Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

The Drunk Fury - La nascita della Fratellanza

Svuota
Quantità

Mar dei Caraibi, 1702. Isabel de la Guardia, figlia del viceré del Perù, inorridita dai soprusi inflitti dagli spagnoli agli indigeni e infiammata dagli ideali dei ribelli, rinnega sangue e patria e progetta un’insurrezione. Le rivoluzioni però costano e per armare i rivoltosi la principessa ha un piano: recuperare il tesoro maledetto dell’Huascarán.
Recluta così una ciurma di pirati, nativi, utopisti e balenieri e fonda la fratellanza della Drunk Fury.
Anni dopo, nel 1718, toccherà a due reduci della spedizione raccontare gli eventi: Jack Tyler, pirata e baleniere, e Paul Dragon, rivoluzionario corso. Ma il passato è meno lontano e più minaccioso di quanto si possa pensare. Tra sospetti, imboscate, colpi di spada, barili di rum, vecchi nemici e nuovi amici, Jack e Paul dovranno sopravvivere ai propri demoni e lottare per un’ultima, insperata, possibilità di redenzione.

Questo libro racconta la storia
di Jack e Paul, una storia di pirati.
Lo sappiamo, penserete che sia la solita fiaba
della ricerca di un tesoro, buona per fare paura
ai bambini capricciosi e ispirare sogni
avventurosi a quelli più coraggiosi.
Vi è un tesoro, in effetti, ma non è ciò che vi aspettate.
Vi sono duelli, cappa e spada, cannoneggiamenti,
amore, passione, l’apice e l’abisso dell’umano animo,
ma non è una fiaba per bambini, capricciosi o coraggiosi che siano. È una storia di pirati, di eroi coraggiosi,
di romantici idealisti, di amanti senza paura,
di giocosi guasconi.
È una storia di persone d’onore, che la vita ha colpito ma hanno saputo rialzarsi, persone che a loro insaputa seguivano un codice cavalleresco.
E in questi tempi così strani, così caotici, forse tutti abbiamo un po’ bisogno di questi cavalieri del mare.
È una storia che ci ha preso tempo, studio, ricerche, divertimento; è una storia che ci ha fatti ridere e commuovere, stupire e piangere, e speriamo che in voi,
cari lettori e care lettrici, susciti le stesse reazioni.
L’abbiamo scoperta insieme, pagina dopo pagina,
e così farete voi.
A breve inizierà il racconto,
mettetevi comodi e conoscete Jack e Paul.
Il bello, poi, arriverà come un’alta marea
in una notte di luna piena.
Paolo Andrico (alias Jack Tyler) e
Paolo Maria Corbetta (alias Paul Dragon)
Continua a leggere
Continua a leggere

I. Vecchi amici

16 gennaio 1718

Caro Paul,
ti scrivo e sono emozionato, non l’ho mai fatto prima. A parole, a quattrocchi, è tutto più semplice, dannazione. Ma in realtà è come se ti avessi ancora qui, al mio fianco: mi sembra di vederlo, quel tuo ghigno malefico, mentre sorseggi rum e mi dici che la vita, l’amore e la morte non sono altro che puttanate, che il vero senso del tutto sta dentro a quel bicchiere di rum che mi mostri con aria compiaciuta. Guarda come è bello, ha il colore dell’oro; il sapore, poi, è eccezionale: amaro e dolce insieme, ci puoi trovare tutti i Caraibi dentro, anche i pappagalli e i tramonti su L’Avana. E poi sparisce, nella gola e via, giù nell’intestino, veloce come è stato versato. E così è la vita: un bicchiere di rum bevuto tra un arrembaggio e una scopata. Come sono romantico… un tempo non ero così, lo sai; ma dopo questi lunghi anni per mare anche il Santo Padre sarebbe diventato un bestemmiatore. Tu no, tu sei sempre rimasto uguale, ma non prenderlo come un complimento.
Ti chiederai perché ti scrivo solo ora, cosa mi abbia spinto a farlo.
Ebbene, l’altra sera ero seduto in una locanda di Sherburne, nella mia amata Nantucket, a bere, fumare e rimembrare il passato, quando sulla soglia è apparso Peter Burlack, quel vecchio contrabbandiere ciccione. Gli ho chiesto di sedersi accanto a me e, tra una bevuta e un rutto, mi ha rivelato di averti incontrato sull’isolotto vicino a Cuba dove ti sei rifugiato. Puoi immaginare il mio stupore e la mia gioia! Mi sono messo a scriverti di getto e gli consegnerò questa missiva prima che riparta. Spero proprio che sia vero e che le tue ossa siano ancora lì al loro posto, così come il tuo naso da maledetto corso.
Torniamo a noi, dove eravamo rimasti? L’alcol inizia a giocarmi brutti scherzi. Ah sì, la vita! La vita è come un tramonto arrivato troppo presto: lo aspettavi, non sei pronto, ma è comunque bellissimo. Perché in quell’ultimo e definitivo calar del sole ardente che è la morte rivedi tutto ciò che hai fatto e capisci per la prima volta chi sei… pardon, chi sei stato. Così fu per Marie Anne, John, Vince e tutti i membri della Drunk Fury. Siamo rimasti soli, io e te, i due pirati meno credibili della storia; ma ora, nel crepuscolo della mia stanza, realizzo che abbiamo finalmente un’altra missione da compiere.
La nostra storia, mitizzata in tutti i Caraibi, conosciuta da ogni singolo fratello della regione, nonché dai servizi segreti spagnoli, oggi deve essere riportata per ciò che fu davvero. Il mondo intero deve venirne a conoscenza, per sapere che ci fu un momento in cui il debole si oppose al forte, il sottomesso al potente, i rivoluzionari all’Impero. Dobbiamo scrivere per infondere speranza a chi oggi si batte contro l’arroganza e la prepotenza, contro i conquistatori e i dominatori di ogni luogo. Da tempo pensavo di buttar giù queste memorie, fratello, ma da solo sapevo che non avrei mai potuto farlo, perché tu conservi l’altra parte dei nostri ricordi. Oggi ho appreso che sei ancora vivo, e discutere con Burlack mi ha riportato a sedici anni fa, quando sfidammo insieme l’oceano e l’inferno, spade e cannoni, fortuna e avversità. Questa notte Marie Anne mi guarda dalle stelle, e il firmamento mi parla e mi sprona a tornare ad agire, a ripudiare questo esilio troppo a lungo durato, troppo a lungo nascosto dal mondo e dal destino.
Paul, fratello mio, pazzo rivoluzionario fissato con Dio e la democrazia, prego che questa missiva ti arrivi e ti trovi sano e salvo, perché ho bisogno di te un’ultima volta. Di te e dei nostri compagni, o meglio di ciò che ci confidarono in segreto in quegli anni di fuoco e sangue. Il ricordo di quei gran bastardi che abbiamo tanto amato deve scaturire da due menti brillanti, anche se offuscate dall’alcol, due anime dannate ma non ancora sconfitte, e due penne: su quelle, ai postumi l’ardua sentenza. Ora a noi due, vecchio mio, abbandoniamo le sciabole e impugniamo le penne, e se è vero ciò che dice Peter, se sei vivo e dentro il tuo petto arde ancora la fiamma della Drunk Fury, scrivimi e unisciti a me in quest’ultima avventura. Per Marie Anne, per Chepi, per la rivoluzione.

Tuo, come sempre,
Jack

II. Fantasmi del passato
15 febbraio 1718

Caro Jack,
quando Peter mi ha narrato il vostro incontro, avevo quasi paura a crederci: quindici anni. Tanto è passato da quando ti vidi l’ultima volta, e ora leggo il tuo nome scritto con inchiostro tremolante su questa carta intrisa di salsedine. Mentre ti scrivo sono qui in veranda e la tua lettera allevia il mio animo stanco. La brezza della sera mi porta un po’ di fresco, carezzando dolcemente questo viso vecchio e rugoso. La bottiglia di rum è qui con me, e le tue parole risvegliano il mio antico ghigno: ciò che ci accadde, tutto quello che abbiamo conquistato e perso, non ha mai spento quel fuoco che mi brucia dentro, quella furia che ci portò a lottare per qualcosa di più importante dell’oro. Per tutta la vita ho servito gli stessi ideali, combattendo dalla Corsica al Mediterraneo, dalle Americhe all’oceano, dall’Africa all’inferno, e non smetterò certo adesso: hai ragione, questo esilio è durato fin troppo ed è ora di affrontare i demoni del nostro passato. Attraverso il racconto, faremo in modo che la fiamma della rivoluzione passi ad altri e non si estingua mai.
Vorrei scriverti tante cose, però hai ragione, brutto demonio: a quattrocchi è tutto più semplice. Ma in questo isolotto vicino a Cuba chi mai potrebbe raggiungermi? Forse nemmeno tu, mio buon furfante. Evidentemente è la provvidenza che ti ha fatto incontrare Peter, perché quel vecchio maiale ogni mese mi porta provviste e quanto mi serve per sopravvivere. Perciò, eccomi qui a scrivere per la prima volta qualcosa di diverso dal diario della Drunk Fury, la nostra democrazia, la repubblica del mare. Mi sono costruito una piccola casa, vado a caccia, leggo, fumo. Proprio adesso sto fumando questo tabacco spagnolo: è amaro, lo sento crepitare fra le mani, lo assaporo, lo ingabbio nei polmoni, nella gola, e lo lascio uscire a poco a poco, quasi potessi fare uscire con lui le fatiche del nostro passato. E ho un molo, sai, dovresti vederlo: è solido, il legno è buono, viene dall’Hudson. Talvolta vi passeggio fino all’orlo, fino a scrutare il mare. No, non è vero, non talvolta: tutti i giorni, tutte le sere, fumando la pipa che mi regalò la trapper. Ricordi quanto era bella, la mia dama dell’Hudson? Era bella, più bella di una notte stellata in mezzo all’oceano impetuoso, e aveva il diavolo in corpo: amava come se fosse l’ultima cosa che potesse fare prima di morire, combatteva come se da questo dipendesse il destino dell’intero universo. E adesso è andata, anche lei. Quando vado sul molo guardo il mare, lo osservo, ci parlo. Il mare, Jack, l’oceano, l’oceano! Con quanta forza ci attira, noi poveri diavoli, noi animi vagabondi, noi pirati fedeli alla democrazia. La democrazia è l’unica cosa che conta. La democrazia, e il rum. La democrazia è un bicchiere di rum per ogni membro dell’equipaggio, mozzo o capitano che sia. Il rum ci dona la vita, e in quel bicchiere si riassume tutto. E poi viene il sesso, e il tabacco. Il Santo Padre ci perdonerà, perché lui perdona sempre. Ma il mare, Jack, il mare mi attira ancora, quello scrigno oscuro, quel dio misterioso, che tanto generosamente ci ha ricompensati e tanto duramente ci ha colpiti. Abbiamo il mare nel sangue, nelle viscere, nel cuore, quant’è vero che la cara, vecchia Corsica mi ha buttato fuori dal suo ventre corrotto da quei bastardi genovesi! E ogni giorno sono tentato di riprenderlo, una forza irresistibile mi trascina verso di lui. Ma abbiamo quarant’anni e le fatiche del corpo e dell’anima mi pesano sempre di più.
Hai ragione, Jack, che tu sia dannato! Dobbiamo scrivere la storia dei nostri compagni, dei morti e dei vivi, di colui le cui labbra sono macchiate di rosso rubino e della ciurma maledetta. Dobbiamo scrivere per loro, per la rivoluzione, perché il mondo sappia che cosa ha fatto davvero la Drunk Fury. Ora che la democrazia è morta e lo Stato è sorto, ora che il mare ci chiama e noi resistiamo a stento, ora che i fantasmi dei vecchi compagni bussano tutte le notti alle cupe porte dei nostri sogni, noi dobbiamo scrivere. Hai detto bene: siamo i pirati meno credibili di sempre, non lo siamo diventati per scelta, ma per ragioni molto più grandi di noi. Oramai siamo rimasti soli, e non ci resta che narrare ciò che accadde. Questo cagnaccio malandato è pronto per un’ultima avventura, dannato demonio! In alto i bicchieri, Jack, e via d’un fiato. Riempi di nuovo la coppa e stammi vicino in questa missione, vecchio mio, e io starò vicino a te.

Tuo, come sempre,
Paul

III. Nemici nell'ombra

1 marzo 1718

Caro Paul,
Nettuno sia lodato! Non ero sicuro di potermi fidare delle parole di Peter, e invece eccoti: leggere la tua lettera, immaginarmi la tua voce con quel rude accento corso, mi fa già sentire meglio. Sapere che c’è un altro uomo nel vasto mondo che condivide i miei stessi ricordi mi rende meno solo, e il fardello sulle mie spalle un po’ più leggero. Come i raggi del sole trafiggono la tempesta e infondono negli occhi che si alzano una nuova speranza, così tu, Paul, rappresenti l’unica possibilità di dare un senso ai giorni che mi restano. A parte il rum. E le donne. Ma queste ultime iniziano a scarseggiare, così come i pochi soldi che mi tintinnano in tasca: penso che ci sia una correlazione tra le due cose, in effetti. Rum e tabacco: ecco tutto ciò che resta a noi, fedeli alla nostra Drunk Fury, la furia ubriaca condannata ai feroci marosi. Le catene, spezzate nella notte, ancora giacciono sul fondo dell’oceano, mentre noi due, fantasmi di una vita trascorsa, vaghiamo sulla terra in preda a ricordi e allucinazioni.
Caro Paul, il viaggio deve iniziare, lo so, ma ora che impugno la penna come una spada rovente ho paura a scrivere, a dare all’inchiostro la forma dei nostri compagni. Come fare? Come rendere vivo Bob lo Storpio? Come far intuire a chi legge il profumo di Marie Anne, o il suo sorriso? Ah! Vecchio mio, questa sarà forse la nostra più grande impresa! Viaggeremo nell’Ade e poi oltre, nei mari infernali, per riportare a galla i nostri compagni. Te lo ricordi il negro, Moha? Lui sì che era un pirata coi fiocchi, forgiato nell’ebano dell’Africa selvaggia. E ora è a far compagnia ai pescecani nelle oscurità marine. Ricordi il giuramento durante la tempesta nella Terra del Fuoco? Gli occhi di brace del capitano Vince? Il nostro sangue versato a un solo grido, non già d’uomo, ma di cento bestie feroci? Ecco, in nome di quel giuramento noi ora dobbiamo scrivere.
Nel frattempo, occhio fratello: nemici potenti ancora ci osservano, celati tra le ombre della notte. Purtroppo non posso muovermi da Nantucket, ci sono occhi curiosi in giro, stranieri venuti da lontano, forestieri nelle tenebre. Ai Caraibi è meglio che non mi faccia vedere, almeno per il momento. Ah, i Caraibi! Cosa darei per un viaggio come ai bei tempi, per una sosta a Nassau in tua compagnia. Magari un giorno ci rivedremo, ma per ora mi basta sapere che ci sei, vivo e ubriaco come sempre, dall’altra parte del foglio. In questo momento sono qui sulla mia veranda a Nantucket, pronto a iniziare il racconto, e quando parlerò dei nostri compagni sarà come un banchetto a cui saremo ancora tutti seduti, a ridere e brindare e vivere come ai vecchi tempi. E forse in futuro, se le stelle lo vorranno, riusciremo a lasciarci alle spalle tutto questo.
Sai, tra una scrittura e l’altra curo un piccolo orto, qui fuori dalla mia dimora. Il mare non lo vedo, ma riesco a sentire l’odore della salsedine, la brezza dell’oceano mi scompiglia il ciuffo. E sento il profumo di Marie Anne, e l’eco delle nostre promesse d’amore finite nell’abisso senza fondo.

Tuo fedele compagno,
oggi e per sempre,
Jack

IV. Ritorno a Cartagena
30 marzo 1718

Caro Jack,
perdona l’attesa dello scorso mese, immagino tu ti sia preoccupato. Dopo aver ricevuto la tua ultima lettera ho deciso di muovermi come un fantasma: ho chiuso la baracca e l’ho camuffata coprendola con sassi, foglie di palma, rami e pelli; quantomeno, se qualcuno dovesse arrivare su quest’isola sperduta, penserebbe a una dimora abbandonata. Ho distrutto il molo, un lavoro lungo e faticoso, e se tornerò sarà difficile approdare, ma per fortuna vi è una caletta a sud-est dove il mare è calmo e le onde dolci. Ho stipato un po’ di provviste e una borsa striminzita sulla barcaccia, e sono partito verso Cartagena. Ti ricordi Cartagena? Così bella, con quella maestosa Cattedrale, il vociare di marinai, spie, puttane, coloni e balordi per tutto il porto, i profumi dei fiori sui balconi e nei giardini, le pattuglie spagnole che tanto ci cercarono. Sono venuto qui perché hai ragione, vecchio demonio, è necessario scrivere la storia dei nostri compari, ma questo prevede che io recuperi alcuni ricordi che nascosi in città. Certo, è stata dura tirar fuori la mia barcaccia dalla grotta dove l’avevo nascosta, lode a Poseidone! Tante alghe da strappare, polpi da cacciare, tutta la carena da rifare, i remi da limare e pulire, la vela da cucire di nuovo. Ma alla fine ci sono riuscito, e ora ti sto scrivendo dalla mia vecchia camera della Santo Bebedor, la locanda dove incontrammo la trapper e la rivoluzionaria, ricordi? Il rum è al mio fianco e indosso i miei vecchi abiti da pirata: il gilet di cuoio nero, gli stivali lucidi, la camicia bianca della messa della domenica, gli avambracci di cuoio e i pantaloni a sbuffo. Dal cinturone con la fibbia d’argento pendono ancora la mia corta daga e il pugnale ricurvo, un coltello a serramanico in tasca e un altro nello stivale destro, proprio come ai vecchi tempi. Le mie pistole si trovano sempre a loro agio sul gilet, cariche e pulite. L’impermeabile e il cappello sono appesi alla porta della camera, pronti a celarmi nelle oscure vie della città.
Jack, quanto mi mancava solcare il mare! È stato un viaggio degno del miglior arrembaggio, del miglior rum, della miglior elezione! Mi sento rinvigorito di anni, anche se il fisico si impegna a ricordarmi che non sono più un giovane sbarbatello. Lascare la vela, direzionare il timone, sentire il legno dell’albero curvarsi sotto il peso del vento, vedere i pesci volanti saltarmi attorno e catturarne alcuni: il mare vive in noi, mio vecchio amico, ed è tornato come un uragano nelle mie vene. Anche adesso salperei di nuovo, ma so che dobbiamo prestare attenzione.
Sono sbarcato poco fuori città, ho nascosto la barcaccia e mi sono confuso tra la folla della domenica per entrare e dirigermi al porto: nemmeno tre ore e un bastardo genovese mi stava alle calcagna. Quando me ne sono accorto, mi sono infilato nei luridi vicoli del centro e il coglione mi ha seguito. Riuscivo a sentire il suo puzzo da assassino prezzolato a trenta metri: tanta era la distanza che teneva fra noi. Camminavo fra la merda e gli ubriaconi per terra, ho gettato loro qualche moneta, ho fatto girare come una trottola il mio inseguitore. Ho capito che era genovese quando l’ho portato in un viottolo oscuro che ospita un unico bordello e il cane ha dovuto parlare con le puttane all’ingresso per evitare che lo beccassi. L’accento era genovese, pesante: hanno così poco da fare che ancora mi cercano, ed evidentemente il mio viso non è cambiato molto. Da quanto mi attendeva in città? Ve ne sono altri in giro? Non ho queste risposte, Jack, non ancora. L’ho aspettato nel vicolo successivo, mi sono acquattato nell’ombra e ho sentito i suoi passi avvicinarsi cauti: mi aveva perso di vista dietro l’angolo, non sapeva dove fossi finito. L’ho sentito sguainare un rasoio, e immagino fosse alfine pronto ad aggredirmi; in effetti, il quartiere era abbastanza desolato nella sera che ormai era giunta. Mi ha superato senza vedermi, gli sono saltato alle spalle, l’ho sgozzato come un cane mentre passava e ho sentito la vita spirare dalle sue membra, mentre ancora si dimenava disperato, contorcendosi nel vano tentativo di trattenere il sangue che sgorgava inarrestabile. Era giovane, avrà avuto vent’anni, ma il viso sembrava già vecchio: chissà cosa lo hanno costretto a fare prima di inviarlo qui. Mi sono defilato prima che qualcuno mi vedesse: la vendetta corsa non perdona mai, e quel bastardo portava un documento della Casa delle compere e dei banchi di San Giorgio. Anche se non governano più la mia isola, quei banchieri schifosi ancora mi vogliono morto. Immagino che anche il servizio spagnolo ci voglia zittire per sempre, e non sono più sicuro che la barba, i baffi e il tempo mi abbiano reso sufficientemente irriconoscibile.
La Santo Bebedor invece è sempre uguale, la señora Inés è la stessa, non sembra cambiata di un giorno: grassoccia e simpatica come sedici anni fa, quando la conoscemmo. Vi sono giunto poco prima che un temporale squassasse l’aria e mi sono infilato nella sala grande: l’odore di rum, sudore, tabacco, carne salata e pesce grigliato mi ha investito le narici. I tavoli erano affollati di gente di ogni risma, anche se ora sono perlopiù marinai e fanti di marina spagnoli; come ai vecchi tempi, ho pensato che non mi cercheranno proprio nella tana del lupo.
Ho con me un documento contraffatto che mi indica come François Ferney, marinaio scelto della Tridentus, goletta mercantile armata dalla Casa di San Giorgio. Risulto congedato da tre anni, se qualcuno dovesse farmi domande, ho vissuto come pescatore vicino a L’Avana e ora sono venuto a Cartagena per vedere se vi è qualche possibilità di guadagno o di trovare un nuovo impiego.
Ho bevuto una tequila e mangiato del maiale arrosto, poi ho preso la chiave della mia stanza, ho pagato con i soldi rubati al mio assassino e ho aggiunto un sovrapprezzo affinché nessuno mi disturbi. Per ora dovrei essere tranquillo, ma in caso dovessi avere sentore di un qualsivoglia pericolo, fuggirei subito. Sto tentando di mantenere un profilo abbastanza basso da non risultare interessante, ma non troppo da essere sospetto. Oggi è andata bene, domani vedremo. Adesso le mie membra stanche invocano il sonno, e il rum non aiuta, perciò, come primo atto del nostro racconto, ti allego la lettera che ricevetti dalla rivoluzionaria, quella in cui mi spiegava chi era e perché avesse bisogno del mio aiuto. Consegno il plico a Fernando, il vecchio servitore della señora Inés che ci ha sempre aiutati nelle comunicazioni a Cartagena, te lo ricordi? È invecchiato, gli occhi si sono fatti più rugosi e le palpebre più pesanti, la figura più curva, i capelli più radi, ma è sempre fedele a chi lo trattò bene e gli fu amico. E noi fummo sicuramente suoi amici quando lo aiutammo a risolvere il problema di quel viscido maiale di dottore che pretendeva di andare a letto con sua moglie in cambio delle medicine per la figlia malata. La tua pistola puntata contro il suo ventre flaccido fu un monito sufficiente per ricordare a un arrogante che non bisogna mai abusare dei più deboli. Ah, bei ricordi, mio vecchio demonio!
Mi sto dilungando, ma ritorniamo al punto: la stanchezza prende il sopravvento. Fernando bussa alla mia porta, ora chiudo anche questa mia e la sigillo insieme alla lettera di Marie Anne con il marchio della polena a forma di cobra della Black Hunter.
Nelle prossime settimane ti racconterò della trapper. Il profumo della sua chioma guerriera mi accompagnerà stanotte, e i nostri compari verranno a visitarmi. Morfeo sia generoso. Ti lascio e vado a finire il mio rum alla finestra, guardando la città viva e focosa come il mio tabacco cubano, crepitante nella pipa della ragazza indiana.
La nostra avventura inizia, la storia della Drunk Fury prenderà forma sotto le nostre penne e i nemici ancora vivi creperanno sotto le nostre lame, fugaci colpi nella notte: non ci presero allora, non ci prenderanno oggi. Bevi con me, Jack, e fammi avere tue nuove.

Tuo fedele compagno,
oggi e per sempre,
Paul

Lettera di Marie Anne
22 agosto 1702

Caro Paul,
vi prego di scusarmi se non mi presento a voi di persona, ma le condizioni attuali non me lo permettono. Mi chiamo Isabel de la Guardia y Fleura de la Vida, figlia del viceré del Perù. Ritengo questa comunicazione estremamente confidenziale e vi pregherei vivissimamente di riferirvi a me, da ora in avanti, solo con il nome di Marie Anne. Fernando, il servitore della Santo Bebedor che vi consegnerà questa missiva, è un brav’uomo che già da tempo lavora per me. Spero possa esservi altrettanto utile.
So che siete coinvolto nelle rivolte delle province occidentali: addestrate i ribelli alla guerriglia, alle operazioni sotto copertura e al combattimento in campo aperto. Soprattutto, li istruite sulla teoria della democrazia. Così mi è stato riferito dalle spie della mia guardia personale, il tenente Marcelo de la Venderia y Rapunzela. Il tenente lavora unicamente per me e per la mia sicurezza, ed essendo legato sentimentalmente alla mia dama di compagnia potrete considerarlo leale e fidato: mio padre e il padre della mia dama lo farebbero uccidere se venissero a conoscenza della sua relazione con Carmela.
Caro Paul, ciò che voi insegnate mi sembra vero e romantico, e il mio giovane cuore ventenne arde per i rivoluzionari, sotto questo corpetto che mi stringe anima e corpo: mio padre è un genitore austero e amorevole, tuttavia so che i suoi luogotenenti si comportano come bruti con la popolazione. La Spagna e l’Europa, ormai, non rappresentano più alcunché per me, non vi sono nemmeno nata! Gli uomini dovrebbero vivere liberi e in grado di organizzarsi con propri governi, non dominati da qualcuno a migliaia di leghe di distanza che li considera solo numeri e non persone create da Dio. Le spie del tenente e Carmela mi hanno riferito centinaia di episodi riprovevoli e terribili, e non vedo altra via se non la rivoluzione per fermare questa barbarie, degna più di selvaggi che di uomini innamorati di Cristo. Ho provato a parlare con mio padre della condizione dei suoi sudditi, ma già al secondo colloquio ha minacciato di rinchiudermi in un convento. Nostro Signore ci insegna a porgere l’altra guancia, ma saggiamente di guance ce ne donò solamente due e cacciò i mercanti dal tempio: i mercanti, oggi, sono i governanti delle province occidentali, e devono essere spodestati. E se il dialogo non funziona, allora la spada e il fuoco e il laccio devono prenderne il posto, anche se questo significa che non vedrò mai più mio padre. Sono una ragazza istruita e so bene come le rivoluzioni e i cambi di regime necessitino di denaro per avere successo. Il denaro latita nelle casse dei ribelli, so bene anche questo. Perciò vi sto scrivendo: voi mi servite per trovare nuovi fondi per la rivoluzione. Io so dove recuperarli, ma non ne ho la capacità. Voi, un capitano di mia fiducia e due balenieri che sto parimenti contattando, invece, avete tali capacità e potete reclutare chi volete, ma non sapete dove recuperare i fondi. Tutti riceverete una lauta ricompensa, ma i quattro decimi del bottino li lascerete a me, e a mia volta io consegnerò questa quota ai rivoluzionari delle province occidentali con il vostro aiuto, caro Paul.
Qualsiasi preda catturata durante il viaggio sarà vostra, non avanzerò pretese. Spero che questo accordo possa trovare il vostro favore e quello degli altri contraenti.
Non appena riceverò una vostra risposta, mi impegnerò a organizzare un incontro per spiegarvi come ho scoperto le ricchezze di cui vi scrivo. Ora devo andare, Carmela mi ha avvertita che mio padre è tornato alla villa con il nostro ospite. Non devono assolutamente scoprire cosa sto facendo o rischieremo il peggio, tutti noi. Vi basti sapere che dobbiamo salpare il prima possibile, perché non siamo gli unici a cercare questo tesoro.

Vi saluto caramente, Paul il Corso, e attendo vostre.
Marie Anne

02 agosto 2019

Aggiornamento

La primissima bozza della primissima lettera, scritta da Jack Tyler a Paul Dragon, con la quale tutto è iniziato.
30 luglio 2019

Aggiornamento

Il 30 luglio 2017 ci trovammo per la prima volta a casa di Paolo Andrico: quel pomeriggio, fra musiche piratesche, un sole cocente e svariati boccali di Captain Morgan, decidemmo di raccontare la storia della Drunk Fury. Non avevamo idea che da quel giorno, immortalato in questo scatto, sarebbe emersa l’avventura che stiamo vivendo oggi: un’avventura che è solo all’inizio, e che vivremo insieme a voi nei prossimi mesi e (si spera) anni.
01 luglio 2019

Aggiornamento

La Drunk Fury ha il privilegio di essere seguita e condivisa da decine di persone fantastiche, che sempre più stanno realizzando ciò che speravamo: al di là di tutto, costruire una comunità, una grande famiglia dove poter condividere l’amore per una storia e per ideali senza tempo e senza confini.
Negli ultimi quattro mesi, abbiamo avuto anche la fortuna di apparire per tre volte su due quotidiani che hanno condiviso la nostra avventura: La Repubblica e il Corriere della Sera!
Sperando, in futuro, di poter fare una foto con l’intera ciurma e avere un articolo che parli di voi, perché senza l’aiuto e i consigli di molti membri della Drunk Fury questa trilogia non sarebbe ciò che è.
Yo-oh!
17 giugno 2019

Aggiornamento

UN IMMENSO GRAZIE!
Il 2 giugno La nascita della Fratellanza ha raggiunto l’obiettivo di 200 copie pre-ordinate! Un immenso grazie a chi ci ha sostenuti, aiutati, consigliati, a chi è sempre stato al nostro fianco: senza di voi, questo romanzo non sarebbe ciò che è oggi!
E ora, vento in poppa e dritti alla meta o, per meglio dire, all’overgoal: 350 copie!
Yo-oh, per la Drunk Fury!
15 giugno 2019

Evento

Nuvole in Cantina (Via Canaletto 11, Milano) e Surfer's Den (Piazza caduti del lavoro 5, Milano)
Il 31 maggio e il 13 giugno si sono svolti il secondo e il terzo evento della Drunk Fury, prima della pausa estiva. Serate fantastiche, trascorse fra letture, musiche, calici di vino e boccali traboccanti di birra, insieme ad amici, lettori e avventori.
Sulla pagina FB si possono trovare sia i video delle presentazioni sia le foto!
Su il Jolly Roger, e dritti alla meta!
31 Maggio 2019

Corriere della Sera

Sul Corriere della Sera la giornalista Jessica Chia segnala le presentazioni della campagna di crowdfunding The Drunk Fury – La nascita della Fratellanza degli autori Paolo Andrico e Paolo Corbetta.
18 aprile 2019

Aggiornamento

Jack Tyler e Paul Dragon, Mar dei Caraibi, 1715. La Drunk Fury è sostenuta da lettori, appassionati e artisti; fra questi, Camilla Guerra, in arte Camiwar, autrice della presente illustrazione.
15 aprile 2019

Evento

Mind The Step, Viale Romagna 37, Milano
Evento di lancio della Drunk Fury, fra risate, proclami e boccali di birra e rum.

Chi non c'è stato si prepari: a maggio tornano i pirati!

Nel frattempo, seguiteci su Instagram (The Drunk Fury) e acquistate il libro: la ciurma ha bisogno di voi!

Commenti

  1. (proprietario verificato)

    Consigliatissimo! Romanzo piratesco avvincente che si legge tutto d’un fiato. Gli autori ci conducono in un viaggio vorticoso pieno di colpi di scena che parla di vita vissuta appieno, fra grandi sogni da realizzare a qualsiasi prezzo e lunghe bevute (di rum ovviamente!). Un libro coinvolgente che ci porta a sentirci parte della ciurma e pronti a salpare con l’intrigante e bella Isabel e con lo spettrale Capitano Vince. Impossibile non immedesimarsi in uno dei personaggi accuratamente descritti e sfaccettati. Uno dei punti di forza sono sicuramente i personaggi molto ben costruiti, e ve ne accorgerete fin dalle prime pagine incontrando Jack e Paul. Lo stile è scorrevole e dinamico grazie all’utilizzo dell’espediente della narrazione epistolare basata su due diversi livelli temporali. Vi sorprenderà!

  2. luca.gregorio92

    (proprietario verificato)

    Un bel romanzo piratesco capace di catturare fin dalle prime pagine anche i lettori meno “navigati” come me. Quello che più mi ha colpito è la facilità di identificarsi con almeno uno dei personaggi della storia e sentirsi immediatamente parte della ciurma. Ad ogni pagina cresce la voglia del lettore di mollare gli ormeggi e salpare con la Drunk Fury!

  3. (proprietario verificato)

    Un bel romanzo di pirateria che è riuscito ad affascinare anche me, appassionato di storie post-apocalittiche! In questo libro troverete pirati, avventure, amore e soprattutto tanto Rhum!! Le due caratteristiche che ho apprezzato maggiormente sono state la semplicità e la diversificazione della narrazione. Semplicità perché è un romanzo divertente, che non annoia mai. Diversificazione perché i due autori sono riusciti ad imprimere una parte di loro stessi nei personaggi che raccontano, senza prevalere l’uno sull’altro in un mix vincente! Consigliato!

  4. (proprietario verificato)

    Un romanzo avvincente capace di catturare l’attenzione del lettore. L’espediente della narrazione epistolare per esaltare gli stili e la personalità degli scrittori crea continuità e contribuisce a dare al romanzo un “contenitore” dentro al quale scoprire una storia di amore, ideali e fratellanza che, parlandosi di un romanzo d’esordio, crea aspettative molto alte riguardo le produzioni future di questi giovani autori. Il doppio livello temporale infine funge da perfetta cornice ad una storia che, dalla semplice narrazione dei fatti, avrebbe comunque conquistato anche il più esigente dei lettori. Acquisto consigliatissimo.

Aggiungere un Commento

Share on facebook
Condividi
Share on twitter
Tweet
Share on whatsapp
WhatsApp
Paolo Andrico e Paolo Corbetta
Paolo Andrico nasce a Milano nel 1991. Laureato in Lettere all’Università degli Studi di Milano, si appassiona di letteratura latina medievale. Oggi si occupa di editoria e comunicazione. I suoi punti di riferimento sono J. R. R. Tolkien, Herman Melville e… Vinicio Capossela. La scrittura rappresenta la sua personale caccia al Grande Leviatano.

Paolo Maria Corbetta nasce a Milano nel 1992. Fra Milano, Londra e Ginevra per lavoro e università, oggi si occupa di consulenza a Roma. Appassionato di fantasy e pirateria, fra i suoi modelli annovera Tolkien, Guareschi, Dumas, Dostoevskij e Van De Sfroos. La scrittura è la sua chiave per decifrare la realtà fra verità e fantasia.
Paolo Andrico e Paolo Corbetta on FacebookPaolo Andrico e Paolo Corbetta on Instagram
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie