Accedi Registrati

Quel che rimane incastrato nel vento – Buonanotte Cecil

tomas-jasovsky-178468
Overgoal! Un ufficio stampa curerà la visibilità sulla stampa tradizionale e su quella online. Un promotore professionale proporrà il libro ai librai, una strategia dedicata di marketing online consiglierà il libro a nuovi potenziali lettori.
Goal! Il manoscritto passerà alla fase di editing, revisione, progetto grafico e stampa. Una volta pronto, il libro verrà pubblicato in formato cartaceo e ebook, e reso disponibile all'interno del circuito di Messaggerie Libri e nei più importanti store online.
40% Completato
120 Copie all´obiettivoi
Al raggiungimento dell’obiettivo il libro verrà pubblicato
162 Giorni rimasti
Svuota
Quantità
Bozze disponibilii
Se pre-ordini il libro, potrai cominciare a leggere subito le bozze del manoscritto

Cecil è una giovane ragazza  svuotata dalla vita. L’università, il lavoro e la frenesia dell’esistenza hanno drenato fino all’ultima goccia la sua passione per la danza, lasciandola alla deriva in guscio vuoto. Per questo si recherà a Bajardo, antica cittadina Ligure, dove scoprirà la presenza di un vento, un vento che la gente del paese dice possa raccontare, e far vivere, delle storie uniche. Cecil non ha però più il cuore per credere in tutto questo, e le sembrerà solo uno dei tanti racconti assurdi di un paese vecchio e dimenticato. Ma lentamente con l’amicizia di Emile, un attore in preda ad uno strano concetto di dissolvenza, sembra iniziare a cambiare qualcosa. Una storia la sta cercando per tentare di sconfiggere quel dramma nascosto nel suo passato. Una storia che possa tornare a farle credere nell’incanto di tutte le storie, e farle ritrovare, forse, quella che era nata per vivere.

– Siamo anime in cerca di un sogno, incastrato a sua volta nel vento.

E voi? Cercherete una prova incastrata in questo racconto?
O avrete ancora il coraggio,
di credere?

Perché ho scritto questo libro?

Ho scritto questo libro perché sentivo che questa storia mi stava chiamando. La città di Bajardo è stata un’ispirazione fantastica, morivo dalla voglia di creare Cecil, e farle vivere l’incontro con un vento che io stesso venderei l’anima per poter sentire. Ho voluto regalarle questa fortuna, e spero che ogni persona che legga questo racconto possa sentirsi un po’ come lei, in compagnia di quel vento. Perché penso non ci sia cosa migliore di un vento capace di far vivere una storia, quella storia che Ci Serve, nel momento esatto in cui se ne ha bisogno. Pagando solo il prezzo di provare a crederci.

11/10/2017
Ringrazio tutti i sostenitori accorsi ad ora! Abbiamo superato le 50 copie di pre-order, ora chiunque prenoterà il libro lo riceverà a prescindere dall'esito della campagna! Alessandro

Commenti

  1. È lì che si nasconde la vita, tra il visibile e l’invisibile, tra il pensiero e la percezione, ed è in questo fluttuante spazio nel mezzo che vive la storia di Cecil, volante e radicata al contempo.
    È stupefacente come, attraverso il semplice ordine di lettere messe in fila, possa emergere ciò che talvolta noi stessi facciamo fatica a comprendere, quella voglia di lottare e lasciarsi andare nel medesimo istante, quello scontro di forze opposte che ci fa sentire VIVI, e umani. Nascosti tra queste pagine si trovano tutti quei pensieri che di sottofondo ci accompagnano quotidianamente, quelle piccole e luminose scintille, percepibili ma non identificabili, che danno respiro alla nostra anima.
    Questo libro è vita su carta.

  2. (proprietario verificato)

    “Quel che rimane incastrato nel vento” per me è un libro-promemoria, da leggere e rileggere ogni volta che ci si sente bloccati e compressi da una vita che a volte ci fa dimenticare del piccolo bambino/della piccola bambina che c’è in noi.
    E’ un promemoria perchè ci ricorda di salvare quel bambino dalla gabbia in cui l’abbiamo confinato, di lasciarlo correre libero affinché ci prenda per mano aiutandoci a diventare ‘niente meno che tutto quello che siamo’ e che, spesso, ci dimentichiamo di essere.

    Leggetevi la storia e godetevi il vento. 🙂

Lascia un commento

Alessandro Tonoli
Nato nel 1988, Alessandro Tonoli si è laureato presso la facoltà di Comunicazione, New Media e Pubblicità dell’Università Uninettuno e lavora in un primario istituto di credito. Scrive articoli per il sito HavocPoint e ha un blog personale per il sito di tecnologia Tom’s Hardware chiamato Glasslands dove si occupa di cinema, videogiochi e media.
Ha una passione per la recitazione e ha frequentato l’accademia teatrale dell’associazione culturale “Teatrando”, dove collabora saltuariamente come attore e drammaturgo.
Nel 2015 ha pubblicato il suo primo romanzo breve "La piccola Parigi", edito da GWMAX Editore, mentre, nel 2017, ha pubblicato per l'editore Delos Digital l'opera saggistica "Tutto quello che devi sapere sulla realtà virtuale".
Alessandro Tonoli on sabtwitterAlessandro Tonoli on sabinstagramAlessandro Tonoli on sabfacebook