Accedi Registrati

Speravo che ovunque potesse essere casa

Avevano detto che ci saremmo trovati bene, che saremmo stati felici.
Si sbagliavano, si sbagliavano su tutto. Noi lo sapevamo, loro lo sapevano.
Era il segreto di Pulcinella. Tutti a mentire, tutti a fare finta di niente.
Loro con il sorriso. Noi con un vuoto dentro.

Seleziona l'opzione d'acquisto

5,9911,00

Svuota
Quantità

Quando sei piccolo ti chiedono cosa vuoi fare da grande, come se la scelta fosse nostra e non dettata da una società che ama giocare con le nostre vite, che ci sfrutta e poi ci abbandona.
Due ragazzi, Lui e Lei, entrambi senza un nome perché privati di un’identità. Innamorati e costretti a lasciare la loro Casa per trasferirsi in un posto lontano, che non amano e in cui non sono amati. Un posto senza nome, come loro.
Lui colleziona rifiuti che lo fanno sentire una nullità e si avvelena con sostanze che lo distruggono.
Lei si sveglia tutte le mattine per fare un lavoro che non sognava da piccola, ma che è pur sempre qualcosa, forse un’occasione, finalmente.
Insieme ora cercano di non voltarsi indietro, per paura di vedere ciò che hanno perso, e di guardare verso un futuro che sembra ancora solo un sogno, così come una speranza di ritrovare Casa.

Perché ho scritto questo libro?

Nel corso degli anni ho visto tantissimi amici e ascoltato le storie di centinaia di persone costrette a partire e a girare in lungo e largo il nostro Paese alla ricerca di un lavoro, quasi impossibile da trovare.
Tanti ragazzi sono emigrati, in un’altra Regione o addirittura in un’altra nazione, spinti dalla speranza di poter finalmente essere indipendenti e vivere senza affanni.
Usando un mix di fatti reali e vicende inventate, ho cercato di raccontare la storia di due ragazzi che nella vita hanno avuto la fortuna d’incontrarsi e che ora lottano e soffrono per riuscire a costruire il loro futuro insieme.

Leggi l'anteprima

Troverai qui tutte le novità su questo libro

Commenti

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Speravo che ovunque potesse essere casa”

Marco Marino
MARCO MARINO, nato e cresciuto a Napoli, è giornalista professionista, web content e blogger, e ha collaborato con quotidiani ed emittenti televisive nazionali e locali. La scrittura è il suo modo per raccontare il mondo che lo circonda e la sua valvola di sfogo. Speravo che ovunque potesse essere casa è il suo romanzo d’esordio.

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie