Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Storia di una Tartaruga che voleva diventare un Salice Piangente

Storia di una Tartaruga che voleva diventare un Salice Piangente
56%
89 copie
all´obiettivo
68
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Agosto 2023
Bozze disponibili

Un sogno, una metamorfosi, un destino.
Tartaruga sogna di lasciare l’oceano e di volare nell’universo. Quando chiude gli occhi ed esprime questo desiderio non sa che i sogni e i pensieri possono diventare la nostra realtà. La fiaba narra la trasformazione dello stato di manifesto di questo piccolo essere, grazie al raggiungimento la stella dei desideri, Ari-Umulù. In questo spazio tutto è possibile. Non esiste passato e non esiste futuro. Il tempo è un eterno presente, contenitore di ciò che fu e di ciò che sarà. Questa stella è ricoperta di ghiaccio ed esattamente al centro del suo cuore vive un albero di cristallo, il bellissimo Salice Piangente. Qui Tartaruga scopre la sua missione di vita: scongelare Ari-Umulù ed il suo abitante. Nascere tartaruga ma non sentirsi tale è uno stato dell’Essere necessario per sciogliere i nodi che compongono la trama del suo destino. Dunque, caro lettore, se vuoi conoscere questa storia, chiudi gli occhi e fatti condurre su Ari-Umulù.

Perché ho scritto questo libro?

Ho deciso di scrivere questa fiaba perché volevo parlare dell’Anima che è dentro ognuno di noi e di come questa ci chieda continuamente di essere ascoltata e accolta. Attraverso l’incontro d’amore tra Tartaruga e Salice Piangente ho voluto raccontare cosa sia aprirsi al risveglio spirituale. Come si possa entrare nella vibrazione dell’amore incondizionato, in totale assenza di paura.

ANTEPRIMA NON EDITATA

PROLOGO

MAGO

Questa è la fiaba, mio caro lettore,

d’un animale e del suo amore.

È ambientata lontano, lontano da qui,

e per noi non è semplice dirigerci lì.

Tartaruga è al centro di questa storia

degna d’esser in ogni memoria.

Il suo destino era uscire dal mondo,

e di dar vita al suo bel sogno.

Sei curiosa, è vero, o dolce anima?

Raccontiamo allor l’impresa titanica.

Questa fiaba ha sede nel cielo blu,

su una Stella chiamata Ari-Umulù.

È un astro di ghiaccio bianco e blu,

non se ne vedon così da quaggiù.

Un tempo era tutto coperto di oro,

e l’aria sapeva di fresco alloro.

Come arrivarci? È un segreto nascosto

che troverai pensando a quel posto,

dove tutti noi vorremmo volare,

quando la Terra ci comincia a stancare.

Continua a leggere

Continua a leggere

È un pianeta dove l’amico Tempo

scorre lento, mentre qui nel frattempo

le persone si amano e si separano

e le piante verdi a dormir si preparano.

In questa mia sacca piena di oggetti

c’è una magia nascosta agli abietti.

È una magia che odora di mela,

di dolce cannella e di atmosfera.

È l’atmosfera che a volte si crea

quando, ad esempio, ci viene un’idea.

Quando guardiamo due candidi cuori

che sono stracolmi dei loro amori.

Ma di Tartaruga stavamo parlando,

che è seduta dove stiamo andando,

con una domanda ancora nascosta

ma che avrà presto la sua risposta.

Ti chiederai: “ma quale risposta?”

Ognuno fa a un certo punto una sosta.

Sosta dalla vita che scorre veloce

per interrogarsi su ciò che lo nuoce.

Per trovare il senso dell’esistenza

che non è detto sia nell’apparenza

del nostro corpo che spesso ci è estraneo

e che, si sa, è sol temporaneo.

Proseguiamo allora col nostro racconto

e dirigiamoci in cerca di quel tramonto

che tutti noi vorremmo guardare

quando di Terra ci cominciamo a stancare.

2022-11-08

Aggiornamento

Carissimi, condivido i nomi dei professionisti che hanno accettato di scrivere gli articoli dedicati alla pubblicazione di questa fiaba, delle cui reazioni sono felice ed onorata. Ve li presento di seguito: - Prefazione a cura del poeta Benedetto Tudino, caro maestro di scrittura - Introduzione a cura della linguista Talisa Viola, amica di vita e donna di grande e raffinata intelligenza - Postfazione a cura dell'ipnologo e fiammologo Jimmi Fascina, importante punto di riferimento esistenziale L'illustrazione che vedete in copertina è a cura dell'artista Valeria Bisconti, la cui mano ha dato vita a universi magici e donato un volto candido e diretto alle fiabe illustrate create insieme. A questo link → https://www.youtube.com/watch?v=gcKCfLjdjDs trovate un estratto video dal lavoro di realizzazione della lettura virtuale sulla presente fiaba, eseguito mesi fa con un team di grandi professionisti. Buon viaggio a tutti!

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Storia di una Tartaruga che voleva diventare un Salice Piangente”

Condividi
Tweet
WhatsApp
Irene Di Lelio
Sono una regista e drammaturga che dirige e organizza progetti artistici in contesti di cura e di difficoltà sociale. La mia casa è Linee Libere, una compagnia teatrale che ho fondato nel 2015. La filosofia che permea i progetti artistici che allestisco si fonda sulla democrazia, sulla libertà di pensiero e sull’amore e l’accoglienza degli esseri umani come entità creatrici di opere finalizzate ad un bene collettivo. L’uomo, in quanto essere terreno ed essere spirituale, è al centro della mia ricerca. Lo è la meccanica del suo universo creativo come artista, intellettuale ed artigiano. Lo sono l’integrazione etnica, la parità di genere, il tempo materiale e l’atemporalità dell’anima. E lo è l’energia che ci fa vibrare a diversi tipi di frequenze, creando una specifica realtà intorno a sé. Ho iniziato a scrivere per sostenere le nostre coscienze nel processo di risveglio dell'anima.
Irene Di Lelio on FacebookIrene Di Lelio on InstagramIrene Di Lelio on Wordpress
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie