liuto fissando negli occhi l’ultimo assalitore in vita, un suono dissonante esce dal suo strumento, leggermente fastidioso per tutti, per il tagliagole è insopportabile, si porta le mani alle orecchie e urla dal dolore, lacrime di sangue scendono dai suoi occhi, quando l’urlo cessa anche la vita del farabutto finisce.

Il silenzio cala nel locale, gli avventurieri si rendono conto solo adesso che la maggior parte degli avventori è già scappato fuori dal locale e da fuori si sente gridare e chiamare le guardie, quelli che avevano la via di fuga chiusa dal combattimento si sono rintanati sotto i tavoli o negli angoli del locale.

Raven Ombra e Zekkis si guardano per capire se quelli che hanno di fronte sono alleati o bersagli, Chorum avanza mettendosi al centro dei tre…

“Calma… Calma… è tutto finito, riponete pure le armi, piuttosto, qualcuno sa chi sono questi bravi ragazzi? volevano Azura su questo non ci sono dubbi…”

Ombra ha un sussulto, si gira di scatto per cercare la ragazzina, la vede sotto il tavolo rannicchiata e sconvolta, ancora più pallida…

“E’ tutto finito puoi uscire…Azura giusto ho capito bene? sei al sicuro adesso quei tipacci non ti daranno più fastidio…”

Ombra si piega sulle ginocchia per essere alla stessa altezza di Azura e gli porge la mano…

“Grazie… Signora…grazie a

tutti voi…co…cosa… è successo qui? …”

Azura è davvero sconvolta ma lentamente esce da sotto il tavolo, in lacrime…parla con un filo di voce tremante…

“Vediamo un po’ chi

diavolo sono questi bricconi…”

Chorum si mette a frugare uno dei cadaveri in cerca di indizi… Ombra che tiene la mano della ragazza le chiede…

“Hai mai visto questi uomini prima d’ora? li hai mai incontrati?”

Azura, non senza uno sforzo di volontà immane, fissa i cadaveri…

“Non li ho mai visti prima, non so chi sono…”

Poi si aggrappa al braccio di Ombra e scoppia in un pianto liberatorio.

Chorum ad un certo punto…

“Questo forse può aiutare…maledizione!!”

Alza il braccio mostrando un medaglione, facilmente riconoscibile da tutti, il simbolo sul medaglione è dell’accademia della Magia di Luskan…poi il Tiefling aggiunge…

“Se questi sono assassini io sono la regina di Baldur’s Gate…ma qualcuno vuole che lo pensiamo…ci siamo infilati in un bel vespaio…”

L’espressione di Chorum è preoccupata intanto che si alza in piedi continuando a fissare il corpo del farabutto.

Raven sgrana leggermente gli occhi, nessuno lo nota, quando sente parlare dell’accademia di Luskan, anche lei è interessata ad entrare in quel posto.

“FERMI TUTTI!! E GETTATE LE ARMI!!”

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    Ho avuto la possibilità di leggere la bozza del libro e nonostante D&D non mi abbia mai personalmente attirato, sono rimasto piacevolmente stupito dal romanzo. La prima cosa che voglio condividere, e probabilmente la più importante, è che durante la lettura mi sono immerso nella storia. Ci sono libri che riesco a vivere e altri no. Ecco, questo è uno di quelli che mi ha permesso di farlo.
    L’ambientazione è solida e coerente, diversa da come mi aspettavo. Ho trovato il connubio D&D e post-apocalittico molto piacevole. I personaggi sono ben caratterizzati e gestiti durante il romanzo, cosa non scontata quando si parla di più co-protagonisti. Anche le loro evoluzioni caratteriali sono ben gestite. La storia è piacevole e scorrevole; un’azione continua, a tratti spensierata, mentre in altri drammatica, che è tuttavia sempre in movimento, senza momenti morti.
    Se ti dovessi soffermare a leggere questo commento, che tu sia un appassionato del genere fantasy, più vicino al mondo manga/anime o anche lontano da questo mondo, ma curioso di leggere qualcosa di diverso, ti direi di dare una chance a questo libro.

  2. matteo montanari

    (proprietario verificato)

    Ho avuto occasione di leggere alcne parti delle bozze di Preludio di una Vendetta, mi sento di consigliare il libro a chi interessato alla lettura di un’avventura fantasy, la parte di storia che ho letto mi ha coinvolto e convinto a preordinare il libro.

  3. (proprietario verificato)

    Cosa posso dire fantastico. Ho letto la bozza in anteprima e sono entrata completamente nella storia un emozionante e coinvolgente avventura consiglio caldamente di preordinarlo

  4. Christian Morello

    (proprietario verificato)

    Una sola parola, fantastic. Ho avuto l’onore di leggere in anteprima la bozza creata da stefano ed e veramente fantastica altamente consigliato. Un sogno nato da un tavolo di gioco, avventura giocata al tavolo e masterata da Stefano…. Mi sono emozionato a rileggere le avventure del mio personaggio Raven… davvero toop

Aggiungere un Commento

Condividi
Tweet
WhatsApp
Stefano Montanari
Sono Stefano, nato a Piacenza 51 anni fa, attualmente vivo a Izano (CR), sono un operaio metalmeccanico, le mie passioni sono il Gioco di Ruolo, Dungeons and Dragons sopratutto, la mia passione spazia anche il tutto il mondo Fantasy, i libri...Il Signore degli Anelli, Elrick di Melnibone e la saga di Drizzt do Urdein, sono sicuramente i sul podio delle mie preferenze, i videogiochi, Baldur's Gate 2, Oblivion e Skyrim sono esempi delle mie preferenze.
Anche l musica è una mia grande passione, ho suonato la chitarra elettrica per molto anni, sperimentando anche l'emozione del palco scenico con la mia vecchia Band.
Anche i fumetti hanno la mia attenzione, manga sopratutto, ma ne Marvel e Image...Insomma sono un Nerd di 51 anni...molto fiero di esserlo.
Stefano Montanari on FacebookStefano Montanari on InstagramStefano Montanari on Wordpress
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors