Accedi Registrati

Ma soprattutto i ponti

Ma soprattutto i ponti-2
101% Completato
98 Copie al prossimo obiettivoi
Good seller! Un promotore professionale proporrà il libro ai librai, una strategia dedicata di marketing online consiglierà il libro a nuovi potenziali lettori.
Bozze disponibilii
Se pre-ordini il libro, potrai cominciare a leggere subito le bozze del manoscritto
Svuota
Quantità

Cosa può succederti a Venezia quando hai terminato gli studi e una voce ti sussurra che è giunta l’ora di tornare a casa? Potrebbe accaderti d’inciampare nel Vichingo, che racconta storie e dorme a San Marco. Oppure di conoscere la ragazza che cade dai ponti, per sbarcare il lunario. Se poi ti capitasse d’incontrarli entrambi, nella stessa notte, le tue giornate cambierebbero colore. Perchè improvvisamente si può essere molto occupati, dai venti ai trent’anni. Ma ora che hanno ucciso il Vichingo ti aspetta tutto un mondo da raddrizzare e la voce ti mormora che non hai tempo da perdere. Perché – lo dice il poeta – si può essere anche poco felici, dai venti ai trent’anni… Sullo sfondo di una Venezia al riparo dalle comitive, dramma e commedia si rincorrono tra le calli in un pirotecnico susseguirsi di trovate originali, dialoghi spassosi, personaggi accattivanti e notti fatte di poco sonno.

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    Bravo Yuri, ce l’hai/abbiamo fatta! non vedo l’ora di leggere tutto il libro!!! ciao

  2. (proprietario verificato)

    La scrittura di Iuri ammalia, stupisce, acchiappa. In molti casi può creare dipendenza e tenervi incollati sulla poltrona fino all’ultima pagina. A me è successo leggendo altri suoi romanzi. Come pure mi è successo d’imbattermi in passaggi stilisticamente geniali e di apprezzare la ricercatezza di certi espedienti, messi in quella pagina, in quel preciso punto con maestria. Più di una volta, poi, sono anche scoppiato in una risata fragorosa, perché le spara, che le spara, grosse!!
    Cosa mi aspetto di trovare in questo romanzo? Beh di certo non la Venezia mordi e fuggi che si palesa ai crocieristi. No, proprio no.

    Che aspettate a prenotare la vostra copia? Venghino siori venghino!!

  3. (proprietario verificato)

    Acquistato!

  4. (proprietario verificato)

    Ho prenotato la copia del libro e ho già potuto scaricare le bozze digitali. Ho appena letto qualche pagina e si preannuncia molto interessante. Ora mi fermo, in attesa di avere il libro tra le mani, certo che l’obiettivo delle copie verrà raggiunto.
    Ho il piacere di conoscere l’autore e ho avuto l’onore di leggere un suo precedente romanzo breve che già metteva in luce le sue qualità.
    Buona lettura a tutti quanti vorranno sostenere questo progetto.

  5. (proprietario verificato)

    Io sono il fratello dello scrittore. Sono stato uno dei primi a prenotare il libro, sono il primo a lasciare un commento. Capirai, direte voi, è il fratello.
    E invece no, capirai un cavolo. L’anteprima mi è piaciuta e molto. Ditemi che non è vero, avanti. Ditemi che non è un gioiellino di scrittura che non si vede tutti i giorni, con uno stile che ti prende per mano e ti accompagna tra i calli di Venezia e tra le passioni di Iuri. È divertente, ironico, pessimista al punto giusto e in sole 19 pagine ci ho trovato tutto il mio fratello che conosco. Mi agevola anche il fatto che, per me, il protagonista ha un volto familiare. Lo vedo perfettamente lì sul vaporetto, imbarazzato e un po’ mona, per dirla alla veneziana.
    Prenotando il libro, bookabook.it mi ha regalato il pdf dell’intero romanzo, ma l’ho già detto a mio fratello, io voglio leggere la mia copia cartacea, con tanto di copertina flessibile. Quindi ho letto solo l’anteprima e non ho avuto alcuna anticipazione da parte di Iuri.
    La voglia di sapere come continua è tanta ma è bella anche l’attesa.
    Per concludere, complimenti davvero allo scrittore.
    E complimenti a voi che gli permetterete di raggiungere l’obiettivo. Ne vale la pena.

    Andrea Toffanin

Aggiungere un Commento

Iuri Toffanin
Sono nato nel 1970, a metà strada tra lo Sbarco sulla Luna e Italia-Germania 4 a 3. Sposato, tre figli, per diciotto anni sono stato educatore in comunità familiari per minori. Splendida esperienza, quella della comunità, perché affina l'ingegno e libera l'immaginazione. Amo leggere prima ancora che scrivere e amo scrivere quando mi assale il bisogno. Se però non mi diverto, lascio perdere presto. A cercare il pelo nell'uovo, sarei uno storico prestato al sociale, avendo dedicato gli studi ai secoli bui del Medioevo. Che poi, bui mica tanto, se paragonati ai tempi che viviamo. A Venezia ho passato un anno stupendo della mia vita e non è quindi un caso se è lei la vera protagonista del romanzo.