Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Aggiornamento

Ricordo perfettamente quando ho avuto la prima idea per “In fondo al mar”. Era il 3 ottobre 2013, il giorno della tragedia di Lampedusa, il giorno in cui 386 migranti morirono a poche miglia a largo del porto dell’isola. La sera stavo facendo zapping e per caso inccappai nello speciale di Gazebo. Guardando le immaggini […]

Ricordo perfettamente quando ho avuto la prima idea per “In fondo al mar”. Era il 3 ottobre 2013, il giorno della tragedia di Lampedusa, il giorno in cui 386 migranti morirono a poche miglia a largo del porto dell’isola. La sera stavo facendo zapping e per caso inccappai nello speciale di Gazebo. Guardando le immaggini mi chiesi: chi si occuperà di tutte quelle persone? Chi si prenderà cura di loro, morti a migliaia e migliaia di chilometri da casa? Ci è voluto un po’ di tempo, e qualche esperienza vissuta sulla pelle, ma nel 2018 riuscii a mettermi davanti a un foglio vuoto e a dare una risposta a quelle domande, a raccontare la mia versione di cosa succede dopo la morte.
E voi? Avete avuto modo di leggere qualche pagina del libro?
Fatemi sapere cosa ne pensate! =)

In occasione di BookPride Link è attivo un codice sconto del 20% su tutte le campagne di crowdfunding: parola chiave BOOKPRIDE
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages

Questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti per aiutarci a migliorare la tua esperienza di navigazione quando lo visiti. Proseguendo nella navigazione nel nostro sito web, acconsenti all’utilizzo dei cookie. Se vuoi saperne di più, leggi la nostra informativa sui cookie