Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Aggiornamento

Resoconto della presentazione presso la Sala della Musica del Palazzo Lombardo, organizzata dall’Associazione Culturale Athena: La Collina delle Stelle di Lucien Riccio non è soltanto un libro: è una scommessa. È una scommessa, perché si tratta di un libro di esordio. È l’opera prima, il primo romanzo, la prima volta di un giovane che prova […]

Resoconto della presentazione presso la Sala della Musica del Palazzo Lombardo, organizzata dall’Associazione Culturale Athena:
La Collina delle Stelle di Lucien Riccio non è soltanto un libro: è una scommessa.
È una scommessa, perché si tratta di un libro di esordio. È l’opera prima, il primo romanzo, la prima volta di un giovane che prova ad inseguire un sogno e spera di realizzarlo.
È una scommessa perché il libro – che c’è, perché Lucien lo ha scritto, riscritto, rimaneggiato, rieditato – deve ancora vedere la luce, muovere i suoi primi passi.
Ma ieri sera, noi quel libro lo abbiamo ascoltato, lo abbiamo sentito ed anche vissuto un po’, per quel pó che si può sentire e vivere, leggendone qualche pagina qua e là. Così abbiamo conosciuto Nardo, le sue inquietudini, le sue difficoltà, e le paure, i timori, i travagli, i sogni… abbiamo conosciuto i suoi genitori, zio Guido, Alessio, Valentino, Ettore. Lo abbiamo ascoltato, mentre si strugge e decide di non suonare più, di abbandonare il suo sogno, pensando che la sua musica non abbia nulla da dire: lui che ama la musica e suonare il pianoforte più di ogni cosa…
Abbiamo guardato le stelle, sdraiati per terra dall’alto della collina; Abbiamo cercato la pace e la quiete, sperando di vedere i veri volti al di là delle maschere di chi lo circonda e di comprendere il senso del tutto.
Questo libro è una scommessa, perché il suo autore ci chiede di scommettere su di lui e di acquistarlo – per così dire- sulla fiducia, perché se in 200 lo acquisteremo in prevendita verrà pubblicato e finalmente vedrà la luce.
Per Lucien e Nardo, ieri sera è stata una sera di festa, che – in qualunque modo andrà la loro storia – non dimenticheranno facilmente.
È stata una piacevole serata, aperta dai saluti di Giovanni Salvaggio e Patrizia Amato in cui Lucien Riccio e Silvana Rinallo hanno chiacchierato accompagnati al pianoforte dalle giovani ed agili mani di Simona Puma, talentosa e promettente allieva dell’Associazione Lo Nigro.
Allietata dalle lettura di Gianpaolo Greco, Mariausilia Daniele e Grazia Vella Cannella.
Coronata da una mirabile e emozionante performance degli allievi del liceo artistico statale “Filippo Juvara” di San Cataldo, che si sono esibiti ne ”L’albero della vita”, davanti agli occhi incuriositi e compiaciuti dei presenti.
È stata una bella serata, di quelle che ricorderemo a lungo.”

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie