Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

A piedi nudi

100%
200 copie
completato
9%
137 copie
al prossimo obiettivo
Svuota
Quantità
Consegna prevista Aprile 2020

Un libro per chi ama il mare e ama la magia della Sicilia.
Un libro per chi ama la musica e i “giovani” cantautori italiani, come Fabi e Cremonini. Che in fondo, come Ludovica, Claudio e Peppe, alla fine ce l’hanno fatta.
Un libro che racconta i trentenni di oggi, schiacciati dall’incertezza del futuro. Quei trentenni che lottano per rimanere nella propria terra e che, anche se il tempo determinato non gli consente di mettere su famiglia, se all’improvviso arriva un figlio imprevisto, attorno a quel fagiolino costruiscono le loro incrollabili certezze. Diventano famiglia.
Un libro che fa sentire a casa, ci fa sentire a casa con Ludo e Cla.
Un libro che fa commuovere, ma che fa anche scappare qualche risata.
Un libro per chi vuole andare a dormire, pensando che nonostante tutto “il meglio deve ancora venire”.

Perché ho scritto questo libro?

Ho scritto questo libro dopo avere pubblicato il racconto omonimo, e gli amici che lo leggevano mi chiedevano che fine avessero fatto quei personaggi. Così la scrittura ha esorcizzato le mie paure nelle lunghe notti di Guardia Medica, mi ha confortato, emozionato e fatto ridere. Per me scrivere è un modo per scoprirmi, condividere i miei pensieri mi ha fatto sentire meno sola e spero che la condivisione possa fare sentire meno sole le persone che mi leggono.

 

ANTEPRIMA NON EDITATA

Questa è una storia di mare, d’amore, di orgoglio ferito: il mio. Forse anche quello delle persone che hanno lambito le coste della mia vita frastagliata. L’amore, che si consuma in fretta con qualche messaggio su what’s app, è qui che corrono veloci i tradimenti. E se prima per inciampare dovevi quanto meno essere distratto, oggi l’errore si genera rapidamente tra le maglie invisibili del wi-fi.

Io sono Ludovica, e vi racconterò di come ho perso il passo tante volte, vi farò conoscere Peppe il mio braccio destro e Claudio, l’uomo che mi stravolgerà la vita, che mi scalderà il fianco. Ma non subito. Prima ho dovuto perdermi e ritrovarmi decine e decine di volte. La mia piccola anima è stata sbriciolata da una serie di eventi e si stava sgretolando come i pannelli di polistirolo che qualche bambino dispettoso si divertiva a strofinare su di un muro ruvido. Quelle piccole sfere si libravano nell’aria in una polvere di minuscole palline bianche e regolari, sparpagliate come una bocca di leone sulla quale qualcuno ha soffiato con tutto il fiato che poteva dare ai polmoni facendo di un fiore mille piccoli fiorellini, l’effetto non era nemmeno troppo sgradevole, sembrava che quelle piccole rotonde particelle di anima si muovessero in assenza di gravità come se Ludovica fosse al centro di una boule de niege, scossa da chissà che mano intenta a sbatacchiare quella palla di neve con un vigore tale che dentro quell’atmosfera da souvenir, tanti piccoli pezzi di lei, facevano la danza delle ore, come i fiori nel film della Disney.

Ludovica, molto lieta.

Ludovica, aveva cominciato a lavorare in una piccola guardia medica in un paesino di montagna, un posto tranquillo e silenzioso, percorreva la strada in macchina sempre con una certa ansia, un po’ perché non sapeva

mai cosa la aspettasse durante il suo turno, un po’ perché era alle prime armi e non essere all’altezza della situazione e delle richieste d’aiuto dei suoi pazienti la paralizzava, un po’ perché la sua vita era un vero casino, ma mentre correva la strada tortuosa in mezzo agli alberi dei monti sicani, lei piano piano scioglieva la tensione spegneva anche la radio e si godeva il rumore del vento che muoveva le fronde degli alberi altissimi che facevano ombra sulla strada, a romperla dal torpore era la luce del sole che la abbagliava quando gli alberi non coprivano il suo incedere verso il posto di lavoro.

All’inizio si faceva fare compagnia specie durante i turni di notte, fino a quando come sempre decise di affrontare le sue paure da sola, quelle professionali in primis e quelle personali a seguire.

Continua a leggere

Continua a leggere

  Quella sera era seduta alla sua scrivania, mentre mangiava una pesca, in realtà non si era accorta che fosse già notte fonda ma i pensieri non la facevano dormire, una paziente era tornata con una ustione da ghiaccio al gomito, eppure lei era sicura di averle dato le giuste istruzioni e le giuste attenzioni per il suo problema ma in qualche modo si sentiva in colpa, sebbene non avesse sbagliato nulla.

Le capitava sempre, anche nella vita, si arrovellava per giorni chiedendosi “e se non gli avessi mandato quel messaggio?”, “forse ho commesso un errore”. La verità era che lei non aveva sbagliato un bel niente, nemmeno a mandare quel messaggio all’ennesimo uomo travestito da cavaliere senza macchia, che era impegnativo emotivamente, un uomo irrisolto, ma lei era una donna che amava troppo, e quindi alla fine si faceva convinta che amando per tutti e due avrebbe avuto finalmente una relazione degna di tale nome. Tutti i suoi tentativi di tenere i cocci attaccati si rivelavano assolutamente fallimentari, vedeva naufragare ogni storia miseramente, lasciando dietro sé nubi polverose di macerie. Quando sarebbe finita questa storia? Si chiedeva, mentre nervosamente, ripercorreva mentalmente ogni passaggio della visita della sua paziente, in modo maniacale ogni sua parola veniva scandagliata, passata al setaccio, sezionata, divisa attentamente in sillabe, eppure niente, non capiva cosa avesse viziato la comunicazione, sarà una minuzia, un dettaglio, ecco, avrebbe dovuto chiamare il suo amico Peppe che sicuramente le avrebbe detto di non preoccuparsi che aveva fatto tutto quello che era in suo potere per aiutare quella signora, poi le avrebbe detto:

«Lulù, stai calma, sai che c’è?! Sto chiudendo il bar e vengo da te».

Sarebbe stato lì nel cuore della notte dopo un’ora di macchina, si sarebbe sdraiato sul letto disfatto e avrebbe parlato della sua serata, ridendo a crepapelle perché c’era una tizia che ci aveva provato tutta la sera e come spesso accadeva tra una risata ed un altro bicchiere era stata raggiunta dal marito, e lui era sempre incredulo, quando, non di rado per dirla tutta, andava in scena uno di questi copioni scritti dai più mediocri dei fedifraghi, una commedia umana che di certo non brillava per originalità.

«Lu» le diceva «ma come posso mai trovarne una che mi stia accanto, se non riesco a stare tranquillo, che magari questa esce con le amiche e ci prova col primo barista idiota che c’è in giro?»

«Tu ti sottovaluti» gli rispondeva, ridendo, mentre immaginava la scena.

«Si, continua a prendermi in giro, Miss Crocerossina».

Peppe aveva ragione, quegli enormi occhi azzurri la analizzavano sempre con attenzione, riuscivano a cogliere quello che la turbava, sebbene fosse nascosto nell’angolo più recondito della sua mente.

Il disastro di turno si chiamava Alessandro, era molto più grande di lei, e in tutta franchezza, nemmeno sapeva di preciso cosa le piacesse di questo uomo, forse i modi? Forse il fatto che fossero il giorno e la notte, profondamente diversi. Ed era per questo che non avrebbe potuto mai funzionare. Ovviamente lui aveva alle spalle una relazione lunga e tormentata chiusa da poco e della quale si protraevano gli strascichi, lei era il chiodo schiaccia chiodo, che poi Ludovica questa dinamica di schiacciare un chiodo con un altro inutile chiodino non l’aveva mai capita. Eppure, si trovava sempre nel fuoco incrociato di ex che si tiravano palate di fango senza accusare mai la stanchezza, che invece la stava travolgendo. Complice la notte di guardia.

«Peppino, appena torno a casa lo mollo».

«Ludo, se lo fai davvero hai la birra pagata per tutta la settimana».

«Beh, se è così… consideralo già fatto».

Non sapeva come, né dove, avrebbe trovato il coraggio di lasciarlo andare via davvero, fatti la valigia e torna da lei, avrebbe dovuto dirgli, che i tuoi vuoti non posso colmarli io, non così almeno, dovresti riempirli tu che visto che sei uomo, dovresti sapere come fare, ricostruisciti e trova la tua strada, il tuo posto nel mondo e quando sarai finalmente pieno allora torna se vuoi, se sarò ancora qui ti riabbraccerò.

Diciamo che il discorso tra lo sgomento dell’uomo che le aveva fatto compagnia fino a quel momento e il suo timido balbettio si esplicitò quasi come l’aveva pensato, se non fosse che lui l’aveva annichilita con una bizzarra analisi psicologica da quattro soldi, che ovviamente si fece scivolare addosso, attribuendola all’orgoglio ferito. Mai una volta che se ne vadano senza fare storie. Certo che essere scaricati è sgradevole, che domande, ma è inevitabile a volte, perché protrarre le agonie di certe storie è solo accanimento terapeutico, quell’amore malato non lo salverà nessuno, bisogna solo staccare la spina e andare avanti.

Ecco, andare avanti, Ludovica era una lumaca, aveva tempi da vecchio testamento, prima di tornare ad avere una vita normale passavano delle ere geologiche praticamente. Delle prime delusioni d’amore sarebbe ancora capace di leccarsi ferite, che sarebbero ancora aperte, se non fosse che ogni tanto, entrava a gamba tesa Peppe che le porgeva della connettivina, lei stava con i cerotti fino a vederli consunti staccarsi, ma alla fine tutto era tornato al proprio posto.

L’Alessandro in questione, soffriva di ben due gravi disturbi, comuni all’uomo del 21° secolo. La prima, elencata non in ordine di gravità, la sindrome della scimmietta: sostanzialmente che ne è affetto riesce a passare dei lustri con il proprio partner, anche se l’amore è finito da un po’. Il soggetto in questione non lascia mai, a meno che non intraveda un altro ramo al quale aggrapparsi, allora, e solo allora con un agile salto passerà da un ramo all’altro, proprio come una scimmietta, appunto.

La seconda è la sindrome della quota cento, già teorizzata da G. Romagnoli nel suo “Senza Fine. La meraviglia dell’ultimo amore”, come sindrome di Barigazzi, in buona sostanza il totale della somma delle età di due partner non deve mai superare una soglia che viene fissata sotto i cento anni ma meglio ancora se rimaniamo di molto sotto, onde per cui all’aumentare dell’età di lui diminuisce quella di lei.

40 lui e 40 lei, rimaniamo sotto i cento va bene, 50 lui e allora 30 lei, 70 e 20 e via discorrendo, fino alle soglie del reato penale.

Aveva capito come fare poco dopo i trenta, aveva capito a differenza di Alessandro che i nostri vuoti non possono riempirgli gli altri, quindi o ci pensiamo noi, oppure bisogna imparare a conviverci e pace e amen.

Però lei era avvezza alle sfide, e quindi si lanciava nelle cose che non conosceva, con gli anni si creò tante di quelle passioni che a volte le mancava il tempo per stare dietro a tutto, ma in qualche modo ci riusciva, così otteneva un doppio risultato arrivare a sera stanca morta senza nessuna voglia di avere tra i piedi a casa un estraneo, quando lei sprofondava nel divano, e poi tenendosi impegnata riusciva a non pensare per tutto il giorno presa come era dalle cose da fare.

Prima dell’incontro che le avrebbe cambiato la vita sarebbero passati degli anni, e in quegli anni di persone ne passarono, di amici, di libri, traguardi professionali e ancora viaggi, e musica nuova. Passarono anche degli altri uomini ovviamente quasi nessuno le faceva dire, vale la pena di vederti ancora, vale la pena di non fare tattiche, ti vivo, e come va va…

Tante volte si diceva ma in fondo io sto bene da sola, perché devo mettere dei freni alla mia vita? A me piace che vada a 100 all’ora, ed è difficile che la gente stia al passo. Le donne come Ludovica alla fine spaventano, perché non ha mai sognato di fare la moglie davanti ai fornelli, anche se desiderava tantissimo diventare mamma, ma ancora non era il momento, non se lo poteva permettere. Col passare degli anni anche il desiderio di maternità andò a scemare, insomma, gli strampalati equilibri che aveva creato la tenevano a galla e andava bene così.

Effettivamente tante e tante critiche le arrivarono dai vari partner di turno, dall’essere troppo emancipata, al “ma perché leggi tanto?” forse per riuscire ad avere un eloquio leggermente più interessante di un cefalopode, che ne dici? O per sentirsi dire appena dopo la laurea: “ti frega l’ambizione!”, effettivamente perché doveva essere ambiziosa, d’altronde aveva studiato medicina, chiunque avrebbe pensato a quel punto di mettersi a fare torte di mele a casa o magari vincere il campionato mondiale di ricamo.

Agli uomini mancava il coraggio per stare con una come lei, o forse l’impegno, o magari entrambe le cose.

Attenzione!!!!! La Sicilia è una società matriarcale sono “i fimmini ca cumannanu”, silenziosamente, facendo si che siano gli uomini ad essere sempre un passo avanti a loro, d’altro canto standone uno indietro avevano sotto controllo tutta la situazione. Ma mai per nessun motivo, va ostentato il comando, l’autorità della mater familiae. Va così da sempre e così andrà ancora per decenni, ma lei da sempre pecora nera, voce fuori dal coro, non riusciva a stare dentro quello schema che qualcuno aveva scelto anche per lei e in questo caso si riferiva alla società in modo totalmente generico, avendo a casa esempio di donne straordinarie, a partire da sua nonna, che alla veneranda età di 80 anni aveva chiesto i moduli per iscriversi all’università della terza età.

17 ottobre 2019

Aggiornamento

Il giovedì è dedicato all’intervista degli autori/autrici. Lo scopo di queste interviste, è di farvi conoscere in modo più approfondito, alcuni degli scrittori italiani che pubblicano in self publishing, e non solo… A piedi nudi, è il suo primo romanzo pubblicato, grazie alla casa editrice bookabook. Andiamo a scoprire qualche altra informazione, su questa fantastica autrice agrigentina!
07 ottobre 2019

Aggiornamento

Commento dell'autrice il giorno dopo la presentazione di A piedi nudi, a Casa ContemplAttiva di Naro, al microfono di intreminuti.it
06 ottobre 2019

Evento

Casa ContemplAttiva, piazza Padre Favara,92028
Presentazione del romanzo d’esordio di Monica Brancato dal titolo A piedi nudi.
Converseranno con l’autrice lo scrittore Salvo Di Caro e Max Arena presidente di Contemplattivi. Parleremo del libro e dei personaggi che popolano la storia. Ma soprattutto parleremo di una generazione, quella dei trentenni, che hanno deciso di rimanere qui, in un posto che apparentemente offre poco o niente ma che se vissuto con la giusta intensità e il giusto slancio, non smette mai di regalare sogni...
Vi aspettiamo
02 ottobre 2019

Aggiornamento

A piedi nudi, il primo libro 📙📚📖 di Monica Brancato 📹 Ecco un video che ne parla!
10 settembre 2019

Aggiornamento

Il libro è ambientato in Sicilia, e un libro per chi ama la musica. Un libro che racconta i tormenti dei trentenni. La storia ti fa sembrare a casa, ti viene voglia di andare a fare un giro con loro. La storia mi è piaciuta anche se in alcuni tratti l’ho trovata molto confusionaria, non capivo su chi era incentrata o chi stesse parlando, questo sicuramente per la mancanza dei capitoli. La scrittura è abbastanza scorrevole e semplice, la storia mi ha rapita fin dall’inizio. L’autrice ha un vero talento. I personaggi mi sono piaciuti tutti e sopratutto Ludovica, è una ragazza molto forte e si fida ciecamente del ragazzo (secondo me anche un po' troppo). Il ragazzo di Ludo è Claudio, si sono conosciuti per caso. Mi ero affezionata molto a Peppe ma poi… Non voglio continuare a raccontarvi la storia perché se no faccio tantissimi spoiler, la storia è molto breve ed è tutta da assaporare. Andate a leggere il libro per scoprire cosa succede ai nostri personaggi, Ludo, Peppe e Claudio, e sopratutto andate sul sito della bookabook a pre-ordinarlo. Spero in un seguito. Recensione: A piedi nudi di Monica Brancato.
28 agosto 2019

Aggiornamento

× UN PASSO ALLA VOLTA × ⠀

Salve lettori e frollini 🌹 ⠀
⠀Oggi voglio parlarvi di "A piedi nudi" di Monica Brancato, un libro letto in anteprima perché momentaneamente si trova in campagna crowdfunding con la casa editrice Bookabook ⠀⠀

Ludovica è la nostra protagonista, una giovane ragazza che vive ad Agrigento, estremo Sud della Sicilia. ⠀⠀

Ludo ha mille sogni e tante speranze che di continuo si infrangono sugli scogli del suo amato mare, ha sempre messo cuore e anima in tutto, negli studi, nella carriera, negli amori e negli affetti ma la vita non osa ancora ricambiarla. ⠀
⠀Tra una canzone di Cremonini e una birra al chiosco dall'amico di sempre, la nostra amica si ritrova a chiacchierare con Claudio, un giovanotto dal cuore spezzato che cerca di affrontare la vita come meglio può raccogliendo un coccio alla volta del suo grande cuore. ⠀⠀

Con una scrittura filante e spumosa come il mare siciliano allo stesso tempo, questo romanzo è pieno di rivalsa, che ci sprona a non abbatterci mai, a non perdere le speranze, che il sole brilla per tutti, che bisogna a volte prendere la vita così, un po' come viene, col sorriso, liberi e a piedi nudi. ⠀⠀

Colgo l'occasione anche per fare gli auguri a Monica perché proprio oggi è il suo compleanno ❤️ ⠀
E voi lettori, come affrontante le vicende della vita, scalzi o con i piedi di piombo? ⠀⠀

https://www.instagram.com/p/B1rHlkZIol8/?igshid=bu0pgi3ohlyl
28 luglio 2019

Aggiornamento

La recensione di Niana Vinci di A piedi nudi, precisa ed empatica, ha fotografato in modo egregio la mia Ludovica! Andate a dare un’occhiata qui.
25 luglio 2019

Aggiornamento

Intervista di Mauro Indelicato alla giovane scrittrice agrigentina Monica Brancato, la quale di recente ha lanciato il libro A piedi nudi
“A Piedi Nudi”, il primo romanzo dell’agrigentina Monica Brancato
Monica Brancato, dopo aver lanciato nei mesi scorsi il gruppo di lettura “Buk”, adesso prova l’esperienza diretta nel mondo della scrittura con il primo romanzo intitolato “A Piedi Nudi”.
Si tratta di una storia che ha anche la nostra Agrigento sullo sfondo, un’interessante introspettiva sul mondo dei giovani di oggi e sulle loro aspirazioni.
Il libro sarà pubblicato per la casa editrice milanese bookabook.
11 luglio 2019

Aggiornamento

Come tutte le più belle e longeve storie d'amore, anche questa è nata per gioco.
Un pranzo domenicale con degli amici a Palermo, un concorso per racconti e qualche bicchiere di vino, incoraggiata da Marialuce e Gaetano partecipo a quel concorso e in poco più di mezz'ora il racconto era pronto, forse era già scritto e aveva solo bisogno di una spinta per uscire. Partecipai senza alcuna speranza di vincerlo, invece qualche mese dopo nella casella di posta trovai l'email che mi diceva che ero stata selezionata per la pubblicazione del mio racconto "A piedi nudi".

Ho raccontato sul blog come è nato il mio libro, andate a dare un'occhiata.  

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    Mi hai fatto sognare! Hai reso meravigliosi quei luoghi che ormai sentivo un pò distanti…e poi che dire dei tuoi personaggi, tutte noi ci ritroviamo in Ludo per un aspetto o per un altro… ti prego scrivine un altrooooo! 🙂

  2. Agostino Terranova

    (proprietario verificato)

    Buongiorno Monica, mi chiedevo dove poterti scrivere privatamente per meglio ringraziarti per il tuo sostegno… Se fosse possibile aver un indirizzo di posta elettronica dove poterti contattare. Se non vuoi pubblicarlo qui, ti lascio il mio: agostino.terranova@gmail.com. Approfitto per augurarti buona sorte.

  3. Agostino Terranova

    (proprietario verificato)

    Ciao Monica non credo di meritare le tue lusinghe sai, sono abruzzese schietto e sincero in ogni occasione e cerco di essere coerente con il mio esserlo e quindi ti chiedo, se ti va, di leggere l’anteprima dl mio libro e ripagarmi con la stessa moneta ossia l’onestà e la sincerità scrivendomi cosa ne pensi (sempre susciti in te qualcosa da dirmi…). Per il resto, buona sorte.

  4. Monica Brancato

    Agostino, io sono più che lusingata dalle tue parole, sono commossa ❤️

  5. Agostino Terranova

    (proprietario verificato)

    E’ così l’ho letto e lo rileggerò per il piacer di farlo, per quella sensazione che mi ha lasciato addosso. Per altri mille motivi che non dico per lasciare alla curiosità di chi leggerà il commento, di farsi strada e lasciarsi condurre alla scoperta di questo libro. Se fossi una parole avrei voluto essere dentro questo libro. Buona sorte Monica…

  6. Monica Brancato

    Luisa, grazie per il commento generoso, di cuore❣️

  7. (proprietario verificato)

    Leggere “A piedi nudi” mi ha riempito il cuore di gioia e di emozioni. È un libro molto scorrevole e “fresco”, ti fa entrare immediatamente in empatia con i personaggi, al punto che vorresti farti una birra con loro seduti in spiaggia e guardando il mare, chiacchierando del più e del meno. Per chi é siciliano, e soprattutto agrigentino, è un continuo ripercorrere con la mente i posti, tradizioni, riti e abitudini senza i quali ci manca quasi il respiro; il libro é pieno di tutto quello che ci rende unici e speciali, e Monica ha saputo, attraverso Ludo, Peppe e Claudio, raccontarlo con una sensibilità che appartiene solo alle persone che amano la vita, la conoscenza, le tradizioni, la famiglia, gli amici e l’amore. Lo consiglio a tutti ed auguro tanta fortuna a Monica. Complimenti!

  8. Monica Brancato

    Grazie Emanuela, Andrea e Lorena per i commenti lusinghieri. Sono felice di sapere che la mia piccola storia sia piaciuta.
    Che Ludovica vi abbia preso per mano e fatto passeggiare sulle strade dei sentimenti negli angoli di Agrigento.

  9. (proprietario verificato)

    Monica è riuscita non solo a descrivere le vie dei sentimenti di Ludovica e delle persone della sua vita ma è anche riuscita – con una delicatezza che solo chi ama questa terra può avere – a descrivere i luoghi di Agrigento in modo impeccabile. Un romanzo ‘leggero’ e non banale che ti fa arrivare alla fine chiedendoti…e dopo?!Con la voglia di scoprire ancora cosa succederà. Ti auguro di potere ancora dare spazio a questa storia… e a tante altre!
    Lorena

  10. (proprietario verificato)

    Romanzo fresco, attuale, denso di passione e sentimenti..Grazie Monica per averci donato questa perla!

  11. (proprietario verificato)

    Ho letto il racconto ed era così bello che Monica non poteva lasciarci così in sospeso, senza sapere che fine facesse Ludo… Ludovica è una donna in cui tutte noi, anche per un solo piccolo particolare, riusciamo a rivederci. Il libro ha una lettura scorrevole, vorresti finirlo tutto in un giorno, inizi a provare empatia e sognare con i personaggi. Per lo consiglio a tutti, veramente una bellissima lettura.

  12. Monica Brancato

    Grazie di cuore per il tempo che hai dedicato a Ludo, Claudio e Peppe e me! ❣️

  13. (proprietario verificato)

    Un libro da leggere tutto ad un fiato,pregno di sicilianità e colpi di scena.Potrei dilungarmi inutilmente,ma l’unico cosiglio intelligente che sento di darvi è di acquistarlo,ne vale decisamente la pena.Fatevi questo regalo

  14. Agostino Terranova

    (proprietario verificato)

    Ciao Monica, ci mancherebbe. Ho agito in onestà… sto leggendo la bozza un po’ ad intermittenza per ora ma avanzo e le aspettative sono rispettate. Nel frattempo, come ti dicevo, dal 12 luglio, è partita la campagna del mio libro e condividiamo anche questo percorso… Buona sorte.

  15. Monica Brancato

    Ciao,
    grazie per avere preordinato il mio libro, non mancherò di farti avere il mio sostegno nella tua campagna, in bocca al lupo collega 😉

  16. Agostino Terranova

    (proprietario verificato)

    Ciao Monica,
    sono entrato da poco nella comunità di Bookabook (oggi, alle 17:30, parte la campagna del mio nuovo libro) in cui credo molto, mi piace la possibilità data agli autori di potersi leggere. Mi prendo del tempo quindi per leggere le anteprime e così facendo sono arrivato alla tua. L’ho trovata interessante e ho deciso di acquistare la versione digitale. Nei prossimi giorni confido di leggere la bozza. Buona sorte. Agostino Terranova

Aggiungere un Commento

Share on facebook
Condividi
Share on twitter
Tweet
Share on whatsapp
WhatsApp
Monica Brancato
Classe 1984, nata ad Agrigento, dopo gli studi liceali ha vissuto alcuni anni a Pisa dove ha cominciato gli studi universitari, che si sono conclusi a Palermo con la laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia. Ad oggi svolge la professione di medico.
Da qualche anno scrive sul suo blog Mnemonicamente, collabora con una rivista che si occupa di tutto ciò che ruota attorno al Wedding Day e da qualche tempo cura la pagina dedicata ai libri della testata giornalistica on-line intreminuti.it. Sporadicamente ha collaborato col blog trentenni.it sul quale sono stati pubblicati alcuni suoi articoli.
Tra le ideatrici del gruppo di lettura Buk di Agrigento, è stata anche vincitrice delle prime due edizioni del Concorso letterario Racconti siciliani e della prima edizione del concorso Racconti d'Estate, indetti rispettivamente da Historica edizioni e Cultora.
Monica Brancato on FacebookMonica Brancato on Wordpress
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie