Accedi Registrati

Coinquilini a Bologna

vxpcptl2tt4-bogdan-dada
22% Completato
117 Copie all´obiettivoi
Al raggiungimento dell’obiettivo il libro verrà pubblicato
18 Giorni rimasti
Bozze disponibilii
Se pre-ordini il libro, potrai cominciare a leggere subito le bozze del manoscritto
Svuota
Quantità

“Che spetti a me presentarvi queste memorie, che sono protagonista della storia, pare un po’ assurdo.

Insomma, di questo tipo di faccende dovrebbe semmai occuparsi un autore, in tono magari convincente e distaccato. Una sorta di planata dall’alto sugli avvenimenti principali, sapete come fanno, spiegandovi intanto quella che è l’idea di fondo, il motore immobile del libro.

Ma d’altro canto lo capisco, l’ammutinamento dell’autore, essendo l’argomento in questione la mia incasinatissima vita, a cui a malapena io so trovare un senso, lì dal mio posto in prima fila. Chissà poi che effetto farebbe la mia vita, vista dall’alto; me l’immagino come un’enorme tela di Pollock.

Tutto sommato, è meglio così. Non mi sarebbe piaciuto diventare fin da subito per voi un grosso cartello pubblicitario; anche perché, diciamocelo, o sei molto persuasivo, o se no come lo vendi, un Pollock?

Mi spiace quindi deludervi, ma dietro ciò che leggerete non c’è nessun messaggio edificante ed educativo, nessun burattinaio dalle dita nodose a tirare i fili. Quel che troverete qui sono due dei miei migliori anni trascorsi a Bologna, quand’ero ancora giovane, due anni di convivenza con Paolo, Eli e Spina, rispettivamente un filosofo dottorando, un’affascinante modella, e… Beh, Spina.

Il tutto riassunto col mio stile, che a questo punto un po’ già conoscete.

Vedete, in fin dei conti presentarsi da soli ha anche i suoi vantaggi.”

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

  1. Promette bene, pimpante, trasudano le origini di Guido già dalle prime righe: il Buco Magico, con i suoi scacchisti e i conigli senza un apparente perché, ma eccome, ci sono

  2. (proprietario verificato)

    Sembra un bel libro!

Aggiungere un Commento

Guido Anselmi
Guido Anselmi è, prima di tutto, Marcello Mastroianni e Federico Fellini. Protagonista di "8 e mezzo", impersona tanto l'uno quanto l'altro. Ma se l'anima è Fellini e il volto è Mastroianni, di chi è il nome? Di Guido Anselmi, semplice personaggio in balia degli eventi, e suo rimane. In questo gioco di rimandi il nome resta fuori, in un limbo di realtà da cui si diletta a fornire pseudonimi e, perché no, a scrivere. E' lì che l'autore ventiquattrenne lo trova, ed è a lui, alla sua esperienza di teatrante affermato, che si affida, spaventato forse dalla sua laurea in Fisica, per le letterarie ambizioni. Tuttavia, mentre l'uno apprezza Wallace, Pynchon, i post-modernisti di impetuosa scuola americana, l'altro predilige Proust, Yourcenar, la compostezza dei classici.
I due convivono già da qualche anno, tra borbottii e sberleffi, ma ormai è chiaro quest'unione non promette nulla di buono.
Guido Anselmi on sabfacebook