Accedi Registrati

I mirabolanti incontri di Ade – John Lennon

Overgoal! Un ufficio stampa curerà la visibilità sulla stampa tradizionale e su quella online. Un promotore professionale proporrà il libro ai librai, una strategia dedicata di marketing online consiglierà il libro a nuovi potenziali lettori.
Goal! Il manoscritto passerà alla fase di editing, revisione, progetto grafico e stampa. Una volta pronto, il libro verrà pubblicato in formato cartaceo e ebook, e reso disponibile all'interno del circuito di Messaggerie Libri e nei più importanti store online.
102% Completato
203 Copie vendute
Svuota
Quantità
Bozze disponibilii
Se pre-ordini il libro, potrai cominciare a leggere subito le bozze del manoscritto

Ade ha 10 anni. Dal piccolo paese dove è sempre vissuta, si trasferisce con i genitori in una grande città. Adattarsi alla nuova vita non è facile: mamma e papà sono impegnati con il lavoro e i compagni di scuola non sono molto gentili, ma la magia interviene a sbloccare la situazione. Ade scopre, finalmente, a cosa serve quella collana con un ciondolo a forma di chiave che le ha regalato la nonna prima di andarsene per sempre. La chiave apre l’ultimo cassetto in basso di un vecchio mobile di famiglia che si rivela essere un portale per viaggiare nel tempo. Catapultata nel 1950, precisamente a Liverpool, Inghilterra, stringe amicizia con un bambino inglese, suo coetaneo che si chiama John. John capisce immediatamente la confusione di Ade e senza fare tante domande, la accoglie, con un sorriso, nella casa dove vive con la zia e lo zio. Il piccolo John di Liverpool non è altro che John Lennon all’età di 10 anni. Ade, però, non conosce ancora il personaggio che sarà. Per lei, John, è solo un bambino vivace e curioso, con dei simpatici occhiali rotondi, che potrebbe diventare il suo migliore amico. John condivide con Ade la sua grande passione per la musica e l’arte e dimostra di avere già le idee molto chiare su che tipo di persona vuole diventare da grande. Quando i bambini capiscono di arrivare da due epoche differenti, Ade rimane incredula, mentre John si dimostra curioso di sapere cosa succederà nel futuro e pronto ad aiutare Ade a tornare a casa. Nigel, Pete e Ivy sono, invece, i migliori amici di John durante la sua infanzia, ognuno con caratteristiche fisiche e caratteriali diverse, ognuno con delle qualità che colpiscono molto Ade. Con loro, Ade fa cose che non avrebbe mai avuto il coraggio di provare nel suo presente: s’intrufola di nascosto in un cinema, balla il Rock’n’Roll a casa della frizzante mamma di John, scoprendo le gioie della musica e della condivisione e teme un terribile fantasma in un orfanotrofio abbandonato, chiamato Campo di Fragole. Dopo queste esperienze,  Ade impara l’importanza dell’amicizia, di quanto sia bello vivere la vita con passione e scopre la necessità di avere speranza nel futuro. Al suo fianco c’è sempre John, compagno di viaggio e guida, personalità visionaria e creativa che la aiuta a ritrovare la strada di casa tra Penny Lane e sottomarini gialli.

Perché ho scritto questo libro?

Credo sia importante, soprattutto in questo momento storico, che un messaggio di amore, accettazione del diverso e speranza nel futuro venga veicolato alle nuove generazioni e quale personaggio migliore di John Lennon per portare un messaggio di pace e amore? I genitori avranno modo, non solo di farlo conoscere ai propri figli, ma diventerà uno spunto per parlare della nostra epoca, di quello che vogliamo cambiare, di quello che di bello esiste e di quello che di speciale ci è stato tramandato.

Leggi l'anteprima
19 giugno 2018

Aggiornamento

“Il club delle mamme”, il blog più seguito dalle mamme milanesi, ha letto in anteprima “I Mirabolanti Incontri di Ade” e gli ha dedicato una bellissima recensione!

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “I mirabolanti incontri di Ade – John Lennon”

Romina Bagatin
Romina Bagatin nasce a Contarina (Ro) il 14/11/1981. Appassionata di cinema e di letteratura dall’età di 13 anni, dopo la laurea in cinema al D.A.M.S. presso l’università di Bologna, si specializza in montaggio cinematografico alla Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti di Milano. Il montaggio diventa un modo originale per unire il cinema e la narrazione, la realizzazione del desiderio nascosto di trovare una storia in ogni cosa, in ogni oggetto. Da quel momento lavora nel mondo della pubblicità e della tv collaborando con grosse agenzie pubblicitarie e case di produzione milanesi. L’approdo alla letteratura per bambini e ragazzi avviene casualmente, quando si ritrova a scrivere una storia per una bambina che non aveva preso bene l’arrivo della sorellina “Aidi, Bianca e il folletto Sbadatello”. Racconto mai pubblicato. Attualmente vive e lavora a Milano.
Romina Bagatin on sabinstagramRomina Bagatin on sabfacebook

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie