Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Fuori piove

Fuori piove
33%
134 copie
all´obiettivo
75
Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Consegna prevista Luglio 2021
Bozze disponibili

Umberto Angeli è un uomo perbene e colto. Uno della buona borghesia bolognese, soggiogata dalle apparenze che spesso diventano condanna. Però c’è sempre una via di fuga. E lui la trova nel delitto. L’omicidio di un insospettabile usuraio diventa la forma di rivincita per uscire dall’ombra e riscattare una vita girovaga tra salotti, bar fumosi e amori che non andavano mai al di là della notte. Ma il destino a volte è beffardo. Così, proprio quando Umberto esce dal carcere dopo aver espiato la pena, dal passato risbucano fantasmi e misteri che mettono in dubbio la verità processuale. Sotto i portici si consuma un’indagine interiore e nera che trasforma la vita del protagonista in un carosello di ricordi e personaggi in cerca del perdono.

Perché ho scritto questo libro?

Sono cresciuto a giornale e tagliatelle. Con la fantasia che mi ha sempre portato altrove, con mille perchè senza perchè. E allora perchè non scrivere un libro…

ANTEPRIMA NON EDITATA

Per i più è solo polvere. Noncuranza. Solitudine. Confusione. Disinteresse. Silenzio. Potrei andare avanti all’infinito. Affilando le parole. E cercare di radunare in unico puzzle gli sguardi e i pensieri di tutti coloro che sono passati da qui. Ne uscirebbe un quadro dalle forme contorte, assurde, eppure generose. Se non addirittura compiaciute. Perchè io sono così: ora che tutto è passato, vivo spensierato. Libero di giorno. Leggero di notte. Svuotato. Narcisisticamente consapevole che ho fatto la cosa migliore. Così anche la polvere: la guardo con ammirazione per la sua capacità di aggregazione naturale. Si accumula per legge fisica e, via via, assume un contorno diverso sui dischi e sui libri che ho lasciato sulla scrivania più di vent’anni fa. Rivederli oggi, immobili ma vivi come allora, mi dà il gusto della memoria. Ecco. Ci sono: vorrei che la polvere fosse uno strato della mia vita. Se ne può andare con un colpo di panno, oppure incollarsi alla pelle per fermare il tempo. Ho scelto la seconda possibilità: quella del ricordo. È la più intima forma di presente. Peccato sia ormai alterata dall’età. Ma questa è la mia strada per l’immortalità.

Continua a leggere  Continua a leggere

Ho pensato a tutto ciò quando sono tornato a Bologna. Qui, nel mio appartamento, a l’ultimo piano di via Marsala 45. La prima cosa che ho fatto è stata spalancare le finestre della cucina e controllare se l’acqua uscisse ancora dai rubinetti. Avevo la gola secca per l’ubriacatura di ricominciare a dare luce agli occhi. Che spettacolo: domino i nostri tetti rossastri, fatti con quei coppi forti e irregolari che difendono la civiltà dal cemento. Vent’anni… Erano vent’anni che non accarezzavo l’infinito. Ho sempre pensato che era una fortuna vivere quassù, in alto. Lontano e vicino allo stesso tempo alla città e alla gente tra cui mi piaceva confondermi. Non avere identità riconoscibile e riconosciuta è stata sempre la mia ancora di salvezza. Anche in carcere, dove resta vivo soltanto il tempo dell’orologio scandito dai cambi turno, il pranzo, la conta e il momento d’aria. È un tempo definito e irreale. Implacabile. Imperturbabile: il tempo non pensa a te e tu non pensi al tempo, ma al mondo del fare quotidiano. Per sopravvivere a te stesso e agli altri. Quando guardavo oltre le sbarre, pensavo a chi avevo lasciato e dimenticato. A chi avevo abbracciato l’ultima volta, prima di suonare alla caserma dei carabinieri di Porta Lame. Ho sempre pensato che la mia detenzione fosse stata una forma di solitudine ricercata, marcata e scandita dagli eventi. Se non mi fossi costituito, nessuno sarebbe arrivato a me. Nemmeno il più abile degli investigatori. Di Umberto Angeli non c’era traccia. Se non nel marcatempo dell’archivio di Stato, sezione ricerca araldica, dove avevo lavorato per trent’anni. Suonano alla porta… “Sì… sì… Arrivo”. “Dottor Angeli… Bentornato a casa. Quando ho sentito aprire gli scuri ho subito pensato a lei… Mi scusi non volevo…”. Mario Marchesi, uomo di musica che da sempre divide con me il pianerottolo, non era per niente imbarazzato. Anzi. Credo aspettasse questo momento da un pezzo, forse da quando i giornali tornarono a parlare di me annunciando la scarcerazione e riportando alla luce quel 10 gennaio 1989.

“Prego… Si accomodi. Non faccia caso alla confusione, ma sa come sono andate le cose. Se le va…”. Gli indicai la vecchia poltrona in cuoio e gli feci cenno di sedersi. Accettò, accarezzando dolcemente la polvere per farsi un po’ di spazio.

“Dica, Marchesi. Come se la passa?” Mi guardò con un’attenzione, densa di aspettative, che si riserva al direttore d’orchestra pochi attimi prima dell’ouverture. Non riusciva a distogliere gli occhi dalle mie mani, che giocherellavano con il bordo calcaroso del bicchiere.

“Ha sete… Gradisce un po’ d’acqua?” “Grazie. Sì. Del rubinetto va bene. Lo sa… È migliorata. Forse usano meno cloro. Oppure è merito del depuratore che abbiamo montato pochi mesi fa dopo una riunione di condominio infuocata”.

Marchesi seguì ogni mio movimento. Fino al momento in cui gli porsi il bicchiere e lui mi strinse la mano con forza. “Quello che è successo è successo. Ma mi tolga una curiosità. Perché è tornato qui… Non ha timore che la gente…”.

“Senta Marchesi. Io non ho nulla da rimproverarmi. Ho ucciso. Ho pagato. Sto bene. Mi passi quest’onda di cinica franchezza: non poteva che andare così. Se le persone continueranno a ricordarmi per ciò che ho fatto, pazienza. L’importante è che non sia pentito di aver tolto di mezzo quell’uomo. Non mi prenda per pazzo sanguinario. Sa molto bene che uno della mia indole non sarebbe mai arrivato a quel punto se non fosse stato necessario. Ma le assicuro che quando l’ho ammazzato ho avuto la stessa identica sensazione di quando tolsi la carta da parati dal soggiorno. Ricorda? Era grigia e appiccicosa, piena di umidità. Uno schifo. Beh… Quella mattina di vent’anni fa è andata allo stesso modo. Ho provato soddisfazione nel vederlo cadere a terra”.

“Capisco… Capisco”, annuì Marchesi facendo dei piccoli anelli con le mani sui braccioli della poltrona. “Ma quello che non mi spiego è perché si è costituito. Avrebbe potuto essere un uomo libero. Non c’era alcun indizio a suo carico. Perché ha confessato?”. “Di certo non per avere uno sconto di pena. Nemmeno per ottenere clemenza e comprensione. Semplicemente per onore della verità. Non ho mai avuto coraggio nella mia vita. Mi sono sempre rifugiato nella mediocrità… E poi… Poi lo scatto di orgoglio. Conscio di aver fatto la cosa giusta. Dio mi perdonerà, tanto è il suo mestiere”.

Guardo al di là dei vetri e fuori piove.

2020-10-23

Radio SanLuchino

Ritornare in radio per presentare il mio esordio con il noir è stata un'emozione grandissima. Grazie a Bruna Zamboni e a tutto lo staff di Radio Sanluchino, storica emittente radiofonica di Bologna, per la bellissima chiacchierata. Un'ora intensa, fatta di ricordi e promesse per il futuro. Con "Fuori piove" e bookabook protagonisti.
2020-10-23

Radio SanLuchino

Venerdì alle 10.30 sarò in diretta da Radio Sanluchino, storica emittente bolognese, per presentare il mio "Fuori piove", noir in salsa petroniana. Grazie a Bruna Zamboni e a tutto lo staff della radio.

Commenti

  1. Fuori piove è un noir che appassiona. Non solo per la trama, gli intrighi e i personaggi, ma anche e soprattutto per lo stile e la descrizione degli stati d’animo di chi abita questa fetta misteriosa di Bologna. Insomma, l’autore riesce a catturare con ritmo, le parole diventano una fotografia. Così il lettore entra nella storia subito e, pagina dopo pagina, si ritrova a esserne protagonista. Da non perdere

  2. (proprietario verificato)

    Il noir di Luca è da leggere tutto d’un fiato, non dà tregua. L’indagine diventa un tutt’uno con i ricordi, lasciando il lettore senza fiato. Il ritmo del cronista di nera è il filo conduttore di tutto il romanzo: sinceramente lo consiglio, è un noir da non perdere. E poi i particolari, le luci e ombre di Bologna… Cari amici lettori non potete perderlo.

  3. Complimenti Luca per aver iniziato questa “avventura” coltivando e colmando il desiderio di raggiungere sempre nuovi obiettivi. Uno dei “lavori” più piacevoli è leggere, ed avendo la passione per i gialli, noir, thriller, sicuramente acquisterò il suo libro. I libri sono storie di persone, che dal profondo fanno emergere tutta la loro fantasia, creatività e passione, che questo nuovo inizio sia il seguito di una lunga collana di volumi da collezionare!

Aggiungere un Commento

Condividi su facebook
Condividi
Condividi su twitter
Tweet
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Luca Borghi
Bolognese di nascita, "senza fissa dimora" per lavoro. Giornalista professionista, con la cronaca nera nel Dna e un sogno nel cassetto: rifugiarsi tra le montagne del Trentino. Da quasi trent'anni, consuma le suole delle scarpe per raccontare attraverso i segmenti della carta stampata, della televisione e della radio le pagine più importanti di un'Italia fatta di persone, storie e misteri. Appassionato di trekking e di cucina non può fare a meno dei suoi due cani e degli amici che prende per... la gola. E' all'esordio con il noir.
Luca Borghi on FacebookLuca Borghi on Linkedin
In occasione di BookPride Link è attivo un codice sconto del 20% su tutte le campagne di crowdfunding: parola chiave BOOKPRIDE
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie