Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Il sigillo spezzato – Frammenti di colpa

Il sigillo spezzato - Frammenti di colpa
16%
168 copie
all´obiettivo
48
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Settembre 2023
Bozze disponibili

In un desolato campo di battaglia centinaia di cadaveri immersi nel fango infrangono le speranze del Drago di potersi opporre all’invasore Angorian. Un uomo si aggira nella fetida melma tra i corpi smembrati osservando con occhi terrei la carneficina che si allarga tutto intorno a lui. Poco oltre, nei pressi di un guado paludoso, una terrificante creatura dagli occhi vitrei e dal lungo becco ricurvo volteggia sopra i morti ammassandoli su carretti di legno con metodica lucidità. È un Corvo, addetto alla tratta dei cadaveri, che conferma le prime indiscrezioni: i soldati della cavalleria sono stati travolti da una furia senza precedenti e presentano misteriose ferite rituali incise a forza nelle loro carni straziate.
Nel mondo spettrale delle Terre Sospese il confine tra uomo e bestia appare quanto mai labile, evanescente, affollato di esseri crudeli lacerati da perversi appetiti. Solo, schiacciato dalla sofferenza e gravato dal peso dei propri errori, Ashen imboccherà una tortuosa via

Perché ho scritto questo libro?

Nel corso degli anni ho ideato, creato e modificati i miei racconti smussando di volta in volta il tono e la trama a seconda delle storie che colpivano la mia fantasia, maturando e crescendo con loro. Ritengo sia giunto infine il momento di presentare questo mio libro dalla genesi travagliata, frutto di un lavoro lungo e faticoso, sperando che possa trasmettere le stesse emozioni contrastanti e gli stessi sentimenti da me provati a chiunque avesse il desiderio di dargli una possibilità.

ANTEPRIMA NON EDITATA

 

«Non in quel modo, brutto idiota. Devi spalancargli la bocca completamente prima devi infilarci dentro la mano!»

Per un fugace attimo sembrò quasi che i due occhi del cadavere si animassero di una volontà propria, tremolando leggermente dei pallidi riflessi del sole al tramonto.

«Hai visto?» piagnucolò la giovane recluta con voce incerta. L’ostentata baldanza di cui si era ammantato solo qualche attimo prima sembrava essersi improvvisamente dissolta, lasciandolo solo e nudo di fronte alle inquietanti ombre dei propri fantasmi mentali. 

L’orrendo volto del cadavere sembrava scrutarlo immobile ed imperturbabile, minacciandolo attraverso due occhi rigonfi che parevano essere sul punto di esplodere da un momento all’altro. Un oggetto contundente di qualche tipo, forse una mazza o una lama pesante, aveva strappato la vita di quel giovane soldato con tanta crudele ferocia da lasciare per sempre impressa in quella faccia sconvolta un’espressione di inconsapevole sorpresa.
Continua a leggere

Continua a leggere


Appena al di sopra del setto nasale, tra scomposte ciocche di lunghi capelli corvini, l’osso frontale del cranio pareva come fosse esploso in una miriade di minuscole schegge appuntite che imbrattavano i duri lineamenti del volto e si perdevano tra i peli radi di una corta barba scura. Proprio al centro della faccia, un’enorme cavità oscura faticosamente contenuta da labbra fin troppo sottili si spalancava in un ultimo grido di sofferente agonia urlando per l’ultima volta tutta la sua frustrazione.

Tremando, l’uomo infilò le dita callose all’interno di quell’antro buio e facendosi spazio con irrispettosa violenza tra i denti ingialliti del cadavere cominciò a tastare in modo frenetico sotto la lingua rigonfia prima di essere bloccato da un rimprovero sguaiato.

«Ma che stai combinando?» sbraitò l’altro soldato avvicinandosi con passo rabbioso. «Spostati, ti faccio vedere io come si fa.»

Gli stivali del militare affondarono per qualche centimetro all’interno del fango irrorato di sangue e i minuscoli brandelli di materia cerebrale, fermandosi in prossimità del cranio sfondato del soldato morto. Il cuoio scuro scricchiolò ancora per una frazione di secondo prima di quietarsi.

«Guarda bene quello che faccio io. Per prima cosa devi infilare tutte e quattro le dita della mano sinistra appena sotto la lingua e stringere con forza l’osso della mandibola, così. Mi raccomando, assicurarti di avere una presa salda, è molto importante. Adesso devi far scivolare indice, medio e anulare dell’altra mano qui sopra, appena sotto gli incisivi. Perché mi guardi in quel modo?» celiò l’anziano militare in tono glaciale. «Non preoccuparti questo bastardo non ti morderà, il trucco sta tutto nell’avere una buona presa.

Gli occhi del militare si animarono per un attimo di una luce sinistra e sorrise in modo maligno. «Ora basterà dare un colpo secco, senza indugi, come se avessi tra le mani le cosce di una bella puledra da monta. In questo modo!» I tendini della mascella si allungarono resistendo per qualche secondo prima di cedere improvvisamente e sfibrarsi con un colpo secco mentre la testa del morto roteava leggermente su sé stessa e si adagiava in una nuova posizione.

«Hai visto? Non è poi così difficile» ansimò l’uomo tra sospiri di eccitazione. «Ora continua tu.»

La voce roca, bestiale, del militare pareva aver abbandonato il tono freddo di qualche secondo prima e latrava ora ordini in modo perentorio.

«Eccolo là in fondo, dalla tua parte: prova ad afferrarlo e vedi se riesci a staccarlo con le dita sennò ci toccherà trovare una mazza e provare a farci strada dall’esterno».

Il giovane soldato rimase immobile, come impietrito.

«Non farti impressionare» continuò l’anziano militare in tono freddo, «Quei bastardi tendono a diventare rigidi dopo un po’ di tempo. Pensa che una volta mentre recuperavamo dei corpi immersi in un fango simile a questo abbiamo calpestato un povero cristo duro come un dannato pezzo di legno; parola mia, lo potevi girare e rigirare da tutte le parti e quello rimaneva sempre in quella posizione del cazzo, con le braccia distese in avanti e i nervi del collo tutti in tiro! Vedessi che roba, mi sono pisciato sotto dal ridere solo a guardarlo, lì fermo come il tronco di un albero con quell’espressione idiota e quella gamba mozzata. Più di un quintale di carne fetida. Insomma non sapendo che fare ci è toccato farlo a pezzi con un’accetta come si fa con i ceppi; poi lo abbiamo caricato su una carriola e ce lo siamo trascinati via un pezzo alla volta. Una fatica che non ti immagini.»

Il giovane soldato osservò inorridito l’altro militare per qualche secondo; poi, socchiudendo le palpebre, infilò nuovamente la mano all’interno della bocca trattenendo un moto di disgusto. Avrebbe fatto qualsiasi cosa pur di far star zitto quel vecchio bastardo e non udire più le sue farneticazioni che lui pomposamente amava definire i sui suoi “divertenti” aneddoti personali.

Tastò alla rinfusa per qualche minuto, toccando con attenzione quei denti spezzati e sfiorando più volte la flaccida lingua rigonfia. Poi, improvvisamente, le sue dita si fermarono su qualcosa di diverso.

«L’ho trovato! L’ho preso!» sbottò in tono gioioso incapace di frenare la propria soddisfazione, dimentico di dove si trovasse e di quanto stesse accadendo. Felice come un bambino si chinò su un ginocchio e appoggiò la suola dello stivale sopra il volto deturpato; fatto ciò strinse con tutte le sue forze pollice e indice tra loro e li strattonò bruscamente cercando in tutti i modi di recuperare il bottino.

Il vecchio lo osservava lascivo mentre fremeva di trepidante attesa. Ormai più nulla era in grado di scuotere il suo animo lacerato: un abisso scuro e profondo ricolmo di una marea ribollente e frastagliato da onde impetuose, correnti sommerse agitate da lunghi anni di guerra, furiosi venti di vendetta sospinti senza sosta verso la nuda costa rocciosa, improvvisi lampi perturbati da raffiche d’odio e disillusione. Di tanto in tanto sulla superfice galleggiante di quell’oceano sconfinato affioravano inconsistenti bagliori simili a ricordi, giorni ormai lontani in cui un ragazzo ancora imberbe prematuramente chiamato alle armi abbandonava la propria casa e si avventurava con patriottica, incosciente, caparbietà verso un’illusione costellata di gesta eroiche. Cos’era rimasto infine di quel giovane sognatore? Solo polvere. Polvere e incubi. Un essere vuoto, contrito, segnato degli orrori di una vacua speranza che non aveva impiegato troppo tempo a dissolversi del tutto lasciandolo a terra spezzato e dilaniato dagli artigli crudeli di una vita votata al martirio. Un’esistenza priva di ogni dignità che veniva dipinta da gesta eroiche ma che in realtà aveva l’odore acre di centinaia di cadaveri lasciati a marcire sotto il sole tra il frastuono cacofonico di nugoli di grosse mosche nere, cani ossuti e corvi gracchianti che si pascevano di quei corpi decomposti. Lì, in mezzo a loro, fluttuavano gli spettri: vuoti involucri dalle sembianze umane che si stagliavano contro la luce accesa di un sole morente alla vorace ricerca di qualsiasi oggetto di valore che potesse lenire l’insaziabile ferita che lacerava il profondo delle loro anime. Uomini non più uomini, annientati definitivamente della loro razionalità. Larve vuote celate nelle loro armature di metallo pronte a barattare frammenti d’anima per qualche moneta. Profanatori senza sosta alcuna.

Il vecchio militare si destò da quella lucida visione in cui pareva immerso e si sporse verso il giovane militare studiandone i movimenti.

«Allora? È d’oro?» chiese con avida curiosità.

L’altro soldato aprì lentamente la mano e fissò come intontito il frutto della sua fatica. Il piccolo dente dorato sembrò attirare l’attenzione di decine di grossi corvi neri che gracchiarono tutto intorno a lui.

«Niente» sospirò mentre sfregava con forza l’oggetto contro il palmo della sua mano per ripulirlo dalla saliva raggrumata e dai coaguli di sangue. «Credo che non sia oro.»

«Sì, deve essere d’oro» insistette il vecchio in tono eccitato. «Dai qui, fai vedere!»

Il giovane militare chiuse di scatto il palmo della mano e si voltò fulminandolo con sguardo feroce. «Questo oggetto mi appartiene, signore» lo ammonì con fermezza. «Così erano i patti.»

Per un attimo il soldato più anziano rimase immobile fremendo di collera mentre osservava incredulo la giovane recluta. In qualche modo pareva ammirarne l’ostentata fermezza, o l’incoscienza, con la quale osava rivolgersi ad un superiore, in tono tanto sfacciato da rasentare l’insubordinazione.

«Non contraddirmi mai, recluta» ansimò fra i denti l’uomo; poi, con uno scatto, allungò la mano e strappò il piccolo prezioso dalle dita del sottoposto.

Con immensa fatica l’altro riuscì a tenere a bada l’impulso di improvvisa ferocia che travolse il suo animo rischiando di farlo esplodere di collera. «Non erano questi i termini dell’accordo, signore» lo ammonì nuovamente: questa volta la voce depauperata di ogni timore reverenziale pareva animata da un impeto incontrollabile.

Le lunghe dita affusolate, simili ad artigli, scivolarono verso l’impugnatura della spada accarezzandone il tessuto. «Forse è il caso di appianare le nostre divergenze una volta per tutte, signore» sentenziò stringendo le dita.

Il vecchio soldato aprì con noncuranza il borsello di cuoio che portava al fianco e vi fece scivolare il dente d’oro all’interno; poi, dopo aver stretto con attenzione i laccetti di cuoio ed essersi accertato che il nodo fosse abbastanza serrato da non sciogliersi in caso di movimenti improvvisi, estrasse la spada che gli pendeva al fianco.

«Lo credo anch’io» sussurrò malvagio. «Perché non vieni a prendertelo? È qui che ti aspetta assieme alle altre monete. Devi solo fare un passo in avanti e strapparmelo di mano» ordinò in tono sprezzante, allungando il braccio in avanti e puntando la lama verso la gola della recluta.

Un corvo nero si alzò in volo a qualche passo di distanza, spaventato da un rumore improvviso.

2022-12-24

Aggiornamento

Dal 24 al 26 dicembre è attivo lo sconto del 30% con il codice NATALE22.

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il sigillo spezzato – Frammenti di colpa”

Condividi
Tweet
WhatsApp
Manuel Canazza
Sono nato il 14 gennaio 1980 in una cittadina della provincia di Padova. Appassionato d’arte fin dalla giovane età, ho frequentato il liceo scientifico e nel tempo libero mi sono dedicato alla lettura, la scrittura, il disegno e la musica.
Ho lavorato in svariati settori, non disdegnando nuove occupazioni qualora mi offrissero la possibilità di imparare qualcosa o cimentarmi con qualcuna delle mie numerose passioni (ufficio tecnico con mansioni di sviluppo progetti in AutoCAD, grafico pubblicitario, ufficio commerciale estero, sviluppo di pagine web). Quando posso mi tengo in allenamento praticando basket e trekking o suonando la mia chitarra.
Nel 2017 ho conseguito una Laurea in Archeologia all’Università di Padova con il massimo dei voti.
Attualmente mi occupo di sviluppo front end, design e codice, principalmente per il web.
Manuel Canazza on FacebookManuel Canazza on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie