Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Aggiornamento

Dopo un mese di guerra siamo ancora a chiederci quando e come finirà. Il danno è già stato fatto con migliaia di morti e città distrutte. Pare che i russi la faranno durare ancora fino al 9 di Maggio, cioè un altro abbondante mese in cui le dita del mondo saranno sul grilletto. Anche quello […]

Dopo un mese di guerra siamo ancora a chiederci quando e come finirà. Il danno è già stato fatto con migliaia di morti e città distrutte. Pare che i russi la faranno durare ancora fino al 9 di Maggio, cioè un altro abbondante mese in cui le dita del mondo saranno sul grilletto. Anche quello atomico.

7)
#Denunciare per cambiare, nel mio caso mi rimetto a scrivere con dedicazione. Ora et lavora, armeggia con te stesso immerso in ogni trama e materiale che produce la quotidianità. In fondo è un’attività terapeutica che in fase pandemica a molti è venuto di praticare. In qualunque ora del giorno ci si può permettere di scrivere storie, senza controindicazioni proibitive. Che non sia il pensiero della fame di Mr. Rogers.
Forse come nella redazione della lettera di Troisi e Benigni al Savonarola, nel film Non ci resta che piangere, anche gli amiconi Federico e Carlo nel 1844 si saranno divertiti guardando diritto nell’occhio della piramide, mettendo su carta con l’inchiostro queste supposizioni:
“Il denaro, in quanto possiede la proprietà di comprar tutto, di appropriarsi di tutti gli oggetti, è dunque l’oggetto in senso eminente. L’universalità della sua proprietà costituisce l’onnipotenza del suo essere, esso è considerato, quindi come ente onnipotente.” “Il denaro mi dispensa dalla pena di esser disonesto, io sono, dunque, considerato onesto; io sono stupido, ma il denaro è la vera intelligenza di ogni cosa: come potrebbe essere stupido il suo possessore? Inoltre questo può comprarsi le persone intelligenti, e chi ha potere sulle persone intelligenti non è egli più intelligente dell’uomo intelligente? Io, che mediante il denaro posso tutto ciò che un cuore umano desidera, non possiedo io tutti i poteri umani?”
Ho riflettuto a lungo su e giù per il convento pregando gli dei etruschi, che sghignazzanti dall’alto del loro tempio ripetevano che non c’era niente di nuovo sotto il sole. Tutta la società degli umani traviata dal potere degli oggetti? Dal metallo rotondo e della carta pesante? Alla faccia dell’occhio e di tutti gli dei dell’Olimpo mi son detto! Che spasso, ma appunto, dov’è la novità?
Un giorno capitò che la ciurma dei robusti becchini della scena con Yorick, rimasti nascosti dietro le tende intrigati dal volteggiare dei pensieri, a un certo punto vengono fuori. Uno di loro si toglie il berretto, si gratta la testa e insiste ad alta voce: “Senta signor autore, scusi… Dio santo, ci sarà una terapia decente per i mali di questo mondo? Cioè qualcosa che non costi tanto come lei quando scrive e che conceda un po’ di tregua all’umanità? O siamo solo degli spreconi in balia di una irrisolta patologia evolutiva?
Alla faccia dei becchini ho pensato! Che linguaggio! Cosa risponderesti?
Si riaccende di scatto la luce dell’occhio che pensa ad alta voce: “Almeno due spettri si aggirano tra gli esseri umani, lo spettro dell’ignoranza e quello delle paure, che insieme a un’inidonea conduzione del pubblico giardino combinano una bella frittata. Risultato minimo, smarrimento e confusione nella prassi.”
Ecco che s’intromettono le solite zavorre dottrinali. Stanco di farneticare ringrazio i gentili presenti e mi tuffo nel letto. PS: Cont…


Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie