Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Aggiornamento

LA TRAMA DAGLI OCCHI -Curiosità E siamo arrivati al 70%… Chi lo avrebbe mai detto? Io no di certo… Ringrazio tutti coloro che mi hanno sostenuta e che mi stanno sostenendo in questa campagna! Allora, oggi vorrei parlarvi di un racconto in particolare presente nella raccolta, “La trama dagli occhi”. È la storia di un […]

LA TRAMA DAGLI OCCHI -Curiosità
E siamo arrivati al 70%… Chi lo avrebbe mai detto? Io no di certo…
Ringrazio tutti coloro che mi hanno sostenuta e che mi stanno sostenendo in questa campagna!
Allora, oggi vorrei parlarvi di un racconto in particolare presente nella raccolta, “La trama dagli occhi”.
È la storia di un paio di occhi, gli occhi del buio. Occhi che non fanno nulla, se non osservare. Ed è anche la storia di un piccolo e anonimo protagonista che si troverà costretto a rapportarsi con questi occhi, scappare da loro o accettarli.
In questo racconto è presente una tematica che mi piace particolarmente, quella della non-azione e della non-intenzione. Dell’immobilità senza significato, della paura latente. Personalmente, l’idea di un pericolo potenziale e non ancora rivelato mi spaventa molto di più di uno manifesto: sapere già di cosa avere paura ti tranquillizza, mentre l’ignoto ti congela.
E questa paura, nel testo, è resa dagli occhi invisibili del buio che nulla fanno se non osservare. Sono un qualcosa che c’è, ma non si vede. Un qualcosa che agisce senza farlo davvero, senza una motivazione.
Rappresentano l’angoscia di un pericolo latente, un qualcosa che mi ha sempre terrorizzata.
Questi occhi che non agiscono, questa oscurità che è ovunque e accarezza ogni cosa… rappresentano sì il pericolo latente, ma anche il lato nascosto di ognuno di noi.
Quello del lato oscuro (che sia della Forza, della Luna o semplicemente dell’animo umano) è una tematica molto discussa. Ed è presente anche in questo testo.
Ora come ora nemmeno io saprei definire con esattezza cosa si intende con “lato oscuro dell’animo umano”… magari la parte malvagia di ognuno di noi, il nostro inconscio, ciò che ci sforziamo di sopprimere oppure quei pensieri malati che ci solleticano il cranio. Insomma, tutto ciò che vogliamo allontanare, ma che, essendo parte di noi, non possiamo.
E gli occhi del buio, in questo testo, rappresentano anche questo: un’altra versione di noi stessi che, per quanto tentiamo d’ignorare, è sempre lì a farci compagnia.
frase dal racconto la trama degli occhi

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie