Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Aggiornamento

Alle Serali. Entro per la prima volta in una classe dei corsi serali: sono tesa come una corda di violino, ma ho le gambe molli e il cuore nello stomaco, effetto vuoto. Fa ancora caldo, sono le diciotto, indosso un vestito bianco e celeste, con ballerine in tinta. Sono in anticipo, mi siedo e aspetto. […]

Alle Serali.
Entro per la prima volta in una classe dei corsi serali: sono tesa come una corda di violino, ma ho le gambe molli e il cuore nello stomaco, effetto vuoto. Fa ancora caldo, sono le diciotto, indosso un vestito bianco e celeste, con ballerine in tinta. Sono in anticipo, mi siedo e aspetto. Dopo poco arrivano, sono quasi tutti maschi e qualcuno ha ancora la tuta da lavoro. Hanno l’aria stanca. E io mi sento inadeguata e ridicola con le mie unghie smaltate da brava professorina preparata e diligente, in confronto le loro mani sono di chi si spacca la schiena. Hanno grandi borse, gli occhi assonnati e severi, il loro sguardo è di chi non ha tempo da perdere. Si accomodano educatamente, mi presento, e mi sento come un comico debuttante in un teatrino di periferia davanti a un pubblico esigente, che fischia e urla: “Dai facce rideee!”.”
da” La cattedra rovesciata”

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie